Eleaml


LU TROVATORE

Giornale Spassatiempo

(2 - Editoriali 1866)


(se vuoi, scarica il testo in formato ODT o PDF)

APRILE

MAGGIO

AUSTO

SETTEMBRE

APRILE

Anno I. —Nummare 33. - Mercoledi 4 Aprile 1866

LL’ITALIA A PAVAMlENTO

E LI PREMMUNARE DE FIRENZE

La bonanema de cavurro, ca lu cielo aggia 'ngloria, ma mpero si nc’è caputo, era no granne economista, e no depromateco co li sciuocche; e comme a tale diceva quacche bota la verita' quanno lle pareva che lle poteva torna' cunto. Lu povero D. Camillo sapeva lu fieto de la bestia, ossia de le bestie, zzoe de chille che lle stevano attuorno, che ttenevano no brutto appetito, non pregiudicanno lo sujo, e perzo' quanno vedeva mal'aria a' Âa'ja, comme se sole dicere, se n'asceva co doje parole che racchiùdevano tutta la sapienzia de li Menistre de la Mecca', e diceva: pavate, pavate, pavate. Nce servono denare pe ffa l’Italia, vuje l'avite cercata aunita, pecchè, spartata avite ditto ca non ve piaceva, e pe farla aunita non nce stace oro che basta; perzo' pavate.

Fatto sta ca a lu mmeglio de li pavamiente, E quanne lu povere quattuocchio, s’era abbastantemente 'ngrassato a fa la volonta' de la nazzione, e prommetteva de portarece 'nnitto 'nfatto a Roma, a morte se lu pigliaje e ghiette a fa ll'Italia mparaviso.

... E pe chesso votte Pavolo

Mesurare lo tavuto,

che lu cielo l’aggia 'ngrolia,

Ma òpErä si nc'e caputo.

Accussi' mbrusuniava la Sie' Stella doppo la morte de lu marito!

E appriesso a D. Camillo s’appresentajeno li successure suoje, li quale co lu testamiento de la bonanema dinto a la sacca hanno fatto lu meglio ch'anno potuto, e se so mise a strilla' lloro pure da la matina a la sera: pavate, parate, pavate.

Pavate, si site nobbele, proprietarie, tenite carrozze, o jate a pede.

Pavate, si avite na nnustria, no pertuso apierto, na speculazione, o na sporta appesa ncanna co quatto franfellicche o caramelle pe bennere.

Pavate, si site miedece, o spezziale, si avite accisa ll'umanita' o v’avite fatto lu fatto vuosto mmedecannola bona.

Pavate, si site prievete, parrucchiane, muonace, monache, e ba scorrenno.

Pavate, si mpiegate, o usciere de tribunale, a'pprendiste, o scupature de lu Municipio.

Pavate, artiste, serveture de chiazza, femmene de servizio, venneture de pezzettelle pe le scarpe, pulizzastivale de nante a li cafè.

PAVATE TUTTE, uommene, femmene e... neutre, et omne genus animalorum, comme diceva PulEcenella co lo latino sujo.

NON CHIAMMA’ TRISTO CA PEVO TE VENE…..

ca'vurro se contentava de na cosa, ma chiste che lle so succedute non se ne contentano ne de una, ne de doje, ne de tre…

chiste nce stanno facenno desidera la morte co ll’uocchie juorne juorne.

Annevinate che? Mo ca co lu Conzorzio non se ne stace caccianno niente, se parla nientemeno de nautro PRIESTETO! Farrammo autre diebbete, metterrammo zelle nove 'ncoppa' a zelle vecchie, e ll’Italia Una sarra' chiammata ll’Italia de li zelluse!

E de quanto sarra' sto priesteto? E chi nne sape niente?? Se lu ssanno lloro e la nasceta lloro.

O conzorzio, o priesteto, o bancarotta. Teccove lu viglietto pe la strazzione che s’a' da tira. Uno de sti nuømere e' certissemo, tenitelo p’asciuto. PE me lu veco gia', ’nfaccia a la porta de lu postiere, e mme pare probabele sia ll urdemo lu quale jesciarra' primm'aletto! Avviso a li jocature.

Nzomma comme la votammo e la girammo dammoce l'anemo mpace, e facimmo la volonta' de Ddio. Ll’Italia e' stata posta a' PAVAMENTO, e non nce penzammo cchiù. E cchiù chello ch’avimmo fatto, ca chello ch’avimmo da fa! 'Nzerrammo ll’uocchie e addó jammo jammo.

A Firenze li giurnale de la Babilonia se la stanno piglianno, 'nvece de li Menistre ca approvano tasse e diebbete, nientemeno annevinate?... co li… premmunare de lla'. Sissignore co li premmunare. Vedite la gente comme diavolo va perdenno la capo!

Li premmunare de Firenze, siccome so cchiù cevelizzate de li nuoste, non banno vennenno carne de cavalle e ciucce mulegne co le mazze ‘ncuollo, gnernò; ma portano cierte piccole carrettelle a mano addo' nce teneno, la trippa fresca e ghianca n coppa comme.... a la cuscienzia de lu menistero.

Non manco sponta lu sole sti povere 'nnustriante se schiaffano la carriola appriesso e banno strellanno pe ssotto a le ccase de le gatte fiurentine: Angiolino, Angiolino belloo, Gasparino, scendete giue, Gasparino bellooo.…. E teccove a sta doce chiammata nenarese pe le gradiate tutte le gatte morte de famma ch aspettano lu digiunè, e che stamo a pava'mento, Fatto sta ca lu povero premmunaro a've tale na folla de st'accunte ca non sape comme s’a' da spartere, e succede spisso cape se nn’asci' da miezo se mette a mena' cauce a tutta la turba gattesca penne caccia a chille ca non stanno a pava mento. Ma sapite che ne riesce? Ca mmiezo a ll’ammuino, a'nno cchiù ponta de stivale arreto chille galle che a'nno deritto a la trippa, ca chille cchiù pa'ccariate ca se meneno mmiezo pese ll’a'bbusca'.

E sta storiella ha fatto e sta facenno remmore a Firenze, tanto ca li giurnaliste se nce so protestate contro pecche' non se fidano de sentere strilla' a li premmunare: Angiolino, Gasparino belloooo... E doppo ca nce ll'anno data la trippa, lu ritornello obbrecato de: E, ll’a' a'ùtaaa, e, ll’a' a'ùtaaa…co la quale cantilena 'ntennono avverti a la patrona de lu gatto ca l’associato ave avuto lu piezzo de trippa! Che ve ne pare de li costume, e de li taliente de li fiorentine! E de sti giurnaliste de Firenze ca, nvece de canta le ccalenne a li patrune e tira piede, nuoste, se vanno ncarricanno de le gatte e de li venneture de la trippa lloro?

Non e peggio lo caso nuosto ca chillo de le gatte? nce sta paragone ntra le ponte de stivale ch’anno loro da dereto, a chelle ch’avimmo nuje juorne juorne da sta maneca de sbrevugnatune, ca hanno arreddutto l’Italia addavero a' PAVAMENTO?

LU TROVATORE

Anno I.—Nummaro 34.—Viernadi' 6 Aprile 1866

CIVILTA’ E PROGRESSO O LI CANNIBBALE TALIANE

Nuje tenevamo n'argomento da tratta' sti juorne passate, ma no lo facettemo avuto riguardo a la solennita' che correva, e pe non annommena' li muorte a ttavola. Quanno corre na festa abbesogna parla' de cose allegre, e lassa' sta lu ffraceto a lu pizzo sujo: e che ffraceto! — Ogge pero' appagammo lu desederio nuosto, e v’appresentammo no squarcio de storia contemporanea, che nce servarra' a farce abbraccia' co cchiù pacienzia e rassignazione chella bonofeca de croce che nce’avimmo pigliata co le braccia noste!

Non nc'e' cchiù che spera', letture mieje La societa' de li regenerature e' quacche cosa de terribbele, de mostruosa.

Ll'ommo cattivo che teme sempe a lu mmale, se nce mena dinto, e sguazzarèa dinto a la lota comme a lu puorco mmiezo a no lavarone. Ogge pero' che li paise se so tutte aparate a festa, s'hanno lavata la faccia pe ditto lloro, se so cevilezzate p'accussi di, sentite che ve mena marzo, e prestatence fede, pecche' non songh’io ca lu cconto, ma li giurnale de l'auta Italia, L’Opinione e L'Unita' Cattolica.

«Sotto a lu titolo de Falange sacra s’e' stabeluta dint’a ll'Italia na societa' segreta, societa' 'nfernale, che vo, distruggere religione, governo, patria, D. Saverio famiglia.» E’ ll’Unita', che scrive. L'Opinione po, - che e' no giornale senza se ffa mmaraveglia a senti sta novita, anze dice franco franco: so cose d'autre tiempE.... (non nce attaccate idea!), pecchè mo tenimmo in Italia la Liberta'!

Sta Falange sacra non e' autra ca n’accozzaglia de gente perduta, certamente, la quale unitase a fratellanza se spassa nientemeno a fa cose de casa de lu diavolo, «pecche' sulo li diavole so capace de tanto» e a magna' carne umana! E na nova setta de li selvagge, comme na vota steva a Padova, e de che racconta P. Âresciani. Anze ll'Opinione nce lu conferma de cchiù pecche' dice: li statute (de la societa') se li pponno mmagena' da sè, mettenno nzieme quacche cosa DE SELVAGGIO! —Âresciani conta, a' proposeto de chiste settarie, ca tiempo fa se portavano da coppa a li spitale li piezze de carne umana, pe nne fa chello ch'abbesognava a li sbriugnate designe lloro! Lo cchiù spisso era lu core de quacche giovene muorto a lu sciore de l’aita', e postolo mmiezo a na tavola, lo guardavano co la faccia de l’arraggia, strignevano li diente facennoli sona' ntra lloro; po, a guisa de li cannibbale de no tiempo, stennevano la mano, ll'afferravano; e nce devano no muorzo, e se ne magnavano no piezzo peduno; passannose da mano mmano lu riesto, onne ciascuno ss’avesse magnato lu ssujo! - ScÍIFUSE! po s’alleccavano le ddeta, comme fanno le belve dinto a li desierte quanno s’hanno devorato la preda, contente de lu fatto lloro! Portavano purzi' cierte periette da dinto a li spitale, chine de sango che facevano asci da li sanguette gia' appricate, e caudo ancora se po dì, devacannolo dinto a li vacile, se nce lavavano e mmane dinto! - PUORCE FETIENTE STRAFETIENTE!

S’accattavano pe mancanza d’autro la carne de voje cruda; e le ttenelle de sango, co la scusa de nne fa sanguinacce; po, aunitose nconciliabolo ntra de loro, e in magnavano accussi' senza cocere, e se nce vevevano no bicchiere de sango appriesso!— Non passaje gran tiempo ca uno di sti tale fuje trovato na matina muorto de subbeto sotto a li puortece de Padova.

Portato a lu spitale e fattane a sezione lle se truvaje lu stommaco, chino de carne cruda, e sango de voio indigesto!!!

Ogge sta societa' se riprodotta, s’e' posta n’autra vota 'ncalannario, e starra' facenno annascuso pevo de primmo La Nazione de Firenze de li 14 marzo nce ne da la certanza parlanno accussi: «Sapimmo ca na recchia, e no dito de na mano trovato nterra mmiezo a lu viale de Poggio 'Mmperiale, venetteno sperdute da no studente, che pigliatole annascuse da lu spitale se li portava a la casa pe nce fa no studio...»

L’AppEnnino de li 17 Marzo agghiogne n'autra cosa che nne da la conferma: «Sapimmo ca a li 15 Marzo corrente pe ridesta in Italia l’entusiasemo rivoluzionario, cierte giuvene mazziniane lu juorno de S. Giuseppe tenarranno tavola, e magnarranno carna cruda!

E l’Opinione de li 16 dice ca avenno avuto li Statute de la Societa' segreta, stabelutase in Italia co lu titolo de Falange Sacra! no li prubbeca, ma che li letture se li pponno mmaggena', mettenno 'nziemo quacche cosa DE SELVAGGIO!!!

Ora mo c’avimmo da conchiudere e dicere nuje? Ecco a che nce a've menato la Civilta' e lu Progresso de li tiempe attuale. Co la parola Libberta', la cchiù sublime de le pparole, se mettono 'ncampo le nefandezze le cchiù sbriugnate de lo munno:e li settarie tenebruse 'nvece d'esse cristiane vattiate addeventano cuorve appetetuse, e se magnano la cARNE UMANA!

