Eleaml


LU TROVATORE

Giornale Spassatiempo

(3 - Editoriali 1866)


(se vuoi, scarica il testo in formato ODT o PDF)

OTTOMBRE

NOVEMBRE

DICEMBRE

OTTOMBRE

Anno I. - Nummaro 63 - Martedi' 2 Ottombre 1866

N’APPELLO A LL’AUTORITA’ DE PRUBBECA SICUREZZA

Signure distintisseme,

Nuje simmo attorniate da na manecha de birbante, che da la matina a la sera fanno atto de presenza pe diverze pizze de Napole, e 'mpizzano le mmane dinto a le ssacche de la gente, e se pizzacano quanto umanamente nce trovano.

Erano belle pezzullo ca li furte de sto paese erano diminutive, e se ne sentevano da tanto ‘ntanto, ma ogge, a lu momento che piglio la penna pe scarrabbucchia' quaccosa, trovo no sacco de reclame ‘ncoppa a lu tavolino mio, e tutte fanno li ricurze lloro a lu Trovatore, pe bede' chi sa lu giurnale sujo potesse presentarese a le ssignorie voste, e arrapara tanto guasto.

No signore distinto e' stato arrobbato de no portafuoglio, gruosso quanto a na vorza de no ceruggeco, luongo la via de li tribunale, a lu mmeglio de la jornata, sotto a l'11. - Che nce steva de dinto? na cosella de niente, ma niente proprio.

cierte manuscritte sacre de la bonanema de no santo, no santo muorto co lu colera a lu 1854; cierte ricuorde affezzionate de famiglia, e no riccio de capille de na piccerella morta, ch’era ll'uocchio deritto de lu signore.

Uh... che sorta de furto! No santo, duje ricuorde, e no cierro de capille!..... Eh signure mieje, non e' chesto chello che ve voglio di, ma si bene ca chillo mariuolo a guardato a lu fangottiello pesante, credennolo chino de polese, a la via sola sola attorniata da venneture, e non da agente de la forza prubbeca! e a fatto lu furto pecche' l'a' potuto fa, senza pavura d'essere afferrato. Dico, ca lu signore ‘mparola se sarria contentato de pErdere qualunque moneta, e no chelle minuzie; ma che nce volite fa quanno l’atto e' stato conzumato? - Sicurezza prubbeca.

Sapato scurzo, a la scesa de li studie se pigliajeno da dinto a la sacca de na signora doje ore e na lampetella de stagno arravogliata a na carta, che fuorze scagnajeno pe quacche scatolella de brillante.

E Era' mieziejuorno, a la scesa de li studie tanto frequentata. Mmaginammo mo, signure de n’autoreta' de stu paese, che comme chella cartuscella conteneva de fatto na lampetella, avesse 'nvece arravogliato na susta de brillante, no sciucquaglio de perle, a cosa de valore addonga, lu furto, provita vosta, non era succiesso de la stessa manera?…

Dommeneca urdema, mmiezo a lu MErcatiello, lu figlio de lu tipografo de lu Trovatore s'e' addonato ca n’acalatore de sacca l’aveva pizzeccata na polesa da dinto a la sacca, che fa? afferra lu mariuolo, lle leva la carta, chillo scappa, isso lo secùta, e quanno coraggiosamente sta pe ll’afferra', lu mariuolo schieja no cortiello e le tira na cortellata che no le cogliette!

Succede tutto chesto de matina e ‘mprubbeco passeggio, no juorno de festa, senza ca nisciun’anema compassionevole se ‘ncarricasse de lu prossemo?.…

Nuje avarriamo d'ave' tutto lu spazzio possibbolo pe sinnaca' chello che bedimmo nnante all’uocchie nuoste da la matina a la sera, co gente che passano, e mariuncielle che se nnustriano, ma potimmo jènchere lu giornale de cronaca interna, e metterce a ffa l'ufficio de sicurezza prubbeca?

È lu vero che l'autoreta' non sempe ponno tene l'uocchie a tutte le pparte, e lu vero ca lu mariuliggio ogge s'e' raffinato e te la fanno dinto a ll’uocchie, ma e' lu vero purzi ca a paricchie pizze princepale cascette de polizzastivale vedimmo tuorno tuorno, ma prubbeche sicurezze niente affatto.

Nuje volarriame ca chesta chiaja tanto perniciosa a la sucieta' se levasse no poco da miezo.

Volarriame ca nvece de sti reclame doloruse nce arrivasseno de tntt’autra specie. Volarriame ca quanno uno de l’arrubante se presentasse a no superiore autorevole «comm’e' succiesso, e nne tenimmo le pprove» non s’avesse na chia'ta de spalle, e no mo e succiesso lu fatto: che remmedio nce truove?…

Si mo che stammo ancora a stata e s’accommenza accussi, che bonora succedarra' accostannose lu vierno, e avvicenannose cchiù lu bbesuogno de li sfaticate?

Signure mieje dammoce no riparo; arricordammoce ca mo la gente che porta no moccaturo dinto a la sacca lu cielo sape comme se lu trova; e si porta quacche scatolella ‘ncuollo ll’e' purzi' pe se la porta' a 'mbigna' pe quacche criteca circostanza, e a bedersela arrubba' non prova tutto lu piacere de lo munno.

ch’arrubbasseno li gruosse transeat, pecche' pe loro non nce sta la Vicaria ca il aspetta. Ma pe li mariuole de meza-botta, pe chille che non bonno fatica', e lu potarriano avenno salute e gioventù, e' no scuorno pe loro, e pe lo governo che li sopporta; non e' ccosa annorata pe no popolo cevilizzato risuorto a nova vita!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 64 - Giovedi' 4 Ottombre 1866

RIFLESSIUNE NA BABILONIA DE NO REGNO

Avite maje visitate le pazzarie de lo munno?

Ve site maje trovate a contatto co chille ch’a'nno perze le ccerevella, e se credono d'essere sapute?

Si non avite maje avvicenate li povere alienate che stanno dinto a li stabilimiente de li pazze, date na guardata appriesso a me a lu munno che corrE, e a chillo che lo componeno, e conchiudimmo 'nzieme a la babilonia de nu regno.

Ministre tuorno tuorno; uno saglie e n'autro scenne; ogge se cagna chisto pecche' e ciuccio, dimane se torna a fa sagli pecche' non se ne trova n’autro!

So seje anne ch’avimmo avuto sempe li stisse suggette, sempe li stisse ammurrune, sempe le stesse ccape sciacque.

So seje anne ca no popolo composto de 24 miliune d’aneme e' stato governato da na trentina de perzune. Ne' cchiù e ne mmeno.

ciucce li primme, ciucce li sicunne; e ciucce a'ncora' chille che benarranno appriesso.

Na camorra fetente a' miso sti ridicole ‘ncanneliero: na conzortaria schifosa ha fatto veni' 'ncampo la cchiù schifosa de le conzortarie.

Nce a'nno fatto assistere a le sbriugnatezze li cchiù grosse de lo munno.

Nce a'nno arrubbate e assassenate co la speranza de nce risolvere e de nce fa vede lu munno da capo.

Ma ch’a'nno fatto, dicitece no momento, ch'anno fatto a ffavore nuosto? Nce a'nno portato sempe pe li viche, s’hanno jencuta sulo lloro la merce, e quanno nce a'nno visto co la panzella da fora hanno fatto a bede' de non nce canoscere pe nniente.

Denaro, priesteto, sango, spireto vattiato nuosto? se l'a'nno pigliato tutto.

PE nce leva' la pella da cuollo nn'a'nno trovata la via; quanno po simmo arreddutte ‘ncircostanzia hanno perze tutte le birtù.

Oh comme hanno saputo bello portarece pe lu naso!

che babilonia, bene mio, che babilonia!

Non potimmo ne spia', ne addimmanna', nce fanno a bbede' la luna dinto a lu puzzo, e quanno jammo p’arapri' la vocca nce chiammano..... retrive.

«Chi e' ccausa de lu mmale svio chiagne se stesso.»

Chi aiere sbattette le mmane, ogge se l’a' da guarda' chiene de calle pe la fatica e co no tornese mmiezo a uso de lemmosena.

Ma, stracciune e miserabbele ca simmo state! non nce n’addonavamo da la faccia de la perimma che tenevano co lloro?

Ma quanno sti spaccune d'aguanno nce jevano vennenno mare e munte, non guardajemo a li rina'ccE che portavano ‘ncuollo, e a le scarpe sfonnate che tenevano a li piede?

Ma non nce 'nformajemo de la famma sfragellata che regnava ‘nchella famiglia..

Non sapettemo li diebbette, le ccarte bullate, ll’usciere che ghievano e benevano?

che babilonia, che babilonia.

Ma nnante de se fa no contratto s’a' da spia' primmo a lu quartiere, s’a' da addimmanna' buono a li vicine, nce avimmo da perzuade ca la famma caccia lu lupo da lu vosco.

Oh che stammo vedenno, bene mio, a tiempe nuoste!

Ma non se crede, sa, e' mpossibbele; pare lu cunto de le ffate, na storiella de le mmille e èna' notte, uno de chille romanzielle che sole smamma' chillo visionario de Dumas.

Mme pare n'articolo de lo Pungolo, busciardo, mmeggiato e senza coscienzia.

Vuje vedite che sorte de torre de Babele, ah?...

E fernesse cca, seh.... me contentarria accussi; si non fosse ca s'abbicina lu tiempo e se stanno accortanno li cape de spavo, sa comme sarria luongo stu lucigno!

- Acqua?... - Prete... - Prete?.... - Acqua. - Ca'ucia?...... - Ta'glimma! E accussi se governano li popole, all uso antico, se teneno li sisteme che se tenevano mmano a li fravecature de chella torre.

Nuje jammo ascianno govierno, rappresentante oneste, gente de coscienzia, e.... chiste nce spazzano. comme si avisseve ditto niente. Ía'nno spazzata la Sicilia de no muodo ca non nc’e restata preta ‘ncoppa a preta.

E diceno ca simmo fratielle. ca li tiranne facevano a'ccussì...

E lloro? Volite vede' si e' lo vero chello che io dico, si non stammo a aperta babilonia?

V’arricordate de chillo gennerale luongo luongo, ca na vota spazzaje Genova, po facette tant’autre guapparie, e se destenguette tanto a li 24 giugno pe la celebre guadagnata (siconno in Pungolo) battaglia de Custoza?

che governaje Napole pe ttanto tiempo? che urdimamente se dimettette, e mo se dice ca stesse preparanno le ddifese soje pecche' se tene penziere de processa'?

Seh... seh!..

Embe.…. Pe tutte sti mierete passate e presente, che ttene e a' tenuto co isso, ll'anno fatto commannante de lu dipartimento militare de Firenze!

Duje so li punte. O stu signore e' buono, e allora non abbisognava sparlarne, e accettarne le dimissiune, trattannolo da ciuccio, e dicenno ca jeva trovanno lu nnemmico addereto all’Adige!

O non e' buono, comme apparesce da li rapporte, e allora mannatelo a munna' nuce adderittura.

A ll'uno e l’autro caso pero e' sempe na babilonia chesta nosta.

So li stesse professure, li stesse strumiente, la stessa zinfonia, li stesse piezze concertate chille che stammo sentenno da se’ anne a sta parte.

E se sonasse mediocre, meno male, ma nce stonano da la matina a la sera.

Nce sapesseno a ddicere a che stammo co la pa'cE?

che se nne so' fatte li malvivente ‘nSicilia?

Si se segueta a spazza' o se sta cujete?

chi sarra' lu Questore nuovo de sto disgrazziato paese?

Quanno avarrammo Venezia?

Quanno se ne jarranno li franzise da Roma?

Nisciuna risposta, pecche' so rrutte li talefreche.

Armeno, quanno fenarranno sti diebbete e sta miseria?

- Quanno chiove e non fa lota.

Sulo a chesto nce sta' la risposta.

che babilonia!!!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 65 - Sapato 6 Ottombre 1866

RIFLESSIUNE LA CAMORRA A LI BANCHE DE NAPOLE

Mme riserbo martedi' de direve li sentemiente mieje ncoppa a la pace ch’avimmo fatta co ll'Austria; anche pecche' lu dispaccio frisco arrivato de Don ÂEttino Ricasole, e muscio muscio, e non dice autro ca': Ogge (3) e stata firmata la pace a Vienna tra il Italia e il Austria!

Ogge nce avimmo d'accupa' provvisoriamente de na chiaja scannalosa de lu paese, 'ncoppa a la quale chiammammo tutta la sorveglianzia de lu De rettore Generale de li Banche, de lu segretario Generale, de li 'mpiagate superiure tutte, si non bonno ca no juorno de chiste lu popolo de Napole facesse fora suprabbetiello, e se pigliasse a capile co li cchiù schifuse che se ne zucano lu sango.

Signure che state a cape de st’amministrazziune, site priate d’occupareve no poco da vicino e retica, comme bonora se fanno li pigne dinto a li Banche de Napole.

Site priate de fa feni' a lu cchiù priesto possibbele che na certa crasse de mpiegate, e de cammorriste co lu soprabbeto, se mettesse mmiezo a li guaje de la povera gente e la spogliasse ncoppa' a li pigne.

Site priate de ncarrecareve e non dormi, sino' non ve darrammo requie, de fa scompi' la ca'morra schifosa, mariola, agguantatora, sbriognata, assassina, che co le ssentenellE a' bista, e sotto a la protezzione de non sapimmo chi! s’eserceta da la matina a la sera sotto a li cortiglie e ncoppa' a' l’ufficine de li banche.

Lo pprubbeco, o sia chella crassa sfragellata de lu popolo che se trova co la disperazione nnante a ll’uocchie e la scumma a lu labbro, è arredotta de no modo ca non a've cchiù addo' da de mano pe magna'. È tale la crucefissione de sta gente ca si sapesse ca uno de vuje colennisseme proteggesse, accussi' pE no di, chella paranza de sbriugnate che se vevono juorne juorne lu sango sujo, co la spalla de cierte mpiegate.... v’assicuro io, 'nfede de galantommo, ca ve farria passa' 'nquacche ghiuorno no bruttissemo quarto d’ora.

Grazie a Ddio ca li paisane nuoste so ttanta mo scammocche.

Grazie a lu cielo ca co nnuje sta ancora no poco de religgione e de rispetto pe lu simele proprio. Sino a chest’ora sarria gia' succiesso quacche frantancheto.

Vuje non sapite a che e' arreddotta la pignorazione dinto a lu paese nuosto.

O fuorze la ‘ntennite e fignite de non saperelo, o facite le rrecchie de mercante.

cca' se sta arrubbano a mano franca, cca se spoglia a la cristianita' da la matina a la sera, e nisciuno nne piglia provedemiento, e tutte quante 'nzerrano ll'uocchie.

'Ncoppa a no pigno de 5 lire na lira de camorra, 'ncoppa a chillo de diece doie lire, e bia discutenno.

Quanno no povero disgrazziato arriva sotto a lu cortiglio de lu Banco ll'a de veni' pe forza lu friddo e la freva..

‘N’oggetto de diece ducate vene calcolato pe 20 carrine! Da sti 20 carrine se nn’a'nno da leva quatto pe la camorra de tutte chille che fanno li pigne, sia no ‘mpiegato, o esercente de mpieghe, figlio de superiore, parente de li caicche, raccomannato da cierte tale e cquale suggette..., femmene!, eccetera eccetera. E ne restano 16. Da sti sidece se nn'a' da leva' lu cambio si non bonno carta, o viceverza, o si vonno argiento mmece de bronzo!

Po se nce a da calcola lu 'nteresse a tiempo e a luoco, e da no pigno de 20 carrine, sottrazzione de sottrazzione, non le resta a lu miserabbele ca lu fa ca na decina de carrine, che non ll'abbastano na jornata, e dimane sarra' da capo. - E se trovarra' d’averse 'mpignato n'oggetto de 10 ducate pe na miseria...

Se chiammano, mariuole chille che banno ngalEra'? Ma chille, si tutto manca, hanno arresecato lu cuorio lloro 'nfaccia a na congiuntura. Ma libri ante che stanno ncampagna hanno aperta la nnustria de li ricatte facenno a scoppettate co lo prossemo.

Nuje ogge vedimmo sagli' cagnamonete, pignorature, mpiegate e mpiegatielle, senza sape' comme cancaro so sagliute.

Nuje ogge stammo vedenno acquista no sacco de proprieta' a cierte stracciune ca ajere non ave vano niente, e li bedimmo co carrozze e carrozzelle, co repetiziune e catene co brillante, mentrE nu juorno facevano addavero compassione!

Ah...e' ncuollo de la povera gente ca se ne saglieno li briccune? E zucanno lu sango de lu prossemo ca s'aizano le ccase?.. Ma nce credimmo o no ca lu sango de li poverielle strilla vennetta nnante a li piede de Ddio? ca li profittante non se ne ponno vede' bene ne mo, e ne maje?

Se parla de l'ausurare, de chille che spoglia no a la gente, ma, e lo muodo comme s’amministrano cierte mpieghe non se fa pevo de l'ausura e de ll'accrasta' de la notte?...

che ll'autoreta' de li Banche vedesseno ch’anno da fa e accogliesseno sti reclame, sino' nuje li prubbecarrammo cchiù chiare, e farrammo Mora Sanzone co tutte li Filisteje.

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 66 - Martedi' 9 Ottombre 1866

CONSIDERAZZIONE ‘NGOPPA ALA CONCHIUSIONE DE LA PACE

Schitto pe òe la pace

Sta' a strata Vicaria.

CANZONA NAPOLITANA

La bonanema de lu poveta che ssapite jeva ascianno pace, quanno 'mbriacatose no doppo magnato scrivette chillo tale vierzo che diceva: Io vo cercando pace, pa'cE, pa'cE.

Tutte l'uommene da bene quanno vedono no caravuoglio, no letigio, n'appicceco ntra marito e mogliera se nce meneno mmiezo, e acchiappanno li litigante pe le braccia diceno: me, e' fatto mo, facite pace. E sieno qualunche le mazzate che s’avranno chiavate nfra de lloro li duje spuse, ponno essere grosse quanto se vonno le vrognole che s’avranno fatte nfronte, ogne cosa fernesce a brenna, se face na pace accussi 'nzicco 'nzacco, e ogneduno se retira; li compare se ne vanno, e aspettano da dinto a le ccase lloro ausulianno, pe bede' chi sa avranno da accorrere quacch'autra vota..

cheste so le ppace de li juorne che corrono.

chille che stevano ammussate ‘nfra de lloro, doppo averese ditto no sacco de mmaleparole a vicenna, e conzegnatose no cuofene de palate, mo hanno fatto pace.

Ma sta pace sarra' de longa durata? tenarra' no poco de vita superchia a paravone de l'autre, o nce farra' arricorda chelle ppace chiuse e conchiuse non so che poch’anne, e che a la fine de li cunte nce ‘anno portato a li continovate e modierne spazzamiente?

Austria e Italia stevano appiccecate nfra de lloro Venezia figlia prediletta de li Titò era la causa de tanto appicceco. Italia aveva fatto l’ammore tanto tiempo co la regina de lu mare; ma pero' papa' tudesco nce ll'aveva sempe anniata coddicenno, e fuorze cca non se 'ngannava, ca li com ponente la famiglia de lu pretennente erano formate de brutta gente, che fuorze avria portata na brutta sciorta a la povera figliola. Ma doppo sta continova annialiva cchiù se scrapicciajeno li duje spusille; se mannajeno no sacco de mezzane pe faci lita lu niozzio; corretteno lettere, appuntamiente, mmasciate ‘ntroppe cose, e se risolvette ca si lu gnore non se sarria compiaciuto co lu bbuono, ll’a'vria fatte co lu ttristo, e la bardascia.... se ne sarria scappata!

Arrivato a stu punto la cosa cagnaje d'aspetto.

Se mettette pe mmiezo no comparE, no compare no poco puparuolo, ma amico de famiglia.

E Pa'pa' Tito' lle dicette: Siente, compa', tu saje pe tant’anne si a sta figlia ll'aggio fatto manca niente.

- Ll’aggio fatto passa tutte li verrizze, e si e' stata no poco priva de libberta', comme dice essa, e' stato pe la guarda' da li mariuole, E pE non la fare pratticare co nisciuno. Appriesso canosciarra' si aggio fatto buono o male. Lu matremmonio e na bella cosa, ma s’a've da fare co perzone de coscienzia. Essa s'e' scapricciata, io te l'abbannono; tu lle si San Giovanne, e contrattece tu co stu pretennente. chesta e' essa; io te la conzegno, tu nne dispunarraje, e io mme ne lavarraggio le mmane comme a la bonarma de Ponzio Pilato.

Ve pare justa la parabbola de li fatte nuoste che stanno correnno?

È chisto lu discurzo, so cheste le pperzone, e essa la facenna?

Se nc’e miso lu Compare pe lu miezo, lu quale a tutto penza fuorche a fa spusa' li scappate!

Avimmo fatto pace, gnorsi, e na pace tanto desederata, ma na pace che tene na tanfa de spitale da ciento miglia lontano.

Mme pare pure ca quacche pace simile la facette mo a lu 1849, e po tornajemo a ccoppa', E si a lu 49 tricajemo 'mpace almeno pe no pocorillo, a lu 1859 nce stettemo proprio no sciuscio, e pigliajemo leste li varricielle mano.

Âenedette chelle 101 cannonate ch’anno annunziata la pace; ma quant’anne de vita avarra' essa?

E pa'cE annurevole, fatta co tutto lo chiummo e lu compasso, nce farra' bene o nce farra' male?

Io non nne capisco niente, e non boglio essere de cattivo aurio, ma judecate vuie, e sbattite le mmane a sta pace.

Pe primmo principio de essa corre voce ca Ricasole e Borgatti se stesseno dimettenno. Ma si s’e fatta na pace accussi bella, pecche' se dimettono sti signure, che fuorze non nce credono?

Siconno - Scrivono da Firenze a no giornale de la matina «in data de li 4» ca lu trattato de pace retenuto comme sottoscritto non contetarra' NISCIUNA concessione da parte de l'Austria!

Li distrette de l'auto Friuli sarriano state ritenute co grossa tenaceta' da ll'Austria.

Riguardo a lu Lago dE Garda le ccose sarriano restate a lu statu quo, zzoe' comme se trovano! E se nne sarria parlato po…. quanno chiovene passe e ffiche.

PE mo pavarriamo 35 miliune de fiurine, che veneno a fa no centenarotte de meliune de franche, na cosella da niente.

chiù, pavarriamo li bene a li princepe spodestate senza nisciuna restrizzione; e sulamente pe chille de l’ex Rre nuosto Francisco Siconno nce sciacquarrammo na mola co na sissantina de meliune. - Sicunno lu trattato avarrammo lu Monte de lu Lombardo Veneto co ll’attico sujo de 3 miliune e mmiezo, e lu passivo de 66 miliune!!! esito superante introjeto!

Nce s’accordarra' lu tiempo de 23 mise pe pa'va' sti denare dinto a 11 rate. E ‘nchisto frattiempo l'Austria volarra' ciertamente lu prieggio, pecche' nuje simmo discreditate abbastanza; e' tanto vero, ca mentre facimmo la pace co essa e nce costituimmo nfamiglia, la renneta nosta a Parige fa na caporiola tutta nova! - E chi sarra' chillo che bolarra' priggiare a nuje?....

E mentre nuje avimmo fatta sta sorta de pace, le notizie che beneno da lontano annunziano cierte nnuvole chiene d’acqua.

LI’International de Londra dice ca le trattative co la Sassonia so rrotte; e le ttruppe sassone che avevano da esse trasportate da Vienna a Passau, hanno avuto lu contrordene.

Lu Menistro de le Finanze de Berlino diceva juorne fa ca la Prussia a da tene' la mano ncoppa' a la spata, e la vorza chiena - Se dubita ca la Prussia non avesse n'autra vota ad appiccecarese co ll’Austria, e che a stu viaggio le mmazzate non se limitarriano sulamente all Allemagna.

conziderammo tutto chesto, e conziderammo pure lu forte appicceco che sta succedenno tra li turche a li cristiane a la Turchia.

E priammo a lu cielo che nce facesse essere bona sta pace, e no la facesse assomigliare a lu spitale de stu nomme, dinto a lu quale si se mmedeca co arte e attenzione, non lassa mpEró de essere sempe nu spitale.

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 67 - Giovedi' 11 Ottombre 1866

LE PPRIME CALUNNIE CONTRO LA LEGIONE D’ANTIBO

Li figlie de la rivolozzione hanno accommenzata n’autra vota ll'opera lloro. commer’aiere, comme a ssempe, comme farranno nfi' a quanno tenarranno no tornese de vita, non trascurano maje de se ajuta co li mma'ne E co li piede onne calunniare a lu prossemo, 'nfamare a lu governo de’ lu Pa'pa', cErcare d'abbattere l’affiliate de lu cattolicisemo. Ma non ne cacciano niente.

Íanno voglia de studiare la notte pe lo juorno, e ammenta buscie quanto vonno ca lu Papato sta lla', e 

coòE torre ferma che non crolla.

Non manco si principiaje a parla' de li volontarie d’Antibo, che ttacchete tutta la stampa de la conzortaria s’accommenzaje a mettere mmoto pe discreditarle, chiammannole accozzaglia de gente perduta, associazzione de stracciune indesciplinate, gente viziosa che ghieva asservi p’arrubba'. Ma doppo tutte sti belle titole e annure particolare che lle se devano, venette lu momento positivo. La legione fuje bella e urdinata; co li commannante suoie a la testa, che co ll’anemo sereno de ji' a servi lu Sovrano de lu cattolicisemo se mettette mmarcia e arrivaje a lu destino sujo.

che è, che non è?

- E che farranno, che non farranno sti sette ottociento perzune, a chi farranno specie, a chi mettarranno a paura?

A nisciuno. Stanno lla' a disposizzione de lu Pa'pa';. se trovano all'ordene de lu governo ponteficio, comme a tutte quante li volontarie de lo munno. co na defferenzia pero, ca sti volontarie non corrarranno pericolo quacche giuorno de rummane co la panza vacante pe 48 orE de diuno; ne, pe la trascuraggene de cierte tale superiure, se farranno trova senza scarpe a li piede, o arravogliate dinto a quacche coperta pe mancanza de meglio. comme succedette a li povere taliane a Salò, che doppo ave' commattuto tanto tiempo se trovajeno de chisto stato, e Garibalde jenno a bisita' lu generale Avezzano se mettette le mmane nfaccia a bederlo!

La Legione d'Antibo, 'nfamata da vuje signure giornaliste de ll'Opinione, che avite scritto 'ndata de li 4, dicennola revotata, a causa de cierto ccafe e cierto tabacco, non e' quale la descrevite vuje.

Le bongole voste, e le buscie che smammate, so merce canosciute, se sanno da paricchio, e songo asciute de moda.

La legiona d'Antibo non s’e' maje sonnata de se rebella' contro a li superiure suoje, jettanno li sacche 'nterra, pretennenno la bannera franzesa 'nvece de la papalina, volenno lu crovattino a tre ccolure ’nvece de chillo all’uso romano; ne s’e' arredotta malata, sparpagliata e spossata comme dicite vuje, pecche' «vedite sbriugnatezza de giurnaliste» non essenno trasuta a'ncora' nquacche campagna, ne avenno combattuto pe nisciuno vierzo, non poteva essere arredotta accussi sfragellata, comme pretenneno le signorie voste.

Se po essere spossate senza moverse, signure de l’Opinione, eh?......

Ma vedite quanto site...... sapute, che sinno che ttenite, che lu cielo ve lu conzerva!

Non ssapite manco ammenta' pallune a munno vuosto, signure mieje; site proprio disgrazziate. Le buscie hanno d'ave' sempe na tenta de verosimiglianza pe essere credute, sino cadono. capite?

La legione d'Antibo se trova a Viterbo co la massema tranquillita' de lo munno, addo magna, veve, dorme, e beste panne, e fa cose da èoòo parecchie, comme dice lu mutto taliano!

La legione d'Antibo non s’e' maje appiccecata, tanto, da avè costretto lu governo papalino a mannarce l’afficiale suoje pe la fa sta cujeta!

Non e' stata maje fiscata da nisciuno campagnuolo, comme dice l'articolo vuosto, e quacchedun’autro de la Gazzetta de Milano, sorella vosta a di buffonarie.

Li volontarie franzise non se so muoppete na pedata, hanno fatto e farranno ll'afficio lloro contro a ttutte le diciarie de lo munno.

La legione d'Antibo difennarra' lu Papa, e lu guardarra' a ttiempo e a luoco contro a la persecuzione de tutte li birbante. Sarra' composta de poche? poche si, ma buone. E po tenarranno a Ddio co lloro, non dubitate.

PE vuje ca non nce credite sarra' custione de farve na risata, pe nuje che ttenimmo fede sarra' argumento de credenza, de fiducia a lu cielo. Ed e' tanta sta fiducia nosta ca quanto cchiù vedimmo attaccato lu cattolicisemo, e mmiso nridicolo e calunniato lu rappresentante de Cristo 'nterra, tanto cchiù simmo sicure de la vittoria nosta, e bedimmo cchiù bicino lu juorno de la risorrezzione de Pio Nono.

chiammatece retrive, chiammatece clericale, tutto chello chello che bulite vuje, sarra' sempe n’annore ca nce compartarrite, ma contro a la Vereta' non nne cacciarrate niente.

Nuje capimmo tutte le mmire voste, lu pecche' de cheste calunnie, li fine e li mezze, ma..........contro a la Vereta' non se commatte, sarra' affare de lu momento, ma nce perdarra' chiunche.

La Vereta' vene da Dio, la buscia da lu diavolo. Dicitece vuje pe chi de sti duje ascite, e po ve darrammo ragione.

PE nuje? Simmo figlie de Dommenaddio, e credimmo a la JUSTIZZIA e a lu VANGEL0 SUJO.

Nient’autro che chesto.

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 68 - Sapato 13 Ottombre 1866

LL’EFFETTE DE LA PACE

Tiene no judiggio manco no puorco!

MUTTO NAPOLETANO

Io non mme pozzo fa capace.

Sarraggio na bestia, no stupeto, no cereviello de panecuotto, no portalo-a-ppascere, comme mm’aggio dichiarato ’ncoppa a le decretazziune meje, ma non mm'arrivo ancora a fa perzuaso de na cosa:

De stu silenzio de la povera gente doppo la conchiusione de la pace.

Signure mieje, levateme na difficorta', nuje avimmo fatto pace, o nce stessemo ancora appiccecanno? avimmo vinciuto la punto, o ll’avessemo perzo all’intutto? nce avimmo fatta la croce, o nce avessemo cecato l'uocchie?

Io non nn’arrivo a capi na mmaledetta.

AprE li giurnale, e te fanno una cantilena co direte: la pace e' fatta, la guerra e' fenuta, ma non ncE s’a' voluto dare chesto, ma Cicco Peppe s’a' voluto ritenere chest'autro, ma chello che smacenavamo nuje non s’è abberato, pecche' nce ave corpa la capa de Tizio, le bestialita' de Zempronio, li 'ntriche de cajo; eccetera eccetera.

Siente li patute, e provita lloro, doppo ca t’hanno assicurato ca ogne ccosa e' sicura, ca ll’Italia ha guadagnato, ca la storia e finarmente compretata; a' la fine de li cunte po se levano la coppola, e se fanno na grattata ‘ncapo, all'usanza de li zelluse!

Nisciuno signo de gioja, nisciuna lacernella fora a li barcune, nisciuna pumpa soleta pe sta pace sugellata; e si non fosse stato pe lu manifesto de lu Sinnaco che nce mettette nn'allegria co lu spireto sujo, e na ventina de banneriole pe fora a li barcune de Tuleto, nuje non avriano appurato lu ppuro niente.

Nce fajeno le cannonate a primma matina? si le ssentettemo, ma «vedite pregiudizzie de la gen te gnorante» li palatune de vascio Puorto se credettono ch’era la sarva che se faceva a Francisco Siconno! Comme so scieme li codine de Napole. Francisco Siconno si avette la sarva l’avette a Rroma, e si sparajeno le cannonate fujeno chelle dE castiel S. Angelo, no chelle de lu Castiello Nuovo nuosto! Comm'e' gaurante sta prebe nosta.