Simmo arrivato a n’epoca ca la ferocia de li principie nce fa scurdare d'essere uommene, e a gimmo pevo de l’animale. Addo cchiù la civilta', lu progresso, li vantagge de la libberta', la religione de li popole, si nuje mettennoce ogne cosa sotto a li piede simmo addeventato Cannibbale, anze nu punto da sotto a li Cannibbale?

La societa' jenno de chisto passo s'accostarra' a la distruzzione de se stessa, e de ogne bene sociale; e quanno struppiata e morta de suonno lle se spiarra': a che ffine t’haje fatto tutto sto mmale, pecchè tutto chesto? risponnarra': pe la libberta'! Ed e' LIBBERTA’ CHESTA TOJA?!!!

LU TROVATORE

Dispacce elettrece

(AGENZIA VATELAPPESCA)

Prefetto Napole a Lamarmora — Patrone patrone! Io non volere stare cchiù cca'. TEnere zeffunno cacarella ‘ncuorpo, pecche' aggio visto grosse tovaglie longhe longhe azzeccate nfaccia mure.

Lamarmora a Prefetto - ca'ca'sotta mettere paura tovaglie?... Forse gente fatta colata.

Prefetto a' Lamarmora - No, no, patrone, patrone; sopra queste tovaglie stare scritto Pietra Inferna'le de G. Gervasi.

Lamarmora a PrefettoContagg! Invece dare loro argento Conzorzio nazionale, napolitani dare speziale Gervasi e fare pietra infernale!.. cosa servire tutta questa pietra infernale?

Prefetto a' Lamarmora - Che ssaccio?.. Servarra' focare tutte piaghe Italia… Voi, patrone, anche essere piaga italiana, anche voi sarete focato.

Lamarmora a Prefetto - Diavolo! Io non volere essere focato... Menate acqua sopra pietra infernale e stutate subito subito.

Prefetto a' Lamarmora - Patrone, pietra infernale non potere stutare e bruciare carne anche dentro acqua.

Lamarmora a Prefetto - Allora scappa, scappa!

Anno I. —Nummaro 35. - Dommeneca 8 Aprile 1866

LI MOMENTE TERRIBBELE!

Avite visto, e succede spisso, na lampa che arrivata all’urdemo de 11’ uoglio accommenza chiano chiano a schiuppa', e lo lamino caccia ogne Manto na faèlla de fuoco, no lampo, po zuffriie zuffrije... e pst........ co n’urdemo chiarore, che pare volesse allumini cchiù addò se trova, ve fa ll’urdemo saluto, e..... se stuta, rummanennove a lo scuro?

So li momiente terribbele de chella lucerna, che nobbela o pezzente, de creta o de cristallo, Sie' Giovannella co le mmaneche ’nfianco, o bicchiere arrotato comm’a chillo pe la limonata, e' arrivala all’estreme momente suoje, e se licenzia pe mancanza d’uoglio... Addio., addio.... buon viaggio.... Che lo fummo te sia leggiero, e non nce facesse veni lo catarro!

Ve site ncontrato maje co uno ca ha da parti, e co la balicella allato comme s’ausa mo, se va a dividere da la nnammorata che co no paro d’uocchie a bozzolo se fa trova' chiagnenno, e ll’aspetta pe se licenzia'? Che momente terribbele non so chille, pe chella povera ’nfelice che veramente lu vorra' bene?,.. - Addio Ninetta, io parto... lu bide... no lo borria fa, me sente fa ’ndoje parte lu core, ma è necessita' la mia; l’annore nazzionale, la libberta' de la patria, tutto mme chiamma sotto all’arme…

Addio Ninetta, addio,

L'armata se ne va,

Se non partissi anch'io

Sarebbe una vilta'!

E cantanno, Cantanno lle da' ll’urdema astregnetora, se mena pe le ggrade, e lassa chella povera caròsa co la speranza ’ncore de lu chi sa starra' a torna' felice e trionfante; si non avra' na palla ’mpietto, e se ne jarra' a fa frijere. - Momente terribbele.

La decesione de na causa, la vista de no creditore, la visita de n’usciere che ve vene a porta' no papello ’ncarta bullata, na guardata storta che ve farra' lu gnore si maje ve ’ncontra ’ncoppa a no marciappiede appriesso a na madamosella. Cierte punte proprio difficorduse, quanno, cioè, ve se presenta n’amico, co lu quale avite fatto sempe lu squarcione, e ve cerca na pezza, e buje, disgrazziatamente, e siconno lu ssoleto non tenite autro nsacca che meza lira, o’ na trentina de cienteseme... Che momente terribbele Dio mio!! Ve’ vorrissevo annascónnere a la vista de tutte quante, vorrissevo trovareve cinquanta miglia sotto-terra pe non bede' e non senti' cchiù... ma... Chillo sentono ca state p’avè, chella mortificazzione che ve s’appresenta, chille momente terribbele che ve vedite arriva', fuorze sarranno necessarie a farve pava' quacche peccato viecchio, a farve fa la penitènzia..... e farrate la volonta' de lu Cielo, acalanno la capo, agliottennove lu pinolo de lu scuorno, o la mortifìcazzione… e murmulianno appena appena, si lu ppótite: peccate mieje!

Li momente terribbele nce stanno pe tutte, se so' sempe generalizzate, e s’appresentano a la povera gente quanno meno se lu ppenza; comm’a la morte ncoppa a la' noce de lu cuollo; comme a lu mariuolo che bene a la ’ntrasatta a spogliareve la casa.

Ajere ireve no Menistro che spaccaveve e pesaveve, ve chiammavano lu Signore nuosto, lu patre de la patria, ve sbattevano le mmane quanno, ve vedevano... Ogge, che ssaccio, sarra' tutt’autro.

Jarrate pe ve mettere ncarrozza e avrite na sischiata da lu popolo; ve strillarranne abbascio: ve menarranno 'nfaccia no poco de sterco de cavallo quanno ve vedarranno asci: ve rialarranno lo titolo de mariuolo co la scala 'ncuollo; e 'nvece de salutareve comme a no tiempo pe Cavaliere de S. Maurizio e Lazzaro, pe farranno S. Maurizio mparaviso, e ve chiammarranno Lazzaro, profittante e spoglia-paise!

Sarra' arrivato lu turno vuosto signore mio collennissimo. Li momente terribbele succedono pure a li menistre, e quacche bota ponn'essere terribbelisseme; pecche' no popolo 'nfuriato potra' sagli' ncoppa da quacche sua accellenzia e farlo fa lu vuolo de ll’angelo, comme s’ausa a la festa de Giugliano!

Terribbele momente signure mieje, Io veco na vorza tutta ammosciata che se ne scenne a la jurnata e menaccia la sterminio univerzale. Ogge uno, dimane duje, doppodimane treje; li punte se ne sciuliano comme a li coralle da faccia a la corona, e la posta de lu rusario che diceno li banchiere dinto a la sala de la vorza menaccia d'esse arrevata a lu Gloria-patre, zzoe' addirettura a lu requiEmmaterna comm'a lu rosario de li muorte, pecche' so MUORTE!

PE lu felicissimo regno nuosto li momente so cchiù terribbele ca non se penzano. Nuje tenimmo no guajo serio 'ncoppa a la noce de lu cuollo, e serio assaje.

Guerra minacciosa da parte de tutte li nnemmice ca' nce vanno contra.

Diebbete senza fine e cunto, ca nvece de deminui' s'accresceno a la jornata, e minacciano cancrena.

Popole scontiente e mise 'nchiovate nfaccia a le mmura pe mmancanza de mezze, che quanno vedarriano arreva' veramente li momiente terribbele, nce avotarriano le spalle, e diciarriano: chi po Ddio ca se lu preja, anze sarriano lloro li primme a metterce na taccuscella da sotto. Signure mieje l'affare se fa brutto. Lu relorgio de lu paese nuosto segna 24 manco no quarto, nce vonno autre quinnece minute pe feni la jornata, e sti quinnece minute s’a'ccostano a passo de gialante: priparammoce a canta' ll'Angelus-Domine!

Si la lampa arriva all’urdemo, e se stuta, se po vede de sarva'; co no poco d’uoglio che se nce refonne avra' n’autra vota la vita.

Si lu nnammorato parte, po scanza' la palla 'mpietto, e po torna' felice e vittoriuso pe se sposa' a bella soja.

Si ogge non tenimmo na pezza dimane la potrimøo tenè; e l’usciere se ponno agghiusta, e papa' che nce ncontra lu potrimmo mballa' co na chiacchiera, e all’amico ca nce cerca no 'mpriesteto le potrimmo conta d'ave' fatto no pavamento..... Nzomma li momente terribbele nuoste so momentanee, so passaggiere, so na nuvola 'ncielo 'ntiempo de stata, so na specie d’acquarella co lu sole pe mmiezo....

Ma li momente terribbele vuoste signure de la ca'morra taliana so TERRIBBELE ASSAJE 'ntutto lu segnificato de la parola, v’hanno da fa cade' pe fforza, avite da scennere da stu pizzo approfittatove, avite da i' co lo musso dinto a la lota, non ve potrite acconcia' maje cchiù, non nce sarra' remmedio: e la morte avra' crianza e ve darra' vita pe chiagnere li peccate vuoste, v’avarrate d’arricorda' mentre campate de LI MOMENTE TERRIBBELE DE LA CONZORTARIA!

LU TROVATORE


vai su


Anno I. —Nummaro 36. —Martedi 10 Aprile 1866

LI DISCURZE DE GNORAVAVA

Dommeneca lu Sisco nce siscaje n'autra vota', e nce sequestraje lo nummaro 35.

LI DISCURZE DE GNORAVAVA

Qua'nòo contro ogne legge, ogne ghiustizia

L'oòòo fuje fatto schiavo, e la disgrazia

Appe de se trord soggetto......

Ne' potenno sfoga senza pericolo.

chello che lle passava pe lu stoòòa'co,

PE non fa peo, e non se òette a riseco

O de crepare, o de resta' retrubbeco,

Se nnustriaje, non co parole libbere,

Ma co cierte discurze òEtaforeche.

MORMILE – FAVOLE D’ASOPO

Quanno io era guagliunciello, e teneva pur' io na giacchetta-cazone, co na portella da nante e no portone da dereto, comme a Sciascillo dinto a Li 4 de Maggio, la passione mia era chella de vole senti li cunte la sera, nnante de mme ne ji' a corca', e li pretenneva a forza sbattenno li piede 'nterra, e menanno ogne ccosa pe ll'aria.

Gnoravava mia, che era na vecchia assaie pacienziosa la poverella, faceva de necessita virtù, comme stammo facenno nuje mo.… Mme pigliava cuoncio cuoncio, mme spugliava da li panne de la jornata, e me schiaffava dinto a lu lietto mettennomese vicino, onne farme senti la storia de l'Uorco, de Teresella c'aveva da acala' le ttrezze pe farelo sagli 'ncoppa; e de la gatta de lu moneco de voto che ghiette dinto a la cella, e se magnaje tutte li saciccelle! - e io mme ne jeva 'nzuocolo 'nzuocolo a senti chille contarielle, nzi' a tanto che benuto fra Pavolo, zzoe' lu suonno, mm'avutava da chell'autra parte, e appuzanno... le spalle 'nfaccia a bavella mm'addormeva, e la lassava libbera pe li fatte suoje.

La notte po mme sonnava spisso, e comme riesce sempe quase a tutte quante, mme succedeva de mme sonna' tutte chille discurzielle che gnoravava mme contava la sera primma; ma co na defferenzia però, ca 'nvece de passareme pe la capa comme mm’erano state ditto, facevano passaggio d’aita', e se 'ngrossavano co la mmagginazione mia, e da 'nchiastille che erano volevano pe fforza ad deventa' gigante. Oh la mente de l’ommo, e de li guagliune specialmente, che vuole fantastece che fface dinto a lu suonno! Na sera pero chiuveva, chiuveva, chiuveva; lu tiempo era tutto niro da fa mettere pavura. Io da fora a na loggia mme n’avette da fui dinto de pressa; no lampo venuto de botta parette de volerme agliottere e portareme a ll'autro munno.... No tuono scassiaje tanto pe ll'aria che non ssaccio comme non rompette tutte le lastere de la casa.… Io muorto de pavura e tutto spaventato me ne corrette dinto a la cammera de lu lietto, e ghiette a mettere la capo sotto a li matarazze! Era guaglione che nce vulite fa. Li guagliune sapite comme so?... So comme a li ccriature!