Accussi' no fravecatore trovannome mmiezo Tuleto, e sentenno lo sparo de le bbotte, mme spiaje: Signo' e' lu vero ch’e' figliata la mogliera de lu sinnaco? A lu quale io a'vette da conta', o sia non potette conta' manco niente pecche' mach’io nne sapeva niente, e nce n'avèttemo da ji' a mmano a mmano vicino a la residenza de li cane a lo pentone de Matalune, pe lejere le ccose bbelle ch'a'veva scritto lu Sinnaco.

Da chillo juorno donca a lu momento che scrivo nne songo passate otto juorne, e li paise stanno muscie muscie, e li stommache de la gente languede languede, e li colure de le ffaccie mortacine mortacine.

Che ssaccio, non beco n’allegria, non beco na gioja, non guardo na faccia giuliva comm'a chelle de li juorne de na vota.

Avimmo pigliato no terno, e tutte quante accussi nce diceno, ma simmo restate accussi co lu viglietto mmano mmocca a lu puosto, guardanno no poco a la promessa, n'autro ppoco a lu nummaro de lu banco, e spisso vote la faccia coffiatoria de lu postiere!

Nvece de ji' a piglia' possesso de la venceta non nce movimmo da ’mmocca a la porta, e facimmo comme a chillo scemo ch'aspettava miezojuorno co lu ppane mmano, e diceva sempe: sona' o mmocco?

Io n’aggio visto nient’affatto Napole ‘mbandierata, Firenze festante, Palermo giojosa, comme a' voluto fa credere l’Agenzia Stefane. PE Napole ll'aggio guardata co ll’uocchie proprie, pe ll'autre paise mm'e' stato assicurato pe mmezzo de lettere.

Addo' la gioia, addo' la festa, addo le cconzolaziune forte de na vota che 'nce facevano zompa da coppa' a la seggia, addo' che ll'aria tanto mbarzamata de contentezza?

«chi d’aura aperta e pura

«Qui' favello? Qèesta e' caligin densa.

cca' pare ca stessemo accompagnanno lu muorto a lu Camposanto. È lu vero ca tenimmo lu colera', e tanta gioia non la potimmo addimostra', ma la colera grazzie a Ddio e' quase fenuto, se trova, pur’isso co lu prevete accanto.

Signure mieje, si ¸ lu vero ca simmo spusate, e mettimmoce no poco nn’alegria, cagnammoce no poco li vestite, 'ncignammoce quacche sciassetella nova, facimmo annore a la sposa, mannammo lontana da nuje chesta brutta paturnia che ttenimmo,

Io quanno na vota «buono mme tocca» steva pe mme piglia' na bardascia, non nce dormette quinnece notte de seguete: teneva cchiù pulece io 'nchelle nottate che non nne teneno ncuollo le ffemmene a lu juorno d’ogge.

E quanno fuje lu momento addesederato e ghiette pe sagli' le ggrade de la parrocchia, chelle grade che m’aveva sognate ogne notte, che bedeva sempe nnante a ll'uocchie mieje, assicurateve fuje tanno lu piacere mio, la conzolazione de stu povero sciaddejo, che sconocchiaje, e mm’avette da piglia' lu compare pe ssotto a le braccia, ma tutto struppiato, pecche' era juto co lu musso 'nterra, e mm era scummato de sango 'nvece de mme ‘nzora'! avuto ogge tutte quante la stessa sorte?

Avessemo avuto ogge tutte quante la stessa sorte?

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 69 - Martedi' 16 Ottombre 1866

LU PRUCIESS DE PERZANO

Ogne tiempo vene !

PROVERBIO

Accommenzo co levareme la coppola e adora' li juste decriete de la Provvedenzia;

E rifletto.

Rifletto ca o priesto, o tarde, ogne ttiEmpo vene, e comme s’ammaturano le nnespole co la paglia arravogliate, accussi s’ammatura ogne ccosa a chisto munno.

Tutto vene a luce, tutto se fa strata co lu ghìre de lu tiempo, co lo cagnarese de le ccose, co ll'accostarese de l'abbenì.

Ajere temuto, strummettiato, portato a ccielo, potente, apprauduto, laudato, chiammato eroje...

E ogge?

E ogge disprezzato, menato a ffaccia; mmurmuriato, 'nzurdato, secutato purzi pe la via, jastemmato, chiammato pavuruso, puosto ngiudizzio, connannat0... E...

Ma e da chi?

Da lu stesso prubbeco, da la medesema gente, da li stesse apprauditure de na vota che lu mettetteno ‘mparaviso.

Dio mio! che cagnafaccia non e' lu munno che scarpesammo.

Addonca da no momento a n’autro se po ca'gna' na scena?

SEMPE, e quanno manco nce penzammo.

E ll’eruoje?

Ponn'esse ricanosciute pe bilacchiune.

E li prufiete?

PE li megliE ciarlatane de li paise.

E li galantuommene?

PE la gente, spisse vote, la cchiù birbante de la terra.

coòòE a' ll’Aètèïïo ca'dono le ffronne,

accussi da lu cielo cadono l'uommene che vuletteno sagli' da coppa all’autre; elevarese superiure, chiammarese potiente, senza penza a la certezza de le sciuliate.

Guaje a chille tale che se trovano ‘ncanneliero, e non fanno buono l’afficio lloro.

Vene una e pava tutte; vene l'ora de lu Redde rationem, e s’a'nno da apparicchia' li cunte.

E chest’ora', che nisciuno s'aspettava, che nisciuno temeva, che nisciuno se mmaggenava; chest’ora e' benuta pe lu povero Conte Carlo Pellio ne de Perzano, senatore e ammiraglio de lu gruosso rignone d’Italia; commannante de la squatra a la battaglia de Lissa; restato patrone de li acquE eccetera, eccetera'.

Lu Conte Perzano commannante eccetera, e patrone de l’acque comme avimmo ditto, se trova a la tristissema posizzione de da cunto dell’azziune soje, e d'essere judecato da lu Senato.

No decreto de li 4 corrente ordenava ca lu juorno 11, stisso mese, se fossero aunite li senature e avessero cercato lu commE e lu quanto da lu preditto ammiraglio; lu pecche' se m’era sciso da vuordo a lu Rre' galantomo, e passato ncoppa a l’Affondatore; lu ppecchè, annascunnennose a lu nemmico, avesse fatto succedere chillo brutto frantancheto 'nfaccia Lissa; pecche' se li facette conzigna' de chella sorta de manera, e se facette accompagna' a botta de pezzate a lu settentrione nzi' a ssotto Ancona, addo jette a piglia pede pe non riceverse lu riesto.

PErzano sarra' ghiudecato, zzoe a chest’ora' che leggite, letture mieje, lu stanno judecanno, e connannato o no quanno nne verro' lu momento, sarra' sempE no documiento pe la storia stu prociesso sujo che se face.

Le gente che berranno, e se trovarranno certamente a ebbeca nova, a' autro munno, non potranno fare a meno de fare cierte paravune.

Le gente che avranno da essere, farranno lu paravone de PErzano a lu 1860, E PErzano a lu 1866

A lu 60 lu trovarranno forte, temuto, 'ncoraggiato, apprauduto, annorato co pompuse eloggie de cavurro, co articole de giornale che lu portavano a li stelle; e pecchè?

Pecche da li 18 settembre a li 29 bommardava Ancona, e la levava a lu Pa'pa'! Pecche se faceva lu strumento de la rivoluzzione, e commatteva contro a quatt’uommene e no caporale, che guardavano chella cita' de lu Pontefice; e pecche' a li 2 d'ottombre de lu stisso anno, tornannosenne a Torino s’avette le strette de mano da lu conte Cavurro, e l’apprause de la folla che se lu portava ‘nzuocolo. E a lu 1866 se vedarra' avvilito 'nfaccia a li stesse compagne suoje; trattato da pavuruso, da poco esperto; e si no juorno trasette ‘nsenato co lu cappiello ‘ncapo pe lu gruosso riguardo che nne facevano, ogge nce a da trasi co lu cappiello mmano e la capa vascia, e s’a' da ji' ad assetta a lu posto de l'accusate.

Strane pazzie de la sorte de li mortale, che da no juorno a n’autro te li face arreducere pesature.

Succedono li fatte, e se vedono li cagnamiente, avveneno le nnovita' azzocche' l'uommene, de qualunche colore se siano, e a qualunche crasse appartenano, mettesseno judiggio. - Ma disgrazziatamente, a stu munno avimmo perzo tutte quante lu judiggio.

chello ch'e' succiesso a lu Conte PErzano «conna'nnato, o no» oh!a quanta cuonte e marchise, e cavaliere de Santo Lazzaro potarra' succedere da cca a quatto juorne. E allora potranno veni 'nchiaro tutte le ccose annascoste de no juorno; tutte le guapparie che non erano tale, tutte le sbafantarie de cierta gente.

co lu redde ratioïem se farranno nnante le berEta', e se canosciarra chiaramente lu ppane pane E lu vino vino.

Lu prociesso de Perzano farra' ammaccare la superbia de cierte birbante, e oh! quanta cose annascoste verranno a galla.

E a lu mmentre lu Conte Ammiraglio doppo le vittorie soje, e la patrunanzia de l’acqua, se sentarra' canta le ccalenne sotto a lu musso, avra' da trova' tutte li mezze pe la difesa soja.

UNO SULO starra' tranquillo, e seguetarra' a fare ll’afficio sujo, zzoe' a proteggere li debbole, a confortarE ll’oppresse, a soccorrere li bisognuse, a bommardare de chesta caritatevole manera li puopole suggette a isso, a'

PIO NONO. - Pio Nono tanto addollorato no juorno da lu Conte Carlo Pellione de Perzano!

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 70 - Giovedi 18 0ttombre 1866

TURCHE E CRISTIANE O LI MASSACRE DE CANDIA

Li giurnale d’Atene parlano a lluongo ‘ncoppa a la rivoluzzione de candia, e se spremmono tanto a descriverne le ccontinove strage, da farence compassione.

Purzi' quacche giurnale nuosto de la matina jetta fuoco lu poveriello, e se sente spartere lu corea bede' tanto massacro; e scongiura le ppotenze neutre, e chelle cattoliche ad ajuta li povere cristiane che songo taccariate da li turche, e a mannarele arme e munizziune.

Nuje povere sciangate de la stampa, ma vere fratielle de lu prossemo nuosto, n o potimmo fa a mmeno d’annettarece na lacrema a leggere tanto sacrefizio da parte de li cristiane de candia, massimamente pecche avimmo saputo lu modo accussi barbaro co lu quale li turche fanno sta guerra tento accanita; taccarianno femmene gravede, guaglione nnocente, che songo sbentrate nnante all’uocchie de le mmamme; contadine e biecchie passate a file de spata, e portatone le ccapE ‘mprocessione ‘ncoppa a le mmazze; casale sacchiate e restate desierte, pecche' arze; cchiesie e monastierie prufanate, e, orribbele a direse, trattate pevo de case de corruzzione.......

Tutto chesto e strazzievole, e' affliggente; mo ve l’anemo de ogne fedele cristiano, fa spartere lu core a ogne buono cattoleco, e nuie, da lu funno de la coscienzia nosta, priammo a Ddio co tutto lu zzelo possibbele a metterce la Mano Soja santissema, e fare fenire priesto sta guerra accussi accanita, e sarvare da lu fierro nnemmico tutte li popole che confidano a Isso. - Ma, doppo tutto stu vuto nuosto, e ste conziderazziune pe li cristiane de candia, non potimmo fare a meno de reflettere no pocorillo all’ippocrisia de cierta gente, che tenenno no mazo de setole 'ncoppa a lu corE, cerca nquacche circostanzia de mmostrarese compassionevole co lu prossemo.

E’ orribbele l’agi' de li turche pe li fatte de candia; e chello che fanno, barbaro, assassino, strazzievole, tremenno, e digno de lu nomme de musulmane che portano.

Ma... st’azziune torche, e fuorze no pocorillo pevo, non se so biste a li tiempe nuoste tra cristiane e cristiane, figlie de la medesema cchiesia, cetatine de na stessa nazzione?

Oh non tanta mmaraveglia signure mieje a le strage de li Candiote; e refrettimmo a cierte strage Europee, a cierte massacre taliane, addò popolo e popolo, fratielle e fratielle se taccareieno assaje cchiù de li turche pe li crapicce de no tierzo.

che non ha fatto Luige Napolione pe sagli a no trono de la Francia? - Leggite le cronache de lu tiempo, studiateve lu 2 Dicembre fatto da isso, e sentarrate ca li cadavere sule abbastajeno a forma' le barricate!

che cosa fa la Russia? - TE mpènne li polacche a centenare, te li mmanna a migliara ‘nSibèria, a morirse de friddo e de famma, si pure nce arrivano vive e non morono pe la via!

che fa l’Inghilterra? - Attacca ll'Indiane a dozzine, e li mmette nfaccia a le bbocche de li cannone, pecche' se fa cchiù priesto!!!...

E che fanno, addimmanno io, che fanno li fratielle taliane contro a l'autre taliane dinto Palermo? non se scannano ll'une co l’autre, non se squartano de la stessa manera, non se sbentrano pevo de li turche?

A li famuse fatte de Petralia Soprana, a li rivolsive volante de lu surdo-muto ca'ppelli, a la distruzzione de intere famiglie che moretteno asfissiate, mo s'agghiogneno l’atte che lu signore cadorna qualifeca de moderate. E si la stampa s’a' da sta zitto ‘ncoppa a chello che vede e ssente, non potenno di niente pecche' se trova co lu taccariello mmocca'… la vereta' se sa e se saparra'; pecche' lu ssape Ddio, e pecche' non nce sta cosa annascosta ca non ha da venire ‘mpalese.

Nuje sapimmo da vicino lu strazio che s’e' fatto 'mPalermo a danno de le vvergene e de li viecchie claustrale; solamente pecche' s'e' creduto ca da li claustrale d'ogne manera fosse asciuta e se fosse allariato lu male contento e la rivoluzzione.

Sapimmo tanta cose, ma abbesogna starece zitto, pe non 'ntoppa' la suscettivita' de cierta gente.

Lu secolo decimonono addemostra a lo munno ca resorge lu dominio de la forza bruta, e se torna a lu stato de natura co la legge de lo cchiù forte.

La Francia, la Russia, e l’Inghilterra, potenze cristiane, sia cattoleche sia scismateche, sia prutestante; e l’Italia potenza essenzialmente cattoleca', ponno fa ncuollo de li cristiane tutto chello che credono e che voleno: e buono sta. - Si po lu Turco vede che li suddete suoie se rebellano, E li mette a dovere, e no crudele, pecche' chille suddete songo cristiane!.

Oh! ippocrisia! Ok! fucine a inganni!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 71 - Sapato 20 0ttombre 1866

LLE CCHIAJE DE LU PAESE REVISTA A BUOLO D’AUCIELLO

Io accommenzarraggio na rubrìca che lassaraggio e pigliarraggio de tratto ‘ntratto, onne accussì, mantene' apierto no reclamo continovo pe lo pprubbeco che mme legge, e no memmoriale sempe lesto pe tutte ll’autoreta' de Napole.

Ma a proposeto d’autoreta', a'vimmo da aspetta' primmo ca se fauno le nnove; pecche' chelle che nce stanno so comme a

.............l’Araba Fenice,

che vi sia ciascun lo dice,

Dove sia nessun lo sa.

Nuje stammo senza questore, senza sinnaco, e senza conziglio municipale.

Pe la questore e' n'articolo de fede; pe lu sinnaco e compagne è comme non esistesseno, pecche' dimane o doppodimane se ne jarranno, E bonasera..

Avimmo avuto no sinnaco a nzi' a mo, che grazie a le ttante discussione e li progette fatte e rifritte ncoppa a ll’acque de Napole e fora Napole, nce a' fatto e nce sta facenno vevere lotamma pe acqua.

Nuie simmo arredutte co li puzze dinto a le ccase che teneno la Iota ’ncuorpo comme a le sanguette, e non bevimmo autro ca vermezzulle e turreno nvece d’acqua, e ogge o dimane faciarrammo l’anguille ’ncuorpo.

S’e' penzato urdimamente de fa pulizza' li curze, s’e' puosto ‘nciampo stu progetto, ma quanno, provita de lloro signure, nce sarra' ffatta sta grazia?

E Napole sta senz’acqua. E sette otto birbante e profittante de puzzare se jocano la cammisa de lu ‘mpiso ‘nchesta materia, e nce, venneno quacche varrile d’acqua a lu maggiore offerente.

Si non se molla ll’aruta e se sedogne lu carro, jarrate p’acala' lu cato e non nce trovarrate niente; e si quacche bota ve lu sentarrate pesante nce sta'òra' da dinto quacche animaluccio jettato a posta!

Se so fatte tanta spese a stu paese nuosto, se so ghiettate tanta dudece carrine comme a llupine amare, ncE a'vimmo levata la carne da sotto a la lengua pe migliora' le condizziune noste, e quanno simmo jute pe ccernere la farina, simmo restate diune, e non nce potimmo fa manco na veppeta d’acqua...

Quanto e' bello a ghi' a bbèvere ‘nfaccia a la banca! acqua annevata rusecarella, signor Sinnaco de Napole, non e' lu vero? - Acqua e orzata, amarena e aranciata, limone sammuco; e lu poveriello che tenarra' sulo l’abbeveraturo de li cavalle dinto a no palazzo, che bevarra'?

E tanta povero diavolo che pavano lu vattisemo lloro de pesone, e speciarmente de chiste tiempe, che bonora a'nno da vevere?

E tanta miserabbele femmenelle che s’a'nno da sciacquo' na mappina, no mantesino viecchio, na vrènzola de cammisa, a chi santo anno da ricorrere?…

E abitammo Napole, addo' non nce’ e' mancato maje niente, e avriamo potuto no juorno manna' ll’acqua a ll’ebreje quanno se morevano de sete a ttiempo lloro!

E tenimmo no Stonaco a Napole che ba' tant'oro quanto pesa, e non magnarra' maje saporii de sale, o fuorze tenarra' che bevere, lu cièlo ne l’accresca.

Acqua calata diceva la bonanema de Cotugno si no sbaglio, a ttiempo sujo. Ma mo si tornarria a nascere potarria dì: acqua de cola'ta, tanta che e' chiara, pulita, abbiatìva, e da fa veni' lu colèra a la gente.

Cotugno ordenava ll’acqua de lu puzzo, de NA VOTA, pe ffa sta buone li malate; e ogge non nce sarrìa autro remmedio pe nn'abbia' li malate.

Nuje nce trovammo co fontane secche, cesterne asciutte, puzze vacante, lota tuorno tuorno, mala'tie ’ncoppa a la noce de lu cuollo, e lu Municipio dorme.

nuje tenimmo li dolure ’ncuorpo, lu jètteto ’ncanna, la diarrea che nce viseta spisso, e non nce potimmo manco sciacqua' le stentine!

E tenimmo no Municipio e no Sinnaco a Napole. Gente de talento, gente che ssape li fatte, ma che dorme in sonno placido!

Ca Napole stesse chino de fosse, tutto sgarrupato, mancante de va'sole pe dinto a li viche, co acque sporche appantanate; chesta e' na cosa assodata, se nce metterra' lu remmedio quanno chiove e non fa lota, e sarra' materia de no sicunno articolo nuosto, che non avimmo ‘ntenzione de nce rompere na gamma.

Ma ca lu paese non po' vevere, non ha da vevere, pecche' non tene che bevere, chesta po e' na mancanza positiva che non ammette ritarde.

Acqua, signor Sinnaco provvisorio de Napole, a buje pe mo, e a lu successore vuosto quanno arriva; sinò, scusate la franchezza, ve ’nfunnarrammo da capo a lu pede co articolo continovate.

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 72 - Martedi' 23 0ttombre 1866

LA FESTA DE LI VENETE

Venezia e' mosta. Finalmente le profezie de li sante patre coscritte se songo abberate. Lu Lione de S. Marco ha spezzato la catena ed è corruto a da no vaso a pezzechillo a li martere taliane, e a fare quacche 'nchino a li sante martere Maurizio e socio.

Tutte le veneziane songo addeventate na specie de latte-e-cafe a guarda lu lusso veramente asiateco co lu quale nce simmo portate a piglia possesso de Venezia.

che sfarzo, bene mio, che sfarzo, che sbrennore de ricchezze, che abbete de nozze a'nno nobelezzato lu magnifeco festino.

Tutte li guantare venete se so trovate 'nganna te 'nchesta sollenne accasione, e anno avuto da nzerra' le ppoteche p'esserse esaurite li guante. - chiuso pE mancanza de genere, hanno scritto li poverielle. Se mmaggenaveno nnante de chesto che nnuje trasevamo a lu ssoleto co li cauzarielle a le mmano! Scieme de li veneziane. Gnernò, co guante e ddette.

Li cafettiere hanno conzumato tutte li gelate e le ffelle de schiumone, massemamente pe ccierte tale commitate che pe correre de pressa songo arrivate co la scumma mmocca.

chi potra' parlarve de l’alluminazione! e' cosa da non poterse dicere co la vocca, ogne lucerna che te pareva no lumme a grasso, co ttanto no lucigno dinto, cchi gruosso de chille che fanno le mogliere voste co buje, assuciate mieje.

Spare, botte, truone, fiaschelle, bengale, lumèrE.... e che lumèrE, cose d'aiza' ll’idea; che nne volite fa chelle che mannaje Torino a Napole, a' li primme juorne de la felicita' nosta!

Lampiuncielle tuorno tuorno, mortelle pe tutte li pizze, sciure pe mmiezo a le bie, banneriole pe tute le ppErtose, terziole che non fenevano maje.

PE ffa' che ogne ccosa avesse pigliato lu sistema de nuj’autre taliane de Chianura, li veneziaïE nce hanno voluto da no schiaffo nchesta accassione, co farece trova la 'Nzuccarata a Pasca, co no deputato napolitano vicino a lu tremmone che deva la voce dicenno: - No tornese o giarrone..., e dimane ad otto non me truove…figliò...

E Ii Veneziane appriesso a isso a risponnere figliòooooo....

Po lu maruzzaro de la festa che benneva le monacelle co le freselle, comme lu governo nuosto se sta vennenno i muonece e le mmonache, o sia la rrobba che possedeveno li muonece e le mmonache.

Non nc’e' mancata manco la banca co lu tterrone, li martellucce, e li cavallucce de melazzo co li sordatielle a cavallo. Lo figlio de no venezziano accattannose duje de chist’urdeme a creduto ch’erano le fotografie de Perzano e Lamarmora, che se so distinte tanto... a ccavallo o piecoro.

Le banne hanno sonato piezze de grannissemo effetto. Lu primmo e' stato na variazzione ‘ncoppa all'aria: Mannaggia polece, che a' fatto buonissemo incontro. Po s’e sonato ll'aria de la Traviata: Addio del passato - ÂEi giorni ridenti, che li veneziane non sapennolo ancora nce hanno sbattuto le mmane. Appriesso se nc’e attaccata ll'aria de lu patre: Di Provenza il mare e il suol - Chi dal cor ti cancello' - E no vastaso Napolitano, che se trovava lla' de passaggio p'ave' portato no bavuglio; risponnette co na variazione soja: Nce ave corpa ll’acqua a na prubbeca!

cchiù ttardo songo accommenzate li strille e li sbattimane, e s'è allucato viva chesto, e biva chello. - Roma Roma, volimmo Roma.

- Volimmo o Pungolo, dicevano cierte amice de lu direttore de li pallune, che e' corruto Ila pe mmettere ncampo nn’autro pungolo busciardo.

- Gnerno' Roma, volimmo Roma, nce avimmo da trova a Roma.... Ed erano tanto forte sti strille ca tutto lu popolaccio composto de cierte banchiere nuoste pe 'nterrompere lu fraccasso hanno avuto da canta la gran aria finale, co accompagna mento de core:

È nata na scarola mmiezzo mare,

Li turche se la jocano a tressette.

‘Ncoppa a lu muolo veneto, po se nc’e fatto appositamente no casotto pe la gente vascia. Lla s’e' avuto accasione de vede' le burrattinate tra lo Pulecenella nuosto, e Pantalone de li bisognosi, maschera venezziana. Era na commediola che se faceva pe deverti chillo prubbeco a spasso. Ma lu mmeglio de la scena e' stato quanno PulEcenella nuosto a spiato a Pantalone: - Tu te chiamme Pantalone de li bisognuse?

- Si, perche?

- Pecche da dimane nn'avante te truvarraje cchiù abbesognuso de primmo, pe chello ch’haje fatto! Volenno veni a ddi ch’aveva fatto no pessemo affare facenno spusa' a la figlia co uno cchiù pa'ccariato de isso.

A lu mmeglio de l’opera e' asciuto sargente scamazza, co ttanto no naso, e no varriciello sotto, e volenno fa lu protanquanquero isso, siconno lu ssòleto, a' abbuscato, ed e' fernuta la commeddia a mazzate!

cheste e' la relazzione ch’aggio avuta da n’ami co de lu mio che è ghiuto a Benezia pe se spassa'. - Tutto mm'e' piaciuto mm'a' scritto isso ‘nzerranno la lettera, ma a lu finale de la festa la commedia che s'è rappresentata nnante a lu casotto e' fernuta a mazzate!

E na fine no poco dispiacevole, ma sempe accussi vanno a feni l’opere de li pupE.

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 73 - Giovedi' 25 0ttombre 1866

DOJE PRUFEZIE 

corre voce ca se stesseno p'abbicina' doje prufezzie una cchiù mmeglio de ll’autra i ogge mme veneno sotto all'uocchio, e ogge ve le ppresento.

Lu commercio de Firenze screveva ndata de li 10 Frevaro 1864 lu vaticinio de Maria Lataste.

Maria Lataste era na monaca de lu Core de Giesù, morta nFranza da poco 'nconcetto de santita', e de la quale nn’a' scritto la vita e l’azziune ll'abbate Pascal Darbius. Maria Lataste povera e umela figlia de campagnuole, non ssapenno che appena appena cosere e fila, pure scrivette cose d’auto buordo, e trattaje ciert’argumiente che toccavano nientemeno ca la teologia cattolica.

Scrivenno de la Vergine, Maria Lataste nce conta cierte revelaziune soie, le qquale nce annunziavano la defenezione de lu dogma de la Mmaculata, le ttribulaziune presente de Pio Nono, e li triunfe de la cchiesa cattolica. Lu Signore che s’annasconne a li sapùte e se rivela a li peccerille nnucente, accussi chiacchiariaje a Maria Lataste e lle dicette:

«Ll'a'ffrizione venarra' ’ncoppa a la terra, ll'oppressione rignarra' dinto a la cita' che io voglio bbene, e addó aggio lassato lu core mio (Roma)

«Essa sarra' dinto a la tristezza e a la desolazione; essa sarra' attorniata da nemmice da pe ttutte le pparte, comma n’auciello pigliato dinto a la rezza. chesta cita' pararra' succombere durante tre a'nne, E no poco de tiempo ancora doppo sti tre a'nne.

«Ma Mammema scennarra' a chesta cita; essa pigliarra' le mmane de lu vecchio che sta assettato 'ncoppa a lu trono sujo (Pio IX), e lle dira' - Ll’ora' e' arrivata, susete. Guarda li nnemmice tuoje, io li faccio scomparire ll'une doppo ll’autre, e lloro scompararranno pe ssempe. Tu mm’aje glorificata ncoppa a la terra e a la cielo, e lo te voglio glorifica 'ncielo e 'ncoppa a la terra. Teccote, l’uommene stanno nvenerazzione da nante a lu nomme tujo, 'nvenerazzione nnante a lu coraggio tujo, nvenerazzione nnante a la potenzia toja. Tu vivarraje e io vivarraggio co tte.

«Viecchio, annettate la llacreme, io te benedico.- E’ la pace ritornarra' ncoppa' a lu Munno, pecche' Maria sciusciarra' mmiezo a le ttempeste e le pacificarra': lu nomme sujo sarra' laudato, bbene, esardato pe ssempe. Li prigiuniere ricanuscerranno da Essa la liberta', ll’esiliate la patria, e l'infelice la tranquillita' e la contentezza»

E li tre a'nne de prova, li tre anne de dolore âongo passate, 'nce resta sulo no poco de tiempo ancora.

Decchiù, a' li 23 dicembre 1864, lu stesso giurnale lu commercio, prubbecanno lu nummaro sujo 102, aveva pe primmo articolo la seguente

Profezia

«Lu Santo Patre ha ditto a no distinto perzo paggio che lo il veduto dinto a st’urdeme juorne: - Sbenturatamente nc’e' da teme' ca a lu 1866 se spargiarra' paricchio sango: In fuoco de la demagogia s’attaccarra' a paricchie parte d'Europa', ma lu funesto incendio fenarra' co lu 1866, e la pace tornarra' a sollevarece: - Roma revedra' le scene de lu 1849, e lu Santo Patre sarra' costritto a ghiresenne spierto.

«Dinto a lu 1867, quanno lu Sommo Ponte fece tornarra' a lu Vaticano, se tenarra' gran Concilio e sarra' festiggiato la Centenario de San Pietro.

«A lu 1868, avria ditto Pio Nono, (Ddio sperda lu brutto annunzio) assistarrate a li funnarale mieje, pecche' morarraggio!»

cErto che e' ca a Rroma s'accommenzano assenti gia' le ttronole cupe cupe ch’annunziano la tempesta; e a bede' li lampe pe l'aria che prognostecano lu male tiempo.

Ma nc’e da conzolarese però: doppo n'autro ppoco de tiempo ancora... sicunno vole la bonanema de Maria Lataste, spontarra' lu sole e ghiesciarra' lu tiempo.

A le llacreme subentrarranno le rrisate; a l’affrizzione venarra' appriesso la gioia; a li guaje tutte e le disgrazzie co la pala hanno da soccedere tutte le contentezze de lo munno.

Sgarrupe ’ncoppa a sgarrupe, miseria ’ncoppa a mmiseria, arruino ‘ncoppa' arruino, ma li tiempe se cagnarranno.

Trionfarra' la Religgione, la cchiesia, Pio Nono, tutte li cattuolece oppresse; e farrammo ll'Italia una, ma co Ddio e co lu Pontefice Sujo.

A mme me pareno mill’anne, e da mo sto frijenno, pe chella sollenne, jornata quanno vedarraggio le cchiesie apparate a festa, coli lampiuncielle tuorno tuorno, co le fferze tutte ‘nghirlandate, cole mmaschiate che spararranno a tutt’ore, e le ccampane de sta povera cita che scampaniarranno da la matina a la sera.

Oh allora mm’avranno da attacca' pe pazzo, pecche' io addavero addeventarraggio pazzo, a bede' trionfa' Ddio e Pio Nono, la Religgione e la fede a Napole, abbraccia ll’une co ll'autre tutte li paisane mieje, frate e frate, ammice e nnemmice, nobbele e snobbele, co n’affetto veramente fratierno, E... quanne vedarraggio sbolacchia' la bannera de lu ca'ttolicismo 'ncoppa a lu campanaro de la parrocchia mia!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 74 - Sapato 27 0ttombre 1866

NA LAVATA DE CAPA DE MONZIGNORE PLANTIER A LU PIEMONTE

E no la vonno feni sti prievete e sti muonece! sti monzignure e sti viscove, st'abbatuozze taliane, e sti scolacarrafelle.

No la vonno feni costi propacande loro, co ste mmene riazziunarie, cost’opuscole che stampano, e sti paternale all’uso de le sacrestie!

(Pungolo sbatteme.... le mmane, vide ca sta vota te dongo proprio ragione.)

Prievete, muonace e riazziunarie so fernute li sfuorze vuoste, l’Italia e' fatta, non ne cacciate niente; e quanno na cosa e' fatta, vuje mme lu ‘nzignate coli piede, e cchiù forta de lu ferro! - (Pungolo, vaco buono?)

ca' vuje v’affaticate e ve sbattite tanto, la stella de li clericale e tramuntata, non accomparrara' ca a bino nuovo, siconno vonno tutte li conzorte d’Italia!

Mo non ve restano ca le ccalunnie, e ste calunnie non farranno niente, pecche' avimmo fatta la frittata, avimmo avuto Venezia, nce l’a'nno conzignata schiaffata e rebattuta, la festa e' stata fatta a buje, scusate la mpertinenza, annettateve lu musso - (Pungolo, che squarce, che?)