Vavella trasette pe tiempo, la poverella, e 'nzerranno porte e feneste m'accujetaje, mme spugliaje siconno a lu ssoleto, mme coccaje, e dicenno de tratto ntratto Santa Barbara! pecche' vedeva lampa' da lontano pe la fenesta de la cucina, m'accommenzaje a conta' stu bello fattariello, che io aggio tenuto sempe a mente.

«A tiempo arreto, diceva gnoravava, quanno ll’animale parlavano, cchiù ppoco pero' de chello che parlano mo, nce steva miezo a le rrazze de ll'aucielle pure chelle de le ppalomme. —TE l’arricuorde tu le ppalomme?

— Sine sine, vavè, so chelle povere bestie ca non se appiccecano maje, pecche' so mate sceme, e s'hanno fatto sempE lu fatto lloro.....

— Justo accussi....

— TEneno pure li ppenne janche, tanto belle, vave' e' lovè?

— Sissignore pure le ppenne janche; ma vuo' senti a'ppriesso?

— Dicite, dicite..

— «Le ppovere palomme stevano co la pace lloro scarfannose no juorno a lu sole, senza 'ntricarese e senza 'mpacciarese pe niente. Fatto sta ca sta pace e sta cojetudene lloro era de mmidia pe d' uno, specialmente pe l'autre animale ca non tenevano, le ccarne 'ncuollo janche e pulite comme a chelle, e teccote de fatto na matina a lu mmeglio de la felicita' de chelle poverelle appresentarese mmiezo a lu pascolo lloro na quanteta' de niglie appetetuse. Saje li niglie ch’animale brutte so, e che brutta 'ncernatura teneno?

— So fuorze chille che stanno nchiovate 'nfaccia a li portune?

— Gnernò, chelle so cevettole, ma li niglie so no priessappoco comme a chelle; la stessa mutria, la stessa faccia tosta, anze so cchiù ghiettature de la cevettola, e addo' appizzano l'uocchie nne fanno venì la distruzzione.

— No li facimmo guarda' quanno e' chesto; vavè, dincello ca se ne jesseno…

— E te pare ca chille se ne vanno senz’esserne cacciate? chille quanno accostano ncampagna nce vanno pese spuzzolia' quacche cosa de buono che non hanno maje magnato ‘nvita lloro.

— Ma io mme metto appaura?

— Aje d'ave' no poco de pacienzia, sino non bedarraje la fine de lu fatto. Male e bene a fine vene, dice lo mutto. Nzomma appresentannose li niglie, che s’erano buono confarfate ntra de llore, e avevano fatte tanta prugette ncuollo a le ciacelle de chelle povere disgraziate, lle facetteno no ‘ngrino non mmanco se nce accostajeno, e se nce a'ppresentajeno co na faccia tanto compassionevole e chiena de bontá da farese piglia' pe la meglia gente de lo munno. Accussi ffanno tutte li briccune appatentate, figlio mio, a munno lloro.

—Tale e cquale, vavè, a parasacco,chillo mariunciello che bene mmocca a la porta nosta la matina co lu sacco sotto, e ca mme vo piglia'... cErca primmo quaccosa pe carita', dicenno, ca vo bene a li guagliune, e po, ched’è? mme vo arrubba' e mme vo mettere dinto a lu sacco....

— Sempe accussi, bbeneditto mio, tutte li gruosse cercano sempe de mettere dinto a lu sacco a li peccerille.

Le ppovere palomme ca non avevano tanta sperienzia nfra de lloro, e non sapevano li ntriche priparate, rommanetteno tutte alloccute a bederese attornia' da tanta animale da lloro scanosciute; - quanno chille accommenzajeno a chiacchiariarence, e a chiammarele pe nnomme, dicenno:Buon giorno, peccerelle belle, comme ve trovate de salute? lloro non avetteno manco lu coraggio de risponnere, e se moretteno de lu scuorno.

—Io pure sarria stato accussì...quanno a uno non se canosce...

—ca' chesto e' lo brutto, bellillo mio, quanno non s’ave mpratteca a uno s’a' da spia' sempe da li vicine, se nn’a' da piglia' cunto, se nce a' da fa primmo lu patto, pe non cade dint’a quacche guajo; sino' succede ca nnucentamente no povero diavolo se trova dint'a na disgrazzia quanno manco se lu ssonna.

— Neh, vavè, e passajeno guaje le ppovere palomme?

— Guaje sulamente? chelle se vedetteno da no munno a n’autro, passajeno no cuofano e mmiezo de disgrazie, avasta a ddirete ca na bona porzione de lloro nne pigliajeno purzi la morte tanto de lu pisemo de li guaje,

— Ma comme succedette lu fatto, contame, contame...

—PE mo s'e' fatto tardo; lu bide c’ammanca ll’uoglio a la lucerna? T’avasta chesto pe stasera. Dimame a sera po attaccarrammo lu riesto.

E bavella aizannome la coperta nzi' a nganna e facennome la croce nfronte, facette punto cca, e mme lassaje addormì.

Ve cuntarraggio lu riesto a la vota che bene.

Quanto era bona chella gnoravava mia! non avria avuto maje da muri; mme contava cierte fattarielle le bbote, ca si mme tornarranno a mente ve li boglio conta' a uno a uno pe lu filato lloro: servarra' pe nce spassa' no poco, ch’avimmo da fa? Quanno non potimmo parla ca mena viento, nce tenimmo no discurziello co GNORAVAVA!

(continua).

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 37. - Giovedi 12 Aprile 1866

LI DISCURZE DE GNORAVAVA (2)

(continuazione vide lu nummaro passato).

La sera appriesso io fignette de senti no poco de friddo supierchio, e mme volette ji' a corca' no poco pe tiempo. La curiusita' mm'aveva vinciuto, io steva ncoppa a li spine p’appura' lu riesto che succedette a chelle povere palomme, che nnucentamente s’erano date mmano a li niglie.

Gnoravava fuje puntuale a la prommessa soia, e dannome la marenna de la sera se venette ad assetta' vicino a me, e accommenzaje lu segueto.

Io spuzzuliava la marenna, e bavella contava: Che belli tiempe erano chille de na vota!

Nuje rommanettemo, s'avotaje gnoravava, a lo punto che li niglie s’appresentajeno da chelle ppoverelle, e lo saluto che lle facetteno.

— E quanno la lucerna nosta era arrevata cchiù uoglio, e se steva stutanno.

— che nc’entra cca la lucerna?

— E. tu accussi diciste.

— Dicette pe ddi, pe spezza' lu trascurzo, ma mo vene lu riesto, stammo a ssenti.

— Io non me movo: contate.

— Nuje simmo venute, s’avutajeno li niglie, pe piglia' cunto de li fatte vuoste, pe bede' comme ve trovate, qual e' la vita che state menanno; pecche' e' paricchio tiempo che non ve vedimmo allere e pazziarielle comme a na vota, non ve spassate comme nce spassammo nuje; non ve movite maje da chisto pizzo; 'nzomma menate na vita tanto brutta e pesante ca se po di sia peggio de la morte. Addo' sta la lebberta' vosta? vuje non avite lebberta' de sta manera.

— Ma stammo cujete dinto a la casa nosta, dicette cuoncio cuoncio na palomma no poco cchiù friccecarella. Che bbesuogno avimmo de nce i secutanno tuorno tuorno, si cca non nce manca niente? Dirrite vuje, sarra' poco chello che godimmo? ma ch'avimmo da fa, lu ppoco nce abbasta e nce superchia. Chi poco tene assaje tene!..

—Ebbiva la palomma, risponnette propeto buono: non mme lu credeva!

— Âuono addavero. Ma non era destinato accussi lu fatto. Li niglie briccune lle detteno subbeto ‘ncapo a stu parla', co ddicenno: Vuje che ve facite scappa' da la vocca? doppo che ttenissevo chisto munno e chillo, ve mancarria sempE lu meglio, starrissevo sempe comme a schiave a la catena, pecche' senza lu libbero arbitrio, pecche' senza la libberta' necessaria de pote vola da na parte a n’autra, da na massaria a na massaria, da no frutticiello ammaturo, a no frutticiello che e' arrivato a lu punto...

—Oh povere palomme! mme dispiace….

— ched'e?

—Vave' li beco cadè...

—E nce cadetteno!

—Abù.. povere bestie che fujeno!

— Figlio mio, chille pagliette de lu diavolo lle mettetteno tanta diavolarie 'ncapo da farele arreducere cchiù abbonate de chello che non erano. ‘Nzomma pe tirartela breve le perzuadettero de no muodo, e nce ne contajeno tante ca, nientemeno, avetteno l’abilita de se le mettere sotto a la protezione lloro.

—Mamma mia, mamma mia!

—Capisce? pe se le sfezia' siconno li designe de la bricconaria, e pe se li spuzzulia' sane sane a chelle ppoverelle,

—Neh vavè, ma si tutto manca avetteno arme no la libberta' sotto a la protezzione lloro?

— La lebberta? la perdetteno adderittura, figlio mio, la liberta'; tonna de palla; non se potetteno movere cchiù; e quanno le misere disgrazziate jetteno p’arapri' la vocca, tanno, oh che bediste! mazzate, vricciate, spennamiento continuate da farele resta' co le ccarne da fora; diune juorne juorne, lacreme amare da la matina a la sera.

— Ma chesta fuje na bricconata, no trademiento.

— Âricconata e meza, trademiente a doppio. Ma che nce volive fa? quanno s'e' dato no malo passo, quanno lu 'nganno e lu trademiento hanno pigliato lu posto de la bonafede. Accussi aveva da succedere. Povere a chille tale ca metteno speranze a le promesse de li briccune. Lu specchio addo' nce mmirammo non serve ca pe nce fa vede' li defiette de la faccia. La vita passata de no tale non e' ca no ‘nzignamento pe lu ppresente. Tu si si' stato 'm pertinente da dinto a le ffasce, può addeventa' buono nzicco nzacco? certo che no; massimamente po si non haje lassato d'essere no birbantiello.

— Ma io so buono, vavè?

— Io non parlo de te, serve pe no paravone.

— Epo comme jette a feni chella storia?

— comme volette Ddio, figlio mio. Le ppalomme s’arreducetteno l'uosso e la pella, senza culore 'nfaccia, senza carne 'ncuollo, senza manco pote' magna'. Li niglie se jenchevano la mercia sulamente lloro, li facevano fa sempe vigilie a chelle ppoverelle, co no calannario nuovo fatto a modo lloro.

— TEnevano appetito assaje addonga?.

— Avevano lu cancaro 'ncuorpo, e lo stentino asciuoveto comme a chillo de la paparella.

— So ffamme particulare..... io non magno tanto.

— So difiette positive, che lu cielo mme scanza a chiunche.

— All’urdemo po, quanno lu chianto e li lamiente arrivavano a li stelle,

Una de chella tanno co boce a'uta,

Vedenno ca ogne ccosa jeva a' mmale,

A le compagne disse: Nuje nce aviòòo,

corpa a stu guajo, E nuje nce lo cchiagniòòo!

Doppo contateme stu fattariello, vavella mme volette fa addormì, promettennome de mme ne conta' cierte autre, tra li quale uno, no poco lungariello, de li revelaziune de no servetore de chiazza! E accussi' restajemo.

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 39. - Martedi 17 Aprile 1866

(Continuazione)

CHI E' LU PUPAZZIELLO?

La cita' de Roma no juorno steva a llutto, e le ccampane soje sonavano a mmuorto. Era lu 9 Giugno 1846. Lu Papa Gregorio XVI, lu vicario de cristo ncoppa a la terra, lu rre e pontefice de Roma moreva 'nzicco 'nzacco, e quase de morta subitania. Duje mise primmo aveva parlato co lu 'Mperatore Nicolo de la Russia, e l’aveva ditto: «Maista', s’approssema lu tiempo c’avimmo da muri' tutte duje. Io sarraggio lu primmo senza dubbio, pecchè, so biecchio assaje. compararria nnante a l'uocchie de lu signore co pavura, si non avesse fatto de tutto pe difennere la religgione cattoleca ca m'e' stata confidata, e de la quale vuje nne site l'oppressore. Maista' pensatece! Ddio a criato li Rri pecche' fosseòo li patre e no li tiranne de lu popolo llore...».

Gregorio XVI moreva addonga, e a lu posto suje, a lu luoco de Papa, succedeva, annevina chi?

chi, neh vavè?...

— Mastai Ferretti, lu Papa attuale, Pio Nono: chillo tale de la statuella e ch’aje visto porta' 'mprocessione.

— E comme l'anno fatto piccerillo lo fanno compari comm'a no pupazziello.

— Si... pupazziello li pupazzielle so lloro, ma lu papa e' sempe gruosso, sarra' sempe la capo de la cristianita', e se rispettarra' sempe nzi' a che nce restarra' no parmo de turreno 'ncoppa a lo munno e n’ardare sulo pe se nce dicere la messa la matina.

— E pecche' lu stanno portanno, 'mprocessione a stu papa?

—Pecche' credono de votare lo a muodo lloro, e pecche' lu poveriello non manco sagliuto a lu trono facette chello che poteva fa no patre co li figlie; dette lu perduono a tutte chille che erano colpevole; araprette le priggiune e ne scarceraje a tutte li detenute; dette li mpieche e chiammaje dinto a lo governo li cape scarcerate che ttenevano abilita', modeficaje le legge, accommenzaje a da le riforme a lu paese, 'nzomma dette lu capo mmano a la bona genie, e se facette a capi' che core d’acqua teneva 'mpietto.

—E perzó lu vonno tanto bene e lu vanno mmostanno a tutte quante?

—Chesta e' ma finzione, figlio mio beneditto. Mo lle fanno chesto pe tirarene cchiù zuco, ma po, si la menesta pigliarra' de scarfato, tanno vedraje quanto male ne diciarranno. Sempe accussi e ghiuto lo munno. Riennete utele e te volarranno bene; cagnate dimane, e te votarranno la faccia.

- E io nce la votarraggio pure a lloro si far ranno accussi co mmico. Mo vedimmo! E che nne ricave? l'aje da fa sempe lo fatto tujo mente campe; siente li conziglie de vavella. Quanno te farraje gruosso arricordate de le masseme meje: Non te 'ntrica', e non te mpaccia', levate lu cappiello a chi e' meglio de te, e fattella co chi non te po veni maje meno, co Ddio! Rispetta a tutte chille ca s’anno da rispetta', pecche' li gruosse so sempe gruosse! Si pe no poco vanno da sotto lu fanno succedere lloro stesse pe scommigliare a ramma li birbante, e 'mpararesille pe l'abbeni; ma lu dimane se so n'autra vota riorganizzate; e so mise ncanneliero meglio de primmo, e tanno succede ca chi non se vo porta' buono, va a feni' comme fa patreto co ttico.

— comme sarria a dicere?

— Tu quanno faje tristizie, patreto comme t’addòma?

— Ah.… piglia la cucchiara.…

— E accussi riesce po, ca s'a' da piglia' la cucchiara, e hanno da correre le ghieffole.

— Sperammo che no, vavella mia; la cucchiara fa male e fa 'nturza' addó tocca. Io nce tengo le mulignane.

— Sperammo sempe che nno, comme dice tu.

— Neh, vavè, e da quanto tiempo sta succedenno sta storia?

— Da poco tiempo, da quanno lu Papa nuovo ha pigliato le rretene de lu stato. Se nne songo approfittate de la bonta', pecche' stu papa è buono e a' fatto sempe bene a munno sujo.

— Poveriello, mme fa proprio compassione!

— No, poverielle nuje ca non avimmo la dignita' soja, e si non surcammo deritto. Lu rappresentante de Cristo 'nterra, qual e lu Papa, chello che ddice chello succede; la parola soja e 'nfallibbele, e quanno nne dice una co lu sango all’uocchie azzecca comm’a la colla 'nfaccia a lu muro.

Vuo' vede' de che forza e la parola de lu Papa?

— comme de che forza?

— Voglio, di quanta potenza tene quanno parla?

— Dicite, pare ca mme mparo.

— No poco cchiù primmo de chisto, nce steva n’autro Papa a Roma, e se chiammava Pio Sette mo. Ta'nno pure nce steva n’ammuina gennerale pe tutto lo munno, e la guerra continovata accedeva a migliara li figlie de mamma. L'ambizzione de n’ommo faceva succedere tutto chesto. Napolione Primmo, 'Mperatore allora de li franzise, correva comm a no disperato 'ncerca de paise e de popole. La smania soja era chella de se vole piglia tutte cosa isso, vole governa tutto lo munno Scatena le truppe, precipeta le battaglie, arriva a conquista diverze parte, e finalmente se decide a vole pigliarese pure Roma. Ma Roma e' de lu Pa'po,—non, se tocca, lle vene ditto. Niente.—Dicite a lu Papa ca se ne jesse, pecche' Roma a' da esse mia, Ma lu Papa forte, coli deritte suoje, a quanta mmasciate le rapportajeno diceva sempE ca' non poteva. E Napolione che fa? annevina.

— Passaje anante fuorze?.

— Gnernò, lu facette arresta', e porta' carcerato.

— Vi che bella guapparia!

— Arrestato lu Papa, corrette una de chelle tale parole che fanne veni lu friddo e la freva, Pio Settemo lu smaledicette.—Seh, a' fatto chesto, risponnette Napolione; comme si la mmaledizziona soja avesse la forza de fa cade li scuppette da mano a li sordate mieje! Nfi' a quanno tenarraggio sti scoppette mme pigliarraggio tutto lo munno.....

Doppo poco tiempo a la battaglia data a Mosca moretteno jelate, tutte chille sordate suoje ca nce jetteno, e lle cadetteno pe lu friddo tutto li fucile da vraccia. La coffiatura fatta a lu Papa fuje pavata a caro prezzo! Doppo poc’autro tiempo Napolione Primmo, lu conquistatore de lu munno, e che volette commattere contro a la cchiesia perdette 'ntutto, e ghiette a muri ncoppa a no scoglio - a' S. Lena!—E Pio Settimo tornaje a Roma meglio de primmo, addo' nce stanno e nce starranno sempe li successure suojE.

Arricordate de sta storia!

(continua)

LU TRUVATORE

Anno I. - Nummaro 40. - Giovedi' 19 Aprile 1866

(Continuazione)

LU CAVALLO DE SI TITTA

— Tu si restato curiuso, s’avotaje vavella, e borrisse senti lu riesto de la storia de stu Papa: ma non te pozzo contenta'. Ll’epoca che corre (era sempE lu 48, arricordammoce) chesto mme dice anzi' a mo; si lu cielo pero' mme darra' vita, e s'abberarranno li prognostece mieje, tanno te potraggio fa a bede si mme so ngannata, o no.

Ah vavella vavella! si araprarrisse mo no poco ll'uocchie da dinto a la fossa, che belle ccose ve darrisse! Ma non nc’e' che fa. Tu si morta e staje a lo munno de la verita', nuje nce trovammo ancora 'ncoppa a lu turreno de la sporchizzia. Tu si ghiuta a pria' Ddio pe li pariente e lu prossemo tujo, e lu povero Don Saverio stace a scrivere lu Trovatore! Non nc’e' che fa'.

Ma siccomme quanno s e' pigliato n uso difficirmente se leva, accussi la povera gnoravava pe non me resta' scontento dette de mano a n’autro fattariello.

— TE parlarraggio de Lu ca'va'llo de lu si Titta. Jammo sempe!

— E chi e' stu si Titta?

— Era, vuó dì, pecche' mo a' levato carrozza, ma co lu tiempo, chi sa, se dice ca la tornarra' a' mettere; pecche' a la fine de li cunte e' no niozziante che sta buono, e che la levaje pe no semprece ca'priccio.

— Io mme l’avria tenuta vave, pecche' chi tene la carrozza e' stimato sempE pe no signore.

— Io lu ssaccio comm'a te, ma spisse vote s’a' da leva pe commenienzia, onne fare ji' a ppede a quaccheduno. Si ll'a'mice non banno pe quacche tiempo a pede, non sanno apprezza li vantagge de la carrozza.

— Mme capaceta' vavè, e po a chi va sempe ‘ncarrozza lle s'addormano li piede.

— Ta'le e cquale. E lu si' Titta pe fa 'mpara no poco a la famiglia soja, che non se contentava de niente, se retiraje 'nsanta pace, e facette succedere chello che benette appriesso.

— E che benette appriesso, mala rrobba fuorze?

— O male o bona, chesto non te mporta. Tu aje da senti la storia de lu cavallo.

— Ah... seh... mm'aveva scordato de lu cavallo pe la carrozza. Attaccate appriesso; - e bavella attaccaje.

— Lu si' Titta, s’a' da di la vereta', teneva no magnifeco cavallo 'mpotere. ÂEllo, auto, buono 'nquartato, co no cuollo tiseco, e na capo a la sgherra; no paro de groppe ca te dicevano: dammecE de musso. No manto fino e llustero che pareva no raso de paravone, e teneva lu colore de l’oro, perzo lu chiammavano bajo 'ndorato. Si l'avisse visto cammena' quanno steva sotto a lu govierno de lu si' Titta comme se vruccoliava pe la via, e quanno steva 'nfesta comme se nnordinava co sciuocche e sonagliere, speciarmente quanno jeva a S. Antuono…

— Ah! ca S. Antuono nce avria da penza pe chillo povero cavallo, e avria da da a fuoco lu core de chi dich’io.

— 'Nzomma era bello assaje?

— ÂEllo tanto che non se po di co la vocca; cchiù bello de te se po di.

— Mille ringraziamiente!

— Ma pero, pe quanto buono e bello era stu dia volo de cavallo, teneva 'nvita soja cchiù de no de fettuccio positivo.

— Lu bi.… io gia mme lu mmaggenava, e te lu steva spianno.

— Lle prudeva lu stommaco a ccausa de la biáva e la mangiatora vascia che teneva, e che isso disprezzava sempe, e non se ne contentava maje; e de tanto ntanto volenno fa no poco lo superbiuso tirava quacche caucio a lu patrone.

— Cheste mo non ba bene.

— Cierte cavallare de lu Mercato lu pigliajeno a uocchio, e ghietteno pe se ll'accatta'. S’abbaccajeno co li famiglie de lu Si Titta, lle mettetteno na prubbeca mmano, e co no mariuliggio qua'lificato se po ddi, pecche' no lu pavajeno a tenore de lu merito proprio, lu cavallo passaje sotto a no dominio straniero, zzoe jette a cade' mmano de nu stranio.

— Povero cavallo!

— No, povero lu cancaro. Chelle mancava a isso dinto a la stalla de lu Si Titta? Uorgio, biava, grammegna fresca, lettèra nova ogne ssera, beveratora pulita, fatica poca, carizze continovate, pasciuto de chella manera; tanto no turzo de coda da dereto ca si lu voleva schiaffa' 'nfaccia, pe l’arraggia, a quacccheduno ll’avria fatto li barcune a ll’uocchie. che lle mancava de chella manera?

— E no fatto, pe bacco, e a comme dicite vuje ll'era juto lu grasso a lu core.

— E era troppo lu grasso, t'assicuro io ca era troppo. Ma si non se prova, non se mpara. Li pruvierbie songo la sapienzia de li nazziune, e lu proverbio dice accussi.

— E mo che se nn’e' ffatto, se nn’e saputo niente cchiù de isso?

— Autro che saputo, va te lu vide va; vide che ffortuna ave avuto da chille fetiente de cavallare. Ía' perduto tutto; non lene cchiù li bellizze ca aveva mmano a lu Si Zitta, ogge se po di, senza paura de ‘ngannarese, ca steva meglio quanno steva peggio; pe mme servì de li discurze de cierte vicine. Da cavallo de carrozza appatronata, e arredutto a cavallo de monnezzaro: tira la carretta co la monnezza; e che monnezza! la lotamma che ghiettava isso!

— Uh.., assassino de la felicita ssoja! ca'va'llo de carretta?

— Carretta, arcecarretta, stracarretta, nepote mio.

Ía' da esse quacche ghiurnata arricurdebbele pe ghi vennenno doje grammegne attuorno, colo cafone nnante, che co lu strummolo a tiriteppete 'ncapo lu porta pe la capezza.

— Tu vide che ssorta de passaggio!

— E chesto fosse lu mmeno. Lu desseno a magna' doje streppe a lu mmanco. Si sapisse comme stace assapuranno la famma, 'nche miseria s’è arredutto!

— E non se ne lamenta lu disgrazziato?

— Se lamenta, fa quanto po, ma a meza voce, pecche' nce ave corpa isso; e quanno va pe mena' quacche caucio a mmodo sujo l’ammancano le fforze, e sconocchia. Tu capisce ca chillo non te ne comm a na vota manco no mazzo de scarola 'ncuorpo a isso? E’ arredutto ca non se canosce cchiù.