Sarria justo lu momento de perzuadervene na vota, mo ca la votazione veneta a' dato chillo sorte de risurdato.

Dinto a 36 mila e 500 votante pe lu si, nce so state dinto Venezia 7 SULE persune ch’anno ditto lu no - che birbante!

che? 7 SULE riazziunarie, clericale, sanfediste, cudine privileggiate hanno avuto lu coraggio d’anniarese de s’aunì.

Guardate lu vuto popolare, e perzuaditevenne pecche' s’e' manifestata pure sta vota la volonta' de le nazzione. - 7 SULE pe lu no arricordatevello.

Ne' ve ne venite a ddicere ca li si se pigliajeno a branca da li conzorte taliane, e se menajeno dinto a le cascettelle; comme pretennite ca se facette a Napole, quanno se sciaccaje chillo tale guardaporta a Muntecalvario, che boleva afforza mettere lu no! - Gnernò, so buscie Voste, so mene sanfedisteche, so buscie d’austriacante. (Pungolo, manneme li casecavalle, vi comme ragiono!)

chille SETTE SULE PERZUNE ch’anno avuto chella sfacciataggene, hanno connannata la jocata e fatta a ca'pe' la la noveta'.

- Procedammo ‘mpace.

- Orate.

Mo m'avoto a buie Vescovo de Nimes, monzignore Plantier: vuie avite pigliata no rancefellone discredetanno lu Piemonte co lu scritto vuosto, quanno avite ditto tanta scenufleggie contro de isso. - Sacciatelo tutte, letture de LU TROVATORE, lu Vescovo de Nimes ha caluniato chillo paese: songo cheste le pparole soie, leggitele e ghiudecatele:

«Vuje parlate d’unita de sango e de razza «so' le pparole de Monzignore» Ma vuje Piemontise che vulite ll’unita' italiana, che ssango avite dinto a de bene? che razza rappresentate vuje? Site vuje Galle, Lumbarde, Unne o Ostragote? chiunche siano ll’antenate, o li vavune vuoste, site vuje sicure d’avere lu stesso sango, e discennere da lu stesso ramo de lu romano, de la calavrese, e de lu siciliano?

«che nne sapite vuie? E quanno lu sapissevo, pecche' lu napolitano no v’assorbarria isso. pe chillo stesso deritto de sango e de razza de li quale ve prevalite tanto gratuitamente pe surchiarevillo?

«co ttutta la miscuglia de sango spagnuole, e che porta dinto a le bène, lu Napolitano,e' CCHIU’ ITALIANo de vuie, e mmeretarria ciento vote cchiù de fare la granne nazzionalita' a cunto sujo e a proprio vantaggio.

«Vuje parlate de unita' de lengua; ma la lengua taliana non e' la lengua vosta, e a l'autre pparte e ll’italiana chella che ve domena; si addonca la lengua e' no titolo da metterse 'nte sta de l’unita, abdicate pe da lu scettro a li princepe sputestate, o a chisto Pontefece de Roma, a lu quale levasteve le cchiù belle provincie soie...

«'Nzi' a cca' Monzignor Plantier, e nzi' a' cca', pe mo, lu,

TROVATORE

Anno I. - Nummaro 75 - Martedi' 30 0ttombre 1866

LA SPAGNA a' ROMA

È munno: e' munno e non e' paraviso, dicette la bonanema de na vecchia che teneva judiggio assaje dinto a la cocozza.

Atramente la gioja, o na rèfula de gioja, s’appresenta nnante a la casa toja, ttacchete te vide assumma' appriesso a essa la paturnia e n'afflizione novella.

Non nc’e' rriso senza chianto.

Non nce so' feste senza campane a mmuorto.

Non nce so' comprianne senza no ’mbriaco pe mmiezo.

Ogne famiglia tene la croce soja, e nce a' da essere no pazzo pe ccasa, na mortificazzione qualunche dinto a na famiglia; no diavolo zuoppo ohe ssia che te vene a rompere la devozione.

nuje mo potarriamo essere felice, potarriamo respira' no tantillo, vederencenne bene de chello ch’avimmo ricevuto?... E gnernò, li nnemmice de ll’ordene, li vere amice de lu dissordene nce vonno ’ncojeta' no tantillo!...

Parlammoce co lu core mmano e dicimmola comm’è: mo che simmo jute de chiatto ’nfaccia a la felicita', e avimmo ricevuta Venezia co tutta la parentela soja, e stammo pe nce occupa' purzi de la santa barracca romana, teccote che bEneno novelle custiune 'ncampo e ghiesceno mmiezo nuove pretenniente pe nce mbroglia' la matassa.

La custione de Roma la sapimmo tutte quante; pecche' e' custione assodata ca Roma a' da tocca' a ll’Italia, comme lle songo attoccate tanta cose, comme lle songo attoccate tutte ll'amarezze che ll’a'nno accompagnate, le ttasse e le 'mposiziune, li diebbete e li priestete, la battaglia de Lissa e chella de Custoza, la rivoluzzione de Sicilia e lu spazzamento de lu Tancrede.

Fidate a lu magnanemo che se vo' magna' tutte e cos’isso, zzoe' a lu patrone nuosto malatiello D. Napolione nummaro 3; nuje nce aspettammo che Roma venesse a nuje, justo quanno ritiratose tra breve li beneditte franose da lla' nce potessemo cuoncio cuoncio accostare nuje pure da cca', chiammate liegge liegge da no piccolo movimento interno, che se farra' 'nfavore nuosto, e che nce conseguarra' la santa cita'!…

Ma nuje nce avevamo fatto li cunte senza de la Spagna!!!

Nuje eramo scordate de tutte ll’autre potenze cattoleche, che non ’ntenneno affatto ca lo Papa Pio Nono restasse sulo sulo mo che se ne vanno li franzise da Roma.

Non e' paricchio tiempo ca lu Pontefece vedenno assomma' la burrasca facette no mmito a li sovrane cattuolece, e l’esponette li fatte suoie, cercannole soccurze contro a la rivoluzione.

E la risposta che venette fuje propizzia, pecche' tutte quante risponnetteno d'essere pronte, e manna' a Roma, ognuno pe la parte soja, quanta truppa potevase onne allontana' lu malanno.

La Franza, ca non se joca lo cerviello, se menaje essa pe mmiezo, e proponette de nce 'nterveni' essa sola, pecche' «sagge penziere de vorpa'!» stanno aunite treje quatto potenze a fa la stessa guardia a no pizzo, nne poteva succedere quacche brutto frantancheto.

- Nce starraggio io ch'abbastarraggio a tutto! dicette lu cattoleco Don Proclamò!

E nisciuno nce avette che di.

Ma mo che la Franza se retira, le ppotenzie vedono de bel nuovo e cchiu assaje lu pericolo pe lu Papa, e teccote ascire n'autra vota 'ncampo co le pretenziune lloro de volere ire a fa la guardia a lu Pontefece; e la primma ntra chesta e' la signora Spagna, la quale comme a potenza summamente cattoleca s’e' abbìata la primma, e sta co duje legne co truppa da sbarco dinta ll’acque de civitavecchia.

che brutto ‘mbruoglio stace assommanno; ed oh quanto e' lu vero ca la cosa cchiù tosta a scurtecarese e' la coda.

Nce fosse pericolo ca nce restassemo co la coda mmano?

Nce fosse pericolo ca tutte chelle mazzate che se songo sparagnate acquistanno Venezia, avesseno da veni a lluce justo mmocca a le pporte de Roma, tra nuje e la serenissema signora Spagna?

Ma ïuje nce la fumarriamo dinto a la pippa, co tutte le cocozze soje!

Sentite, amice mieje, si vulite lu parere de LU TROVATORE lassate sta lu munno comme se trova, e operare a la Provvedenzia.

Si a' da esse risoluto, o sgarrupato ogne ccoâa', sarra' penziero de lu Sujo.

Archimede teneva lu stesso penziero vuosto, anze no poco cchiù grassicielo de lu vuoste, quanno vuleva no punto d’appoggio fore de lo munno, onne sullevarelo sano sano da li cardene suoie, zzoe da dinto a le mmèccE.

Archimede, co tutta la grossa scienzia soja, vedette ch’aveva ditta na cosa temeraria, e che solleva lo munno cchiù de chello che steva era na bestialita' cchiù majateca de la custione de Roma nosta; e...... Sapite comme risolvette?...

Quanno vedette ca doppo tanto studio e annore la scienzia soja poteva ave' no smacco; ca lu penziero sujo era no penziero temerario, na cosa 'mpossibbele; ca se sarria revutato lu cielo e la terra; ll’uommene sarriano jute de capo sotta a centenare e a migliara, ca la scossa forte avria fatto atterra' miezo genere umano... Sapite comme conchiudette? - Lassanno sta' lo munno comme se trova.

Ringrazziammo a Ddio ca nc’e' venuta bona a nzi' a mo, e penzasse Isso a ttutto, pecche' la causa de Roma e causa Soja.

Aggio ditto.

LU TROVATORE


vai su


NOVEMBRE

Anno I. - Nummaro 76 - Giovedi' 1 Novembre 1866

LI 2 DE NOVEMBRE

Sento nu suono che luntano strilla

E pare ca stu juorno cca chiagnesse

Sentite vuje sta funebre campana che co ll’una 'ncoppa' a le ddoje soje mmesura ll’ore 'nguttose de sta jornata, e fa stregnere lu core de la povera gente?

È la campana de li muorte! de chille che so passate a lu nummaro de li cchiù; de tutte li frate nuoste… de li menistre che fujeno, de li rri' che riguajeno, de li princepe che godetteno, de Ii suddete poverielle che soffretteno libberta', e moretteno dinto all’epoca de lu libertinaggio!

Salutammo chesta campana, ogge pe dimane; dimane li 2 de Novembre de l’anno disgrazziato 1866

Salve, o campana de li muorte. - Preja co stu lamiento tujo a lu cielo sdignato, che acconciasse le ccape de la povera gente, e addefrescasse tutte li cerevielle guaste, nnante che non nce l’avesse d'addefrisca' a lu munno de la vereta'.

Salve o campana. - Che lu suono tujo pozza scennere dinto a lu core de li nnemmice de la cujete e la tranquillita' umana, e lle potesse fa arricorda' ca tutto fenesce, tutto passa, lu buontiempo e lu maletiempo, lle rrivoluzziune tutte e li cattive govierne, e…

S’abbicina la morte!

Comme morette lu conte Benso Camillo ca'vurro che cospiraje juorne e notte contro de Pio Nono.

comme morette D. Liopoldo Borbone, che facette, chello che potette pe nne fa scennere lu Rre e nepote sujo.

comme morette Salvagnoli, lu Menistro de la Toscana, che lassaje lu celebre, ricordo: co la vereta' non se governa!

comme morette Monzignor ca'puto, che buleva addeventa' isso Papa, e fare lu papisso de lu regno d’Italia.

Comme morette lu scrittore de tragedie, che lu pigliaiene 'mbraccia a li Sciurentine! Monzignor Santaniello…

Comme morette lu povero Nullo pe la liberazione de li Polacche.

E carlo Âongio a la battaglia de Lissa.

E li gennerale e li sordate taliane disgrazziate a chella de Custoza...

E urdimamente Thouvenel a Parige, uno de ll’urdeme contrarie a lu Papato..…

Accussi' morarranno tutte quante, accussi hanno da muri, si non ogge, craje, tutte li nemmice de la religione cattoleca nosta, e de lu Pontefice de Roma.

o duie de Novembre!… Non te scorda' de chi nce a' fatto addesederare lu ppane, addimmannare la careta', vennerce tutto li chiuove de le ccase noste, chiagnere a lacreme de sango.

Sotto aspetto de libberta' e de ‘ndepennenzia nce a' fatto arreducere a la peggio de le schiavitù, e conzignata la ‘ndepennenzia de li desterrate 'mBarbaria!

Arricordate de li CONZORTE D’ITALIA! chesto e no cchiù: sola chesta grazzia te cercammo. Non nce a' d'arreducere maje cènnere dinto a lu fucolarE lloro, hanno da sta tutto lu riesto de la vita ‘nfunno de lietto, a chiagnere li peccate viecchie; o a'nno da cerca' la lemmosena pe le bìe d’Italia, che nisciuno cristiano nce avra' da fa, ma schittamente lu Trovatore, pe lle rinfaccia' quacche cosella aggrazziata!

Sona, sona a martiello, o bella campana de li muorte. E lu suono tujo penetrasse lla', addo' non trase ca la lusinga de li ciarlatane politece, e la fauza parola de li serviture de corte.

E di' a cierte tale e cquale Suvrane d'Europa, che se jocano la fortuna e lu deritto de li nazziune a 21 a la disperata! - Signure, che ve credite gruosse co sti trebbetielle ‘nca'po, e stu mazzariello mmano… la data de stu juorno mio venarra' perzi' pe buje, co scettro o senza, co armata o senza, co cannune rigate e fucile a ago.

cca' venero tutte quante, a la Cita' de le Ttombe, dinto a li campesante d’Italia; addo' moreno li 'nganne e li trademiente, le cospiraziune e le conquiste, l’assassinie e li spogliamiEnte politece.

Passarra' la 1866 e venarra' lu 1867; fernarra' lu 67 E nce accostarrammo a lu 68; ma sempe sta campana sonarra' pe tutta quanta la terra, sempe li 2 dE Novembre venarranno pe chi crede e non crede a Dommenaddio!

Sona, o campana, sona e dance ca nce a'je lu tiempo: risbegliame li core, risuscita li muorte, famme a bede' tutte le belle novita' doppo de sta jornata toja'.

Mme dice ca so muorte? Si' só muorte; io lu bEco, io lu ccredo, io m’arricordo ca sempe accussi' vace a feni tutta quanta sta gente.

Ma nce vo n'autro tocco de lu suono tujo; va' fammillo assenti, campana de li 2 Novembre; va'.… Soname li 'ntinne a muorto pe li 2 Dicembre…. Jennaro, Frevaro e Marzo; e tutto lu riesto de li mise fridde de ll’anno.

Io mm’addonocchio, lu bide? io prejo, chiagno nnante a li piede de lu Patrone de lu Munno; e prejo pe ll’aneme de li povere muorte mentre tu rompenno lu silenzio e le Ttombe farraje arrevare ll’eco toja all’autra vita, a lu regno de la felicita, a lu munno de la justizia.

Sona, o campana, sona, e io lle cantarraggio pe ttramente lu Mistere!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 77 - Sapato 3 Novembre 1866

ALLOCUZIONE

De le' Santissimo signore Nuosto Pio pe Divina Provvedenzia

Pa'pa' IX, recitata dinto a lu segreto concistoro

de li 29 Ottombre 1866

Venerabbele Fratielle,

No na vota sola, o venerabbele Fratielle, pe debbeto de ll’ufficio Nuosto Apostoleco, avimmo compassionato lo stato miserabilissemo a lu quale da quacchettiempo songo arredotte dinto all’Italia li ‘nteresse de la Religgione nosta santissema, le gravisseme 'ngiustizie apportate a nuje e a la Sede Apostolica da lu Governo Piemontese e co paricchie Allocuzziune recitate dinto a sta grossissema adunanzia Vosta, e dinto a le lettere Noste prubbecate pe la stampa: da le qquale cose facermente ‘ntennite da quanto dolore ogne ghiuorno de cchiù l’anemo nuosto e oppresso, vedenno lu stesso Governo co impeto sempe cchiù gruosso attaccare la cchiesia cattoleca, le legge salutare de Essa, li sacre Menistre Suoje. E de fatto, aje dolore! li destinate a le ccose e afficie sacre, li cape a tutto chesto, ll'uommene sincere de lu clero seculare e regolare ed autre aunestisseme cetatine cattuolece, senza tene' cunto de religgione, de justizzia e de la stessa umanita', da lu stesso Governo songo da juorne a ghiuorne o mannate in esilio, o chiuse 'ncarcere, o connannate a lu domicilio coatto, bersagliate de mille e mille ‘ndegne manere, le Ddiocese co lu massemo danno de l’aneme private de li Pasture loro, le Vvergene conzacrate a Ddio cacciate da i proprie Monastierie e arredotte a la lemmosena, viulate li Tiempie de Ddio, chiuse li seminarie viscovile de li Chièrece, la scola de la misera gioventù levata a la disceplina cristiana e affidata a maestre de ll'errure e ve l'iniquita', e lu patremmonio de la cchiesia ausurpato e distrutto pe ttutt’autr’uso.

Lu stesso Governo, avenno a noncuranza le ccenzure accresiastece e fermamente disprezzanno li giustisseme reclame nuoste, e chille de li venerabbele fratielle nuoste Viscove taliane, doppo ch’avette stabeluto paricchie legge, massimamente contrarie a la cchiesia Cattolica, a la dottrina e a li de ritte de Essa, e perzo da nuje connannate, non avette ritegno de prubbeca la legge ncoppa' a lu matremmonio Cevile, comme la chiammano, la quale legge contraddice non sulo a la cattoleca dottrina, ma pura a lu bbene de la civile societâ. Da lu pecche' co chesta legge e scamazzata la dignita' E la santita' de lu sagramento de lu matremmonio, se ne sconvolge la nnerizzo sujo, e se da mano franca a ogne cchiù brutto concubinato. Giacche non nce po esse tra li fidele matremmonio, che non sia a lu tiempo stesso Sacramento, e perzò spetta totalmente a la potesta' de la cchiesia determina' tutto chello che pe appartene' a lo Sacramento de lu Matremmonio.

E lu stesso Governo apertamente affennenno lo stato de la prubbeca professione de li Conziglie Evangelice, che ssempE dinto a la cchiesie de Dio avette e avarra' vigore, e disprezzanno all’intutto li masseme beneficie de l’Ordene Regulare, che funnate da uommene sante e approvate da la Sede Apostoleca, pe ttanta gloriose fatiche, pe ttante opere pie e utele songo benemierete de la reprubbeca cristiana, cevile e letteraria; non temette pe niente de cacciare na legge, co la quale 'ntutte le pprovincie a isso suggette sopprimette tutte le famiglie religgiose de l’uno e de l’autro sesso, e s’ausurpaje tutte li bene loro, e tutte l'autre paricchie bene de la Cchiesia, e stabelette d’averese a dividere. E primma che mettesse lu pede a lu possesso de le pprovincie venete non dubitaje de stennere e apprica' pure a chille paise li stesse decriete e le stesse legge; e la Convenzione da nuje data ‘nprincipio co lo carissemo figlio nuosto 'nCristo Francisco Giuseppe Mperatore d'Austria, decretaje doverese assolutamente da scassa, ne ave' cchiù forza arcuna o valore, contro ogne llegge ed ogne deritto.

PE la quale cosa justo lu gravissemo ufficio dell’Apostole co Nuosto Menistero, 'nchesta vosta nobelissema sessione, de nuovo aizammo la voce mosta Ponteficale pe la Religgione, pe la Cchiesia, pe le sacre legge Soie, pe li deritte de che sta Cattetra de Pietro, e fortamente deplurammo e riprovamno tutte a una a una le llegge che o ‘nchesta o a autre mmaterie spettante a la Cchiesia e a li deritte de Essa, songo decretate da lu Governo Piemontese, e da ogne ssujo Magistrato 'nferiore, puoste a atto o eseguite. E li stesse decriete co le cconsequenzie lloro co ll’autorita' Nosta Apostoleca annullammo e dichiarammo essere state e anno da essere de nisciuno valore e fforza. Li stesse lloro auture che se gloriano de essere lloro lo nomme cristiano, s’arricordano e conziderano seriamente cadute dinto a le cenzùre e a le ppene spirituale, che ll'Apostoleche Costituziune e li decriete de li ConciliE ecumenice assegnano contro a li profittante de li deritte de la Cchiesia da incorrerce lla' pe lla'.

Avite poje canusciuto, o Venerabbele Fratielle, comme cierte tale uommene astute penzano a riguardo Nuosto e ad arbitrio lloro malamente 'nterpetrano la ÂEnedizzione, che dettemo all’Italia, appena, senza nisciuno merito nuosto, mo pe ‘mpòEscrutibbele giudizio de Ddio aizate a chesta Sede Apostoleca pronunziajemo spontaneamente parole de perduono e de pace pe la Nosta carita' mmerzo li popole soggette a la Potere Pontificale. Giacche' nuje assaje sollecete de lu bbene de tutto lu gregge de lo Signore e de la vera felicita' soja prianno allora pe lu bene de l’Italia umirmente e efficaciamente cercajemo a Ddio, che la liberasse da li male sullecete che le stevano ncuollo, e che fossE dinto all'ItaIia tenuto a annore lu duono preziosissemo de la fede cattoleca; ed a muodo veramente da ammirarse sciuressero sempe cchiù ll'aunesta' de li costume, la justizia, la carita' e tutte le birtù cristiane. Ne mmanco ogge tra'scurammo de aizare a Ddio forte prijère; azzocche' propizzio liberasse li puopole cattuolece in Italia da tante e tante sbenture de ogne specie, da le cquale pe opera de li reggiture d’Italia E pe opera de persecuzione d'ogne natura songo miseramente oppresse e maletrattate. E o primmo priammo lu clementissemo Ddio, che voglia ajuta' e rafforza li popole stesse d’Italia, accio' durasseno ferme e irremuvibbele dinto a la fede soja Divina e Religgione e pozzano sopporta' e tolera' co cristiana fortezza tante e si diverze affrizziune.

(continova)

Anno I. - Nummaro 78 - Martedi 6 Novembre 1866

ALLOCUZIONE DE PIO IX

(Continuazione e fine, vide le' ïèòòaro passato)

Se 'ngannamo poje chille che da chesto argomentano e di ceno, e non cessano de cerca che nuje pe chiara ‘ngiustizia, gia' spogliato de paricchie provincie sottaposte a la Nuosto Pontificale dominio abdicasseòo lo cevile Princepato Nuosto e de chesta Sede Apostoleca. Ogneduno vede chiaramente, quanto 'ngiusta, e quanto dannosa sia a la Cchiesia na dimmanna de chesta fatta.

Da lu pecche' e abbenuto comm'autra vota avimmo manifestato, pe singolare conziglio de la Provvedenzie, che abbattutose la Romano ‘Mpero, e divise 'nchiù regne e divierze dominie, la Pontefice Romano ntra tanta varieta' de regne anch’isso avesse lu cevile princepato sujo, dinto a le ppresente condizziune de il umana societa', azzocche non maje soggetto a quarcuna potesta' cevile potesse esercita' co ogne lebberta' l'autoreta' soja suprema, e lu deritto affidatole divinamente da Cristo Signore ‘ncoppa a tutta la Cchiesia; e li fedele a li decrete, all’ammonizziune, a li commanne de la stesso Pontefice co chiena tranquillita' de coscienzia, E co chiena fiducia fosseno rispettuse e rimanesseno tranquille, ca anse non maje, purzi sommariamente pozzano sospetta essere n’atte de lu stesso Pontefece de modo arcuno sottopuoste a la volonta' e l’arbitrio de quale se voglia Prencepe e cevile potesta'.

De manera Nuie non sule non potimmo rinunzia lu cevile Princepato stabeluto pe Ddivino conziglio pe lu bbene de lu cchiesia Univerzale, ma avimmo ancora da guarda co ttutte le fforze noste e difennere ogne dderitto de lo stesso Princepato cevile, e ricerca co ogne sfuorzo la sacrilega usurpazione de le pprovincie de la Santa Sede, comme spisse ll’avimmo ricercato, e ‘nchesta accasione pe quanto sapimmo e potimmo, ricercammo e reclamammo.

Tutte poje canosceno co quanto studio de le ccose sacre li Viscove cattuolece de tutto lo munno avesseno e co la voce e coli scritte propugnate e dichiarate lu Cevile Princepato Nuosto a de chesta Sede Apostoleca essere, massemo a le ppresente condiziune de le ccose de lo munno. cchiù che maje necessaria pe difennere e rivenneca ll'assoluta liberta' de lo Romano Pontefece pe ppasceòE tutto lu gregge cattoleco, la quale e chienamente attaccata co la libberta' de tutta quanta la cchiesia.

Ne' uommene de chesta fatta hanno paura de ji' strillanno, avere Noie da ritornare 'ngrazia coll'Italia, zzoe' co li nnemmice de la Religgione nosta che s’avantano de costitui' l’Italia. Ma comme nuje, li quale puoste comme afferma e revenneca la Santissema Religgione e la salutevole duttrina, e ogne virtù e ogne ghiustizia avimmo da procura la salute de totte, potimmo maie venire a patte co chille li quale non professanno sana dottrina e avutanno le rrecchie da lu ssenti la vereta' fujene da Nuie, e non boletteno ne mmanco essere rispettuse a li desiderie Nuoste, e a li dimmanne Noste, le qquale conzestevano sulo a chesto, che tanta Diocese in Italia, private de lu pastorale confuorto e presidio avesseno avuto restituite li Viscove loro.

Piacease a Ddio e tutte chille li quale commattono a Nuie chesta Sede Apostoleca co tanta gagliardia, essenno pure na vota alluminate, appezzassero ll’uocchie e avotasseno ll’anemo a la vereta' e a la justizzia, mettenno sinno e ritornate nloro stesse, e abbadanno a la feliceta' de l’aneme loro, chiammate a particolare penetenzia se sollecitasseno de venire a nuje.

Niente cchiù che certo po essere cchiù piacevole all’anemo Nuosto che, a imitazione e siconno ll'esempio de lo Patre de lu Vangelo in gghire a lloro ’ncontro, e contiente cchiù ch’assaje co Ddio, abbracciarele; da lu pecche' erano figliule muorte e risuscitajeno, eranse perdute e fojeno ritrovate. E allora justo tanno vedarriano chiaramente quanto la maistosa religgione nosta e' mamma fertula de tutte le birtú e l’alimento, mentre nne caccia tutte li vizie, e te porta a quale se voglia felecita', accussi probbeca che pprivata.

De modo che addo' la stessa religgione e la salutevole dottrina soja domina, lla e' necessario che stesseno nvigore l'aunesta' de li costume, la sincerita', la pace, la justizzia, la carita', e tutte le birtù, ne li popole sijeno bErzaglio de chille male gravisseme, da li quale miserabilmente songo oppresse addo la stessa religgione e la dottrina soja songo disprezzate e scamazzate.

E gia' da li fatte lacrimevole de sfjùta e accussi arricordate nzi' a cca, e da li tristisseme abbenemiente quotidiane che se compesceno dinto a ll'Italia ognuno po facirmente vede' e congettura, a quale e quanta pericole chesta Sede Apostoleca stesse ‘ncontro, e comme sia esposta a le crudele minacce de la rebellione, all’odie de li 'ncrudele, e all’ire de li nemmice de la Croce de Cristo.

Da tutte parte senza cessa rembombano vuce disperate, co le qquale l'accanite nemmice non stracquano de strilla, chesta Cita de Roma ave da essere posta a pparte de chesta funestissema rivoluzione e rebellione taliana, anze che avra' da esserne la Capitale. Ma Ddio ricco ôE misericordia co ll'Onnipotente virtù soja disperdesse chiste empie conziglie e desederie de uommene contrarie, e non permettesse maje, che chesta bella Roma a nuje carissema, addo pe lo cchiù fortunato e cchiù singolare benefizio mettette la Cattetra de Pietro, la quale e fondamento che non s’abbatte de la fede soja e religgione divina, retornasse a chillo stato lacremevolissemo tanto bellamente espresso da lu Santo nuosto predecessore Leone il Grande (1) quanno lu Biatissemo Prencepe de ll'Apuostele la primma vota trasette dinto a sta Roma stessa, allora signora de lo Munno.

Nuje pero' sibbe' prive de quase ogne umano ajuto, pure arricordannoce buono de lu dovere nuosto, e fiduciuse assaje a l'ajuto de Ddio Onnipotente simmo apparicchiate co lu pericolo de la vita stessa a propugna la causa de la Chiesia a nuje divinamente affidata da Cristo Signore, e si fosse bisognevole, jrencenne a chella parte, addo a la migliore manera possibbele, potarriamo esercita lu supremo Nuosto Apostoleco ‘ Menistero.

EssEnno poje dinto a na tempesta tanto forte sulo e fortissimo ajuto la prijera, perzo co quanta forza maggiore potimmo perzuadimmo a tutte li Venerabbele Fratielle Viscove de tutte l' orbe cattoleco, a tutto lu clero cattoleco, ed a tutte li figlie de la Santa MatrE cchiesia, li quale non cessajeno de dare tanta belle testemmonianze de ammore e de rispetto perzo de nuje, e de ajutarece dinto a le gravisseme ncojetetutene noste e de chesta Santa Sede; a lloro mo cchiù che maje arraccomannammo, azzocche' volesseno offri sempe a Ddio suppreche e prijere ca ogne fede, speranza e carita' pe abhattere li nemmice de la cchiesia, e richiammarele a lu retto cammino de la salute.

«Da lu pecchè, pe sservirece de le pparole de lu Crisostomo, n'arma potentissema e' la prijera, grossa sicurezza, gran tesoro, gruosso puorto, luoco sicurissemo, abbasta ca nce avvicenammo a Ddio muderate e vigilante, ed essenno la mente nosta bona raccoveta, non e' permesso nisciuna trasuta a lu nemmico de la salute nosta.» (2) Ntra tanta travaglie poie, da li quale simmo oppresse sentimmo certamente na non mediocre conzolazzione canuscenno cchiù che bene, ca Ddio, quanno la cchiesia soja e' priva de ajute umane, opera prudiggie da ammirarese, li quale dimostrano evidentamente l’Onnipotenzia soia e la mano divina, e chiaramente confermano, comme le pporte de lu 'nfierno dinto a nisciuno tiempo prevarranno contro a la cchiesia, la quale da mo nnante trionfanno sempe de li nemmice suoje starra' immobele nzi' a la conzumazione de li secule.

E poi cchiù che assaje da dolerese, che non sia certo, avere chesta o chella nazione sempe da conzervare lu preziosissemo tesoro de la fede e Religgione nosta divina. E gia' paricchie popole esistono, li quale na vota fedelmente custodevano lu deposeto de la fede e de la desceplina de li costume, e mo haje!... se so distaccate da chella preta, addo' se appoia I'edefizio de la Chiesia, e da isso spartutese, a lu quale fuje data la potesta' de conferma li fratielle e de spartere ll'ainielle e le ppecorE, e 'ntra de loro discordante e aggravugliate dinto a ll'ascurita' de l’arrure, stanno assaje a peri colo de la salute lloro. E cca' non potimmo, ricercannolo lu dovere nuosto, non pria fortamente lu Signore, pecche' tutte chille gruosse che governano, e l’autre Reggiture de li popole, pure na vota 'ntennesseno e co attenzione conziderano lu gravissemo 'ncarreco che a lloro appartene, de abbada che l’ammore e lu culto de la Religgione s'accrescesse mmiezo a li popole loro, e 'mpedescano co ttutto la potere che tene no che lo lumno de la Fede non se stutasse mmiezo a lloro.

Guaje a chille dominante li quale scordannose d'essere li Menistre de Ddio pe lu bbene, avarranno trascurato de se prestá a chesto, potennelo e dovennolo: e lloro temesseno e tremmasseno assaissemo quanno distrojeno speciarmente co ll'opera lloro la preziosissemo tesoro de la fede cattoleca, senza la quale e' ‘mpossibbele de piacere a Ddio. Da lu pecche' nnante a lu Tribunale de Cristo sostenenno lloro no giudizio durisemo, vedarranno quanto sia terribbele cadere ‘ntra lemma ne de Ddio vivente, e sperementare la severissema justizia divina.

Finalmente non potimmo dubita', che Vuje, o Venerabbele Fratielle, testimonie e compagne de li travaglie nuoste pe la granne e rispettabbele religgione vosta, piata', e studio singolare de la Cristiana reprubbeca assieme co nuje e co ttutta la' cchiesia non volarrate accocchia le fervorose prejere, e scongiura lu crementissemo Patre de le Mmisericordie, che pe li mierete de ll'Unigenito Figliuolo sujo Signore nuosto Giesù cristo avesse compassione de l’Italia e de tutta ll’Europa e de lu munno sano, e facesse co la divina onnipotenzia soja, che, puoste 'nfuga tutte l'errure, li dolure, e le rivoluzziune, la cchiesia soja santa a ogne a'ngolo de lu munno godesse, de la libberta' d’ogne specie e de la pace, e l’umana societa' sia libbera da tanta male, de li quale e mpotere, e tutte li popole progredesseno dinto all’unita de la Fede e de la cognizione de lo Figliulo sujo, camminanno pe le bie de lu Signore, e danno frutte de ogne opera bona.

(1) S. Leone, Discurzo, 32 all'80, a' lu juorno Natalizio de S. Apostelo Pietro e Paolo.

(1) S. Giov. Crisostomo, Omelia 30, ‘ntuorno a lu cap. II de lu Genesi

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 79 - Giovedi 8 Novembre 1866

LU STATO DE LE CCOSE

Silenzio: non m'addimmannate tanto; stongo co lu Fisco ‘ncoppa a le spalle, non ve pozzo dare audienzia.

Vuje vorrisseve sape' a che stammo, a lu ssoleto, mo ca le ccostiune stregneno, li gruosse s’armano, la revoluzzione se prepara, e li franzise se ne vanno via......

Silenzio: non mme ‘nterrompite tanto, stongo ‘nsessione co lu Fisco.

Vorrisseve appura pecche' mm'a'nno sequestrato doje vote, una appriesso all’autra, lu juorno de li sante e chillo doppo a li muorte; ma non ve pozzo fa contiente, pecche' no lu ssaccio ancora, si primmo non parlo co lu Fisco.

- Fisco bello. - comme stevamo dicenno, tu faje lu Fisco e io lu Trovatore, ragione pe la quale io aggio da essere no giurnalista coscienziuso, e tu no revisore umanitario, e co lu cielo nnante all’uocchie.

Tu mm'aje sequestrato, e ben fatto.

Mo, Fi, vi, mo simmo a chillo fatto, io dongo tuorto pure a mme stesso quanno veco cale ccose camminano juste. Ma provita toja e de lu benfatto che t’aggio ditto cchiù ncoppa, mme potrisse fa a sape pecche' male de li sante?

Aje scritto ca aggio attentato?

A chi? non te lu fa scappa' manco da la vocca', ca io da che sso nnato mm'aggio fatto sempe lu fatto mio, e non aggio attentato maje a nisciuno.

Tu mmische ll’asteco co la fenesta, lu ccuotto co lu ccrudo, ll'acqua co lu vino; e io te rispetto.

Tu spisse vote piglie quacche zzarro, cirche de trova' cierte allusiune che non nce stanno, e che se trovarriano cientomilia miglie fora a le bucche de Crapa!

Fi, io te voglio bene, e tu lu ssaje, pecche' quanta vote mm’a'je sequestrato non t’aggio rispuosto maje nisciuna parola, aggio fatto sempe lu prudente, ma non fa a chi figlie e a chi figliaste!

Oje Fi, vi ca stammo a Napole, e leggimmo ogne ghiuorno tutte ll'autre giurnale, addo' cierte bbote nce trovammo no sacco de cose nzuccarate; che tu non guarde manco!

Oje F penza ca lu Trovatore ha da fila', e ba da fila purzi 'nfaccia a lu spruoccolo quann’autro non tene. - TE vaso la mano, e...... covernate.

A buje mo, letture mieje. Vedite mo a che stace lu stato de le ccose.

Fisco sequesta, e a buono!

Ll’Italia se prepara, e fa meglio.

Li franzise cercano de parti' e fanno buonissemo.

E lu Papa vedenno chello che s’apparecchia se prepara la tabanella e la mazza, e cerca de se n'asci.

E Monzù Napolione? Che nne dice Monzù Mapolione?

Eh povero malatiello, lassatelo ji' lu poveriello, se trova ‘ntra duje fuoche lu marisso; da na' parte li prievete cudine che lo vottano a favore de la curia romana, e da ll’autra parte li figlie de la rivolozzione che lu tirano pe li piede facennole sempe nnante all’uocchie le promesse che ll'a' fatte.

E lu povero Signore, che lu cielo sarva e mantenga, non a've proprio addó sbattere co la ca'pa'.

No poco se fegne malato, e dice a li privete: non ve pozzo servi pecche' tengo la purga ‘ncuorpo. N’autro ppoco s'avota a li vecchie amìce, e lle risponne; permettite quanto vaco a licet, pecche' aggio da passa' la purga!

No poco dice a li primme non dubitate, io non abbannonarraggio Pio Nono; n’autro ppoco assicura a ll’italiane ca nn’aspettarra' manco li quinnice e se chiammarra' da Roma pe nfi' ll’urdemo coscritto.

E de chesta manera li pallottoliate simo nuje.

E lu magnaneno alliato e' chillo malato poveòiello che sta sempe co la panza mmano, e le bbrache a disposizione de tutte le purghe e le ricette de lle Rea'.

Nzomma comme la votammo e la girammo e' custione de purga'.

Nce avimmo da purga', comme se sta' purganno lu magnanno alliato: chesto e ttutto.

E quanno sarrammo arrivate a chiunzo, e li miedece de Parige nce avranno assicurato ca Don Proclamo' e' passato buono, penzarrammo pe lu brodo.

Vuje volite sape' appassiunate mieje quanno se strignarra' lu brodo?

Iusto doppo a li quinnece, quanno nuje jarrammo a Roma, e chiazzarrammo la bannera de ll’Italia Una ncoppa a lu campo de ll’uoglio de chillo paese, zzoe' ncoppa a lu campidoglio.

T - a - ta - frittata

Cched'è, nce trovate dubbio, credite vuje no ca non nce lu vedimmo stu juorno! accussi cecasseno tutte quante li vere nnemmice d’Italia? Io mm’aggio fatto pure la sciassa pe lu recivimento.

I)e chi?

De lu cuorpo sanitario, c’avra' da trasi dinto Roma, e avra' da dichiara' chella cita' co patenta netta.

Lu stato addonca de le ccose e chisto: Lu Pa'pa' se nna da jì, e si non se ne va isso ncE ne jarrammo nuje!

Ll’Italia a' da essere Una, felice, contenta e tocoliata!

Lu Fisco a da ‘mprofeca' juorno e notte, comme desidero io, e l’aggio da vede' tirato da quatto cavalle pe tutta Napole; e

chi camparra' vedarra' belle ccose!

V’aggio ngannate maje?

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 80 - Sapato li 10 Novembre 1866

L’ADDIO DE LI TURINISE A LI FRATIELLE VENEZIANE

FRATIELLE

Non sia maje che nuje scigliessemo chiste juorne accussi ricurdevole a li quale venisteve a Torino, a fa atto de suddetanzia a lu, Rre Vittorio Manuele 2 pe ddicerve cose amare e pugnente, o annammara' pe ppoco la gioia vosta. ce lu projebesceno le llegge de l'ospitalita', e cchiù assaje lu fratierno affetto che ssentimmo pe buie, E nc'e' ddoce lu potereve saluta' a lu iuorno d’oje co lu nomme de fratiello, abbasta che chisto nomme non pre senta nisciuna macchia de rivoluzione Comme nuje da paricchio, accussi buie da poco tiempo site: prebiscito vuosto non facette autro che confirma' la liggittemita de lu titolo. E nce jova spera' che pe paricchie secule Piemontise e Veneziane potarranno stregnerse la mano comme suggette a lu stesso Prencepe, e ubbediente a le mmedeseme legge.

Avite pero da riconoscere a nnuje comme a li primogènete, e comma ttale acconzentirece la facurda' de dareve quarche fratierno avvertemiento.

Ve sarra' cchiù vantaggiuso che tutte l’evviva de la chiazza e tutte l’alluminaziune e le bannere de lu Municipio. E ll'avvertemiente nuoste se restregneno ‘ncheste ppoche parole de Daniele Manin:

O Venezia, procura d'essere sempe degna de te stessa.

Se legge de Boleslao, rre de Boemia, che portava appiso a lu cuollo sujo no medaglione co lo ritratto de lo patre proprio, e dinto a lu momento de le granne risoluzziune lu contemprava, dicenno a isse stesso: Âoleslao, non fa cosa che non sia degna de patreto. E nuje, o fratielle Veneziane, ve repetimmo lu stesso: Abbadate de non fa maje cosa che non sia degna de li vavune nuoste.

Li patre vuoste ‘nprimmo luoco fajeno religgiosisseme, La cchiù comune opinione assicura ca Venezia jettaje a lo Rialto le pprimme prete de le fondamente soje lu 25 Marzo dell’anno 421, chiammanno lu maistuso nomme de Maria, che ‘nchillo stesso juorno era stata salutata da ll’Angelo ammasciatore de lu cielo. PE la quale cosa morenno li Doge, pe n’antica legge de lu Stato, se facevano pitta' addenucchiate nnante a la Vergene Annunziata. Dinto a la storia vosta e dinto a la cita' li fatte co li monumiente:attestano aunite la religgione de li Veneziane. PErzeverate addonga, o fratielle, coli buone esempie che ve lassajeno li maggiure vuoste.

Ma pe essere sinceramente religgiuse e' necessario mmostrarese devote e ubbediente a lu Pontefece de Roma, e buie non avite da fa conzistere ll’italianita', co ll'affennere, addullura', spoglia' a Pio Nono. Arricordateve che Attila, no gran nemmico de li Pa'pE, era lu fragello de li popole. San Lione fermava lu tiranno, e Venezia dinto a le bbelle isolette sole preparava no ricuovero a quante fujevano spaventate da ll'incendie e da le strage de lu barbaro.

cchiù ttardo Venezia defenneva Alisandro 3° da n’autro tiranno, da lu Barbarossa. cchiù tardo ancora mmostava a lo munno no gruosso miraculo de lu cielo a l'elezzione de Pio 7’, e ancora a lu 1848 pe mmezzo de Nicolo Tommaseo ufferèva no ricuovero a Pio Nono in esilio. Quanto sarria ‘ndegno e ridiculo che a lu juorno d’ogge li Venezziane copiasseno Attila, imitasseno lu Âarbarossa, e s’aunesseno a li birbante che danno tribulazziune a lu Vicario de Giesù cristo!

Li Veneziane 'nterzo luoco fujeno sempe popole annurate, e Paolo Veronese dipignette lu trionfo de Venezia coronata da la gloria, da l’annore e da la liberta'. L’annore ve commanna solennamente d'essere pe ssempe contiente de lu Prencepe che ve fuje dato e che buje v’avite scìvuto. Ve commanna de allontana' da vuje ogne principio de rebellione, d'arricordareve le ccentenara da migliara de si che vuie avite puoste dinto a le cascettelle, de pava, de obbedi, de servi sempe, alleramente comme a lu 4 de Novembre de lu 1866 L’annore ve ordena purzi' de connanna' tutte le fauzita', e chillo partito che bolarria trionfa' co li ’ngannamiente. Daniele Manin vuosto a' scritto, che quanno pure se potesse vencere co li mezze ripruvate da lu senzo morale, la vittoria se pavarria troppo cara. Essa non sarria ne utele ne morale.

Li mezze riprovate, da lu senzo morale, quann’anche giuvasseno materialmente, accidono moralmente. Nisciuna vittoria mmereta d'essere mmesorata co lu disprezzo de se stisse. Ajutatece addonga a sperdere chille che sperano de vengere cole buscie e rennerse gruosse co li trademiente.

E finarmente, o Veneziane, pe essere digne de vuie stesse v’avite da mmusta' generuse difenzure de la liberta'. Ma de quale liberta' ntennimmo nuje de parla'? Fuorze de la liberta' moderna che avette nasceta da li pretise granne principie dell'ottantanovE? Oh la Venezia cchiù che autra cita', cogliette ll'amarisseme frutte de chille principie. Essa fuje vennuta a lu 1797, foje sacchiata da io 1806 a lo 1814, fuje sacrificata a lo 1848, fuje abbannonata a lu 1859, e sempe da ll’eruoje e da li defenzure de li granne principie dell'ottantanove.

La liberta' che sa da difennere e' l'antica, e la liberta' che ’ncoronaje Venezia assieme co l’annore e co la gloria. Liberta' sincera, no ippocreta; liberta' pe tutte, no particolare pe uno sulo; liberta' fèrtula, no chiacchiarona; liberta' conzervatrice, no che disperdesse e distruggesse; liberta' morale e religgiosa no empia e sporca'; 'nzomma la liberta' de li figlie de Ddio no de chille che banno appriesso a Sautanassa.

Fuorze che Venezia non fuje annorata e gluriosa aunita co li muonece? E pecche' addonga abuli' e nchiudere li conviente? Fuorze che non se signalaje a nobelisseme facenne aunito co li Viscove? E pecchè donga 'nzurdarle, tormentarle, assediarle dinto a lu proprio palazzo, e mannarle in esilio? Fuorze che lu cattolicisemo 'mpedette a la Venezia vosta de essere chella grossa reprubbeca de la quale nce parlano le storie? E pecchè, addonga fare conzistere lu progresso coll’empieta'? Pecche' favuri' l'eresia, e la setta de li libere penzature? pecche pruclama' co Felippo de Boni che le pporte de la nfierno prevarranno contro a la Cchiesia.

Veneziane fratielle, vuje trasite dinto a no Regno addo' abbonnano li pazze e no li pponno cchiù refuggia' le ppazzarie; dinto a no Regno addò le prigiune soje conteneno n’eserceto de sissantamila ma'landrine, dinto a lu Regno de li malecontiente, comme Giuseppe Ricciardi chiammava urdimamente lu Regno d’Italia. nuje dommeneca avimmo fatto festa, pecche' sperammo che buie nce apportarrate no poco de buon senzo, no poco de moralita', E darrate fuorze a lo Governo nuosto chill’ommo che inutirmente va cercanno da cinc’anne.

Venite, o fratielle Venete, venite a ristura' chest’Italia, addó «avimmo sfattezza, puldrunaria, con fusione, comme dicette l'11 de Maggio de lu’ 1864 lu Deputato La Porta» Venite, e portatece la justizzia, giacche ve repetarrammo co lu deputato Fiorenzi li 26 Maggio de lu stesso anno: «Datece la justizzia, e nce abbasta.»

Venite a guari la sfragelo de la prubbeca struzzione, testemmonio lu deputato Siccoli (19 maggio 1864)

Venite, e portatece lu vero e dissenteressato ammore de patria, giacche dinto all'Italia «nc’e' na’ freva de guadagne smesurate, e la patria e' stata’ attaccata da chesta peste», comme se n'allamentaje lu deputato Mordini.

Venite e portatece l’indepennenzia, pecche' «dinto a ll'Italia giammaje fujeno accussi' dipennente, accusi' schiave comme lu simmo mo» pe confessione de lu deputato Miceli.

Si tutto chesto nce portarrate, o Veneziane, sarrate li ben venute, e lo juorno de San Carlo de lu 1866 restarra' accussi arricurdevole comme lu 4 de Novembre de lu 1847. Nchill’anno e ‘nchillo juorno accommenzava la rivoluzzione a Torino. Ah! se potesse di che lo juorno a lu quale li veneziane venetteno a la riva de la Dora cessajeno li diebbete, le ppazzie, le persecuziune, e accommenzaje lu vero risurgemiento de l’Italia! Aggradite o fratielle, comme a omaggio de la stima nosta e de l’ammore nuosto, chisto vivissemo desederio; Dio ve conceda no prospero viaggio; ne Venezia doppo lu 4 de Novembre avesse maje da patire chella sorta sbenturata che toccaje a Torino. Da lu pecche' lu juorno de lu risorgemiento vuosto fuje lu juorno de la sepordura nosta.

(Da L'Unita' Cattolica)

TRADUZIONE DE LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 81 - Martedi 13 Novembre 1866

LA CIRCOLARE BORBONECA!

E se non ridi, di che rider suoli?

PE nuje l'autro juorno e' stata na jornata de triato, pecche' nce avimmo fatte no sacco de risate a leggere na cierta tale circolare co la quale la tanto bona ‘nformata Nazione de Firenze, giornale privilegiato pe le nnotizie! comme la chiamma no confratiello, ha strummettiata pe tutte le quatto parte de lo munno.

'Nchella circolare, pe chi ancora no lu ssapesse, dice la Nazione ca lu partito palatone residente a Roma, e capitanato da li menistre de l’ex Rre Francisco, ha fatto na specie de scetate-scè, de muovete-muò, miettete ncoppa a la toja, e aspetta lo momento opportuno!

Mia cara Nazione: Fini quel tempo, o Enea, che Didone a te pensò.

Tu a'je smammata na vongola, e na vongola de pertosa, pecche' sta pretesa circolare de lu voluto partito e na chiacchiera bella e bona, e sti borbonece che tu cia'-cia' cia'-cia' annuommene tanto, so muorte, se nn’e' perza la semmenta, e non se ne parla cchiù!

Addo' stanno de casa sti duje menistre de l’ex Rre, Capomazza e S. Antemo, fuorze a Rroma?

Gnorno' Nazione mia. Li capemazze se trovano ogne tanto na vota dinto a la chiazza, ma lu tiempo loro e' a Natale, quanno nce danno la voce: e' autra rrobba… e' autra rrobba. a' 36 ll’avimmo avasciate… comme la staje danno tu mo da Firenze.

Si e' pe S. Antemo po, e' no suonno bello e buono. S. Antemo non a' lassato maje d'essere lu paese de ll'ovajóle. lu protettore de chelle ppoverelle che beneno a Napole da la ponta de juorno, co no peretto d'asprinio sotto e na sporta d’ova ‘nca'po.

Vide, buono addonga che da chist’urdemo sulo doje ova bbone te potarrisse abbusca', pecche' S. Antemo e' lu patrono de l'ova.

Ma comme t’e' benuto 'ncapo, lasseme sentere? da qua sciumo a'je piscato sto sorte de sparaglione, a qua padula a'je spastenata sta carota, dinto a qua mastrillo viecchio a'je ncappata sta zoccola?

Oje Naziò, e facimmo nu poco l'uommene, e penzammo a suggiuvarece l'uno co ll'autro lu mmeglio che ppotimmo, penzammo cchiùttosto a lu muodo comme meglio condizziona' ll’Italia, fernirla de fare metterce na bona sopponta da sotto; ma non ammentammo pallune, non risuscitammo li muorte, lassammo sta le buscie, lassammo de fa li ciarlatane 'nvece de fa li giornaliste.

È possibbele che a lu juorno d’oje se po crede re cchiù a le circolare de li borbonece? Si li borbonece so mmuorte, si lu partito e sfumato, si l’ex Rre lloro se sta apparicchianno a ghiresenne da Roma, e nuje a ghi' lla' ad appiccia' li lampiuncelle,’ncoppa a la Cupola de Santo Pietro? E presumibbele, comme dice la circolare toja che tra breve jennosenne li franzise e Francisco, nne venarra' lu finemunno dinto Roma e li pretise (sic sic sic) difenzure de li Borbune se menarranno dinto a le pprovincie noste, e se farranno a ffecozze co tutte li contrarie a li passe lloro?

È presumibbele ca nce venarranno a spara' pe lu fucone, o nce trasarranno da la parte de li quartiere de vascio, e se chiaffarranno a Napole co nuje, apparicchianno lu paese, a' chi?...

Oie Naziò, chiste so pelone ca sulamente tu potive costruì: siente a lu Trovatore.

Âelle, belle, belle assaje chille conziglie de li volute menistre borbonece, quanno nce diceno, o sia quanno tu lle faie dicere: Porterete nel primo elenco i seguenti nomi, zzoe a lu momento opportuno taccariate a chiste! - Quanno diceno ca quanto primmo nce mannarranno il cape-squatre pe pripara' lu movimento!!!... ca s’a' da da a ffuonno co chesto, e s’a've da allumma' chell'autro, che s’a'nno da disarma' chiste, e mettere a li sprattece chill'autre, comme dicevano na vota li surdate de Marina!

Oie Nazio' siente no conziglio de lu fate: de cheste buffonarie a Napole nn’avimmo chiena na panza, non nce fanno cchiù 'mpressione, non nce avimmo cchiù credenza, e nce pastigliammo pe ll'uso commeniente. Siente a me.

De quanta carte so benute a luce co prommesse, appuntamiente, particulare, eccetera eccetera, nuje nn’avimmo subeto saputo la vereta' e scommigliata la mbroglia: nne stammo stufe, pecche' avimmo canosciuto lesto sti strangolaprievete addo' fujeno stufate.

Mme potisse dicere sti piatte modierne, chi e' che li stufa, si li stufisso, zzoe' lu partito borboneco, o stu.…. o tu? Na vota, a lu pprincipio de la rivoluzione venette pure n'autra circolarella ammantecata, che prommetteva mare e munte, dicere de vole fa, e vole dì, de riorganizza' armata de terra e armata de mare, de dare chisto e chill’autro 'mpiego… Ma.… e??? - Chi la scrivette chella spampanata, mme lu sapisse a ddicere?

Avite avuto ll'abilita' vuje autre giurnaliste, buone 'nformate! d’appura' ca ll'urdeme doje encicliche de Pio Nomo so state scritte da lo giesuita P. Piccirillo, direttore de la Civilta' Cattolica (??), e non avite potuto sape ancora chi s’e' spassato a 'mpa'stucchia' chella circolare? E site vuie, e ch’avra' da dicere lu povero Trovatore? Penzammo a cose serie, Nazione mia garbatissema; a le mmigliorie de lu paese, a la ristorazione de le finanze noste, e da conziglie sane a lo governo, poveriello, e metterce tutto de lu nnuosto pe fa ll'Italia Una, felice, contenta e tocoliata.

Penzammo no poco a fa defrisca' tutte le cchiaje de che vanno commigliate quase tutte li paise d’Italia.

De migliora' la sorte nosta, 'ncomune, de soccorrerce dinto all'abbesuogno, de fa feni la miseria.;.

Oie Naziò, vi ca nce stamo paricchie poverielle sotto a la cappa de lu Sole, che non teneno nisciuno surzo d’acqua pe se 'nfonnere li labbre... e tu te nn’jesce costi ciucciarie?

Oje Nazió, penza ca appartiene a la Nazione d’Italia, addo' ncE a'nno da essere uommene co li bbaffe, e no criature co la pettola a chillo servizio.

Te miette appaura de le ccircolare tu, fatte o non fatte da no partito, o pure cride a chille vierze che diceno:

Udir dal fondo gracidar la rana,

E indizio certo di vicina piova

Tu fuorse stanno mpolemeca co la conzorella ll'Opinione a'je voluto arrubba' ll’urdema gloria soja, arricordannote chella tale lettera de Mazzine, fravecata da essa, e aje voluto copia tu pure lu modo sujo de procedere, zzoe crianno a luna chiena cierte tale circolare borbonece!

Povera Nazione.… de carta! faje proprio compassione. Quanto e' lu vero ca lo cielo primmo fa li vuoje, e po l'accocchia.

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 82 - Giovedi 15 Novembre 1866

LE CCHIAJE DE LU PAESE

Mmemoriale a lu Prefetto de napole

Comm. Marchese Gualterio

Pruocolo - Addo vaje, neh Pulicin¸?

Pul. - Vaco "ncoppa addo' lu signore,

a portarle stu mmemoriale.

Pruoc. - E nne cacce assaje !

COMMEDIA ANTICA.

Marchese Collennissimo,

Non ve facesse mmaraveglia si lu Trovatore a've la temereta' de nnerezzarese a buje, e appresentareve le ssuppreche soje. Tiempo nn'è, signore mio, e si non nce avotammo a chi, tenimmo, e a chi nce commanna, non saccio a chi bonora lu potarrammo fa.

Marchè, perdonate nnante de tutto si ve scrivo ‘ncarta de stampa; chesta e' l'ausanza mia, e po, ‘nconfidenzia, mme mancavano li 55 cianteseme beneditte pe accattareme la carta mbullata; a lu ccontrario de na vota, che supprecaje a no menistro de lu 'nterno, ex, 'ncoppa a carta straccia, e fuje pure esauduto! Ma mo po esse carta de se carrine la fuoglio, ca se ne caccia lu fforte… eccetera.

Chiudo la parentese..

Marchese mio, io faccio la causa de li paisane mieje, comme fuorze saprite. Addo' nn’arrivano lloro co la voce, nce arrivo io co la penna, e faccio de sta manera l'ufficio de porta-voce, e mme metto ntra lloro e ll'autoreta' de lu paese; e frizzo, E pogno, e mme nzimmo, e aizo lamiente, ma non sempre ne caccio lo costrutto pecche' cierte tale e cquale gente nce hanno ntostata la faccia.

Signore mio, mm'avoto a buje chesta vota co la speranza ’ncore de vederce esaudute, onne scanza lu mmale; pecche, comme capite bene, si a na malatia non se da ncapo a lu pprincipio, bonanotte, se po penza pe li schiattamuorte!

Marche, avite conosciuto ancora stu paese? io credo de no, pecche nce state da poco tiempo: ma stu paese canoscese da chi nc’e' nnato, da chi nn’a' zucato lu llatte, da chi s’e' pasciuto a lu sole sujo, da chi s’e' addecriato a lu bello viento frisco che nce menava na vota. cca' na vota tutto era gioia, tutto era festa, tutto era allegria, tutto era sfarzo. Non se penzava a li guaje pecche' non nce ne stevano, e si nce ne stevano erano tanto poche ca niente. cca' si se tozzoliavano li vasule, co li piede se vedevano lesto caccia da sotto a lloro li dudece carrine, chella tiranna moneta, che mmo, salute a me e a buie ca lu conto, e' morta pe stu paese e non se nne vede cchiù.

Io hon faccio paravune pe non di' male de lu ppresente: lu ccalcola chi vo, e si nce trova lu vantaggio sujo, che bonprode lle faccia.

Ogge però, Commendatore garbatissemo, ll’aria de lu risorgemiento nce a've apportate tanta belle cose che nuje non canoscevamo manco. Ta'sse, soprattabse, priestete, aumiento ‘ncóppa' a chesto, aumiento ‘ncoppa a chest'autro, e tutto sta ben fatto, e nuje acalammo la capa pecche' e' ghiusto ca lu guverno fosse ajutato coli pavamiente, e che nuje pavassemo, pecche

«La libberta' se pava.

Ma, sbenturatamente, pare ca a tutte sti sacrefizie nuoste se nce volesse mettere no poco de jonta juorne juorne, e se nce volesse spremmere lu gravugnolo continuatamente da na maneca de briccune e de cammurriste.

ca' nce spremmessemo pe lu Stato, transeat: e' llegge, e co la legge non se pazzeja. Ma che a no paese accossi gruosso nce avesseno da detta' veramente legge quatto cafune de Torrise e Gragnanise, quatto rapuonzele de Nocera de li Pavane, e tutte 'nzieme, na vranca de mosca-mmocca che non sanno manco la mana deritta lloro, chesto e' chello che lu Trovatore sottamette a lu judicio e comanno vuosto, e spera ca co chillo sinno che tanto v'assiste nce mettarrate lesto la mana vosta prefettesca.

Signò; comme cierte tale paisane de fora so chiammate magna-polenta, accussi lu napulitano da che munno e munno e chiammato magna-maccarone. E non e' no sfregio calle se fa co stu vocabbolo concettuso, ma pecche sotto a lu cielo de Napole li maccarune so state sempE lu primmo piatto cannaruto, la meglia vivanna de la gente vascia, e la piatanza cchi priveleggiata de tutte li prencepe de lu paese nuosto.

Marche, si sapisseve quanta signure oltramuntane se so benute a sfama co li vermicielle nuoste a la pommadora, e li strangulaprievete ammartenate fatte co no cierto zuchillo che solamente a Napole se sape fare! Si sapisseve!

Embì, chi ll’avesse ditto ca doppo tanta sciala sciola, sarria venuta n’epoca ca lu napolitano diruzzannose, comme diceno li patute, avria avuto da addesedera' lu primmo piatto sujo privileggiato, e guardarelo da lontano co lu cannocchiale de longa vista?

Oh, diciarrate Vuje, Trovatò, comme si meuza; se suppreca a no Prefetto pe na piatanza cchiù E meno de lu popolo, comme si lu Prefetto fosse sguattero de Rafele a la Galitta?.… - Ma, scusate Marche, e perdonate si mme ‘nzinno troppo. Facimmo no caso ca ll’Acc. V. tenesse ll’uso ogne matina da che e' nata de se magna' na brioscia de 3 grana, e sta brioscia, pecche' lu cafettiere mariunciello sapesse ca ve piace, ve s’aumentasse juorno juorno; ogge 3, dimane 4, doppodimane 5, e bia discurrenno. Io credo call’Acc. V. co tutto ca tenesse li denare co la pala, pure se resentarria, e diciarria: oh caspita, stu brigante de cafettiere mme vó fa le ccorne dinto all’uocchie. Non e' lu vero, Ccellè, ca diciarrisseve accussi?

Ora mo, dico io, a nomme de lu popolo fratiello, pecche' quatto mariuncielle de monopoliste s’hanno da spartere la cammisa de Cristo bbeneditto, e nce hanno da fa addesederare lu ppane a la jornata, ammancare lu ggenere, e arredducere proprio co l'acqua 'nganna, comme se sole dicere?.

Marche, cca li vivere de primma necessita' stanno saglienno juorno juorno, e Dio sape addó diavolo sarranno portate coll'aumento.

cca' li maccarune, genere uneco a Napole pe sfama' lu povero e lu ricco, lu nobbele e lu prebeo, la damma de corte e la femmenella vasciajola arrevate a no prezzo no poco scannatiello, a' 14 rana lo ruotolo, e de 12 rana non se nne trovano, e si nce ne stanno quatto so ‘mpastate de vrenna e d'accussi chiammata azzEmma'tura.

Signò, cca na vota lu fatecatore li pavava, de mediocra qualita', a sette e otto rane lu ruotolo! e tanno teneva comme spennere.

cca', na vota, lu ppane e ghiuto 'nzino a tre grana, e se poteva addeggeri; ma mo co 9 rana lu ruotolo, e 2 onza mancante, e' brutto, e fetente, e' no piezzo de chiummo.

Volite sape da che tutto chesto, pecche' v’aggio fatto sta suppreca, e quale so li remmedie che nce se potriano da? - Niente de cchiù piacevole, signore mio. - Ve lo diciarraggio a lu nummaro che bene, pecche' mo so arrivato co lo trascurzo.

(Continova)

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 83 - Sapato 17 Novembre 1866

LE CCHIAJE DE LU PAESE (2)

Mmemoriale a lu Prefetto de Napole

Comm. Marchese Gualterio

(Continuazione e fine)

Lu popolo napolitano tutto, Accellenzia collennissema, e specialmente chella parte soja che s’accosta a lu ceto de miezo, e a chillo vasciajuolo, e' poco propizzia pe la politeca e pe le stituziune.

Datele pane e non le toccate la religgione, e lu faciarrate signore; facitele ji' li vivere a buon mercato e sarra' contento de vuje; no l’astrignite tanto la correja de la cinta de lu mmasto sujo, e non ve movarra' no lamiento. ca de lu riesto poco le mporta si nce sia Ricasole o Rattazze, lu Commendato popolo de Napole, e niente cchiù; vo sta cujete dinto a la casa soja, e, bo' fatica' co li, sudare e stiente suoje, abbasta che a've li mezze de trova' sta fatica.

Lu celebre Menistro Tanucce, mmano a la vecchia Dinastia, aveva capito ll'indole de li napolitane, e perzo' accaccije lu muttetto de le tre F, che erano necessarie pe governa' sto regno, una de le cquale se spiecava FARINA. Date la farina a sta paese, e pe essa llu ggrano a buon mercato, li maccarune a buonissimo prezzo, lu ppane a' 6 rana lu ruotolo, o sia a lu chilo, e l'avarrate fatto signore.

Senza de chesto non saccio nisciuno autro mezzo pe ffa ferni' lu mmurmuliamiento. E pe fa chesto sapite che nce vo, Marchese e Prefetto nuosto? Na cosella de niente, l’esecuzione de no piccolo conziglio che sottometto a la justizia vosta'.

Lu ggrano nce sta, e nce ne sta assaje. Li paise nuoste n'abbonnano, e castiellammare de Stabia a lu momento che scrivo nne sta chino,ve lo ppozzo assicura' io 'nfede de galantommo.