Tutto zezzuso, tutto fetente, cotanto no pilo ncoppa' a lu cuorio, chino de scorze tuorno tuorno, tutto focato attuorno a lu cuorpo, pecche' non han no a'v uto addo lu fuca' cchiù. E a li quarte de de reto. Cielo mio!.. si vedisse che nce tene a la parte de lu settentrione! Cierte cchiaje accussi' schifose ca te toccano lu stommaco e quanto tiene. E pe lu settentrione ca patesce tutto chesto; si non fosse stato pe lu settentrione... e pe la capo soja....

— Vavè, ma non se po rimettere?

— Se potarria rimettere, ma avria da fa na bona cura, e avria da cagna' sentimiente. Mo saje com me, s’e' appecondruto? Non manco passa pe nnante a' ll'autre compagne ave na sischiata da li cocchierE. - Ah... trenta carrì lle siente di, cammina sciacquariè, ca mo arrivammo a.… la conciaria.. Ah... cape e pro! - a' no cavallo nato de chella manera, e tenuto co tanta delicatezza?...

— Ma vavè, sperammo ca lu cielo ll'ajutasse.

— ca lu cielo l’ave da aiuta a chella povera be stia, sino a chest’ora da quanto tiempo starria a scortecarese a lu ponte!

(Continuarranno)

LU TROVATORE


vai su


Anno I.—Nummaro 41. —Sapato 21 Aprile 1866

LL’INDECE DE LI GUAJE

E ll'ora a la quale l’angiole addenocchiate da nante a Ddio, lu ringrazziano d'ave' fatto a compare' lu juorno. Lu sole e' asciuto, ll'urdema stella de la matina s e' ritirata tremmanno e appaurata, la nuvola passaggiera, ch’arrialaje la rusata a la terra, pur'essa è scomparuta; pecche' non nce sta astro 'ncielo, uocchio profano ncoppa a la terra che potesseno resistere a la vista de lu sole. Ddio! quanto è bello lu sole tujo!

Doppo passata na forte nottata affannosa, co mille penziere pe la capo, le mmemorie de lu ppassato, ll'amarezze de lu ppresente, l’incertezza de ll'avvenì... E ave paragunato li sfarze abbannunate, lu crapiccio miso afforza 'ncanneliero, esserse sbattute le mmane a la miseria e... a' ll'arruobbo... Scenno da lu lietto, mme vesto de pressa, apro na fenesta e m’affaccio. Signore, te ringrazio.

La cchiù bella de li ghiurnate toje apparesce 'ncoppa' a la terra. Nu cielo purissemo senza manco na 'ncrespatura, chiaro, maistoso, bello, lucente comm’a la faccia de no bammino, commoglia lu paese mio, e da lu buongiorno a la povera gente.

Io aggio abbesuogno d'aria; e a chest’ora, no ventariello frisco che scenne da coppa a la collina de Santo Martino mme vene ad accarezza lu viso, comme si mme volesse asciutta lu sudore de la notte.

Lu viento che nce scioscia e' lu messaggiere de lu criatore, che toccanno nfaccia all’aneme spacienziose pare che lle vulesse di: arricordammoce de Ddio!

Ogne tribulazione 'ncoppa a la terra comme tene lu pprincipio, ave pure la fine soja. Lu prevete che a la matina ave vattiato no guaglione che pareva n’angiolo, a da i mmerzo sera a benedicere lu cadavere de no viecchio de 80 anne! Lu pprincipio e la fine, la nasceta e la morte, la nnucenzia che bene, e la vicchiaja tribulata che se retira.

No juorno li popole che abitano lo munno tene vano, se po di chiaramente e co la coscienzia pe testimmonio, no murzillo de felicita. Tutte l'uommene ca mme leggeno, de qualunche partito se fosseno hanno da commeni' co me, ca ogge, a lu mmeglio de lu secolo decimonono, co no regime costituzzionale ca nce governa, no primmo articolo de no statuto accussi bello chiazzato addo se trova, e co na libberta' pe tutto lu munno strummettiata; li popole, li figlie de lu popolo, ll'urdema crassa che fa da coda se po di a lu popolo, e stracquata, a perduto la pace e l’arricietto, non tene cchiù manco l’ombra de chella felicita' che godevase na vota.

Uommene asciute da dinto a le ggrotte, comme a' liune da li desierte, hanno scombussolato li paise, e anno vennute tanta miliune d'abitante a lu MNORE offerente. Si io dimane voglio cagna d'abitazzione aggio da trova' lu fatto mio; si non sparagno ncoppa a lu pesone aggio da avè, si non autro, localita' maggiore de chella che teneva, Stritto co stritto, pesone co pesone, sfratto co sfratto, me sarria stato de casa a chillo pizzo addo' mme trovava. Si tutto fosse mancato nce avria sempe guadagnato la portatura, e non mm'avria levata la coppola a li castase pe mme fa carria' la mubilia!

A lu momento che mm'affaccio a sta fenesta de la casa mia, doppo passata chella nottata cave diceva, io veco veni da luntano no povero disperato, co na cascetta ncoppa a li spalle, e che ba sulo sulo chiacchiarianno pe la via. N'ommo che parla sulo co isso stesso, si non e' no pazzo, e' certamente no povero disgrazziato. E chi cchiù disgrazziato de sto povero 'nfelice, che arrivato a no cierto punto, schiaffata la bancarella nterra, se nce assetta ncoppa, e… se mette a chiagnere? Lu chianto, sotto qualunche aspetto se fosse, asciuto dall'uocchio sia de n’ommo ca de na femmena, e' sempe na cosa che strazia lu core, e fa veni l’autro chianto a ll’uocchie de lu spettatore. La vista de sto sbenturato mme tocca ll’anemo tanto efficaciamente, ca, profittanno de l’ora matutina, arapro la porta, mme mengo pe le ggrade, corro da lu pulitore «pecche' 'mparentese e' no straccione de pulizza-stivale» mme nce faccio vicino, e l'addimmanno lu motivo de chillo dolore sujo.

— Niente, signurì, e' la risposta soja, non aggio niente de male, sto sulamente chiagnenno la sorta mia sbenturata.

— Ma lu sarra', fuorze, pecche' si miserabbele, pecche' t'abbusche poco?

— Ab... volesse Ddio e m'abbuscasse sulamente poco, e potesse porta' no sulo muorzo de pane a l’appetetosa famiglia mia! ma non m'abbusco niente, e songo duje juorne ca co moglierema e tre figlie non tenimmo autro 'ncuorpo ca no ruotolo sulo de patane. So asciuto a la ponta de juorno, jarraggio cammenanno stracquo e strutto tutta la jornata, e quanno mme ne tornarraggio sta sera a la casa, che mm'avraggio abbuscato? no treje quatto solde. Va campa na famiglia de chesta ma nera!

— Aje raggione, frate mio, ma aggie fiducia a Ddio, vide de cagna' mestiere....

— Signore mio, e' tiempo perzo; tutte l’arte e li mestiere se nne so ghiute a fa frijere. Da lu nobbele a lu pezzente la disperazzione e generale.

chi ajere teneva acchiettato no carrino, ogge e' arredutto senza manco no callo. Ognuno ajere e l’autriere a cercato d'arrepara' comme meglio a potuto, vennenno e magnanno, ma, arrivato ll’ogge e lu dimane.... non s’e' avuto cchiù addo da de mano, e s’e' caduto 'nmiseria. Io stammatina mme ne so asciuto da la casa co lu core fatto doje parte. Tengo na piccerella bella comme a n’angiolella, che co le mmane meje mmano mme cercava no rano pe se nn'accatta la marenna, e sto rano sulo io non teneva..... pecche' sto mm'avite visto chiagnenno... E ajere avette la citazione pe non ave' pa'vato la tassa de tre lire!.. Ah! ca Ddio non s’ave da scorda de chi nce a fatto tanto bene!.….

Arrivato a chisto punto lu pulitore tornava a chiagnere, e io... mettennole no piezzo mmano, mme ne sagliette ’ncoppa, e tornaje da capo co le mmeditazione meje.

Signure ministre, signure governante tutte, uommene che state a lu potere: avite arredutto a chiagnere pe ‘nfi a li pulizza stivale dinto a lu paise nuosto, Che bella gloria sarra' chesta vosta quanno la storia d'Italia signarra' li nomme vuoste? Non sarra' na bella pagena chella che s’avra' da stampa', addo se nce liggiarra' no juorno: «Sotto a lu beatissemo regno de l’unita eccetera, quanno tutte sbattevano li mmane a la grannezza de li nazziune, e lu progresso cammenava a passo de gigante, a Napole, ex capitale de li ddoje Sicilie, ogge provincia de lu regno d’Italia, pe nfi' li pulizza-stivale se so biste co lle lacreme a ll’uocchie, non pe la gioja d'esserse aunite co li fratielle de lu Settentrione, ma pecche' se morevano de la santissema famma!»

LU TROVATORE

(a' Martedi li discurze de Gnoravava)

TRASCURZO

Tra Don Filiberto criènte gnorante, e Don Pangrazio paglietta cchiù gnurante d'isso, ’ncoppa a lu nuova codece de Procedura Civile.

D. Fila Neh, Don Pangrazio,

Aje tu liggiuto

Lu nuovo Còdice

Caviamo avuto?

Saccio ca tiene

Fino cerviello,

Vorria canoscere

Che nc’e' de bello.

D.Pan. Don Filiberto

Mio doce amico,

Celi sto a servirete,

Mo te lu ddico.

Chisso e' no Còdice...

Non se capesce,.

Non sa' de carne,

Non sa' de pesce,

Si vuo' smerzarelo

Tu dinto e Sfora,

Non puoje capirene

Maje na mmalora.

Lu liegge miezo,

Lu liegge tutto,

Non puoje cacciarene

Maje lu costrutto.

Ncoppa a la Corte

Moneto a la via

Tutta la gente

D’a Vicaria

Stace a ffa luotene

Ogne momento,

Stente n’appicceco,

Oh che lamiento!

Vide tozzarese

Chelle cocozze

A mmorze e a ppònia

Farse a ffecozza.

Uno sta a direte:

«Accussi ba';

«Risponne nautro;

Pe ccarita'

«Chesso non dice...

«Se fa accussi,

E n'autro rebbreca;

«Gnorsi, gnorsi!

Ma esce ntridece

N'autro saputo,

Dice: «Fermateve

«L’aggio caputo.

Dalle, e nce ll’aggio

Fatto io no buco,

Nn’aggio tirato

Tutt’io lu zuco.

E n'autra vongola

Sieste smamma',

So' ccose propeto

Da fa crepa'.

Mentre lu miedeco

Sta studiano,

De li causideche

E’ lo malanno;

Ca pe la lèsena

Simmo arredutte

Comme nce vedono

Peliente e brulle.

Sulo de chiacchiere

S’ènghie la trippa,

E pe li frisole?

Fa acqua a pippa!

Co chisto Còdice.

Non se capesce,

Non saje si e' carne,

Non saje si e' pesce.

Na cianfrusaglia

E’ na nanassa,

Chi lo sta' a lejere

Fratie' te.. spassa'.

D. Fil. Ma Don Pangrazio

Spiecame schitto,

A chisto Còdice

me ll’anno ditto

Ca alletterummeche

Uommene addotte

Nce faticajeno

De juorne e Dotte,

E doppo tanta

Fatiche e mpiccio,

Comme n’ascette

Chisto pasticcio?

D. Pan. Don Filiberto,.

Tu giù lu ssaje,

Chi sta a ’mpararece

Vo' bene assaje.

‘Mpero' nce teneno

Sti frate nuoste

Pe ’ncorriggibbele,

Pe ccape-tuoste.

La legge è... bona,

E’ ghiustolella

No poco e' sproceta,

Acetosella;

Nce vo' lu tiempo

Pe la mmezza,

Senza lu spratteco

Niente se fa'.

D. Fil. Compa', non essere

De capo tosta,

Ca stammo a strudere

E coarta, e guasto.

E pe capirela

Po' studejanno,

Gue non arrivase

Manco pe n’anno

D. Pa'n. Mo si 'nzoffribbele...

Siente no poco,

Diceva vavema

‘Nfaccia a lu fuoco:

Figliù mò, ‘mparate

ca si guaglione,

0 more ll’aseno

0 lu patrone.