Ordinate a lu sottaprefetto de castiellammare de' sorviglia' la vènneta de lu ggrano, e metterce la’ veletta si se fa scannalosa, o a prezze regulare, siconno richiede lu commercio. Fatto chesto, fare mettere na buona, disposizzione ‘ncuollo a tutte li niozziante gragnanise, torrise e nocerise; ciascuno dipennente da lu sottaprefetto sujo, li quale teneno ll'uso, ca ancorche lu ggrano ll'accattasseno a 20 carrine lu quintale, li maccarune li fanno sempe sagli, a chillo prezzo che pretennono.

Nc’e' stata ancora nisciuna legge che ave processato li niuzziante de primm'ordene? Gnornò, lu mercante ngruosso ave accattato lu ggrano comm’è, ghiuto a la chiazza, e ave fravecato li maccarune vennennole a muodo sujo, e sicunno ll’e' benuto lu còa'piccio. E si quacche bota a saputo ca no niuzziante confratiello e' benuto a fa li cunte co li venneture a dettaglio, e s’a' fatto pava' quacche carri-s no mancante de ll’autre genere sujo, sti tale ll’a'nno appostiato la sera, e ghiennennole la capa s’a'nno fatto prommettere d'essere cchiù tirato e carestuso pe l'abbenì.

Abbesogna saperese de l’Acc. V. ca tutte li niuzziante de ste pparte vanno sempe de concierto, e stanno aunite nfra de lloro. Da lloro lu genere caro, da lloro lu vascio. Ía'nno ditto ca pe na settimana non bonno fa fatica' li ‘ngegne e fa ammanca' lu genere a Napole? e pe na settimana non se faticarra', e li ‘ngegne starranno a spasso.- Íanno ditto ca dinto a no mese le ppaste hanno da aumentarese de 2 rane a chilo? e non dubitate ca' aumentarranno autro che chesto, e se faciarranno addesedera' a lu paese. E tutto chesto pecche? pecche' non teneno nisciuno soprastante ‘ncuollo de lloro, e lo genere e necessario a lu paese nuosto. Pecche' lloro da povere provinciale che erano se so fatte ricche ‘ncuollo de nuie, e s’hanno aizate le ccase, e teneno, che magna'; pecche' nisciuno gragnanese e torrese, va esente d'esse proprietario de no stabbele; de duje o tre traine che lle servono pe lu trafeco, e de na meza dozzina de cavalle che stanno a disposizione lloro dinto a le stalle de famiglia.

Spia'te a chiste tale: Vuje co qua niozzio avite avuto tutto sto bene de Dio? e ve risponnarranno: da lu commercio nuosto. - E da quanto tiempo state facenno stu commercio?

Ve risponno io pe lloro. Da pochissemo tiempo, dinto a manco na dicina d'anne, doppo la morte de li geneture loro, e da quanno hanno accommenzato a niuzzia' senza che nisciuno nce avesse vigilato.

Ogge pero' s'e' cchiù arraffinato lu brodo, e s’e' accommenzata n’autra specie de nnustria. Paricchie niuzziante de maccarune de Nocera de li Pavane s’hanno affittate cierte malazziene ‘ncoppa a la strata ferrata de Napole, addo' deposetano tutto lo genere lloro. Veneno a Napole, visitano li malazziene nei de li venneture ‘ndettaglio, e siconno li trovano, o chine o vacante, o provvedute o scarze de genere, accussi se regulano, accussi disponeno li prezze all’ingrosso, o sia mettono lloro ll'assisa. Si nce li bonno pava', bene, sino ‘nzerrano li malazziene de Napole, se mettono dinto a lu Vapore, e senne vanno a la casa lloro; da do' po veneno lu dimane p'accommenzare la medesema storia.

E chesta e' la camorra che se sta facenno da no piezzo dinto a lu paese nuosto. E chisto e lu commercio de Napole arreddutto a chisto stato.

Comme volite ca li genere jesseno vascie, Acc. si le venneture a la minuta ricevono la legge da li monopoliste de fora: o chesto o sinò?

Ccellè, ‘nformateve no poco de l’esposto, e provvedite, pecche' la gente sta paccariata, e a Napole e' necessario buono pane, e meglie maccarune, e a prezze convenevole.

Penzate ca mo se ncorfa vierno, vierno, e quanno veneno le ghiornate chiuvose che menano l’acqua a langelle, chille tale niuzziante se fanno cchiù preziuse, pecche' trovano difficorda' ca lu genere non se po asciutta' a dovere, e a' da fa cchiù prezzo.

Ccellè, provvedite, sino' nuje sotta Natale vedarrammo li vermicielle a' 16 ra'na' a lu ruotolo; E pe conzequenzia lu ppane a quacche meza a llira a lu chilo!

Aggio ditto, e mm’aggio scotoliata la coscienza.

Ve saluto.

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 84 - martedi' 20 Novembre 1866

Crònaca de li tiempe!

Viate i tiempe, che fujeno criate da Ddio co no sciuscio de ll'onnipotenzia soja, quanno passiava pe lu paraviso, e che fernarranno co no sciuscio, quanno lu Signore se sarra' stracquato de nuje.

Oh a chille tiempe! dice lu viecchio peruccone annettannose na lacrema vecchia che Ile scenne spisso da dinto all’uocchie, e che l’arricorda ca nato co lu chianto, se jarra' a corca' ll’urdema vota co lu chianto.

Viate a li muorte, a chille che, requiescat a lloro, se songo accojetate una vota pe ssempe. - a' lu tiempo d’oje la crònaca' segna scenuufleggie a bita tagliata, arruino pe tutte le pparte de lo munno, scannale tuorno tuorno addovunche te vuote, licenzia e lebertinaggio a tutte li pizze de le ccase.

cca' se joca, lla' s'arrobba, a chillo pizzo se congiura, a chill’autro se rinneja a Ddio, e se smaledice a lu Papa.

Si li vavune nuoste se trovasseno, ancora a chisto munno, o arapresseno no poco l'uocchie da lo pizzo addo' se trovano, avarriano proprio che vedè, e se ne tornarriano tanno tanno dinto a le ttane de li trapassate, pe ppaura de non se 'mbastardi' n’autra vota a sti tiempe de li vive.

Li muorte antiche, arretornanno pe no momento morticielle frische trovarriano la riforma che a'nno miso ‘ncampo li sante patre coscritte, e bedarriano cierte tale e cquale prevetarielle, che, ‘nzoratese siconno ll’urdeme legge attuale, songo li primme a sbattere le mmane, e a prepararese pe ghi' a Rroma a spotesta' lu sano Pontefice.

Ma li viecchie che risurzetate pe, no poco sentarriano sta cosa scannalosa strillarriano co tutta la forza de li premmune loro: Roma non se tocca, Roma e de Pio Nono e li successure suoje, li quale veneno da Ddio!

No passo cchiù nnante e bedarriano la navicella de Pietro sbattuta nn’auto mare, co no rimmo rutto, na vela arrepezzata, no temmonciello a anca-nicola, na banneriola ’ncoppa meza scancariata da li viente fauze; ma mpero' guardarriano 'nfaccia a lu temmone lu viecchio, de lu marenare carmo carmo e sereno, co la pacienzia che ll'accompagna, la fiducia a Dio, tutte le fforze de l’anemo sujo poste nn’opera pe sarvarse da la tempesta; e commattere contra a l'onne, e cammena' co li viente contrarie, e correre pe ccoppa a li cavallune comme po correre no ligno buono quanno viaggia co la bonaccia. E li viecche antiche se farriano le ccruce; pecche' guardarriano purzi no stuolo de gente smocca che da miezo a la riva co ttanto no para d’uocchie apierte starria aspettanno l’affunnamiento de chella varca, che siconno tutte l'apparenzie pararria a essa de vole ji' a precepizio; ma.…

Siccomme Roma non se tocca, accussi chella varchetella non ghiarra' a ffunno, e bedarra' cchiù ttosto zeffunna' tutte li ligne de lo 'ntero mappamunno, anze che ammarronare pe no tantillo.

Avotammoce a li tiempe, a li tiempe antiche, a' chille de na vota, quanno l'uommene che abitajeno le stesse case noste penzavano diverzamente, non gia' a capolitrommola, ma co li cerevielle sane, e guardammo ll’azziune lloro, e conchiudimmone quaccosa.

che facevano li viecchie antiche p’essere tanto prosperate e ghire nnante co le fatiche? che remmedio cchiù de nuje avevano a ttiempo lloro pe essere accussi felice, da rommanire a buje e a me chella tozzarella de pane che nce stammo spuzzulianno ancora, si, pe li tiempe attuale, non l’avarrammo data a lu diavolo?

Oh.. chille tiempe! belli tiempe, felice tiempe, subrime tiempe, pacifeche tiempe... Vuje jereve no bisciù, ma no bisciù addavero, pecche' non ve chiammaveve co lu soprannomme de lu progresso.

Tanno li vavune nuoste vestevano all’antica, portavano li cazune co li terocciole, e le scarpe a lu pede co li ffibbie, ma erano uommene sane, ma tenevano tanta salute e annore ‘nfaccia ca non nne teneno mo tutto li riformature de lo munno.

Tanno vestevano de classe, co le sciassetelle de seta scambiente, le ccazette de raso a le gamme, li sciabbo' a padiata 'mpietto, li gile' a la Don Nicola, co lu vrachettone da sotto; ma, fora moda, ‘nchille tiempe, chille viecchie sciabbolune teneva no chelle ssacche chiene d'oro, carreche de doppie de Spagna, zeppe de ‘ncolonnate viecchie, che spisse vote sbummecavano da fora.

Ma chille viecchie lla' se lu mmeretavano pecche' nnemmice de ogne progresso dissordenato attennevano a le legge de Dio E de la cchiesia, se sentevano na messa a la matina, vedevano la faccia de no confessore, non sputavano comme se sputa modernamente. Addó la guerra contro a li prievete, a li muonace e a le mmonache, addo' tanta cospiraziune e mmaleparole contro a lo Pontefece de Roma?

Li viecchie antiche s’arricordavano de na massema vera, santa, justa, pesante quanto po pesare lo munno, ed era: TUTTO Lo ÂÂENE VENE DA DIO. E lu temevano, e se nce arraccomannavano, e capevano ca si volevano cammena' deritto e avere ogne bbene a chisto munno s’avevano da avotare a Iss0.

- Ah. ah.. ah…. Trovatore imbecille, fai la predica al popolo tu? e che ne ricavi ai giorno d’oggi?

Ah.. birbante.... Ma credite vuje ca accussi a da rummanere lo munno? ca lo popolo napolitano non ave da credere cchiù a Ddio pe la nzinuazione de li protestante, o che? Povere scieme; povere ccape sciacque, povere struppiate de li tiempe attuale!

Li vavune nuoste prosperavano, erano sante pecche' non ghiastammajeno a li sante, e buje li scassate da dinto a li calannarie!

Li vavune nuoste quanno vedevano a Cristo jre 'mprociessione pe soccorrere po malato, scennevano da dinto a le carrozze, e l’adoravano co la faccia pe tterra, co lo musso dinto a la lota.

E buje ch’avite fatto pE cristo ‘nSacramento?!!

Li vavune nuoste quanno se parlava de li Pa'pE passate tremmavano da capo a lu pede, se facevano no pizzeco a conziderarene la dignita', a carcolarene lu carattere, a pesarene la grannezza; pecche' sapevano de causa e scienzia ca lu Pontefice de Roma e' lo rappresentante de Cristo Onnipotente, e' lu Vicario sujo ‘nterra, ogne parola de lu quale e na sentenza benedetta e approvata da Dio. E buje ve preparate a fare la guerra a Pio Nono? Vuje?

Ma avite riscontrate le storie, e la cronaca de li tiEmpE?

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 85 - Giovedi' 22 Novembre 1866

LA PROTEZZIONE FRANZESE A LI TIEMPE NUOSTE!

Nuje ricevimmo e leggimmo quase ogne ghiuorno tutte li giurnale de Napole e fora Napole e non trovammo autro che una cantilena che vatte ‘ncoppa a la medesema cosa, zzoe' a lo prossemo sluggiamiento de li Franzise da Roma.

Chille Franzise ca pe diciassette anne so state co ll'arma a lu vraccio a difennere lu S. Patre, e a guardarele li terretorie suoje!

Chille Franzise che, nate puramente cattuolece, se so dichiarate li figlie primugienete de la cchiesia! e che mo, orate frates, ll'avotano li spalle!

Chille Franzise che ogne ghiuorno pigliannose na benedizzione da lu Pontefice ll'anno sempe assicurato de la devozione lloro, e che fenuta ll'urdema posta de lu rosario, s'astipano la corona e fernesce no de fare li devote!

Addonga, l’ommo pe quanto po’ esse gruosso a munno sujo, e forte comme a Sanzone, tene sempe quatto facce comm'a la cepolla? Sempe! - Non abbesogna maje mettere fiducia e speranza a n’autro ommo, pe non esse 'ngannate, e essere ‘nziemamente smaleditte.

E lu viecchio de lu Vaticano fa buono ca vede e capozzea, e quanta vote le parlano d'evacuazione franzese, e de partenza de li protetture suoje, risponne: buon viaggio, e nisciuno rituorno. E da na guardata ‘ncielo da do s'aspetta ll'ajuto potentissemo sujo, e chelle tale legiune che non potarranno venire meno, ne maje, ne ssempe! La Franza governata da lu 3.° Napolione e' stata sempe contradittoria a riguardo de protezziune soje, e la storia de li fitte nce dice ca quanta vote a' prommiso na cosa difficirmente ll’a' mantenuta!

A 11 13 de giugno de l’anno 1856 Napolione 3. dicette nfaccia a li Franzise: «Io songo ricanoscente assaje a la Santita' de Pio Nono, pecche' isso se compiacette de fa lu compare a lu figlio mio, e richamma' ‘ncuollo d'Isso e de la Francia la benedizzione de lu cielo.»

E pE ringrazziamento de tanto annore mo lu lassa sulo dinto a l'abballo!

Doppo 4 anne, quanao araprette la sessione legislativa a lu 1860, trovannose a parla' de Roma e de lu Papa, agghiugnette:

«Da unnece anne io difenno a Roma lu potere de lu Santo Patre, e lu ppa'ssato a've da essere la garanzia pe l’avvenì.»

E la garanzia se sta vedenno, pecche' s’apparecchia a richiammarese la truppa!

A li 12 de luglio de l’anno 1861 scriveva a lu RrE Vittorio Emmanuele II de chesta manera:

«No Governo e' sempe attaccato da li fatte suoje antecedente. Song'unnece anne che io defenno a Roma lu potere de lu Santo Patre. Lassarraggio le ttruppe a Romanzi a che Vuje non ve sarrate riconciliato co lu Pa'pa'.»

E mo non aspetta manco sta conciliazzione, e se retira li suoje!

E non solamente tutte ste spampanate 'mperiale ascetteno da la vocca de lu magnanemo D. Proclamò, ma quanto facette parla' ‘nchisto stesso senzo tutte li caicche a li rappresentante suoje.

Lu Menistro franzese Rouland lu juorno 4 maggio 1859 dicette nfaccia a li Viscove franzise:

«Lu Prencepe che doppo li triste juorne de lu 1848 riportaje lu Santo Patre a lu Vaticano.…. vo ca lu ca'po supremo de la cchiesia venesse rispettato tutte li deritte suoje de soprano temporale

E lu Presidente de lu Senato de Franza diceva a lu 1862, dinto a no nnerizzo a Napolione 3.:

«Da mo nnante seguetarrammo a mettere confidenza a lu Monarca che protegge lu papato co la bannera franzesa, e che s'e' fatto pe Roma la cchiù vigilante sentinella.»

E ogge fernarra' sta sentinella, pecche' mmutannose la guardia, sarra' cagnata la fazzione!....

Âaroche lu Presidente de lu Conziglio de Stato dicette purzi a li 12 aprile 1860:

«Lu Governo franzese conzidera lu potere temporale ‘ndispenzabbele a la Santa Sede.... lu potere temporale non po’ essere distrutto. Si fuje ca pe restabbeli' stu potere ca venette fatta la spedizzione franzese a Roma a lu 1849.»

E Âillault, n'autro menistro franzese, parlaje a lu Senato a li 2 marzo 1861, coddicenno:

«Abbannona' Roma e' ‘mpossibbele!.. scordarece ca lu Pa'pa da diece anne e' mantenuto a Roma da nuje su le, chesto e 'mpossibbele!»

E cchiù nnante, a lu 1862, lu stesso Billault:

«Sloggiare da Roma sarria priparare avvenemiente che potarriano obbrica' ll'Europa a n’intervento forzato in Italia. a' lu stato de sbullemiento ‘n che se trova l’Italia e Roma, la rivoluzzione e' certa.… Lu Papa allora abbannona Roma: e credite vuje ca lu ‘Mperatore non n’avria isso la responzabbeleta'?»

E all’urdemo, quanno a li 12 marzo 1862 lu medesemo menistro s’avette le sbattute de mane dinto a lu Senato de Francia, qua'nno dicette:

«La cchiù semprece lialta' obbreca lu Governo franzese de non abbannona' chillo che a' protetto pE 10 anne. Ma quanto se tratta de lu Capo de lu Cattolicisemo, e chilo che sta a la testa de 200 miliune de cattuolece, e quanno la Franza da tanta secule se chiamma la figlia primmogeneta de la cchiesia, lu dovere nuosto non e' assaje cchiù rigoruso? Quanno la bannera nosta va a li confine de lo munno pe difennere la fede cattoleca', lu centro de la cattolicita' chesta bannera s’avascia e s’umilia?… »

E cca' faccio punto e basta a ricordareme tutte le squarcinnarle de la Franza Cattoleca, la figlia primmogeneta de la cchiesia, che pe diciessett’anne continove e' stata vigile sentinella de li 'nteresse de lu cattolicisemo.

Sloggiarranno li Franzise, e nuje li ringrazziammo, pecche' de chesta manera vedimmo abberate tutte le ppromesse de lu signore nuosto! e ll’urdema protezzione pe lu Papato pe da Franza cattoleca'!

E nce persuadarrimmo ca a lo munno d’oje s’a' da mettere sulamente la fiducia nosta a Ddio, e aspettare da Isso tutte l'ajute nuoste, comme l’aspetta Pio Nono. a' chiare le bbraccia, a starece cujete, a rispetta' tutte quante li santisseme decriete de la Provvedenzia, arricordannoce lu mutto populare: Non tutte li male veneno pe Nocera!, e la risposta che dette no juorno lu Cardinale Antonelli 'nfaccia a no depromateco, che lle spieje che nne penzava de lu dimane: - Che nne penzo de lu dimane? Ma non sapite, s’avutaje lu Cardinale, ca LU DIMANE E’ IGNOTo a' TUTTE?…

LU TROVATORE

Dispacce Elettrece

(AGENZIA VATELAPESCA)

Prefetto Gualterio a Ministro Barone Mbruoglio - ccellè, sinnaco Noli arricettate bavattelle feuuto sinnacare sinnacabele. cosa dovere fare?

Mbruoglio a Gualterio - Trovate vuje autro soggetto pronto sinnacare siconno vuje sapite.

Gualterio a Mbruoglio - Propongo vuje colonna, Affritto o TEnore.

Mbruoglio a Gualterio - Non piacere nisciuno tutte treje. colonna essere cattiva colonna e quanno Âanco stare appojato ncuollo isso fare tracchete e sgarrupato ogne cosa. Affritto avere brutto nomme ed essere poco politeco sotto Natale accrescere affrizione Napolitane co sinnaco affritto affitto. TEnore sta re troppo lirico e nuje non volere fare fare concorrenza D. Aa'tonio cecato e Cicciotto cantante popolare.

Gualterio a Mbruoglio. Ma allora dicite vuje comme volite cchiù o meno nuovo Sinnaco?

Mbruoglio a Gualterio - nuje avere abbesuogno sinneco quale facesse servitore ministerio, ntutto e pe tutto.

Gualterio a Mbruoglio E ll'avisseve ditto a'pprimma! Aggio trovato. chisto Sinnaco es sere servitore verace pecche' chiammare De Siervo e avere servuto a barda e a sella a diverze patrune.

Mbruoglio a Gualterio - Chisto e' isso, chi sto e' isso! E bravo Gualterio, e bravo Gualterio, e bravo Gualterio.

Gualterio a Mbruoglio - Grazie, grazie, grazie!

Anno I. - Nummaro 86 - Sapato 24 Novembre 1866

Attualita'

LU GENERALE FLEURY A FIRENZE

Io non aggio che ve dicere de bello, pecche' non songo avezzato a ‘mballa ll'amice mieje.

Non nce sta nisciuna novita positiva sotto a la cappa de lu sole, e nisciuna nuvola nova chiena d’acqua s’appresenta da lu cielo. Fuorze tra breve nne venarra' una, e assaje, tanto ca non nce starranno ‘mbrielle soddisfacente p’arrepararene ll'acqua; ma pe: mo niente ancora, nisciuna facenna conziderevole, ma sulo quacche ridicolaggene sperta sperta se vede cammenare ancora pe lo munno ‘ncerca de conciliazzione, e de accordamiente, ma senza frutto.

Liggenno li giurnale de la Capitalia nosta provvesoria, e chille franzise purzi, trovammo ca lu gennerale franzese Fleury partuto pe Firenze nce sia arrivato a chest’ora, doppo d'essere passato pe Nizza e pe Genova.

chi e' lu gennerale Fleury, de lu quale parlano tanto la Patrie, lu Nord, l‘Independance, eccetera? E no mannatario de Napolione 3°, uno de li tante macchiavelluse serviturielle de lu magnanemo suvrano, lu quale e ghiuto a Firenze onne concerta rese co li nuoste, e bede a lu miglior mezzo possibbele d'acconcia la facenna de Roma.

A lu pprincipio sta venuta soja se teneva pe no mistero, ma da poche juorne a sta parte s'e' scommigliata la storia e s'e' saputa na meza vereta'.

Napolione 3° quanno vede ca se prepara nasce na nova dinto all'Italia, afferra pe pietto uno de sti tale scudiere suoje che lu servono da Sancio panza, lle schiaffa na livrera ‘ncuollo e na lettera dinto a la sacca, e le manna a…… addo a've da jì.

Lu Mèmorial Diplomatique, giurnale franzese che pretenne sempe de sape' quaccosa de buono, e che 'nfine de li cunte e no miezo ciarlatano, assicura ca stu signora avesse doje facenne da finalizzare a Firenze; una de congratularese co lu Rre d’Italia da parte de Napoljone, p'ave' pigliato possesso de la Venezia; e n'autra de porta a lu medesemo Rre Vittorio l'urdeme conziglie de la ‘Mperatore, relative all’esecuzione de la convenzione de Settembre. Sia lodato Ddio. Pare proprio ca li conziglie de Don Vintefranche 3° nce facesseno no bene positivo all’anema e a lu cuorpo: li stevamo aspettanno co ll'ova 'nganna!

Ma lu ccuriuso non e' chesto, ma sibbene lu rie sto de l'articolo de lu MEmoriale lu quale agghiogne:

«Lu Gennerale Fleury a da resta' a li scianche de lu Rre de Italia durante tutto lu tiempo de la crise politeca, che se prevede in Italia» com me a organo de lo Governo franzese, 'ncarricato de vigila' pecche fosse eseguita a capillo lu stabbeluto de la convenzione, e l’uobbreche contratte da lu gabinetto de Firenze». Dice pure ca stu bbeneditto pozz'esse non s’a' da portare a Roma, almeno a lu stato attuale de le ccose, nzi' a che non fosse nicessaria sta juta soja doppo la partenza, de le ttruppe franzese, e quanno potarria essere nicessario a Pio Nono!

‘Nzomma pe farvela breve stu gennerale Fleury e' no Commissario ‘Mperiale che e' ghiuto a regula' a Firenze le facenne de Roma, comme Leboeuf ordinaje a Venezia, a Verona e a Mantova le ccose de lu Vèneto!

L'Independance Belge pero da n’autra spiecazzione a sta juta misteriosa, pecche' sempe no mistero porta sotto co essa, e se spieca de chesta manera, coddicenno ca isso non nce crede pe niente a sta voluta conciliazzione, comme non nce crede manco lo stesso Mperatore! (so belle ste bereta'!) Ma che siconno isso, isso giurnalista, sta juta bella e bona de lu preditto, riditto e strummettiato gennerale, sia na pura formaleta' da parte de la Franza, pe poterse dicere no juorno da chillo… rispettabilissemo Don Proclamo' d'ave' fatto lu ttutto da la parte soja p'acconcia' le balanze scarze, sarva la crapa e li cavole, e metterce tutto de lo ssujo p’assicura' la pace addo nce potria essere la guerra!

Finalmente! (quanto e' bello chisto finalmEntE!) ca tutte sti finte sfuorze da parte de chi sapite vuje, so na vera commedia siconno tutte quante le ppassate, e che se mettono ncampo, ste scenate pe da no poco de fede all’oste, comme dice lu mutto!!!

Facimmoce no poco de concrusione, e ‘nchiudimmo lu discurzo, pecche sino' perdimmo li staffe, e ascimmo a chello che non bolimmo, e facimmo piglia collera a la Fisco, che bulimmo tanto bene.

La commedia comme vedite se trova all’urdemo atto, o pe di meglio all’urdema scena.

Roma sta lla, Pio Nono sta lla, li franzise stanno ancora lla, e nuje li guardammo da cca.

Lu Gennerale Fleury che se trova a Firenze se farra' na passiatella pe tutte chille contuorne, magnarra', vevarra', se ne jarra' a la lucanna, o addo l’avranno alluggiato, e scrivarra' a lu magnanemo signore de non ave combinato niente, pecche' tutte le ddoje parte ‘ncustione non nne vonno sape' niente, e bonno sta sempE ‘mpiccecate: quod erat demostratum et cognitum. che! parlo pure latino; e pe chi non me sapesse leggere, ERA COSA CHE SE SAPEVA.

PErzo' letture mieje che bolite sta ‘ntise de la politeca, si ve spiarranno ll'amice vuoste che cosa e' ghiuto a ffa a Firenze lu gennerale Fleury, rappresentante de D. Luigino lu magnanemo figlio primmogeneto de la Cchiesia, risponnarrate.... e' ghiuto a perderce lu tiempo, pecche' li fatte ch’a'nno da veni erano gia' state fatte!

E nuje che provvisoriamente jammo sempe a caccia de novita, e stammo co lu naso all'aria p'appurarene quaccheduna non avimmo da fa autro ca aspetta' lu mmatuòo.

E stu maturo succedarra' a li quinnece de lu mese che ttrase, pecche' tanno s’ammaturano ll’urdeme frutte de la stagione.

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 87 - Martedi' 27 Novembre 1866

Attualita'

PIO NONO E NAPOLEONE III

Mettenno da parte tutte le custiune siconnarie, almeno pe nuje, nce trovammo sempe de faccia la princepale de tutte le custiune de lo juorno, zzoe' chella de la santa barracca romana, comme la chiammano li sapute; e bedimmo a uocchio asciutto ca quanto cchiù se n'abbicina lu tiempo, tanto cchiù s'accresceno le ppavure, e s’arraddoppiano le ssemmentelle ‘ncuorpo.

Duje uommene stanno ogge ‘ncimma de la grossa situazione Europea, l’uno prevete, miezo spugliato, senza nisciuno appoggio, e co quatto gatte pe suddete; e l’autro gruosso, temuto, potente, chino de sboria e cereviello, e che governa no paese oh quanto cchiù gruosso e cchiù saputo de lu primmo!

Pio Nono, e Napolione III, teccove li duje suggette ‘ncuollo a li quale stanno fissate tutte l'uocchie de l’Europa.

Duje Sovrane pe li quale, a comme diceno tutte le bucche de li fauze e li vere sapute politèce, stanno ll'uno pe pperdere, l'autro pe acquista' lu trono, uno sta pe sciulia', ll'autro sempe cchiù pe saglì; uno mette compassione ‘ncore de li popole, ll'autro pavura'. Ma non sempe li fauze judizie de lo munno songo esatte ‘ncoppa asta terra.

capetisateme sti vierze, faciteme lu piacere, e a chi ve credivevo perduto restituitele lu ppotere, a' chi credite pe sciulia' guardatelo a l'allerta, e chi ve smacenevevo signore, potente e temuto, assigna' tele quacche ccosa de meno de chello che ttene, na perdeta grossa comme fosse, na caduta straordinaria e solenne a la ‘mpenzata, sia pure nu pizzo de isola, pe l’allariare lu comanno sujo.

Si li talentuse d'aguanno che corrono pe il Europa se facesseno no poco de mente lucale, e conziderasseno le ccose, e guardasseno i tiempe antiche, e s’arricordasseno le storie vecchie, oh quanta peccate mancante e cattive penziere non se farriano.

E li popole voccapierte che guardano e sentono, e se mmoccano tutte le cchiacchiere che se diceno e tutte li pallune che se vanno costruenno a la jornata, non se mettarriano tanto appavura de chello ch'avra' da veni, ma anze co chella fiducia de tutte li buone cattuolece guardarriano a lu cielo, e affidarriano a Isso la facenna, vevenno sicure de vedè dinto a no sciuscio chello che manco se penzavano, e restarriano co la vocca aperta.

Napolione 3.° e Pio Nono ogge se disputano la potenza e la sapienza, lu sape' fa e lu sape' dicere, ebbene, nuje vedarrammo, quanno manco nce sonnamno, chi sarra' lu vero saputo, e chi avra' tenuto cchiù potenza.

Oh… non sempe, li cannune e li fucile de nova costruzzione a'nno fatto ruciuliare li putentate.

Non sempe la politeca, e la politeca a doppia sola ôa'íEøE. a governato la munno.

Doppo na settimana d'acqua, ca lu temporale pareva de volerce tutte quante zeffunna', non e' asciuto ‘nnitto ‘nfatto lesto lesto lu sole? - E da do e asciuto nce avimmo ditto nuje? ma che stu tiempo e' marzo, mo steva chiuvenno, e mo e' accussi' bello schiarato? E nce n’ammaravigliammo, e pecchè?... pecche' non avimmo riflettuto ca li maletiempe quanto cchiù forte se fanno tanto cchiù ppriesto s'assocciano, e da tanta lavarune forte che bedevamo avimmo potuto facilmente cammena' pe la stessa via a piede asciutte.

Io guardo a Pio Nono e rrido, guardo a Napolione e…. rido.

Guardo all'uno co rrispetto e n’ammiro la fiducia e la potesta'; guardo all’autro pure co rispetto, e non ammiro niente; pecche' levatene lu riguardo ca nn’aggio d’ave' pecche' gruosso; io lu trovo simele a me pe ttutto lu riesto.

Guardo lu primmo e lu trovo sempe a lu stesso pizzo, sempe de bona salute, sempe co la faccia e la tranquillita', sempE co no viso surridente, comme si non le passasse niente pe cca'po.

Guardo lu siconno, e non lo trovo maje a pizzo pe no quarto d’ora. Ogge sta cca, dimane stalla, ogge va a stu casino, dimane va a chill’autro, e sempE co li miedece appriesso, e sempe co le ppurghe dinto a la sacca, e sempe co la salute de la carrafa de zecca ‘ncuollo d’isso.

Guardo lu primmo e la trovo viecchio de 74 anne, ma che le pareno cchiù ppoco, pecche' lu veco correre pe tutte le bie soje, cammena' comme a no piccerillo, ire ‘nzocccurzo de tutte li tribbulate, e fare tutte ll'affare suoie.

Guardo lu sicunno, e simbe' de 58 anne sola mente, pure pe li gruosse penziere che ttene, io lu sento cchiù biecchio de lu primmo, sempe affaticato, sempe penzaruso, sempe attorniato non ssaccio da chi, sempE co n’uocchio appavurato che te guarda irrecujeto!

Ma 'nzomma de duje uommene che se trovano quase queste a no medesemo scanniello 'nmateria e potere, e che stanno uno a ppoppa e n'autro a pprora 'nfatto d'abbenì, chesta deverzita' se vede?

Chesta.

È la fede che mmanca ncierte momente a ll'ommo spacienziuso. E la coscienzia chella che ppo non fa trovare abbiente a li misere morta e, e' la saraca dinto a la sacca chella che tene lu Trovatore, pe non di quacchedun’autro.

E sapite da che deriva sta saraca mia leggite sempe mia! che ttengo dinto a la sacca? da na specie de timore de la pavura de non fa da no juorno a n’autro no brutto papariello.

Napolione 1° no juorno quanno accommenzaje a abbannona', anze a perzequeta' a Pio Settemo, dette accasione a no cierto Giuseppe de Maistre de scrivere le seguente parole: - Lu Bonaparte se la piglia co lu Papa? Ne so contento pecche' e' certa a fine de lu ‘Mperatore che non potra' durare cchiù a luongo.

Appricate e facite sapone!

E lu stesso Napolione 1.° nne provaje lu tristo: effetto lu 18 giugno 1815, quanno la battaglia de Waterloo lu facette mettere le mmane 'nfaccia e tutto spaventato dicere: - Âa'ttaglia ‘ncomprenzibbele! concurzo de fataleta' ma'jE ntese!…. non nce fujeno che disgrazzie!

E co le mmane s’annascunneva ll’uocchie lu poveriello, sogghiugnenno: Tutto e' mancato quanno tutto era riusciuto!

Pecche' tutto mancaje, quanno tutto era riusciuto? Pecchè?

Pecche lu ddebbole la vincette a lu cchiù fforte, e lu primmo Mpero se ne jette a fa frijere, pecchè?

Volimmo da na guardata coppa coppa a li duje suggette ch’aggio scritto ‘ncoppa, e analizza parie chie de sti pecchè?

Facimmolo pure e co la storia a la mano che non sbaglia maje.

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 88 - Giovedi' 29 Novembre 1866

Attualita'

PIO NONO E NAPOLEONE III (2)

(cont. e fine vide lo nèò. Passato)

Le ccolonne de stu giurnale so piccerelle; lu luoco che mm’aggio io stesso da assigna' e' troppo stritto, sino oh quanta cose belle m’attoccarria de v’annommena'.

V’avria da parlare a lluongo de Pio Nono e de Napolione 3.° ma accussi a lluongo ca fernarriame addavero la notte de Natale! Pio Nono e' stato lu Pontefice, datoce da la Provvedenzia, ca a' saputo essere cchiù llario de core de tutte l'autre passate, e saputo resistere co cchiù fermezza a li commattemiente de la rivoluzione.

Pio Nono s'a' formato no nomme, ca pe tutte li secule abbeni' la storia ll’avra' da assigna' no posto particolare dinto a le ppaggene soie, e dicere co li fatte: fuje no Pontefice romano che sapette amma'cca' co la resistenzia soia tutta la superbia e la bricconaria de li birbante.

Generuso, e stato lo primmo ad ajuta li crucefessure suoie. Vescovo d'Imola se vennette la croce d’oro che portava, mpietto; pe soccorrere no cospiratore politeco che ghieva fujenno, uno ca si era pigliato ‘nchell'epoca sarria stato buono acconciato pe le feste. Ebbene, lu buono vescovo, che s’era ammeseruto beneficanno, e non lle restava ca' chella croce de lu carattere sujo vescovile, se ne privaje lu poveriello, e soccorrette a... Napolione 3°, che era emigrato politeco, e se ne scappava paese pe paese!

Cchiù tardo lo revuoto pe lo munno era accommenzato, Luige Felippo se nn’era fojuto da la Franza, la reprubbeca era stata proclamata, e Luige Napolione nn’era fatto presidente. E cchiù tardo ancora, a li 2 dicembre 1852, doppo no massacro de franzise, che moretteno taccariate pe difennere lu deritto de la propria nazione, fuje proclamato Mperatore co 7,824,189 vote! E regna ‘nFrancia e annore e gloria de.... Pio Nono, e de tutte li figlie de la Cchiesia cattoleca!

E Pio Nono che da 20 anne e Pontefice, e a' dato prove non dubbie d'ave' saputo pascere lu gregge de Cristo, conzola li buone, perdona a li birbante, aprire le bbraccia a li misere ravvedute, e' l’uneco che 'ntuite l’attuale vicenne politeche a' resestuto a li commanne de la Franza cattoleca.

Pio Nono non a' scordata la missione soja, e ca lo munno, senza che lu capo de lu cattolicesemo fosse capo assoluto, perdarria de forza e de coscienzia a la jornata.

E Napoleone 3.° a scordato pero' da lu canto sujo, ca tutta li potiente ca s'affidano troppo ‘ncoppa a lu judicio e a da forza propria, stanno cchiù a pericolo de fa priesto lu papariello.

Napoleone 3.° a' scordato Pio Nono, a' scordato lu Pontefice de Roma, pecche' ll’a' lassato 'nzurda' a' tutte le pparte de lo munno da na stampa atea schifosa; e raffigura' ‘nciento manere scostumate lu Vicario de Cristo comm’a Vicario de nisciuno; nzi' a' che urdimamente a la Capitale provvisoria, Firenze la pittajeno vestuto da ruospo!

Si fosse stato veramente devoto de la Santa Sede, e avesse voluto profitta' de la potenzia sola, ‘nbenefizio de chi lu beneficaje no juorne, e lu benefeca tuttora, avria avuto da strilla: Fenite sta schifezza continovata, si volite fa' veramente la grannezza d'Italia. Io ve lu projebbesco!

Ma lu magnanemo signore non ha ditto niente, a' lassato fa, e a' permiso ca lu capo supremo de la cchiesia fosse stato trattato da rre d'abburla, da ruospo, scemo, mulo, e autre titole disprezzevole che li a've arrialato la rivoluzzione.

E non a' avuto na parola sola da spennere tanto scenufleggio, pe accussi gruosso scannalo; che anze, quanto a visto ca s'accosta lu mmaturo e ca li figlie de Sautanasso cchiù ammolano li fierre pe ghi a commattere a Pio Nono, s’e' avutato e ll’ave ditto: Signure io mme retiro, la chiazza posta e' libbera, vuie polite fa!

Ah... ah. ah... - La chiazza vosta e libbEra', potite fa? Ma sapimmo de causa e scienza che ccosa a've decretato Chillo de coppa?

Ma sapimmo si tutte li progette e ll'appogge de lu Sire de Franza hanno no lieto fine?

Non fuje fuorz’isso ca mettette ncampo lu 'Mpero de lu Messico, che costaje a la Franza migliara de vite, e cchiù de 200 miliune de lire?

Non fuje isso che maggenavese da chesto no lieto abbEnì, e mo tutto nziemo, Massimiliano e' scappato da lu Messico, e lo governo americano torna a' ccoppa pe rimettere ‘ntrono a Juarez?

Ma pecche' tutto chesto; pecche' tanto sango sparzo, e tanta denare jettate nfruttuosamente, a danno de la Franza cattoleca?

Pecche da no piezzo a sta parte s’hanno tutte sti fiasche continovate da lu figlio primmogeneto de la cchiesia?

Pecche lu figlio primmogeneto de la cchiesia a' restato la mamma sola dinto a l'abballo, e l’ave avotato le spalle. Pecche apparentemente a fignuto de rispetta' a Pio Nono, ma ‘nsostanza non l'a fatto rispetta da nisciuno.

Pecche non a' penzato a chello che potra' veni, che sta venenno, e che e' benuto gia' se potria di; a la MANo DE DDIo che sta ‘ntervenenno a la causa de la Cchiesia, e che quanno se move Essa sape rompere tutte li non intervente de lo munno.

A lo momento de se stregnere la jocata s'a'nno le cchiù disgrazziate notizzie de la terra.

Âismark, l'amico e lu socio de D. Proclamó 'nfatto de conquiste, cade malato a Berlino: se mette a lu lietto coli sturdemiente de capa, e le se tira purzi na gamma, e sta pe quanto va. E uno! MorE Thuvenel, no menistro buono franzese che ajutava assaje la varca a favore de lu siconno impero! E so doje!

La ‘mpEra'trice Carlotta vene in Italia pe ricorrere e cerca conziglie, ma a lu mmeglio de lu rraggiona sragiona, le ss’avotano le cchiancarelle e ghiesce pazze.

A lu momento che scrivo leggo n' urdemo dispaccio de Miramar che la dichiara pazza adderettura! E so ttreje!

L'urdema botta de lu spariatorio e' benuta purzi essa, pecche Massimiliano veramente a' fenuto d'esse, lu 'Mpero de lu Messico e sfasciato, zzoe' e' ca'duto a piezze, e le speranze de la Franza a'nno fatto tutto a monte.

chi a' perduto, chi a' vinto?

chi e' caduto, chi sta cadenno?.

Io non ne saccio niente; chello ch’e' ccerto, si m’avesse da servi de la frase piemontese: guard'a' voi, io non me ne servarria maje pe Pio Nono; pecche' Pio Nono vinciarra', sta vincenno, ÍA VINCIUTO!

LU TROVATORE

DICEMBRE

Anno I. - Nummaro 89 - Sapato 1 Dicembre 1866

LETTERA ROMANA

(corrisponnenzia particolare de lu Trovatore)

Roma, 27 Novembre 1866

Saverio de stu core. - Attiento mo c’arapre sta lettera, a non farene sfui' no vaso che nce aggio schiaffato dinto, e che bene arrialato a tte co tutta l’affecchienzia e l’ammore. E no riale che te mmierete pe tutte le bbereta' che te faje scappa da sotto, e lu prudito continovato che ttiene quanno sfruculie a ciert'amice.

Oje Savè, veneno cierte momente ca non ssaccio addo cancaro vaje a piscare tanta stroppole, a la faccia de chi non te po vedè. Avasta, chi nn'ave piacere che ‘ngrassa, e chi no che chiavasse de musso ‘nterra, ’nsarvamiento nuosto.

Io me smacenava ca ll'autra lettera mia passata ll’avisse sprubbecata, ma dato luoco a la reflessione vedette ca non te poteva commenì, pecche' le potive pigliare a capille co lu Fisco. Spero pero ca la presente t’arrivasse a ttiempo, pe pigliare puosto dinto a le ccolonne toje.

cca lu Trovatore face sempe cchiù ‘ncontro, e se ricerca da paricchie. Lu spacciatore C., a lu qua le tu manne le ccopie, te fa a ssape ca non l'abbastano, e che nce n'accucchie quatt’autre vicine.

A preposeto de chisto, quanno lle mannaste li primme pacche facetteno tuppo de faccia a la frontiera, e non nce li bolevano conzigna' non ssaccio pecchè. Ma siccomme l’amico se sape risorvere, e tene paricchie rappuorte, accussi a' ottenuta la razia.

Tu mo vorrisse sape, a lu ssoleto, che se fa, e che se dice, onne arregularete quanno a'je da scrivere all'accorrenzia, ma non senti chiacchiere, penza ca non nce canoscimmo da ajere, e siente a frateto, non senti chiacchiere e pallune da na maneca de sbriugnatune, che parlanno de le ccose de Roma nne diceno cchiù lloro ca Catuccio, e lu ffanno senza Ddio nnante all’uocchie. Che pozzano ceca' quanno scrivono le fauzarie!

cca' lu munno e' cojetissemo, e non nce sta nisciuno allarmo pe mo, anze te pozzo dicere ca maje nc’e' stata tanta tranguillita' quanto nce ne sta a lu ppresente. Non te mmocca vongole, e man co ne mmocca a li letture tuoje, li quale, mme smaceno ch’a'nno da esse tutte quante cristiane vattiste comme a tte.

Aggio letto quacche giornale de loco lu quale sgamette a li Cardinale, dicenno ca dinto a le combricole, lloro a Roma s’appiccecano ogne momento, e se dividono ‘ndiverze partite, l’uno opposto da ll'autro, a riguardo la custione de Roma. Frate mio cheste so fauzeta' bell'e bone, e cierte tale corrisponnente quanno le scrivono a lu paese tujo nce danno primmo 'nfaccia a lu carrafone, e doppo smammano.

E lu vero pero ca li franzise se preparano a par ti, e, accommenzano a manna li bavaglie a Civita vecchia; ma e' lu vero purzi case venteja de riceverse nuvielle ordinative de se restá co nuje n’autro cinco se mise de guarniggione! cielo mio no lu ffa abbera, pecche' sti signure so supierchie, E li taliane vonno priesto Roma!

Appriesso. Antonelli stä buono e s'e' rimesso buono, ma si vedrisse lu Papa te farrisse le ccruce: e' cosa da non poterse di co la vocca; pare ca 'nve ce de se fa viecchio se facesse giovene a la jornata, lle puó da vint’anne meno de chille che ttene. Ll'autro juorno ll'aggio scuntrato a no Monasterio de monache vicino Roma, e propriamente quanno se licenziava co chelle monacelle, e la matre batessa. La superiora tutta premurosa l'addimmannaje: Santo Patre dicitece quaccosa, pare ca potessero sta preparate pe chello ch’a' da veni.... (tu saje la seccatura de le mmonache!) - E lu buono Pontefice facennole no pizzo a rriso lle risponnette: - Priate lu signore e stateve tranguille, senza nisciuna pa'vura. E co lu soleto fare sujo, pigliannose na presa de tabbacco se n' ascette nnante a me da la portaria.

che te voglio dicere? Chi non bede la tranguillita' e la carma de lu Santo Patre, non se ne po fa n’ideja; pare comme si non lle passasse niente pe cca'po, e accossi sia.

Aggio visto purzi a Zieto e sta buono, s’e' fatto n’autro ttanto; ll'autra sera nce scontrajemo a lu triato addo lu veco spisso.

Sere fa dinto a no cafe a lu, Corso correva voce ca la carrozza de lu Cardinale De Luca avesse acciso no sordato franzese mettennolo sotto a le rrote. Ma pare ca la notizzia fosse fauza, pecche' se dice pure ca fosse stata la carrozza de no si gnore romano che non ssaccio chi è.

cca' la salute prubbeca e' ottema, e lu colera non nc’e' passato manco pe la frontiera, ne s'e' avuto nisciuno caso dinto Roma. E chesto a smenti qualunche diciaria de malatia che era corza.

All'otto de lu mese che ttrase partarranno da cca' le lettere de mmito a tutte li viscove de lo munno Cattoleco, pe beni a Roma all’anno nuovo, pe la canonizzazione de li 23 Âiate e Martere; e pe lu centenario de lu martirio de S. Pietro. Vi de buono ca cca non s’attrassa niente, e se penza sempe de na manera. PErzo' non senti chiacchiere, penza a sta buono tu e l’amice tuoje, ca a bello vede' nc’e' poco! TE scrivarraggio quanto primmo quacche cosella aggrazzata che stongo p’appura', e tu l’acconciarraje a muodo tujo, pe non fa piglia' collera “se nce 'ntenne” a lu bbeneditto Fiscariello de Napole. Addio…

Ma nnante che chiudo siente sto ppoco. No giornale de Torino stampa cheste pparole: Dimane, giovedì, accommenza la novena de la Mmacolata. De chiste juorne a tutte le pparte de lo munno se reja a Maria SS. e se cerca lu 'ntervento de Ddio a favore de Pio Nono, E’ impossibbele che tanta fervorose prejere non producesseno lu frutto lloro. ca'ttuolece accordate le ccetre e ‘ntonate lu TE Deum. Priesto assaje vedarrate la gloria de lu signore.

Che?... non te pare ca la fede cattoleca se fosse arradduppiata mpietto de li fedele?… Õ. Õ.


vai su


Anno I. - Nummaro 90 - Martedi' 4 Dicembre 1866

Prognostece… busciarde

L'inverno sara' rigido, o fara' freddo, o piove

Il numero simpatico sara'.... settantanove.

BARBANERA.

- E non nc’e' che di, s’avutaje no juorno la bonarma de no solachianiello, quanno vedette ca pe se vole ‘nzora' a crapiccio avea passato na carrettella de guaie! - Non nc’e che di, ‘mbrusuneja pure lu Trovatore, quanno votannose da cca', e girannose da lla', non bede ca miseria e affrizziune, guaje co la pala tuorno tuorno, e mortalita' ncammino, e lutto pe tutto lu paese.

Nce avimmo corpa nuje, io lu primmo, simbe' fosseno state tutte comme a mme, che mm aggio fatto sempe, le ccorna meje, e non mm'aggio 'ntricato maje de nisciuno!

Nce ave corpa, lu Si Tore, o sia D. Saverio, o purE lu Trovatore ch’e' lu stesso, che quanno venette mal'aria a Baja non s’arravogliaje la pettola, e se ne jette a fa Camandolese..

Ma mo che meglio nce rifletto, fuorze era pevo; pecche' a li juorne attuale li primme a passa' li guaje songo state li muonece.

Mme fosse fatto prevete!.,.

- Prevete? pevo, frate mio, pevo pe tte; mo chille ch’anno portata e portano senape cchiù la cammisa de lu 'mbiso so li prievete e li monzignure. Non siente autro dicere all’anno biatissimo corrente, ca li primme cospirature songo lloro! - Surdato, comme ve pare?.

- No punto da sotto a lu cafe! - E non avimmo visto da sei anne a sta parte quanta bonora de figlie de mamma, quanta diavole de surdate de tutte le nnazziune se nne so ghiute a fa frijere? - Guerra da cca', guerra da lla'; cannonate pe ssotto, cannonate pE ccoppa'; fucile viecchie da na parte, fucile a ago da n’autra, e tutto chesto pecchè? pe nce distrujere l’une co l’autre, e pe ne rummani' cchiù ppoco.

- ‘Nzomma manco lu surdato? - Manco, sarrisse muorto gratisse.

- Allora, ’mpiegato..... ah?.. na cosa certa?

- cErta sarria stata la lemmosena doppo lu 'mpiego. - Non aje guardato fuorze li meglie ‘mpiegate governative, l’uommene cchiù auneste de lo munno, li spiecchie de lu galantomisemo, restare mmiezo a la via, e ghire, orribbele a dicerse!.… jre araprenno la mano la sera, cercanno, quaccosa pe ccarita'?.... E saglire ‘ncanneliere chi? dillo tu stesso, ca a me mme ne manca lu coraggio! - Oje compa'… simmo arrevato a n’ebbeca ca l'aunesta' fete e non s’apprezza cchiù. Mo s’allummano le cannele sulo nnante a la schefenziaria.

- Paglietta, notaro, masto de scola?... Niente, niente, niente; te sarrisse muorto de famma cchiù pevo de l'autre.

Mo se so riformate li códice, e nisciuno ne capesce niente, e la carta ballata va cara, e nisciuno fa cchiù llite, e nce contentammo meglio de no tristo accuordo.

Li notare pure lloro se la sciosciano, pecche' li contratte so ghiute a monte, nisciuno se fa autenteca' cchiù la firma, pecche' siccomme avimmo firmate assaje carte.... all'usciere, accussi n'avimmo cchiù che firma. TEstamiente non se ne fanno sino' lu mmeglio attocca a chi attocca, e li povere ere de restano cchiù de primmo!

Li maste de scola so tutte fallute pecche' la generazione presente e nnata tutta dotta, tene la scienzia ‘nfosa dinto a lu pertuso… de la mascatura. Sape la Lecca e la Mecca', comme se saglie, e comme se scenne, comme se nne caccia la gente, e comme se fanno veni ntruocolo li mariuole; comme se spoglia, e comme se veste; e comme se fanno spari li denare pe v’arrialare le ccarte. Mo simmo scienziarie; li maste non nce servono cchiù, tempo gia' fu e nuje jèvamo a li stitute, mo simmo sapute... E... E una cosa non sapimmo ancora, zzoe' quant'autro tiempo durarra' sta sapienzia nosta.

- Non parlammo de l’arte, de li mestiere, de li venneture tutte; de li povere artiste de tutte quante le mmanere!... Povera gente!... è arredotta proprio dinto a li scanne, e' arredotta essa e la mazza; mo è lu fatto, non ave cchiù ne che bennere, ne che se leva'!

E li PRONUOSTECE? - (Scusateme signure mieje si aggio pigliato la votata allaria pe beni 'ncoppa a lu proposeto!) e chille tale, prognuostece de na vota, non sapite, quanno nnante de nce fa esse chisti gruosse suggette che simmo, nce levavevo la capa juorne e notte, coddicennoce ca nce facivevo migliura', ca sarriamo sagliute, ca nce avriamo fravecato li palazze de case, acquistate le massarie, arredutte tutte quante signure?...

E li PROGNUOSTESE de nce rispetta' la religgione, de vole' bene a li prievete, de lassa' fa la vita spirituale a tutte li religgiuse?

E. la libberta' de la cchiesia? e chella tale cchiesia libera in libero stato, proclamata, acclamata, strummettiata?

Ma diciteme na cosa, vuje signure Barbanera modierne, accussi a quatt’uocchie voje a chi cancaro avite fatto bene anzi a mo?

Vuje la vedite, o no la vedite, sta sfraggellatissema miseria che, s’avanza de cchiù juorno juorno, co lu passo de lu gialante?

Vuje vedite li vivere che bonora d'aumento stanno facenno, o avite perzo ‘nsalute nosta, purzi la vista de ll’'uocchie?

La farina e' arrivata a QUATTo DUCATE a lu tummolo, lorda, co la vrenna da dinto, senza passarse pe ssetella, zzoe' a no carrino, lu ruotolo. E quanno sarra' cernuta jarra' a meza lira. E lu ppane?

Nce sapisseve a dicere, signure collennisseme de lo Municipio de Napole, e buje venerabbelissemo Signor Sinnaco, che bonora combinate ‘ncoppa a chisto Municipio?

IN ILLo TEMPORE, dice lu Vangelo de li tiempe, lu municipio de la Negazzione de Ddio, quanno vedeva ncari' la rrobha arapeva li puoste, se carrecava li grane a tiempo debbeto, metteva lu ppane de la giunta, prevedeva la burrasca da lontano, e penzava a li figlie de lu popolo. E tanno si non eramo libbere da l'Alpe all’Adriateco, tenevamo ancora quacche mezadicinca arruzzuta dinto a la sacca, quacche mobbele a lu pizzo sujo, quacche suprabbetiello non tanto pizzo che potêvamo ancora revuta pe stu vierno!

Ma mó… finis coronat opus, tutto e' ghiuto ‘nsuffraggio de la santissema patria, mo avimmo fatto comme a chillo, avimmo avuto la mala nottata e la figlia femmena.

Signure mieje non me chiammate ‘mportuno, non dicite ca songo cattivo, io ve voglio bene a tutte quante, si non autro comme a prossemo, ma arreparammo.

Lassammo sta le trattative addo' se trovano, Vegezzi a Firenze, e Jacovo de lu ccaso addo cancaro vo isso, e penzammo no poco a nuje!

La custione romana sarra' na bellissima custione, io non ne sconvengo, pecche' comme a buje so italiano purzi' io; ma la custione de la panza vacante e de la famma pitulante, e de li mariuole nnustriante, so cchiù nicessarie de tutte, so le primme cose che s’a'nno da discutere. Sino' sapite che succedarra'? na cosella de niente. PE ‘ntramente studiarrammo la celebre custione romana, nuje chiavarrammo de faccia nterra cuoncio cuoncio, comme a lu Conte Ugolino; e quanno avarrammo da jre a Roma nce avarranno da portare dinto a li tavute!

E requiescat in pace, nvece da fa risorgere l’Italia nce sarrammo atterrate nuje.

E Âarbanera avra' sulamente isso annivinato co lu prognosteco sujo, quanno dicette ca avriamo avuto no vierno luongo e rigido, e lo nummaro simpatico ANNUALE 79!

LU TROVATORE

all'ufficio non fosseno fauze, nuje avimmo saputo Esposizzione de fatte, a lu Sinnaco pe mmezzo de chiste ca chella disgrazziata eranp e compagnia bella. diverze jornate che se moreva de la santissema a' terra de cecate, viato chi nce teòE nèocchio / famma, non teneva nisciuno mezzo pe s'abbusca PR0VERBI0 ANTIcO. no tornese, aveva duje piccerille malate ‘ncoppa a no poco de paglia, e, aspetta ogge, aspetta dimane, tutto duje se ne jetteno de sta manera a ‘ngrassä li vruoccole!

Anno I. - Nummaro 91 - Giovedi' 6 Dicembre 1866

NAPOLE DINTO A LA VETRINA 

Esposizzione de fatte, a lu Sinnaco

e compagnia bella.

A terra de cecate, viato chi nce tene ï’èocchio

PROVERBIO ANTICO

Non e' manco no mese se potria di, e io facette no piccolo ricurzo dinto a la cronaca mia de Napole, a lu Vicesinnaco de lu quartiere Montecalvario; a riguardo de na povera 'nfelice che abitava a no vicariello ‘ncoppa a lo Rosario a Porta Medina, la quale la juorno nnante aveva avuto la perdeta de no piccerillo, che moreva ntra li stiente 'ncoppa a lu turreno, e in juorno appriesso ne steva perdenno n'autro.

Chella povera martire, p’accussi' dì, nne faceva 'ntra le lacreme n’offerta a Dio, li vicine ‘mpietosite, comme se 'mpietosesceno le gente moderne, sempe all’urdemo jevano co la coppola attuorno facenno no guanto per darle soccurzo; venette no straccione de vastaso, lu juorno primmo, e lu juorno doppo; se schiaffaje li cadaverucce de chillo ’nfelice 'ncapo, e, uno appriesso all’autro, li portaje all’urdema Stazione.

A la Sezione, fuorze, dicimmo accussi, non avetteno da arriva' li suppreche noste. Chella disgraziata mamma non potette ave' nisciuno sollievo, e dinto a 48 ore perdette doje criature MORTE DE FAMMA!

De famma?

Sissignore, de famma. Si li rapporte portatece all'ufficio non fosseno fauze, nuje avimmo saputo pe mmezzo de chiste ca chella disgrazziata erano diverze jornate che se moreva de la santissema famma, non teneva nisciuno mezzo pe s'abbusca no tornese, aveva duje piccerille malate ‘ncoppa a no poco de paglia, e, aspetta ogge, aspetta dimane, tutto duje se ne jetteno de sta manera a ‘ngrassa' li vruoccole!

Non nc’e' stato maje l'esempio a stu bello paese nuosto, ca no cristiano vattiato qualunche avesse la disgrazzia de morirsene de famma. Maje. E’ tanto vero ca se ne era cacciato lo mutto che diceva: - Grazzie a Ddio, a' lu paese nuosto nisciuno ancora e' muorto de famma!

Anze anze, si volessemo sgravuglia' la cronaca de li tiempe passate, nuje trovarriamo ca, paricchie de ll'artiggiane napolitane, 'ncierte ttale feste prubbeche de na vota, so muorte de ‘NDIGGESTIONE, tanto de lu magna' a bezzeffia che se schiattavano ‘ncuorpo: ma maje de famma, maje d’appetito.

Dicite tutto chello che bulite vuie, chiammatale comme volite li viecchie sisteme; dicite ca erano barbare, incivile, tiranne, birbante, mostruose, tutte le qqualita' cattive co lloro, sempe pe ditto vuosto, e io non mme nce’ apponarraggio!... Ma non dicite ca sto paese vedette a faccia a faccia la miseria, e addesederaje quacche bota lu ppane comme a lu ppresente, ca diciarrate sempe na jastemma areticale.

cca' nce simmo trovate a n’epoca ca chi non se voleva nnustria' non s’e' nnustriato.

Cca' si s'asceva fora a lu vico de la chiazza vosta truvaveve na nnustria, aviveve na fatica, guardaveve li guadagne, e vi jenchiveve la sacca.

Li pesune erano niente, pecche' la funniaria era niente; e li vivere se jettavano, e la povera gente trovava comme se pascere, e spisse vote se sperdeva comme aveva da spennere.

Le cchiazze sbummecavano de rrobba, addo' te truvave magnave, pecche li genere se jettavano, e ogne ghiuorno vedive no ribasso, ogne mmatina sentive na campana pe li pontune che t’annunziava ll'avasciamiento, sia de lle ppaste, ca de la farina; o pure de li vine.

Addó stanno cchiù le ffarine de 18, 20 E 22 carrine a lu tummolo? Addo' lu ppane tanto janco de 4 e 5 rana a lu ruotolo?

Addó chille vermicielle de 7, 8 E 9 rana lu ruotolo, e no carrino li strafine?

E fasule a' 7 rana la mesura, e farenella a 3 grana lu ruotolo, quanno jeva cara, pecche' correntemente jeva a na dicinca; e ll’uoglio a 2 rane e na prubbeca lu mesuriello, e li frutte pe nniente ‘ncoppa a li ciucce, e ‘nfaccia a li puoste?

‘Nchillo tiempo, brutto e tiranno tanto! lu poverommo trovava sempe comme se jènchere la vozza. Addovunche s’avotava spenneva, addovunche guardava pavava; tutto che lle passava pe la mente poteva ottenè. Pecche' s'abbuscava na jornatella onesta, trovava la fatica ogne ghiuorno, se ritira va co li denare ncuollo buono acquistate, e passanno pe li venneture spenneva e aveva.…

Napole de na vota, o signure ca nce governate, era tutt’autro da lu ppresente. Cca' se 'ngrassava lu puorco, e cca s'accedeva. Le fatiche e li sudure nuoste non se li portava pe l'aria lu viento, non ascette 'ncampo la mmidia e se l’arrubbaje, non benetteno li monopoliste modierne e nce facettero la camorra.

Io non dico ca lu mmale a stu povero paese nuosto nce venga direttamente da vuje, signure de lu governo. Sarria no scoscenziato si parlarria de chesta manera. Ma che vuje non nce avite cchiù de la mmita' de la corpa chesta e' ma vereta' conosciutissema, e' na vereta' ca manco vuje stesse nce potrissevo annia'.

Napole ogge se trova a na condizzione che difficilmente se po tira' nnante.

cca' lu mmale vene da ll’a'uto, da la camorra ‘ngruosso, da li monopoliste de primma mano che nce menano a precipizio. Se nc’e' trovato ancora nisciuno remmedio?

cca' s'avanza la carestia sorda sorda, ma spisse sollecete, ma a passe accelarate, comme vanno li bersagliere a lu campo, e buje signure de lu Municipio, signor Sinnaco de Napole, signor Prefetto nuosto onorevolissemo, dormite tutte quante.

Chisto paese ogne matina case sceta trova n’aumento; ogne ghiuorno che sponta appresenta no ‘ncaremiento, ogne genere che nce necesseta' ave na tassa d’avanzamiento.

Se sarra' ghiurato ca doppo d’averce arredutte co le spalle proprio 'nfaccia a lu muro, avarrammo da morircene co la panza mmano, e co la vocca aperta.

Vuje dormite, signure de lu governo, ma la povera gente veglia e veglia da paricchio. pecche' co la panza vacante e' difficile a pote piglia' suonno.

Vuje dormite, e peccient’anne, ma dormite la notte, tiempo assignato pe lu suonno. Ma qua'nno ve levate da lu lietto faciteve porta' lu listino de li prezze de la chiazza, scennite vuje stesse a spezziuna' comme diavole so ‘ncarute li genere, e si tenite coscienzia, comme mme l'auguro, mettiteve le mmane dinto a li capille pe la disperazione.

Ma che parlo de disperazzione, io? e' lu povero napolitano, lu misero popolano che mme legge chillo che se magna la rezza juorne juorne, e se nette le mmane dinto a li capille disperatamente! Li gruosse non se disperano maje.

Sentite signure de lu governo, vedite de apprezza' le ssuppreche de lu Trovatore, e aggiate compassione de la posizione de stu povero paese.

Vedite, io mme ne vaco cuoncio cuoncio, scrivo terra terra, azzocche non ve pigliate collera e mme leggite co pacienzia Ma non screvite 'nfaccia a ste ssuppreche meje: da provvederse, e le mettite a durmì; provvedite lesto.

Io mme so dichiarato, lu portavoce de lu popolo fratiello; e da vero libberale che so, zzoe' amico de Ddio e compassionevole co lu prossemo, non me stancarraggio maje, e ve farraggio assape' tutte l'affrizziune e le mmiserie soie. Mm’aggio fatto no cuntariello pe lo nummaro che bene, accussi sòpia sòpia comme se dice, de tutte li guaje disgrazziate de lu popolo vascio, e tutte li defrische che se nce potriano da'.

Aggio puoste Napole dinto a la vetrina, zzoe all'esposizzione de tutte, pe chi lu volarra' vedè; pe chi sa e trovassemo quacche anema piatose ca se ricordasse de nuje! Ma aggio a paura ca man co ne cacciarammo niente, e ca tutte chille che passano non ce dicesseno: e' fatta la lemmosena!