J. P.


vai su



Anno I. —Nummaro 42. - Martedi 24 Abrile 1866

SUPPRECA PREPARATORIA DE LU TROVATORE

A S. Accellenzia lu Gialante de Palazzo.

Accellenzia Signo.....

Addenocchiato da nante a li piede de l’Accellenzia Vosta Llustrissema, mme piglio la lebberta de vaserecchiareve da no lato la mano, e d’appresentareve dall'autro lo murmuriale che bene appriesso, scritto propeto, a zuco de caramelle.

Accellenzia Signo, vuje mo no v’aspettavete che sta risoluzzione da parte mia, che finarmente so no povero straccione de Trovatore; ma che s’a' da fa? a' stocco nati fummo, dicette chi dicette; e quanno s’e' passato no guajo terra tienete. La disgrazzia s’ave mparata la via de la casa nosta, e difficirmente se la scordarra' cchiù!

Ma curaggio, Ccelle: ccellè, non le mettere appaura. Tiene denaro dinto a la sacca? si nne tiene farraje sempe bona fiura, sino non aggio che te fa. Chello che m'addispiace si e' ca nuje simmo arreddutto senza manco ll'ombra de lu piatuso, e stammo cchiù arrenate nuje ca no lu sta na cesterna senz’acqua a lu mese de Luglio.

Nuje avimmo fatto no cattevissemo affare, Accellenzia mia; ‘nvece de trova' oro avimm'asciato chiummo; e quanno nce simmo juto pe fa la croce nce’ avimmo cecato tutte e quatto ll'uocchie!

Na miseria la cchiù sfragellata ca nce potesse esse a' pigliato puorto co no tricchitracco, e s'e' assettata a lu pizzo addo' nce stevano signure, e signure co li sciuocche, e che non abbadavano pe niente si ll’asteco chiuveva, o la casa scorreva.

ccellè, vuje ve l’avrite d'arricorda' chille tiempe che non se jeva tanto pe lu ssottile, quanno, tutte magnavano e pazziavano; ogneduno trovava la fatica mmocca a la porta, s'abbuscava lu carrino senza parpete e compromissiune, se metteva na pezza a lu pizzo, che serveva pe l'abbeni; putive mmareta' na figlia, o alluca' no mascolo dannole quaccosa; fa na magnosa a mogliereta, nu pichescio a tte, no sciucquagliello a la piccerella de latte.... ccelle... ccellè..... si non avite perza la mammoria ll’avite da teni a mente; pecche' vuje site parzunale nuosto, e nce avite visto scennere a rrocchie pe ddanante a buje, quanno nce jèvamo a magna' chille tale purpetielle abbascio S. Lucia!

Nuje avimmo fatto comme a chillo, ca pe golio de lardo jette ad addora addereto a lu puorco.(co rispetto } de la faccia annorata de V. Accellenzia) Nuje tenevamo tanto bene de Ddio dinto a la casa ca potevamo sfama a meza Europa, e, gnernò, vulettemo mmoccarece tutte le chiacchiere de li sautabanche frustiere, che co no turnese dinto a la sacca nce facetteno a bede' la luna dint’a lu puzzo. E nce facettemo purta' addo vuletteno lloro.

Avimmo fatto, avimmo ditto, simme corrute, nce simmo sbattute, avimmo jettate lu sango a'ppriesso a lloro, e sempe a lloro dicenno, e quanno simmo juto a cernere la farina, lu ffecato e sciso, e lu premmone e' sagliuto! Tutte li fetiente so ghiute 'ncoppa, e la gente aunesta, e l’uommene da bene anno avuto tanto no tappo a chillo servizzio! (Sempe, e pe la siconna vota, co rispetto parlanno de l'Accellenzia Vosta.)

Nuje non dicevamo de vole mettere carrozza co lu cagnarese le ccose; de nce accatta no palazzo de casa comme se ll’anno accattato tutte li mariuncielle conosciute; de nce mettere na catena d’oro nova alato ogne ghiuorno, o cagnarece no vestito nuovo de trinco ogne settimana; o no pare de scarpe e cappiello nuovo ogne bota ch’esce lu sole; gnernò, niente de tutto chesto. Nuje sapimmo pe massema ca sulo li ruffiane, li mariuole, li cammorriste, li jucature de zecchinetto, e chille che… (cca abbesogna mettere li punte) teneno lu priviliegio de se fa tutto chesto senza ll'ombra de lu fastidio. Ma nuje che simmo nate co tutte le comme s’addimmanneno assignatezze noste, e ca no juorno avimmo sguazzariato dinto a lu bene, e avimmo jettato lu brodo pe lu barcone, anze anze, mettennoce na trozzolella de pane dinto, ll'avimmo fatto sgrana' a quacche Soja Accellenzia moderna.…. che non teneva ne cielo da vede, ne' tterra da cammena'.... Nuje 'ntennèvamo de resta' co la pace e la cojetutene nosta, de non nce leva la coppola a cierte tale e cquale zelluse, rugnuse, fetiente, strafetiente, fetentune, fetentisseme; ca non sarriano state digne manco de nce venia ghietta lu si Peppe dinto a' le ccase noste annurate. (E pe la terza e urdema vota co rispetto parlanno)...

ccellè, vuje, o sia V. Accellenzia, ca io mme 'mbroglio e parlo addo jesce jesce, non sape, o sia u non ssaje chello che stammo passanno nuje da cinc’anne a sta parte; zzoe' lu ssaje e faje lu scemiatore, pecche' capisce casta facenna a da veni a la fine, comme lu nudeco vene a lu petteno, e la ddiasilla a lu requiemmaterna. E nuje, quanto primmo, tenimmo tanta fede all’ossa scoperte de Ponzio Pilato, ca nce l'avimmo da canta una vota e buono lu requiemmaterna.

Mo che se sta 'ntruvulianno lu munno, Accellenzia mia, e pare case volesse accosta lu pprincipio de la fine, io credo cosa utelissema comme a lu paglietta de lu popolo vascio de Napole d’appresentareve tutte li recrame suoje, azzocche' buje, co chella manera tanta commerzebbele ca v'accompagna, li passarrate sotto all’uocchie de lu Signore Vuosto, pe ll'uso commeniente.

Accellè. cca' se nce a da mettere nu riparo, o se ne vanno lloro, o nce ne jammo nuje. Ndi ndi' ca'mpanì! Ma de chesta manera non se po ghi cchiù nnante. E che s’avesseno da credere ca le mamme noste annurate nce avesseno figliate pe ddinto a li viche, comme a le lloro, o che? Accellè, no la ffaccio pe lu ddicere ma da la razza nosta a la lloro nce passa na grossa differenzia, e..... dicette lu Âello Gasparre dinto a la purtella a Chiaja: Abbasta accussi!

Avraggio l’annore de ritorna quacche autra vota a da st’incommodo a V. A., e mettere 'nterra comme mm'esciarra' da lu filato, comannareve quacche siconna suppreca, onne dichiarareve co documiente e testemmonie chello che nce'anno fatto, nce stanno facenno e 'ntenneno de fa. Ma siconno lu ssacc’ì: pecche' lu pprubbeco nne sape poco e niente.

PErdonateme tanto ardire; aggiatence nconziderazzione; e vasannove la mano crediteme pe la vita

De ll'Accellenzia Vosta Llustrissema

Li 24 Abrile 1866

Napole pe Napole.

Obbricatissemo Servitore

LU TROVATORE

DISPACCE ELETTRECE

(agenzia vatelapesca)

Prefetto Gualterio a Lamarmora' - Arrivato cca. Trovato aria bona ma tiempo ntrovuliato. Liggiute pezzullo storia Napole, trovato napolitane essere amante povesia. Viste - napolitane mo potere chiammare vere povete pecche' stare tutto paccariate canosciuto essere cosa bona p’acquistare amicizia e fiducia lloro stampare e azzeccare nfaccia muraglie mio cartiello scritto tutto ‘mpovesia.

Lamarmora a Prefetto—Âravo! Vuje essere ommo granne assaje! cosa avere cantato napolitane dinto vuosto cartiello?

Prefetto a Lamarmora — Eh! cose belle! Parlato de la concordia, de l'oblio del passato, giorni ridenti, nemici del paese, eccetera, Prommiso tante autre cose. Prommiso liberta'...

Lamarmora a Prefetto - Ma senza nteresse?

Prefetto a Lamarmora - Gia'. Prommiso essere imparziale fra le parti....

Lamarmora a Prefetto— Ma siconno la politica de lo governo?

Prefetto a Lamarmora - Gia'. Prommiso mantenere ordine pubblico e fare osservare le leggi...

Lamarmora a Prefetto - Facenno sta a dovere i perturbatori e i fautori del disordine a USO NUOSTO?

Prefetto a Lamarmora — Gia'! E finarmente conchiuso trascurzo menanno soleta stoccata de autre sacrifici che lo governo aspetta da li napolitane. chisto essere lampo, doppo ve nire truono.

Lamarmora a Prefetto - Âravo veramente! Pecca'to non essere paglietta: sarrisseve stato buono chiacchiarone. cia'è!

Anno 1. —Nummaro 43. - Giovedi 26 Abrile 1866

SICONNA SUPPRECA DE LU TROVATORE

A S.. Accellenzia lu Gialante de Palazzo.

Accellenzia Llustrissema,

A mme addispiace non poco quanno s’ha dadi na seccatura a no signore tanto gruosso quale site vuje; ma le circostanzie de la povera gente si non se contano a li gruosse, a chi bonora, volite ca se contassero? É lu vero ca da no tiempo a sta parte tutte li gruosse s’a'nno appelato li rrecchie, e se so' scordate de nuje, lassannoce sule dinto a sta babilonia de guaje; pecche' lloro «bbeneditto sia Ddio ca nce lo mmanna» schiaffano la caccavella ’ncoppa lu ffuoco da la. ponta de juorno, e non sanno da do' vene, mentre lu poveriello ha da fa' li capi Ile janche pe mettere! mmocca. Ma pure, provita vosta, signore bello mio, se potarriano fricceca no tantillo, e bede d’agghiusta' sta varca scassata, che si non s’arrepara priesto va trova addó diavolo nce portarra' a fa lu papariello.

Signò, lu mare e' a'uto assaje, ll’ònna fa cierte cavallune c’appassano la riva e bace a ’nfonnere tutte li vescia de la crasse poverella, la quale sta' a chianterreno comme sapite, mentre li signure, e chille che se ’mpattano pe signure a chiste tiempe? stanno a li piane nobbele, e se trovano senape co li piede asciutte! Vota, gira e martella, e chi vace sempe da sotto?... lu poverello.

A cavallo macro non lle manca mosca, dice buono lu mutto.

‘Ntradetanto tèccove la posizzione de no povero ’nfelice. Signò, non mme chiammate seccante, e ausoliateme no pocorillo; ne dicite ca so’ recrame viecchie, pecche' lu biecchio non esce maje de moda, e si tutto manca servarra' sempe pe decomiente de la storia! Cca', e non nce facile che pochissema accezzione, da lu gruosso a lu piccerillo tutte se sò trovate co la capo sotto e li piede ncielo. Non se vede na crasse de gente, na crasse sola, pe quanto e' certo lu Signore che nce a' da judeca' ’mpunto de morte, ca se trovasse contenta, e campasse, a lu mmanco, la mmita' stroppiata de chello che campava na vota. Niente, Accellenzia mia. Nuje simmo arreddutte uno quaglio comme a le recottelle de Massa.

Cca' non se trova na prubbeca ’ncredenza manco si la vuo' pava' sette tornise; e si' te vuo' mettere a fa' lu lava-piatte, a'je da pria' primmo a Dommeneddio che te facesse ascia' chi tene ancora li piatte dinto a la cucina, e non se l’avesse vennute p’abbesuogno, magnanno dinto a quacche scafareja.

ccellè, sene songo cierte povere gente se conciajeno, sale e pepe, cierte ppatane nove dinto a lo muccaturo pe mancanza de meglio! Vuje che bolite sape! E a ddi ca nce volevano fa servi 'ntavola co la porcellamma de Sassonia!

‘Mbrogliune trastulante! Le mmodifiche so belle, le riforme sissignore, chillo tale statuto appricato buono, non nne sconvengo; pecchè, Ccellè, ognuno tene no murzillo de senzo comune, e lu capesce. Ma volerce modifica' de chesta manera, riforma la sacca sbacantannencella,’nzi' a lu funno, nvece de statuto stutarece tutte le lampe da nante a li sante pe li pentune....