(continova)

I.U TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 92 - Sapato 8 Dicembre 1866

NAPOLE DINTO A LA VETRINA (2)

(Cont. Vide lu nummaro passato)

A Torino, otto juorne fa, nc’e' stato purzi no muorto de famma, che caduto ‘nterra privo de forze fuje portato a la casa da le gguardie municipale. - Ah.…. pure a Torino?

- Sissignore, pure a Torino, ma de diverza manera.

No tale Giovanne Bertola de 70 anne, e de condizzione vastaso, cammenanno pe la scesa de la riva, de lu Po, cadette ‘nterra, e rummanette privo de senze.

- Ched'e, che non è? se dicette la gente. Poveriello! e' muorto, sta morenno, chiammate no gerùggeco… Na vennetrice de latte se lo porta dinto a la casa soja, ma lu disgrazziato vastaso se nei volett'ire a ll'abitazione propria, a la parte de la via Moschino (Ve cito nomme, cognome, domicilio E patria, azzocche non me chiammate ammentatore.)

Lu dimane stu 'ndeviduo more, e, a quanto se conta, more de famma.

Lu delegato de pulezzia se presenta a lu canile sujo, pe fa lu ‘nventario de quanto se trovava.

- Possibbele? lo 'nventario co no poveriello?

- Sissignore co no poveòiello de Torino.

Lu credarrisseve? Revutannose no strappentino, zzoe' na specie de matarazzo che teneva sotto, se nce trovajeno dinto circa SEJE MILIA FRANcÍE d'oro; tutte napoliune uno cchiù mmeglio dell'autre.

Si non credite a quante ve dico, leggite l'Unita' cattolica de lu juorno 2 Dicembre, N.9 281, pagena 3, colonna 3, e propriamente dinto a la cronaca Generale soja.

Addonga a Torino li muorte de famma moreno apparentemente accussi?

Justo accussi.

Napole solamente, la 'nfelice Napole se trova a la condizzione de muri veraciamente de famma, ma all'autre paise se more, pecchè…. pecche accussi a' da esse, pecche' chi magna assaje s’affoca, pecche' tutte lu stuorto se lu pporta ll'a'scia, e lu de denaro de ‘nfinferinfì, se nn’a' da ji' pe fforza de ‘nfanferanfa'!

Napole solamente a've avuto cchiù de na disgrazzia. Ía' visto miezo muorto lu commercio sujo. Ía' visto no monopolio organizzarese e metterse 'ncampo. Ía' visto li niuzziante 'ngruosso, che approfittannese de lu bbene de Ddio, de chello bbene che a lu ssoleto lu Signore a' mannato a stu bello paese nuosto, de lu ggrano pe le farine, se ll’a' visto nzerra, dico io, dinto a li malazziene, e cacciarelo a' onza a onza, onne accussi farelo sagli' a la jornata.

che premura s'e' data lu governo pe 'mpedi tanta nfamita'? Che ppene a've assignate a li birbante nemmice de lu prossemo, che mettennose ll'umanita' sotto a li piede, se stanno vevenno a gruosse vuccune tutto lu sango de la povera gente?

Nuje facimmo piata' ‘ncierte tale momente critece, e nisciuno se n'addona! nuje supprecammo, vedite supprecammo, pe lu ricco e pe lu povero, pe tutto quanto lu popolo de Napole, e nisciuno cchiù nce sente.

Si non fosse pe la piata' de lu Municipio de Napole!

Si non fosse pe l'accortenzia de lu Prefetto nuosto D. Felippo Gualterio!

Si non fosse pe le ccure de tutte li patriotte nuoste, deputate a lu parlamiento! che quanno só intervenute dinto a la cammera hanno tanto bello perorata la causa nosta!

o Napole…. spera a Ddio, preja a Ddio, avòtate sulamente a Ddio. A Isso la fede toia e le prejere toje. Non mettere maje speranza all’uommene de la terra, a li vierme de pantano che costituisceno pe lo cchiù la razza umana.

E a buje signure gruosse ca mme leggite, a buje a li quale nnerizzo li lamiente e le ssuppreche meje; avite fatto maje assignamiento a li bbesuogne de stu popolo?

Ve site maje ncarricate si pe la penuria de li tiempe, e la camorra organizzata da li conzorte, lu popolo de Napole tene li mezze comme onoratamente tira' nnante la vita?

Nce lagnammo de li lamiente, de lu furficiamiento de lu popolo vascio, de tutte li malumure che succedono a la jornata? Ma avimmo maje penzato seriamente, e co la coscienzia nnante all’uocchie, qua songo le ccause princepale che produceno stu malecontiento?

È la miseria, facitevello una vota ‘ncapo, e la miseria chella che aftigge ll'umanita'; songo li vivere care, e' la mancanza de lavoro l’ammasso de conzequenze che porta tutto in trasceno appriesso a isso.

Non parlate de borbonece, de clericale, de francescane, e lu diavolo ce nce ceca' ll’uocchie; pecche' ne li franciscane, ne li borbonece, ne li clericale de tutto lo munno teneno la potenzia a munno lloro de fa vivere malamente, e fare ire pezzenno la gente.

Che cosa vulite assigna' a no pover’ommo che fatica a la jornata, e che tene mogliera, figlie, pErsone de casa, e autre obbrecaziune ncoppa a la noce de lu cuollo?

Che cosa vulite da a lu juorno a no misero popolano che non tene ne cielo da vedè, ne terra da cammena', qua'nno li vivere, pe causa de la noncuranzia vosta, vanno accussi barbaramente care?

Nne volimmo fa' l'analese?

Facimmola.

(Continova)

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 93 - Martedi' 11 Dicembre 1866

NAPOLE DINTO A LA VETRINA (3)

(coït. e fine, Vide li ïèò. Passate).

Lassammo sta li signure comme Ira criate la Provvedenzia, che stuorto o muorto teneno comme mettere mmocca, e, si hanno sofferto hanno sofferto poco, e benimmoncenne a chille che stanno da sotto a lloro.

Lu ceto de miezo ha patuto e patesce a bastanza; pecche' co li pesune ‘ncuollo, co li lavurante ‘ncoppa' a li spalle, e li pavamiente che se so ammaturate juorno juorno pe, lloro, non hanno avuto li poverielle addo mettere cape co li guaje proprie.

Agghiugnite a tutto chesto le ttasse, lle soprattasse, ll’arcetasse, le contratasse, che naturalmente, e siconno la legge hanno avuto da pava', e bedite addo' jammo.

Nce so fallute paricchie de chiste? senza dubbio. - Dove si toglie sempre e non si mette, si vede pretto il fondo, dice lu proverbio, e dice buono.

chisto ceto de miezo comme vedite ha sofferto, e soffre pur’isso, pecche' lucro cessante, e danno emergente, ha fatto comm’a chillo che pe non esse chiammato zelluso s'accattava na perucca lu juorno se commiglia' lo luce-luce; zzoe a ‘mpecato e a' ‘mbrugliato, a' vennuto e a' barattato la rrobba da sotto a lu prezzo a la jornata, s’a' levato chello meglio che tteneva, a' fatto de tutto pe se comporta' onestamente ‘nchiazza, ma qua'nno a tutto chesto a' visto ca se nc’e' accucchiato lu bivere caro, la spesa pe lu cuorpo che lle costa lu doppio, non sulo a' ristretto la tavola, ma quanto facennose li cunte suoje s’a' arricettate le bavattelle, e s'è ritirato da lu commercio.

Nce so restate chille tale co le ccostate cchiù fforte, che stanno resestenno ancora a sta battaglia campale, ma si lle darrammo quatt'autre juorne de tiempo, mettarranno lloro pure la chiave sotto a la porta! - Non dubitate. cca' lu commercio e' muorto, signure mieje, e si non benono priesto le belle jornate che lu farranno allaria' no poco, nuje veramente fallirrammo tutte quante.

Resta ll’urdema crasse de lu popolo, la crassa scamazzata, chella de li lavorature a la jornata, de li vastase 'ngenerale, li venneture ambulante, li pulizzastivale, venneture de fiammifere, et omne genus, co chello che bene appiesso.

che lle volite da a lu juorno a chiste cca'?

Quanto lle volimmo assigna', accussi a la tonna, sieno ’nzurate che scujetate; e si' scujetate co mmamme e patre viecchie ‘ncoppa a le spalle, nonche, n’appendice de sore zetelle, eccetera?

Comme anno da tira' nnante li poverielle? So lavorature? - ma lu lavoro manca, e stanno a spasso da no piezzo. Si li cape d'arte a'nno ‘nzerrate le ppoteche, e li proprietarie hanno spezzato a mmita' ll’opere accommenzate, chiste tale so restate ragiunevolmente, mmiezo a la via. Ve ne site date carreco, o signure de lu governo? qua so state l’opere prubbeche ch’avite poste lu campo pe da' pane a stu popolo? avite fuorze puosto mane a li nuove quartiere che stevano e starranno sempe 'mprogetto, zzoe a chille dell'Arenaccia, e de vicino a la torretta a chiaja?…

Nce faccio no juramiente ca manco li figlie de li figlie de li strafiglie nuoste vedarranno chisto juorno!

Ebbene, si no povero lavoratore non tene mezze nce resta l’opera de la beneficenza, nce stanno ll’opere pie diverze che abbastarranno a tutto! E... le gguardie de lu Municipio che t’arrestano li poverielle e li pportano a lu ffrisco!

Restano chille tale che faticano, che scippano a la jornata, e che s’abbuscano tanto..... quanto non se ponno muri' co la vocca aperta.

Quanto lle volimmo assigna' a sti poverielle pe ttira' nnante la vita? accussi coppa' coppa', a' un di presso, comme dicite vuje alletterate? - No tre ffranche a lu juorno?

Ma volesse lu cielo e se nn'abbuscasseno duje, io sarria contentissimo; abbasta dammoncinne largamente treje, e ghiammole spennenno ‘nziemo; io co lu panaro sotto a lu vraccio, e buje vicine a me, comme fusseve li patrune meje.

A la medio, tra le ggrosse e le famiglie piccerelle, mettimmo quatto perzune pe casa.

-

METo

Nce vo' no ruotolo de maccarune che stanno grana 14
Carne 3,4 - che a 36 grana fa 24
ttimmo a' ppoco no ruotolo de pane9
No litro de vino, mediocre6
Formaggio miezo quarto4
Fuoco, ‘ntra ggravune e sarcenielle7
tale - grana64

Senza frutte, senza autro, e magnanno una vota a lu juorno de cammaro che costa meno, non parlanno de lu scammaro che porta cchiu nnante. comme vedite simmo arrevate a grana 64.

Uoglio nce ne vo dinto a la casa, o s’a'nno da sta a lu scuro, e ghi attentanno lu muro pe se cucca'? - Si lle volimmo assigna' no sulo mesuriello d’uoglio, pe li lume, brutto e fetente lu ppa'vammo a 4 rana.

E songo 68 - levammo ca non se po allumma' cchiù na lampa a nu santo, o a na Madonna qualunche, pecche' nce simmo rifurmatte! sino' nce ne vorria de cchiù - Stammo a 68 - E restano 2 rana de li 7 carrine; e diciteme na cosa sti tale la sera non a'nno da cena? sicuramente, pecche' co lu progresso attuale s’a' da magna' una vota a lu juorno. ÂEnissimo.

E dicitemene n'autra. Chelle? 2 rana li bulimmo assigna' pe no surzetiello de cafe a la matina, e quacche centeseme d'allesse a quacche criatura, che ssempE non mancarra' dinto a la famiglia?... E simmo arrivato co li 7 carrine.

E faciteme n'autro favore, chesta gente si no juorno sta poco bona, tenarra', o no, comme pava' no miedeco e pigliarse quaccch'onza de sceruppo?

E chiste tale che favolosamente abbuscano sti 3 franche, s’a'nno, o non s’a'nno da vèstere? li denare de li panne, esaurite li 3 franche, da do diavolo li pigliarranno?

È la tassa signure mieje, penzammo a lu pprimmo; e la tassa pe lu governo da do la pigliarranno?

E la cosa princepalissema... lu pEsone de casa, che pesa cchiù de ll’autre, che a lu juorno d’ogge assorbesce cchiù de la mmita' de che v'abbuscate?

Io non pozzo ji' cchiu nnante, pecche' ve seccarria de troppo, e perdarrisseve la pacienzia, Mettitece vuje lo riesto a chesto che v’aggio ditto; analizzate vuje cchiù meglio la condizione de la povera gente, e tiratene le cconseguenze.

Vedite ca priesso a ppoco lu popolano de Napole abbuscannose 7 carrine a lu juorno (bbuono mme tocca!), e magnanno una vota a la jornata, non tenarra' ne comme pava' a lu governo, ne a lu patrone de casa, ne manco comme s’accatta na giacchetta vecchia pe se commiglia' le ccarne.

Avra' da jre scavuzo, pecche' non avra' li mezze pe se fa no paro de scarpe nove.

Avra' da ji' scaruso, pecche' non se potra' pigliare na coppola.

Avra' da jre sedunto, pecche' non potra' pavare a na lavannara.

Avra' da jre a l’annuda, pecche' comme ve diceva non se potra' commigliare cchiù le ccarne. E de chesta manera ncE arreduciarrieme comme a li primme tiempe de la criazione, qua'nno li progeïiture nuoste accomparetteno ‘ncoppa a lo munno, zzoe' co no manteseniello de frunne nfaccia a la panza!

Aggio ditto - a li postiere ll’ardua sentenna!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 94 - Giovedi' 13 Dicembre 1866

DISCURZO DE PIO IX

Riportammo tale e cquale, commE la piglia'mmo da lu giornale la Nazione, l’urdema allocuzione de lu S. Patre Pio Nono, all’uffiziale de l’85° reggimento franzese, che se jetteno a licenzia' co isso. - Essa e' de lu tenore seguente:

«A la vigilia de la partenza vosta ve vengo a dare l'addio mio. La bannera vosta partette da Franza pe restaura la Santa Sede qua'nno partette era accompagnata da li vute comune de tutta la nazione.

«Chesta bannera ritorna ‘nFrancia; credo che paricchie coscienzie non nne sarranno soddisfatte: desidero che essa sia ricevuta a lu stesso modo, che partette mpero, nne dubbeto.

«Nce stanno cierte ‘ncojetetutene che se manifestano, e io nne temo le cconzeguenze. Non abbesogna lluderse; la rivoluzione venarra' ben priesto ‘nzi' a le pporte de Roma.

«S’e' ditto ca ll'Italia era fatta - No, essa non e' fatta e, si esiste qual e, chesto e' pecche' esiste ancora chisto pizzo de terra addo stongh'io.

«Quanno non esistarra' cchiù, la bannera rivoluzionaria sbrennuliarra' ’ncoppa a la capitale.

«PE mme rassicura se tenta de persuaderme che Roma, pe la posizione soja, non po essere la capitale d’Italia. Io stongo tranguillo pecche aggio fede a la potenza divina che non m'abbannonarra'.

«Jatevenne ‘nFrancia co la benedizzione mia.

«Chille che potranno abbicina' lu 'Mperatore; lle dicesseno che io prejo pe isso; ma isso pe parte soja a da fare quacche cosa.

«La Francia e' figlia primogeneta de la Cchiesia, ma non abbasta porta li titole, abbesogna addemostrarle co ll’atte.

ZELO DE NO VICE-SINNACO

E RISPOSTA DE LU TROVATORE

Dammo luoco, ragionevolmente a la seguente lettera, mannatoce dall'0norevole Vicesinnaco de Montecalvario

Napoli 7 Dicembre 1866

Signor Direttore

Nel n. 91 del foglio da Lei diretto leggo di un reclamo a me sporto per una infelice che disgraziatamente perdeva nel decorso di ore 48 due figli, e cio' per causa di estrema miseria.

Astrazion facendo dalle opere di beneficenza, di che Napoli abbonda, per cui non mi capi in testa che qui si possa morire di fame; vengo alla parte che mi riguarda. E poiche nessun reclamo sportomi per soccorso agl'infelici, e' rimasto, mai infruttuoso; ed a ció fare, concorrea, e concorre l’egregio cittadino ca'v. carapezza, ed altri, debbo ritenere erroneo il suo reclamo, fatto in astratto, senza designare luogo e numero, o se vero, e' falso sempre che parola ne sia stata passata in Sezione meno quello, che dice averne scritto in una delle cronache del suo giornale.

Io dunque nel pregarla a dare pubblicita' a questa mia, la prego parimente a volermi designare il luogo della sventurata di ch’e' parola, per poterle dare gli altri schiarimenti, al riguardo:

il Vice-Sindaco

S. DI DONATO.

Al Signor

Il Signor Direttore del Giornale

LU TROVATORE,

Largo Mercatello n. 30

Dato stoco a lu justo desederio vuosto, mo eccoce a buje signor Vicesinnaco collennissemo:

E primma de tutto avite de conoscere ca nuje, qua'nno prubbecammo no reclamo, ‘ntennimmo sempe d'attacca' la mala manera de l’amministraziune cierte bote, ma maje li 'ndividue, pe li quale, qualunche se sieno lloro, avimmo sempe rispetto e educazione.

Tiempo fa, e propriamente qua'nno steva a la mmita' lu colera pe Napole nce fuje portato no reclamo a voce all’ufficio, che diceva, pe la vocca de no popolano che nce se presentaje, comme ‘ncoppa' a le ggradelle de lu Rosario a Porta MEdina nce steva na povera diavola che steva propria al l'estrema miseria, e pe la quale steva perdenno duje piccerille de morta gragnolla.

Nuje compassionevole pe tutto zzo' che sente de besuogno, caloruse difenzure de tutte chille miserabbele che potimmo agevolare co l’opera nosta, nne facettemo no ricorzo, e supprecajemo a la sezione vosta, e dicettemo dinto a lo nummaro, 67 nuosto, 'ndata de li 11 Ottombre,chello che ogneduno a've letto. (1)

Ma chi potette appura che cosa ne cacciajeno?

Doppo poche juorne sapettemo ca chella miserabbela disgrazziata aveva perdute li figlie suoje, tutte duje muorte straziate pe mancanza de forza, senza pote ricevere la sussistenzia giornaliera, co la faccia de la perimma, e co la vocchella aperta!

Strana condizzione de li poverielle de Giesù cristo!

Ogge parlanno de la miseria de lu paese nce arricoòdajemo de stu fatto, e lu tornajemo a mettere a' ghiuorno.

Vuje mortificato da st'accaduto ve n'avarrate fatto le ccruce, comme a' la Vicesinnaco de lu quartiere, e nce n'avite cercate cchiù larghe spiegazziune.

eccoce ad appagareve addonga; e pozza lu zelo co lu quale avimmo 'nterpetrata lu lettera vosta, vedere sollevata chella povera 'nfelice, e tutto lu riesto de li bisognuse de Montecalvario.

La femmena ‘nparola se chiamma Pascalina ca'farelli, nativa d'Arienzo, mogliera de no tale ex cafettiere de lla' che fuje arrobbato e assassenato de notte tiempo «pigliannose pure le pporte de la poteca» a nomme Antonio Crisci.

Abeta a le ggradelle Rosario a Porta Medina N:o 9.

Li figlie perdute disgrazziatamente, dinto a lu stesso mese d'Ottombre urdemo, so state, Giovanne crisci - uno. - Lorenzo Crisci, n'autro, e cchiù tarde pure no tierzo, e figlia femmina, de la stessa manera.

- Comme, mo so ttreje, non so cchiù duje?

- Sissignore so ttreje. Vuje nce commannasteve de ‘nformarece, e nuje v’avimmo servuto piglianneno migliure li 'nforme..

La terza vittema de la miseria e' stata na bella piccerella, che se moreva, araprenno e 'nzerranno la vocca, chiammata Carmela Crisci!

Cheste e tutto signor Vicesinnaco de Montecalvario, facite vuje mo, e mmostratece la generosita' bosta. Che anze avenno conziderata bene la lettera, la quale nce, dice ca nisciuno bisognuso de lu quartiere se n’e' tornato a la casa co le mmane vacante, avenno ricorso a la munificenza vosta, accussi' da mo nnanante ve prommettimmo de essere cchiù chiare qua'nno v’avimmo da fare no ricorzo, e de ve suppreca cchiù de na vota onne vederece leste esaudute.

Non nce abbesuogno de vuttata a la generosita' bosta, signor Vicesinnaco Onorevolissemo. Ma arricordammoce ca lu signore nce a' lassato scritto, ca tatto chello che farrammo a li poverielle, lo tenarra' comme si fosse stato fatto a Isso!

E co chesto, o l’annore de dichiarareme

Napole 13 dicembre 1866

Tutto vuosto

LU TROVATORE

(1) Ll'articolo prubbecato fuje chisto:

A lu Vicesinnaco de Montecalvario - Ll'autr'jere nce s'astrignette lu core a bede dinto a lu Vico Rosario a Portamedina no carro de lu colera che pigliava pe carita' co isso no piccerillo de 5 anne, muorto de... famma! La mamma poverella, non avenno manco no strappentino o no straccio qualunque, lu facette sta tutta la matinata 'nterra, e lu guardava chiagnenno. Manco na lampetella allummata nnante a li piede suoie, nisciuno segno de cristiano vattiato, niente. L'affritta femmena non possede che tre quatto segge spagliate, e niente cchiù. Li vicine jetteno attuorno co la coppola pe lle fa quacccosa, e se cercaje de manna' no ricorzo a buje; ma nzi' a mo non sapimmo che s'e' fatto pe essa.

Sig. Vicesinnaco de Montecalvario, mo ve lo scrivimmo pure nuje: chesta miserabbela sta de casa attaccato a la cchiesia de lu Rosariello, e' povera tanto ca face piatate a le pprete, e se trova duje autre piccerille cchiù malatielle de lu muorto dinto a no sportonciello co la paglia sotto. Facite quaccosa pe essa; arricordammoce de lu prossemo e addefriscammole. - Eccetera.

(Fuorze st’articolo non avette da esse letto, e passaje inosservato).

Anno I. - Nummaro 95 - Sapato 15 Dicembre 1866

Fede, Speranza e Carita'

Ogge, che nn'avimmo quinnece, e' l'urdema jornata che 'nforza de la magnanema prumessa de settembre se nn’a' da trovare asciuto nfi all’urdemo coscritto franzese da dinto all’eterna cita'.

Ogge Roma ha da esse dichiarata libbera; libbera da li straniere, libbera da le supirchiarie, libbera dall'abuse, libbera da le ttirannie de li piccole tiranne, vestute nire, libbere da tutto zzo' che ssente de schiavitù; pecche' chesta e' la volonta' de lu popolo, de li figlie de Romelo e Remo; o pe di meglio, chesta e' la volonta' nosta.

Giuite o Romane: e firitto lu ffecato, preparateve.

Tremmate o cuorve appetetuse de la santa poteca, faciteve veni' lu friddo e mettiteve li cappuotte ’ncuollo; pecche' nuje simmo nuje, e n'autro passo che darrammo, mettarrammo lu sugillo a tutte cheste guapparie noste.

Avite voglia d’animareve, e de mmosta' coraggio, e de fare proteste, e de squarciunia coli zuave e li legionarie d’Antibo: vuje non ghiate na vallena, e nuje simmo chi simmo!

Nuje avimmo arrecuoveto sempe... parma e bittoria «abbadate a la virgola» e mo che ‘nce accostammo a la stretta de li sacche, ve faciarrammo a bedere lu riesto.

che ve ne pare letture mieje,’de ste belle parole che metto mmocca a ll'abbotta pallune de lu seculo, a li figlie verace de Peppe Nasella?

Oh… si mmeretamente se mmeretavano n'elogio, na parola de ‘ncoraggiamento da parte mia, na vottata da dereto mo che nce trovammo a li fatte.

Oh si, beneditto sia sempe chillo capa d’annecchia de lu magnanemo alliato; e' stato veramente de parola; se allicordato e a puosto nn'essere lu mutto che dice: l'ommE pe la parola, e lu vojo te le ccorna, o viceverza.

Non mmanco sse ammaturato lu piro non ba fatto manco spunta lu tiempo, e zzaffete ha mannato la staffetta e a ditto 'nfaccia a li suoje facite lu ritornello. Ogge addonga, comme vedimmo tutte quante, co ll'aiuto de S. Lucia bbenedetta, le ccose pare che stesseno a buon termene, lu cielo pare che se volesse benigna' de farece quacche grazia.

Ogge finarmente potimmo accommenzare a di, ca chisto e lu principio de la fine.

Ogge avimmo da principiare a rridere, e ve lo conziglio a tutte quante, pecche' ogge sarra' urdimata la redenzione de li redenture; la canonizzazione de li martere modierne; e se vedarra' lu triunfo de chi a've da triunfa'; sia pure co lu triunfo a mmazzo.

La Fede la tenimmo; tutte quante simmo fedele; Don Proclamo' non è benuto meno, e s’e' mmostrato de na fedelta' tutta nova, a' fatto chello ch'aveva ditto.

Donga FEDE e popolo fratiello. Lu primmo punto de la mmeditazione e' chisto.

Lu siconno se nne vene appriesso da se, ed e' la SPERANZA. Non nce facimmo maje appaura' da li chiacchiere de li fauzarie; quanto cchiù nce paresse case stesse pe stuta' la lampa, tanto cchiù nce avimmo da stregnere a lu lucigno, e ave' la speranza, na certa speranza; certa comm'e certo ca esiste lo munno, comme e ccerto Ddio, ca ll’uoglio non benarra' maje meno, ca la luce sarra' fatta cchiù biva, e ca, si nce sarra' la gente che restarra' a la scura non sarrammo certamente nuje chesta.

Arricordammoce ca la Speranza fuje la primma a nascere, e a' da essere ll’urdema a murì. Oh quanta mussille fridde avimmo da vasa' nuje, nnante de perdere le speranze noste! Seh... e mo nce lu llevano da la capa!

Nce resta la cARITA’. La carita', compagna ‘nseparabbele de la pacienzia, vole essere abbracciata da nuje; abbracciammola.

carita' co tutte, associate meje, e spuntarrammo lu punto.

Oualunche sieno li titole che nce darranno, ausammo la carita'.

Qualunche se sieno le pprove a le qquale nce arreduciarranno, e nuje risponnimmole co carita'.

Nce hanno fatto male, nce a'nno arredutte povere, nce’ a'nno custrette a lemmosena? - Careta', facimmola carita', e sempe carita', co ttutte le mmiserie noste.

Ma mo che meglio nce rifletto, pare che ‘nvece de scrivere na cosa ve n’aggio scritto n'autra: ‘nvece de divertireve cost’articolo, ve sarraggio state assecca'. Ma non fa niente. Vuje site state sempe generuse comme, e io m’approfitto de vuje.

So momente difficele, so momente decisive, so li punte e coronate dell’ opera, abbesogna ave' pacienzia, e fede. Fede addonga.

Quanno nce credarrammo ca lu mare sarra' gruosso, e li cavallune volarranno appassare pe forza a la riva, tanno na guardata a Pio Nono. Da la faccia soja sorridente e carma nne tirarrammo le ste li buone prognuostece pe l'abbenì.

Lu mare de Civitavecchia sta chino de ligne de tutte le nazziune, 'nfaccia a li quale stace appesa ll'ancora de la speranza!

Si co la fede nnante all’uocchie nuje tenarrammo ferma la speranza de vede triunfa' la justizia, nuje potimmo essere certe ca co ll'abbecinarese de l’avvenemiente, lu signore nce farra' priesto la Carita'!


vai su


Anno I. - Nummaro 96 - Martedi' 18 Dicembre 1866

LA BANNERA DE LU PAPA

‘ncoppa a la fortezza de Castel Sant’Angelo

Abbenuta l'alba de lu vero risorgemiento de Roma, la bannera de lu Sommo Pontefece fuje nnazzata ‘ncoppa a la fortezza de castiel S., Angelo, e lu bello lenzulo papalino sbrennoleja da coppa a chelle mmura, e pare che dicesse a tutte li cattuolece de l'univerzo: Non temite, pe mmezzo mio vinciarrate.

E de fatto, tutte li buone scritture de lu regno salutano comme a no segno de redenzione la bel la bannera de Pio Nono, auzata ‘ncimma a lu forte de Roma, e ‘nvece de dispiacerese pe la partenza de la truppa protettrice franzese, sbattenno le mmane pe lu piacere, e salutano de tutto core stu bello cagnamiento addesederato.

E tu pure o Trovatore, tu pure figlio fortunato de la Santa Cchiesia Cattoleca, tu pure addenocchiate, e manna da lontano purzi lu saluto tujo a la bannera de li Pape, a chella che difenne la Religione e la Fede toja.

Salve, o bannera de lu Sommo Pontefece, ecco mecca purzi a me, io te saluto. - Tu che bedite avasciarese nnante all’uocchie tuoje tutte li potiente de la terra, che vediste arreducere a brenna tutte le rivoluziune che te se tramajeno, che vediste sconfitte tutte l'esiercete de li musulmane, tutte perdute le battaglie de li nnemmice tuoje,tu vinciarraje sempe, pecche' ‘nfaccia a la tela toja nce sta chiazzato lu stemma de lu cattolicisemo, la ‘mpresa de lu Papa, le cchiave bbenedette de San Pietro.

Salve, o bannera. Tu appartiene a no patrone troppo gruosso; a no patrone bello, potente, generuso, immancabbele, protettore, justo, savio, fede le, santo.

Tu rappresiente lu stannardo de Cristo Redento re, de lu figlio bbeneditto de Dommeneddio, contro a lu quale non nce ponno maje tutte li 'ntriche de lo munno.

‘Nnante a te s’addenocchiano ll'eretece, se con vertono li protestante, s’arreduceno no pizzeco li fedele. Tu vince sempe. Nnante a te li sapute se perdono, le ccongiure se ne squagliano, le rivoluzziune se sfrantummano.

Pecche' tu si fforte.

Nnante a te non nce stanno concierte, non se fanno mattunelle, non nce servono le cchiacchiere, avimmo da avascia' tutte quante la capa, pecche' tu si sovrana, appartiene a la Cchiesia, e chello ch’appartene a la Cchiesia non benedette maje fine.

Venetteno li viente perfediuse, tocoliajeno pe no poco le fforze toje, parette de chiarese chell’asta che te riggeva..... ma fuje tutto cosa de no mo mento. a' na voce de lu Signore tujo, Eolo, lu capaddozio; dicette d’avere pazziato, e se carmajeno li viente. Lu sole bello de la primmavera de la Cchiesia te sulataje de bel nuovo ‘ncoppa a le mmure de la cita' eterna, e tu turnaste patrona.

Accanto de te, o bannera de Pio Nono, nce sta n’angelo potente. Ncoppa a lu castiello che te reje se nce trova a lu juorno d’ogge la statua di Michele, che co la spata sfotarata mmano te difenne da tutte le ttempeste; e nfaccia a lu scudo sujo porta scritto la sentenzia troppo justa: Quis ut Deus?

Tu curune la fortezza de n’angelo, e n'arcangelo de lu paraviso fuje miso pe ssentenella toja.

La storia nce dice ca stu Castiello tujo servette no juorno pe retiro de li reje de stato. Monzignor Gaume stampaje no libro a Parige a lu 1857 ‘ntitolato: Le tre RomE, giornale de no viaggio in Italia, addo' a pagena 176 conta ca visitanno le mmura toje nce trovaje purzi no scritto fatto ‘nfaccia a lu muro da Luige Giuseppe Napolione, ogge ’Mperatore de li franzise, lu quale disgrazziatamente all'Ottombre de lu 1836 t’annuraje de na viseta soja, e se 'ntrattenette paricchio tiempo co la fortezza de castiel S. Angelo! Stu Castiello addonga, addo sbrennulìe tu, doppo essere stato opera de lu ‘Mperatore Adriano, fuje pure lu recuovero de n'autro ‘Mperatore, de lu Sovrano de li franzise, de lu proteggetore morale de Pio Nono, de lu figlio primmogeneto de la cchiesia.