Signore mio, chesto non sta bene, se nn’hanno pigliato no poco troppo. Chiste ogge o dimane, Jenno de chisto passo, se pigliano pure li matarazze, che ttenimmo sotto, e nce mettono a durmi' a paglia a tterra, comme a la truppa ‘ncampagna.

Llustrissemo mio la condizzione nosta non se conzidera, ma e brutta assaje; v’assicuro io ca e' brutta. Nuje si tirammo, non ve dico autro, tutto chist’anno situate accussi, senza affare e senza spiercio niscuno, quann'e' la stagione che bene sarrammo costrette a ghi' vestute comme a la bonanema d'Adamo e Eva, co le fronne de fiche nfaccia va lu vellicolo. Ah... frische frische. Pecchè, assicurateve, non nce resta a da de mano a autro ca sulo a lu quacquariello, e a la cammisa che portammo 'ncuollo; ca lu riesto tutto e' esaurito. Ta'nno sentarrate li guagliune che fracasso jarranno facenno pe Napole, strillanno siconno la canzona:

‘Ntrunchete ‘ntrunchete e passa la Zita,

La mogliera de Masto Percuoco

S’e' bestuta de fronne de fiche....

Ntrunchete ‘ntrunchete e passa la Zita!

Ma chello. che non mme po' persuadè, signore bello mio, si e' comme chiste tale ca nce strigliano accussi bello non se fanno lu santissemo cunto 'ncapo ca lu tuocco non sempe, po attocca' a lloro.

Si s’arrivano a 'mbruglia' le ddete e lu cunto sarra' tutt’autro, comm'a da succedere priesto pecche' e' n'articolo de fede, Ccelle' loro jarranno all’urdemo co tutto lu triunfo. Diciarrate vuje, cape mmo nce stammo jenno nuje all’urdemo?... Eh... chi sa! non sempe lilia frolia e cecoria. La mugliera de lu latro non sempe sciala e rride. Voto l’arrusto e non ne provo... Ma non sempe jarra' accussi; dicette lu guaglione de lu tavernaro. Strissemo... nce stanno cchiù ghiuorne ca saciccie, se dice a lu paese mio.

Io vorria, tene che magna, tant’io ca lu prossemo mio, pe bedè cujeto cujeto sta scena a do jarra' a feni, essenno sicuro de le rrisate ca nce faciarrammo a'ppriesso. Ma, sbenturatamente, nuje nce truvammo a' ppede, e senza na maglia; motivo principale de le suppreche noste.

Io volarria parla' cchiù chiaro pecche' me n'abbasta lu stommaco, e non aggio appaura de nisciuno; pecche' aria netta non ave appaura de tronole. Ma tengo chillo case firma da sotto a me ca ognettanto mme s’arraccomanna, e me preja de ji' cuoncio cuoncio...... sinò, oh quante ve ne cantarria, signore mio.

PErzo' contentateve desti recrame cuoncio cuoncio Acc. mia; appresentatele a chi sapite vuje, e dicitele co tutto lu core ca nuje non nce fidammo cchiù, e ca nce aspettammo quanto primmo no sollievo a cheste ppene.

Amatece e compiatitece, e mme dichiaro comme pe lu ppassato

De V. Acc. Llustrissema.

Napole 26 Abrile 1866

Umilissimo servitore

LU TROVATORE


vai su


Anno I. —Nummaro 44. - Sapato 28 Abrile 1866

LA CAMMARA DE LI DEPUTATE

Tornata de li 24 Abrile—Presidenza TEMPESTA.

(Notizzie storiche critiche pe cunto de Don Saverio).

Duie Scupature de lu bello paese addo' lu si' ssona stanno co li scope a bracciarme, la matina de li 24 dinto a la cammara de li chiacchiarune; e arreposannose no poco, nnante de feni la scopata generale, armano chisto discurziello.

E ll’una manco no quarto. Lu relorgio de lu cafettiere vicino nne da lu 'nzignale. Li scopature accommenzano.

1° Scop. - ‘Nzomma tu stive a Napole comme nce steva io no juorno?

2° Scop.—Nce steva, e nce starria ancora se po ddi, si non fosse stato pe la capo sciacqua de lu signore mio, che benette cca a fa lu deputato prommettennome no 'mpieco, e mme mpiecaje de chesta manera!...

1° Scop. - co la scopa mmano?.. ah.. ah.. ah...

2° Scop. - Embe che nce vuo' fa. Io steva buono nnante Testa d’oro, pulizzava cchiù de 30 pare de scarpe a lu juorno, po trasette co isso....

1° Scop. - E da pulitore vulive ji' a lu Menistero?

2° Scop. - E che sarria stato lu primmo esempio? —Tu po che facive a Napole? iere fuorze benestante?

1° Scop. - Gnernò, steva ‘nTribunale.

2° Scop. - E da tribunalista si arreddutto a chesto?

1° Scop. - Tribbunalista mo? io steva 'mpiecato lla' comme lu stongo cca; scupava de la stessa manera'.

2° Scop. - E comme si meuza! non sapeva che 'mpieco tenive…. Scupammo va, e priammo a lu cielo ca restassemo a chesto.

1° Scop. - Leva chelle scorze da lla' sotto; vide chiste, veneno a fa marenna dinto a la cammara.

2° Scop. - Ma che nce vuo' fa, quanno chille non banno proprio che conchiudere. Veneno a passa' lu tiempo cca dinto, a spuzzuliarese na semmenta mentre li povere popole aspettano lu refrisco 'ncoppa a' le cchiaje.

1° Scop. - Eh!., hanno voglio d'aspetta', si stanno co la speranza a chiste.

2° Scop. - Zitto, ca traseno li signure.

2° Scop. - Attiento addonga..... - Pretentat’.... arma'!

E li duje spazzature fatto lu saluto militare co le mmazze de scope a tutte li membre de la cammara, se ritirano, 'nzanta pace.

Trase lu Presidente asciuttannose lu sudore. (E ancora a da venì stata). Tutte li deputate chi de na manera e chi de n'autra vanno a piglia' puosto dinto a li scanne, e se sciosciano mparanza lu naso.

Lu soleto relorgio sona ll’una e meza. La seduta e' a'pErta.

Lu Presidente accommenza a conta le ccape e nne trova paricchie mancante. - Una mi doje, mi tre cancelle —cca' signure, mieje, simmo poche assaje, non arrivammo a 40... Chesta che schiuvazzione e...

Lu Dep. MuscemuscE—Onorevole sig. presidente, si mme permettite, io vorria la } pe parlarve de l'elezzione de Cavalluccio a lu colleggio de Santo Lazzaro…

Pres. - No momento... vedite ca cca simmo se seje, justo trentaseje…. comme se po ghi nnante? Âasta, parlate.

Lu dEp. Ercole - Io, sig. presidente, credo ca lu parlamiento avesse lu deritto de canoscere lu bilancio de tutte ll’ordene cavalleresche esistente; ed e' perzo' ca s' have da ipoteca' lu patrimonio de l’ordene Maurizziano ncoppa a la Banca de Genova, pe fa fronte a la guerra nazzionale.

Pres. - Vuje avite sbagliato, guerra non nce ne starra', pecche' l'Austria a' fatto pace co la Prussia, e la Prussia co ll’Austria.

Lu Dep. Fruste-fruste—Anze anze io approvo la proposta de l’onorevole preopinante, pecche' si lloro hanno fatto pace, nce potarranno fa la guerra a nuje. Preside, cielo ve libbera da li mazzate de li cEcate.

Lu Dep. Ricciolille—Io, ornatisseme colleche e compagnia bella, trovo ca lu nummaro de li cavaliere de Santo Lazzaro non e pe niente minore a chillo de li surde-mute.

Pres. - E a quanto arriva lu nummaro de sti surde-mute che ddicite?

Lu Dep. Ricciolille—E che ve voglio di?.. abbesognarria addimmanna' da vicino a quaccheduno che lu-ssape buono. Chello ch’e' certo si e' ca songo assaje.

Pres. - Embè, se facesse na signalazzione a Napole, e se 'nterpellasse a P. Ludovico da Casoria, ncoppa Capodemonte.

Lu DEp. Muscemusce—P. Ludovico e no riazzionario…

Lu Dep. Ercole—P. Ludovico e' no palatone...

Lu Dep. Ricciolille—P. Ludovico e n'austriacante...

Pres. - Sarra' tutto chello i che ddicite vuje, ma chisto Patre a ben meritato da la Patria, pecche' fa la raccoveta de tutte sti 'nfelice, e non se perde ‘nchiacchiere comme nce stammo perdenno nuje. Se signalasse a P. Ludovico.

Lu Dep Ricciolille—De cchiù io stanotte aggio avuto na visione. (Risate generale).

Mm'aggio sunnato S. Maurizio e Lazzaro, e ve pozzo conta' lu discurzo tenutome da S. Maurizio, che m’ave ditto chello che se penza de nuje 'mparaviso, e a riguardo lu paese nuosto.

(Risate cchiù forte, che fanno mettere le mmane dinto a li scianche a chi sente. No craparo che se trova passanno face no sisco che dura 15 minute e miezo.)

Lu Dep, Ricciolille— Mparaviso se penza si nce starra' la guerra; se parla' de la renneta founiaria, de l’armamiente gennerale, eccetera. Na de sante e pe la pace, n'autra sta pe la guerra. S Maurizzio mm’ha ditto ca si nuje avimmo la guerra addeventarrammo uno Santo Lazzaro, e Santo Lazzara ha rispuosto ca o co guerra, o senza guerra starra'ømo sempe cchiù pa'ccariate de S. Maurizzio, e addeventarrammo no cuorpo pevo de S. Paulino che diceva la messa co lu tezzone. Pe' levarece perzò da tanta mpicce abbesogna metterse ‘ncoppa a tutte i cavaliere de Santo Lazzaro.

Lu Dep. Scialate—Disapprovo - Abbesogna rigettarese sta proposta, pecche' sti benemerete sante ch’a'nno avuto tanta pacienzia a nzi' a mo, non pigliannoce a øa'zzate pe li ngiurie che l'avimmo fatte, se ne potriano risenti, e ritirarese in sanitate e justizia. Sarria cchiù tosto cosa utele stabili' ncoppa a li titole de conte e barone, a quale crasse appartene ll’onorevole deputato Ricciolille.

(Rise, sbattute de mane, apprause e ba scorrenno)

Lu Dep. Ercole, dice de tene dolore de capo e che se vo' ritira' pe se mettere le Ssanguette.

MuscEøusce e Fruste-fruste fanno lu stesso dicEnno ca le øugliere lloro a chell’ora avranno gia' menato li maccarune.

Lu riesto approva manifestanno lu stesso desiderio, pecche' la famma se manifesta generalmente.

Lu presidente dichiara ca isso tene cchiù famma de tutte, e ca se ritira' rimettenno la facenna a lu dimane.

Se sona lu companiello - la seduta e scioveta a le 2 e meze mpunto. Tutte se ne vanno.

Traseno li duje scopature che stevano ad ausulia' mmocca a la porta.

1° Scop. - E ntiso?

2° Scop. - Seh, aggio 'ntiso.

1°Scop. - E ch’a'nno compinato?

2° Scop. - Chello ch’anno compinato sempe da che stanno vEnenno cca dinto. Chiacchiere, chiacchiere e chiacchiere. S. Lazzaro, S. Maurizzio, onorevole onorevole ‘ncoppa, se menano no sacco de ‘ncEnzio, progettano no sacco de ciucciarie…

1° Scop. - E de volerce ben?…

2° Scop. - Non se ne parla! Compa'?

1° Scop. - chde?

2° Scop.— E dimane fa juorno de chesta manera! E de chisto muodo avasciarranno li vivere, se levarranno le ttasse, se mettarranno a rigistro li patrune de casa; se modificarranno le legge, e se pEnzarra' a la guerra… Seh… pare, ca dimane lu beco. Chiste teneno sempe a S.Lazzaro mmocca'.

1° Scop. - Møocca' non bo di niente, ll’avriano da' tene' pe tutte le ccarne, e passa' tutte li guaje de lu povero S. Lazzaro, senza trová pero nisciuno cane che l’alleccarria li cchiaje.

2° Scop. - Aje regione frate mio… E ba, scopammo e ghiammoncenne che va trova quant'autra scopate nce restarranno da fa cca ddinto!