La storia de l’Annale d’Italia de l’anne 997 e 998, scritta da Muratori, arricorda ca ‘nfaccia a le mmura de sta fortezza venette appiso lu cadavere de Criscenzio, conzole de Roma, aunito a dudece autre affiliate suoje: lu duale cercaje co ostinatezza de se la piglia' co lu Papa Gregorio Quinto.

Dall'auto de sta fortezza, a comme dice ancora lu stesso Muratori, se vedette no juorno strascena pe tutta Roma l'anti-papa Giovanne, lu quale p’ave' voluto occupa' pe sule diece mise la seggia de S. Pietro, lle fuje barbaramente tagliato lu naso, cecate l'uocchie, e coccato ‘ncoppa a no ciuccio portato ‘mprucessione pe ttutta la cita eterna.

O bannera de lu cattolicesemo!... Viate a nuje ca li tiempe so cagnate, e non se vedono cchiù sti barbarita', pecche' canoscimmo abbastanza ca Cristo Vence sempe, e ca lu commattere contro de te e' la cchiù scema de tutte le ppazzie.

Felice li tiempe che corrono, che so ttiempe de piccole disturbe, de, breve discussiune, dei pochisseme chiacchiere, che fernarranno dinto a niente co brevisseme conciliazziune!

Ma qualunche se sieno li juorne da nce stanno riserbate appriesso, tu risbrennarraje sempe ’ncoppa' a sta fortezza de Roma; e pe quante gruosse potrann’essere li contraste che s’avventurarranno tu non te perdarraje maje, pecche' lu Papato de Roma non avra' maie fine, e fenarra' solamente co lu feni de li secule!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 97 - Giovedi' 20 Dicembre 1866

LETTERA ROMANA

Corrisponnenzia particolare de lu TROVATORE

Roma li 17 decembre 1866

Martedi nce venette sequestato lu nummaro 96 nuosto, senza sapersene ancora lu pecchè.

______________________________________________

compa Savè, teh acchiappa… chesta e' essa, mmo mmo tell’aggio sformata siconno la prumessa, e la ‘mpizzo dinto a lu soleto pertuso de la posta.

Diciarraje ca e' troppo tricata, pecche' tela prommettette cchiù primmo? ma non aggio che te fa, so stato poco buono, e ‘nzarvamiento tujo e de chi te legge, aggio guardato lu lietto pe na dicina de juorne co no ciammuorio tante forte ca mm'a' fatto arreducere miezo. E saje pecchè? Pecche' si tell'allicuorde, e mme pare d’avertelo scritto, qua'nno succedette ca lu Menistro de la Toscana se steva tiranno le ccazette, e lle portajeno li Sacramente, la progessione scontraje lu Papa pe la via, lu quale co ttutto ca era mmerzo 23 ore, e faceva abbastante friddo, volette scennere da la carrozza soia, e bolette jrece appriesso levannose la scazzetta janca da capo, e co lo melone da fora, e la torcia mmano. Ch’avisse fatto tu a chell’accassione? Mme scappellaje pur’io e corrette appriesso, pe bede' la funzione; ed eccome cca'. So stato arruinato frate mio pe chell'ummeto pigliato, e lu Santo Patre, sia bbeneditto Ddio, non le passaje manco pe la sacca, e stace ca mme pare no milodiece! Potenzia de lu cielo!

Accommenzammo apprimmo apprimmo da la salute. - Stammo uno meglio de n'autro, a eccezzione mpEro' momentaniamente de me. Tutte chiatte, belle, frische, e tellecarielle. Neh dubbitare de chisto e de chillo; qua'nno te dico tutte t’aje da sta zitto. E Zìeto? fratie quant'e ccerto la morte, t’assicuro ca no lo canusce cchiù: s’e' fatto quacche cantaro e miezo, e' addeventato doje vote tanto. a' preposeto, quanto tiempo e ca non te scrive? scrivammello, ca sino mme nce faccio quacche lagnanza.

Li franzise, comme sapraje, senne so ghiute tutte quante, no reggimento appriesso a n’autro, e nce anno levato felicemente la ‘ncommodo, a' chisto: riguardo se conta ca la popolazione francese nne stace abbastantamente dispiaciuta, e gia' se dice ca li cattuolece de Lione stesseno preparanno na grossa dimostrazzione religiosa, ‘nsenzo contrario a lu governo lloro, c’a've abbannonato Roma...

Iuorne fa arrivajeno tutte li zuave ponteficie mmerzo le 4 p. mi te dico ca facevano na magnifica fiùra, e pe la tenuta loro veramente marziale. Arrivate a no cierto punto se scontrajeno co la carrozza de lu Papa che se portava a Porta Pia, E lu salutajeno schierannose, e portanno la mane 'nfaccia alla coppola. a' lu retuorno de lu Pontefice, lu ccredarrisse? se facetteno trovare a pied’arme, mmiezo a la chiazza de San Pietro, e lu voletteno aspetta' pe lle fa l’annure miliare, e se nne piglia' la santa bbenedizzione!

‘Ncoppa S. Angelo se nc’e' posta a sodisfazzione de tutte la bannera papalina. È na cosa curiosa lu bbede' la maggior parte de chesta popolazzione comme tene mente e rride, a guarda stu ghi e beni de truppa che se retira, e nuove sordate che se ne traseno; de menistre che banno e beneno, e de ammasciature che arrivano juorne juorne; e chesto co ttutta carma e tranguillita', comme si non se trattasse de niente.

cca' li comitate cercano continuamente de dare se da fa, onne ‘nquacche circostanzia riuscire a quacche tentativo contro a lu governo de la Santa Sede; ma lu cielo sape si nce riusciarranno. Urdimamente se nn’e' formato uno composto de chianchiere e de crapettare! - Ride ri!

Avimmo avuto la viseta de lu Conte Ponza San Martino, lu quale a la vigilia de la Mmaculata trovannose mmiezo a la chiazza de li SS. Apuostele, vedette con non poca mmaraveglia tutto lu chiasso che te facette l'intera popolazione, applaudenno e festiggianno lu Pa'pa'. Mme diceno ca avesse spiato a quaccheduno ca lle steva vicino, si tutta chella genie era composta de romane; e qua'nno le risponnetteno de si facette la faccia amara, e torcette lo musso!

E arrivato purzi lu signore Tonello, lu quale fuje ricevuto a la stazione da no mpiegato de la legazione francese, che lu portaje a piglia' puosto a ll'albergo Serny a chiazza de Spagna. Se diceno no sacco de chiacchiere ‘ncoppa a st'autra venuta de chisto; ma comme se capisce buono, le cchiacchiere stanno a zzero, E e' no sacco de tiempo ca nce stanno ammuscianno co le cchiacchiere!

Lu progetto de lu viaggio cca de tu Mperatrice Eugenia pare «vide ca dico pare, e non te l’a'ccerto» 'nzomma pare de se volere verifica, pecche' s'accerta ca se trovarra' a Roma a le feste de lu S. Natale, e ghiarra' a occupa' lu stesso appartamiento che occupava poco fa la ‘Mperatrice car lotta, all'Albergo de Roma'.

chillo tale lavoro de pressa, che la rivoluzzione diceva starese facenno de nascuosto dinto a la stamparia de lu Vaticano, e che aveva da contenè. Dio sa che cosa, e benuto finalmente a lluce, e venette distribbujuto a tutto lu corpo depromateco de la segretaria de stato. È no gruosso volume le 316 paggene ‘nquarto granne, 'ntitolato, Esposizzione documentata sulle costanti cure del Sommo Pontefice Pio Nono, a riparo dei mali che soffre la Chiesa cattolica nei dominii di Russia e di Polonia. Che? E li patute ch’ammentano sempe chiacchiere pretennevano chesto, e pretennevano chell'autro. Piezze de caulicchiùne!.

Otto juorne fa e' succiesso no fatto straordinario dinto Roma, che gia' a chest’ora li rivoluzzionarie avranno fatte saglire a le stelle, accusanno lu go verno papalino va trova de che mmuodo! Mentre mmiezo Chiazza Colonna se vennevano a lu prubbeco incanto cierte cavalle de scarto de l'ussere franzise, teccote strilla a tutta la folla… lu mariuolo, a lu mariuolo, acchiappatelo.

Uh! che è, che non è? era n'acalatore de sacca de no 25 anue che profittanno de chillo ammuino s’aveva arrubbato no relorgio d’oro da no signore che steva fermato, e se ne scappava de tutta pressa. Piglia, spara, afferra, lu mariuolo fujeva, e fujeva a la direzzione de la sentenella che se trovava de guardia a lu casino de l’affiziale franzise; lu quale vedenno correre tanta gente affollata, e uno che scappave nnante 'mposta lu fucile sujo mmerzo lu mariuolo e cerca de fermarlo, Ma la disgrazia, o chello che fosse stata, lu mariuolo all'impeto de la corza e tutto appaurato non s’avvede de la bajonetta ‘mpostata, e arrivannoce vicino nne resta disgrazziatamente feruto.

Doppo poco tiempo lu poveriello spirava, e restava cadavere.

Ma ‘nchiudimmo co ccose allere. Fa buono Natale, tu e tutte l'amice tuoje, e sperammo de nce 'abbraccia' a Pasca tutte quante alleramente, e sta vota te lo prommetto de core, - Non sentere buscie; cca stammo cchiù cojete de primmo, e non credere a cierte corrisponnente de giurnale equivoce, de Milano, Firenze e Napole: li quale scarabbocchiano a muodo lloro dinto a le stesse stampa rie addo stampano tanta notizzie allarmante, co ddicenno ca cca se trovano ‘mpustate li cannune pe mmiezo a tutte le oie, le ccarcere chiene de gen te arrestate, e na sevizia continovata da parte de la pulezzia papalina!! Povere gaurante; si sapesseno quanto danno se fanno all’anema e a lu cuor po, coste ffauze assertive lloro!

Da li paise vicine pure bone notizie, da Civitavecchia otteme, addo' non se moveno li sante ligne de la Provvedenzia.

Fratiè. statte buono… te vorria cefulia' qua'ccosa - all'uso nuosto, ma no lu ppozzo, pecchè… tengo ancora lu catarro. - Abbracciame, addio, addio.

L’affezzionato tujo

Õ.Õ.


vai su


Anno I. - Nummaro 98 - Sapato 22 Dicembre 1866

AVVISE E AFFISSE

Martedi prossemo, essenno la festivita' de Natale, non nce sara' giurnale, lu prubbecarrammo lu giovedi' appriesso, zzoe' a la siconna festa,

La ’Nferta de lu Trovatore jesciarra', senza meno, a' ca'podanno; pecche' non po esse pe Natale, a causa de le continove malatielle de lu Direttore, che comme sapite nu juorno sta buono, e diece indisposto!

Preparateve perzó pe l’anno nuovo, e avarrate na raccoveta ben fatta de cose pulite, acconce e pazziarelle; co carattere e vignette de Franza, co carta e frontespizio de primma scevuta. Decriete, chiacchiariate, romanze, storia, povesie, fattarielle pe rridere, Âarbanera e calannario, regule pe la Âonafficiata, TUTTO. E tutto chesto pe quanto? - PE senza niente!

Quanto mettarrate sulamente no piezzo d'argiento mmano a chi ve presenta la Nferta, e passa cantanno.

Potite chiammarece carestuso de chesta manera?

LU TROVATORE

LU BBUONO NATALE ALL’AMICE MIEJE

Signure mieje, scusate si mm'abbìo duje juorne primmo, ma ve ll’aggio ditto cchiu ‘ncoppa ca martedi prossemo io faccio festa, e perzo' mme commene sta jornata de fa le cconvenienzie meje co le ssignorie voste, e dareve a la vigilia de la gran festa de tutto lo munno li strettissime e grannisseme buone aurie.

Ciente, ciente, ciente e ciente, de ste ghiornate, associate mieje, letture aggarbate e pacienziuse, ma non de chesta manera, spiegammoce buono

Lu ddi: puozze fa no Natale peccient’anne siconno e' lu tiempo de lu sconsolato 1866, e' lu stesso ddicere: menate da coppa a bascio nnante de ll’anno nuovo «a li cane dicenno» o pure preja' a Dommenaddio ca te nne levasse priesto, si ha da ji' sempe accussi' la facenna. E sempe all’ossa de li cane!

Pecche' e' chiaro comme a la luna decema, ca novantanovemila perzune ncoppa a cciento capesceno chiaramente, e s’hanno puosto buono a lu stommaco, ca si tutte l'annate sarrieno eguale a cheste, addio fruttajuole! Si tutte li mise s’arrrassomigliasseno sempe comm’a chisto de lu 66, addio munno.

Si tutte l’anne portasseno appriesso chello ch’a' portato chisto che sta murenno, non restarriano appena appena li miedece!

E lluotene, e picce, e malanne, e carestia, e colera, e mortalita' de subbeto, e guerra continovata, e domicilio coatto, e rivoluzzione ‘nSicilia, e brigantaggio ostinato, e miseria che non fenesce maje, E.... lu Municipio de Napole sempe cchiù sguazzone..... pe ghì secutanno li ciucce de le padule co la menesta ncuollo!..

E diebbete, e zelle, e tasse, e ‘mposizziune, e piantune, e sequeste, e ricatte de chille tale sanchezuche chiammate li patrune de casa; sempe co la debbeta eccezione! Che Natale e Natale, che anno è anno, che aurio o aurio!

N'aurio a la fine de lu 66? qua'nno tanta povere disgrazziate de muonece che s’a'nno sacrificata la vita lloro pe ttant’anne dinto a le ccelle, mo se nn'a'nno da ji' co na mano nnante e n'autra arreto; spierte e demierte pe, tutto lu munno, facenno la vita de li zingare, e, chello ch'e' cchiù doloruso, fuorze fuorze jenno lemmosenanno pevo de primmo, pecche' non potranno arrivare co chillo tornese d'assignamiento, e chella tonaca vecchia ‘ncuollo che lle restarra' pe ttutta la vita!

Sarria lu stesso che ddicere nfaccia a uno che ttene lu muorto a la casa, me... susete e facimmoce no sciassè! Ma zzo non per tanto io l’obbrego mio ll'aggio da fare certamente.

co mmiseria, o senza, co lluotene, o senza, co sfasulazione, o recchezza, io aggio da mettere mano a la penna, e v’aggio da ‘nquacchiare tutto chello che mm'esce meglio da lu core.

Pozzate campa tanto, quanto campaje Noe, la mogliera de Nce, li figlie de Noe, li nepute, li nepuscielle, e li figlie de li figlie de tutta la streppegna de l' Arca de Noe; ‘nsanta pace, e sempe co Dommeneddio nnante all’uocchie.

Pozza'te tene' tanta salute, pe quanto potra' fa schiatta' li miedece vedennove, e non pozzate piglia' maje no cientesemo de cremmore de tartaro.

Pozzate ave' fede, e tanta fede, da credere pe ccerto ca chisto sarra' l’urdem’anno de la miseria nosta, de l'appicceco 'ngennerale, de li lamiente de li bisugnuse, e de tutto chello che ssapite vuje; vevenno sicure ca a lu nuov’anno mettarrammola lu pede ‘nfaccia a le ddisgrazzie, addo nce scrivarrammo: cca fuje atterrata il urdema botta de lu spariatorio, e benette ‘ntruocolo la pace 'ngennerale! Ve pozzate vede sti figlie sante, si nne tenite, e si non nne tenite li pozzate ave de bona 'ntenzione, e si non avite chisto penziere, meglio e accussi.

Recchezza, prosperita', allegria, senza nisciuno piccio, senza nisciuno loteno, senza nisciuna fauzita'.

Magnateve tutte le ccose bone cuoncio cuoncio, ma non facite sprepuosete, pecche' capite buono ca lu sprepuoseto porta sempe appriesso quacche piccola conzequenzia; e farriamo 'ngrassa a li mmale fercule, li quale stanno ancora dicenno ca chella tale malatiella passata non e' fenuta ancora all’intutto. Non lle dammo lu capo mmano perzo!

Lu ricco ch’avesse salute e guadagne

Trattanno l'affritte da frate e compagne;

Lu povero a spasso che nniente non ha,

‘Mpecasse, vedesse, cercasse campa;

ca a l’anno che bene, si Ddio lu vorra',

Lu Santo Natale sfarzuso sarra'.

Zumpammo stu fuosso si meglio potimmo.

Sino nce atterrammo, e pevo farrimmo,

TEnimmoce forte, ‘ntostammo lu pede,

Facimmo crepare a chi non nce crede.

No juorno contiente nce avrimmo a bedè,

ca sulo a la morte speranza non nc’è!

Natale de st'anno vattenne a bonora,

Si manco de spasso nce sierbe tu n' ora.

Si schiude a la pace li juorne cchiù belle

Che puozzo aunnare pe, mmiezo a le stelle;

Sinò, tu lu ssaje, n'avimmo che ffa,

E, mmuorte co muorte, nce jammo a stipa'!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 99 - Sapato 29 Dicembre 1866

Le llacreme

SCUSATE. - LI’autrjere non aprubbecajemo la giornale comma prommettettemo, avennoce fatto li cunto senza li giuvene de la stamparia; li quale, co (tutta ll’educazione possibbele, nce ’nechiantajeno a nuje e lu princepale lloro, e se ne jetteno ’ncampagna!

PERDONATE, signure associate moruse, redite de nce saldi senza meno non appena v’arrivarra' sto nummaro, pecche' da la primmo juorno de ll’anno nuovo avimmo diciso de ve manna' cchiuttosto la carta de lu ccaso, ca lu giornale lu Trovatore. É presumibbele ca vulite leggere senza pava'? Pure e' buono ca site poche!

_____________________________________________

Le llacreme

' penurdeme articole de ll’anno

- Oh Trovatò, e che bonora accommienze co le llacreme sta vota, justo doppo le ffeste de Natale?

- Silenzio amica mieje, e levateve la cappiello sa la grannissema considerazione che ffaccio ’ncoppa a la piccio.

Le llacreme so' nicessarie ’ncierte momente spacienziuse, e qua'nno tenimmo lu stommaco appelato, li guaje nzi' a la ci cimma de li capille, la miseria fravecata attuorno de nuje, e na prospettiva de lu riesto de ll’artefizio che non appena sarra' parato avarrammo che bedè!

Conziderammo!

Conziderammo ca quante cchiù stammo cchiù arreto jammo. Ca solamente a lu Cielo e' la fede nosta, pecche' all’uommene pare nuoste e' sagliuto le ppepe a lu naso, e stanno facenno quante nne vuo' ca so' cepolle.

Novielle Geremie non nce attocca a fa autro ca a caccia' li moccaturielle da dinto a la sacca, e chiagnere ’ncoppa a le sbenture quotidiane, e cerca' armeno co le llacreme de allontana' quacche ccaso spiatato ca non nce apparicchiasse Dommenaddio!

Vuje ve dispiaciarrate, ve farrate le ccruce, mme mormuliarrate, ma non songh’io che tengo la pavura ‘ncuorpo, ma bensi' so' li fatte che bedo, e ne prevedo bruttissime conzequenzie.

È lu vero che ogge v’avria arato da allaria' lu core parlannove de cose allegre, v’avria avuto da conzola' no tantillo chiacchiariannove comme a la ssòleto.... Ma no, no lu pozzo; non nne tengo la vena, e baco cercanno cchiù ttosto chi consolasse a mme ’nvece de fa' io chest’opera meritoria.

E poje, reflettite ca non ttutte le llacreme fanno male a li ’ndividue; cierte bote sollevano, cierte bote alleggeresceno, cierte bote fanno la stesso de li vastase de la dua'na; se carrecano no pisemo che ttenarrammo dinto a la vocca de lu stommaco, e se lo portano co lloro; e nuje respirammo cchiù liggiero.

Oh quanta vote co le llacreme se sparagna na malatia. Oh quanta vota uno pe non chiagnere ha ‘nguttato ’nguttato e' caduto pe ‘nterra, e l’è benuto na cosa.

E pò, fratielle mieje, stammo all’urdemo de la 66, ll’anno lu cchiù picciuso che nce avesse potut’esse; accommenzaje chiagnenno e fernarra' chiagnenno; facimmo nuie pure lo stesso.

Pio Nono comme a nuje sta chiagnenno da no piezzo, e fuorze pevo de nuje.

Li prievete e li muonece, vedenno assumma' cierte nnuvole pesante mmiezo a lu cielo, pare se stanno annettanno lle lacreme.

Le ffamiglie sane sane chiagneno che e' na mmaraviglia.

Lu commercio a' fatto li canale all’uocchie pe lu chianto continovato.

Li paise chiagneno, le ccetate chiagneno, li villagge chiagneno, li casaruoppele ’ncampagna pure chiagneno.

E tutto chesto pecchè? perche nce a've corpa ll’acqua a na prubbeca!

Oh qua'nno penzo a li tiempe che fujeno, qua'nno io era bardascione e non canosceva ancora la casa de lu piccio, e guardava stu paese sorridere comma po' sorridere Ddio mmiezo a lu trono sujo de stelle!

Oh qua'nno penzo ca ogne mmatina che mme suseva da lu lietto, m’affacciava a la fenesta e bedeva li belle paisane mieje co tanta na schiocca de russo ‘nfaccia, che se vasavano ll’une co ll’autro che se conzolavano sulo vedennose….

Quanno a lu poveriello che de tanto ‘ntanto te fermava pe la via potive mettere quacche moneta mmano... e no poveriello stracciato, non gia' no galantommo scaduto, che co la faccia de la perimma, comme li bedimmo ogge, e co no moccaturiello 'nfaccia a lu musso non teneno manco coraggio de cercarte quaccosa !....

Oh lacreme... che ve ne site fatte, pecche' non nce ‘nfonnite da capo a lu pede, a bede' tanta miseria?

Notizie, giurnale, dispa'ccE? tutto e' lacremevole. - N’articolo de fora mme conta ca Tonello sta a Roma pe fa la conciliazione, e ntratanto da n’autra parte li fatte vanno ‘ncatenanno la Cchiesia! Misericordia de lu Cielo!

Apro n'autro giurnale e nce trovo l’Italia rovinata nel suo commercio. - cchiù a'ppriesso veco ca a' ÂEnezia, non appena nc’e' trasuta la libberta' chille popole se songo ammutinate, e ghiuorne fa tornajeno a cerca' pa'ne e llavoro, che avetteno subheto, essenno state arrestate e portate a lu ffrisco!

Oh le llacreme!

E chello che se vede ‘mmateria de Religione? Uommene de lu seculo decimonono, abitante de Napole e de la Cina, turche figlie de Maometto, prutestante de tutte le pparte de lo munno, leggite, e stordite; vedite a che ppunto simmo arrivate nuje co li scenufleggie de lu juorno !

Lu Difensore de Modena, ottemo giurnale religiuso modenese, conta ca non e' paricchio, a causa de lu ‘ncanamaramiento de li bbene eccresiastece dinto all'Italia, portatose no Commissario a no convento de li Cappuccine de casola Valsenio, diocese d’Imola; doppo d’avè strapazzato tanto chille povere muonece, reje non d'autro ca d’essere consacrate a Ddio, volette trasi' dinto a la cchiesia comme po trasì dinto a no cafè, zzoe' co lu cappiello ‘ncapo onne verifica' tutto chello se poteva ‘nventaria'!… Appena arrivatoce se facette da la chiave de lu Ciborio, addo' nce steva la pissida co Cristo ‘nSacramento, e.... orribbele a scriverse pe quanto e' ccerta la Misericordia de Giesù, apre la custodia, piglia la pissida, e co chelle mmane} le afferra a pizzeche le pparticule e le ssemmena ncoppa' all'autare pe bEde accussi devacata la pisseda de che piso era, appesacciannola co le mmane!

Doppo d’averla accussi scanagliata a nocchio, ripiglia le pparticole nce li mpizza dinto; nzerra la custodia, e nne restituesce la chiave, comme si niente avesse fatto. E tutto chesto co n'aria de smargiasso, e senza levarse pe niente lu cappiello da capo ! ! !

E Tonello sta a Roma, pe conciliarece co Pio Nono!

E la' Mperatrice de li franzise va chiagnenno pe ddinto a le cchiesie de Parige, e s’apparecchia pe gli a Roma!

Ma che chiagnite a fa, e cacciate lacreme ‘mperiale, o bella sovrana de li franzise? credite vuje ca lu chianto fatto accussi, a nòsemo, non e' apprezzato pe quanto va da Chillo, de coppa'?

Lasciatece chiagnere a nuje a bede' tanta scenufleggie!

A che affriggeve vuje? TEmite fuorze pe la salute de lu Mperatore? ma tutte quante avimmo da muri, chi cchiù e chi meno: e qua'nno sarra' lesto lu momento, lu chianto vuosto non farra' certamente nisciuno bene a lu malato.

Avite paura de perdere lu regno? e che paura e chesta? che fuorze da che munno e munno li trone so restate eterne, o vurrisseve asci' da fora a li decriete de lu Provvedenzia?

Ve dispiace de chello che se fa a la Cchiesia, de le llacreme de Pio Nono, de la richiammo de li franzise da Roma? Scemita' signora mia; so llacreme superchie, chello che non se vo non se fa; e si lu core vuosto fosse tanto tiennero comme apparesce, a chest'ora avrisseve potuto... Ma parlammo d'autro, e arricordammoce ca le llacreme de tutte quante se conosceno assaie da Chi criaje lo munno?

Lassate che chiagnessemo nuje, nuje che appartenimmo a la povera gente, nuje nce avimmo da vede, e nce avimmo da sta zitto, e si volite pria' ‘nzieïmo ca nuje priate ca le llacreme de li poverielle arrivasseno priesto nnante a lu cospetto de Ddio!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 100 - Lunedi' 31 Dicembre 1866

L’ADDIO A LU 1866

E si mmuorto o 1866; poch’autr'ore e s’avra' da dicere purzi de te: Ei fu, comme fujeno e sarranno tutte chille che se presùmeno d'essere, e che ritornarranno comm a te dinto a le ccarte 'mpuveriate de li casadduoglie.

De te non ne restarra' che quacche calannario viecchio, o quacche copia de lu Âarbanera arrozzuto, e po niente cchiù. Defrische quante nne volarraje, accompagnamiente, poco lusinghiere de cierte salute a la cocchiere d’affitto; ll'a'mbo de lu villano che te farra' da funebre corteggio, e po niente cchiù. Lla', dinto a la fossa de tutte l’anne viecchie, che s’arreducetteno comm’a te all’estrema miseria, e po, ‘nfelice e disgrazziate se ritirajeno da sto munno de le ttasse co lu friddo e la freve, a la mezanotte de lu 31 Dicembre!

Povero 1866, te veco e te chiagno. a' poch’autr'ore e tu ritornarraje na vrenna, t’arriduciarraje no viento; anze na cosa cchiù sottila de lu viento, pecche' ‘ncoppa a le scelle de chisto te jarraje a fa frijere a l'autro munno. E dicere ca te credive d'ave' tanto ben trattato a lu prossemo, ca dall'apparire tujo nce credevamo ca veramente avevamo pigliato lu cielo co lu dito, se sarria cagnata la sorte nosta, avriamo migliorata sta vita de stiente, nce avrisse fatto sagli, non te dico da coppa all’astrece, ma adderettura in estrece, e.… ghiettemo felicissimamente co lu musso dinto a na chiaveca. Vatte' buffone. Quanno avive da essere n’anno accussi miserabbele, a che metterte ‘ncalannario, e arreducerce a chisto stato?

Straccione!...

Sbruffone!...

Appojalibbarde!...

Eppure, vide mo comme so ffatte li core de li napolitane, nuje avimmo compassione de te; e saje pecchè? pecche' co tutte lu strommettiamiento che avevano fatto de te li ciarlatane de l’astronomiste, pure nuje avevamo annasato ca tu non jere niente de buono, ca la miseria sarria nata co tte, ca la carestia te sarria venuta appresso da porta-coda, ca doppo d'essa se saria appresentata la peste, e co la peste la guerra, e co la guerra lu camposanto, che te sta aspettanno co le bbraccia aperte!

Oh, ca finalmente e arrivato lu momento ca te jarraje a fa frijere.

Va apparecchiate frate mio bbeneditto, non te lusinga' ca nce restarraje cchiù lungamente; sta vota i' veramente arrevato lu mmaturo, ll'ore te son go contate, la mezanotte de li 31 de stu mese te sta apparicchiata ‘ncoppa a la noce de lu cuollo, e la campana de San Martino, de lu protettore de li figlie tuoje, sta pe ssunare l’urdema stesa, e po... ll'eterneta' pe l'anema toja, e, fuorze lu ‘nfierno!

Arricordate de chello ch'aje fatto però.

Quanno sarraje a lu munno de la vereta', e te trovarraje a dare cunto de l’essere tujo, de la vita sbriognata menata a chisto munno, e de tutte li scenofleggie a li quale avraje tenuto mano, miettete na nano mpietto, a lu pizzo de la coscienzia, addove propeto sbatte lu core, e dì: Signo' io peccaje assaje e me mmereto, no'nfierno, a'pposta!

Arricodate de lu mmale che nce aje fatto, e cercane perduono.

Penza ca pe tte nce arreducettemo mieze; co pavure de guerra, colera, de morte subitanee, de bombardamiento a lu paese de le fficodinnie, e tutte le schiovazziune possibbele.

ca pe tte venette ‘ntruocolo la carta de lu ccaso, le cartuscelle pe fa la spesa, e lu taffetta' pe li nza'gnie, alias li francobulle.

PE, te avettemo Lissa e custoza, che restarranno eternamente dinto a la memoria de li martere!

PE te se ne jetteno a fa frijere la cannoniera Pa'lestro, e lu Rre d'Italia l e co lloro tanta povere figlie de mamma che non avevano fatto nisciuno peccato veniale!

Guaje a tte che nn’aje avuto la causa e la corpa', o anno disgrazziato 1866, guaje a tte. Non nce volarria stare manco pe polece dinto a la cammisa toja: tu, mme faje venire lu friddo.

PE tte scoppettate e cannonate, pe tte appicceche e nnemmicizie, pe tte sollevazione de malandrinaggio, pe tte la famma co ttanta na vocca aperta, che a' fatto strilla' a li povere. popole pane e lavoro; pe te la miseria, capisce? lu sguallore, la morta continovata, pe non ave' de che bivere, e la vriogna de stennere la mano a lu simele nuosto onne non dormire a lu sserèno la sera. PE te finalmente la cacciata de li muonece e no municipio ‘ncendiato a Palermo!

Va, va, ca tu non si degno pe niente de perduono. Li prosseme qua'nno sentarranno annummenare lu nomme tujo s'avranno da fare le ccruce. - Chi, lu 66? diciarranno, ma non nce l'annommenate manco! Pe isso chist’orfene che bedite, ste bedove vestute a lutto, sti figlie senza li geneture lloro, chille signure distinte a fare, li serviture!

Orribbele, orribbele, o anno che staje morenno; la vita toja fuje n'ammasso de niquita', tu nce stive facenno perdere la coscienzia, comme nn’avimmo perza la salute; e si non era pe la religgione nosta santissema, che tenimmo tanto fravecata co nuje, a chest’ora nce avisse fatto perdere all’intutto la fede.

Addio, addio, addio; che ll’eternita' te sia liggiera, va, nuje te perdunammo, ricuordete che a'je avuto a che fare co gente coscienziosa. Nuje nce, scordammo de tutto lu mmale che nce aje fatto, e priarrammo sempe pe tte.

Addio, addio…. non te scoraggiare all'ora estrema; li gruosse comme a te, e tu te si creduto no gruosso, non so benute maje meno all'ora de lu riennecunto. Abbannona la vilta', fattella co coraggio sta sagliuta ‘ntruppecosa, non siente ca s'accosta ll’ora?…

Ausoleja....

…treje, quatto, cinco, seje, sette..., sett’ore!… E’ mezzanotte, aiza. Lu viento de coppa a la pedemontina de S. Martino ba portate nzì a tte ll’eco desastrosa de ll’urdem’ora toja, retirate.

Oh potesse lu chianto de tutto, no popolo, scangellare co le llacreme la trista epigrafe che se mettarra' ncoppa a la tomba toja. E dicere ‘nfaccia a chille che venarranno co lu tiempo. - cca fuje atterrato ll’anno 1866.......... ma no popolo generuso nne scassaje chello che beneva appriesso!!!

LU TROVATORE




























vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilita' del materiale e del Webm@ster.