LU TROVATORE

Anno I. —Nummaro 45. —Lunnedi 30 Abrile 1866

TERZA SUPPRECA DE LU TROVATORE

A S. Accelenzia lu Gialante de Palazzo

Accellenzia Llustrissema,

Io vorria ave' lu piacere de pigliareve pe sotto a lu vraccio, e portareve passianno no poco co mmico pe tutte le bie de Napole. ccellè, che bella sodisfazione sarria la mia, e la vosta purzi. co na semprice defferenzia però, ca io capozziarria mmostannove tutte le cchiaje de stu paese, e buje ve mettarrissevo le mmane 'nfaccia pe lu scuorno, facEnnove le ccruce. Li dolure, le ppene, li mortificazzione, l’avvelemiento, li tribbulazziune, la miseria, la spalummazzione, la sconfidenza, la perdizzione, le nnecessita', le mmalatie, le ffreve continove, tutto, tutto Acc. mia, a' contribbujuto da no tiempo a sta parte a farce chiamma la morte co ll’uocchie. Si fosse venuto n’angiolo cinc’anne fa, e nce avesse fatto na predeca da coppa a le ggrade de quacche cchiesia, profetizzannoce tutto chello c’aveva da venì appriesso, io v’assicuro ca angiolo e buono avria avuto na sollennissema battaria da li napulitane, e se nne sarria tornato arreto co li spalle chiene de mulignane.

cinc’anne fa chisto popolo pareva d'ave' toccato lu cielo co le ddeta. Cinc’anne fa nce credevamo a la scienzia e a la libberalita' de li prufiete modierne, comme se po credere a la fede; cinc’anne fa ogneduno pazzo comme se trovava avria jettato lu paglione pe la fenesta, co la prossema certezza de se fa li matarazze de lana de Tunnese.

Accramate, se diceva a chisto popolo, accramate sempe, mmostateve digne de lo nomme de taliane: mettiteve a secuta' li birbante de ll’oppressure, e pe buje spuntarra' n’aurora la cchiù bella che maje; pè buje se vedarra' cagnata la faccia de lo munno, trionfarra' la nnucenzia, essenno tutte nnuviente chille tale ca ve conzigliano la rivolta.

ccellè, vuje lu ssapite e nne site stufo; cca li strille so ghiuto a li stelle; e mo lu dolore nce fa sta tutte mute; e mo le llacreme de li poverielle appassano le stelle, saglieno da coppa a tutte le nnuvole, e se sforzano d’arriva' a li piede de chi anno d’arriva', pecche' li guaje so assaje.

No juorno pe la gioja de li sfrenate, s’e' devurato chi ve po ddi quant’uoglio pe le luminarie; pe fa risbrennere li lampiuncielle c'annunziavano la sconfitta de li tiranne; e ogge, co lu progresso de la libberta', e l'abbenuta sconfitta de li tiranne, la gente non se po accatta' cchiù ll’uoglio manco pe la cannela, e se va a corca' a lu scuro attentanno lu muro co le mmane.

Ajere s’e' fatta la volonta' de Ddio; ogge stammo facenno la volonta' de Ddio; dimane farrammo pure la volonta' de Dio; ma Ddio non bo tanto ca se scamazzasse lu prossemo, e s’approfittasseno de la pacienzia de la povera gente.

Songo arrivate a li 'ntiente lloro, la scusa era ll’avvenì, nuje nne simmo convinte; st’avveni' non benarra' maje, nce l'avimmo chiavato pure a lu stommaco. Ma pecche' spremmerce de chesta manera, quanno dinto a le bbene noste non nce sta cchiù n'onza de sango? Spremmere, spremmere, spremmere e spremmere, vo di trattarce comme a gente de trapazzo, arredurece pevo de li schiave ‘mÂarbaria.

Le' spremmere se chiamma zècatura

E ogne bello juoco poco dura.

Lu ciuccio ca a botta de mazzate ha portato la sarma pe diverzo tiempo 'ncuollo, quanno non ne po cchiù s'abbocca, e banne lu suse quanno e' caduto 'nterra, va!

cca' non s’arriva a capi ca la famma caccia lu lupo da lu vosco; e quanno lu lupo esce da la tana terra tiênete.

La miseria e' potente assaje, e pe la fa sta cujeta non nc’e' frieno che tenga.

Voje a la sera 'nzerrate ll'uocchie fuorze pe tiempo, Acce' mia, e la matina ve scetate co tutte li commete vuoste; ma lu poveriello, chillo ca n’a' magnato a la matina, ne a' cenato la sera veglia sempe, fa sempe cannolicchie, e porta li penziere da coppa a la coppola soja, e penza a lu 'mpenzabbele, e ghiastemma chell'ora e chillo, momento, e preja a Ddio co tutto lu sdegno possibbele, e se mette co le braccia 'ncroce co l'attenzione de destino.

Si trasite pe ddinto a le poteche sentite lamiente: non se venne e nce vonno le spese, e s’hanno da' pava' le ttasse!

Si passate pe ddinto a li viche li venneture tutte cantano a ccoro; la diasilla e comune, li vivere vanno care, li pesune. stanno a li ciele, li diebbete songo assaje, le famiglie aspettane lu ppane, e nisciuno s'abbusca niente.

Lu vastaso non trova a carria', lu cammariere non trova patrone, la femmena de servizzio non po' a've' na prubbeca a lu mese.

Lu cuoco sta a spasso, lu cocchiere appatrunato e' restato co la bacchetta mmano, pecche' li signure banno levato carrozza. E li coseture senza cosere, li scarpare co quacche semprece solatura nicessaria, e li barraccare co ll'esposizzione de li panne a permanenza, li galantariare case la sciosciano, li mercante a li guantare case guardano l'uno co ll’autre… tutte, tutte, tutte, simmo restate co lu naso pe l'aria, la lengua tirata 'nganna, le ssacche co lo portuso a la spontatora, e le ttasse 'ncopp'a la noce de lu cuollo, e l’esatture de ste ttasse ca nce vonno manna' tutte quante a la Concordia!

Accellè, io non mme fido cchiù. So tante li recrame che ttengo ncopp'a lu tavolino ca si li borria da sfoco non m'abbastarria manco n’anno de tempo. Ma io non ve lasso de pede; tornarraggio ncoppa' a lu proposeto. - Scusate de ste cchiacchiere, date luoco a la reflessione, e crediteme mente campo

De V. Accellenzia Llustrissema

Napole 30 Abrile 1866

Obbricatisseòo servitore

LU TROVATORE


vai su


MAGGIO

Anno I. —Nummaro 46. —Miercodi 2 Maggio 1866

PARE CHE NCE SIMMO!

Napole sta tutto 'ncoppa a penziere, e l’Italia tutta pare che fosse a la vigilia de na gran cosa, de na festa de famiglia, de no sposarizzio addesederato, de na chioppeta de confiette ca ll’anno da chiovere dinto a lu mantesino da no momento a n’autro.

La parola e' una, lo mutto d’ordene e' lo stesso ntra tutte quante, la voce che corre e voce conmune: LA GUERRA.

Finalmente!

Nuje gia' ve l’avevamo assicurato, letture mieje, 'nzi' da quanno tutte quante l'autre parevano metterla ‘ndubbio, o non nce credevano affatto, e nuje dicevamo co na faccia a prova de 'mbomma ca la guerra veneva, nn’eramo fortemente sicure, e conchiudevamo dicenno dinto a lu nummaro 30 nuosto «ve l’avrite d'arricorda'»: Donga guerra? Guerra pe qua'nto e' certo ca simmo vive. E’ assicurateve ca non ce sarra' maje na bona pace si non avarranno na' bona guerra primmo.

E tanno nisciuno se credeva ca la guerra se fosse affacciata veramente dinto all'Italia nosta. Ogneduno se ne faceva na risata; e tutte quante penzavano tanto all’avvecenarese de la guerra, quanto io pozzo penza a li diebbete de l'amice mieie.

Ma ogge pare ca lu cielo s avesse voluto arri corda de nuje, accussi 'nzicco 'nzacco, quanno manco nce lu credevamo, e sotto all’impressione de la Vorza de lu commercio che se ne scenne a rrotola a rrotola ogne ghiuorno.

Ogge zitto zitto e pettramente stevamo a ttavola se po di arriva no dispaccio, e dice: Signure mieie, li magnasive pare ca volesseno essere raspato quaccosa, pecche' affacciano no cierto prudito vicina a lu settentrione, perzo' mano a l'allicca-sapone; date de piglio a li tezzune, allustrite li cannune cavalle, e ghiammole a da na lezzione.

Lu dispaccio non dice perfettamente accussi, ma ¸ na tradizzioncella liceta e spliceta ca nce po ffa' ogne fedele taliano..

cchiù sotto nce dice purzi, ca lu Ministerio se dimette tutto, visto la trobea de li ccerase.

ca lu gabinetto sarra' pigliato ‘nconsiderazzione da.... Ricasoli «nautra vota Ricasoli» lu quale e ncarricato de forma' li nuove pasturielle pe lu Ministerio.

ca lu governo vedenno mal'aria a Baja a mannato a chiamma' a Zi Peppe; (mo e' buono Zi PeppE!) lu quale, sia ditto a annore e gloria soja, non s’e saputo annia', e corrarra' a organizza no nuovo corpo de volontarie, che sarranno commannate da isso, e avranno a soperiure purzi paricchie affizziale de l’eserceto che se trovano all’aspettativa.

Zi Peppe sta pe se porta 'nPiemonte da no momento all'autro; viva addonga Zi Peppe, e abbascio la Conzortaria.

Viva addonga la guerra, e abbascio la camorra governativa.

Vivano tutte chille che bonno bene a lu popolo, e biva purzi Lu Truvatore che non penza a autro ca a la felicita' e li nteresse de lu popolo; pe lu quale scrive, e scrivarra' sempe nzi' a la consumazzione de tutte li birbante appoja-libarde.

Addonga, guerra, signure mieje, e guerra ferma, senza scoraggiarce, e senza penza a guaje. Pecche' da la guerra dipenne la risurrezzione de lu prossemo, e da essa la vera felicita, de tutte chille ca se trovano ‘nfelice.

Donga 'nguerra, ca la guerra

Mentre ¸ pèrga' pe sta terra,

Si stentaòòo ‘ntra li guaje

Mo non aje che òazzeca',

Mèorto acciso aròEòo avraje

Una gran celebrita'!

Accussi' dice lo sargente Strelita dinto all’opera de Lianora.

cca' e' lu momento de ’nzerra' ll’uocchie e metterce co ffede 'mbraccia de la sorte, e correre a commattere.

Si non ghiammo a la guerra mo che ssimmo giuvene, quanno volite ca nce iessemo quanno simmo viecche?

Giovine sono

PEnsieri non ho,

Se viene Garibaldi

Soldato òi farò.

E..... Garibaldi sta venenno

Mo l’armata se farra',

Jammo alliere, e non chiagnenno

Jammo Italia a libera!

Signure mieje, io pe bede' fenuta la Conzortaria taliana, e bede schiattata la camorra governativa farria purzi monete fauze; considerate perzo si non steva aspettanno la guerra co ll’ova ‘mpietto, e che desederio nne teneva!

Stuorto, o deritto, buono, o malamente, la guerra no servizziello particulare nce l'a' da fare, certamente.

Io tengo tanta fede a S. Maurizzio e Lazzaro ca la guerra ha da fa squagliare a tutte li conzortiste, e se ll’a' da porta' a casa de lu diavolo ‘nca'zunette e ‘ncammisa.

Io si fosse quacche piezzo grusso, e, 'nvece de la sporta sotto e la lenterna mmano, portasse na sciabola trenante, e no revolvero a 45 colpe, vorria commanna' io no poco la facenna, e agghiusta' tutte le cose a modo mio.

A primmo appetito l’avanguardia de l’armata taliana la farria componere de tutte li cammorriste ministeriale.

Appriesso nce mettarria a Sella, Scialoja, e Minghetti; chiste tre che so nate co li tasse dinto a la coscienzia, e che nce anno appezzentute cuotte e crude.

Po Spaventa, Peruzzi, Rattazze tutto lo riesto de li conzorte taliane.

Arreto, o a fianco a chiste, li giurnaliste co la livrera, zoè chille tale essere vennute ch'anno la pagnotta a lu mese pe ncenzia' tutte l'azziune de li ministre. E accussi via discorrenno.

A le pprimme cannunate se ne jarria pell'aria la camorra. a' le sseconne lu terno de li crucefessure nuoste.

A le tterze lu riesto de chille ch’anno ajutato a tirarce li piede. E restarriamo sule sule, cujete cujete, nuje, ll'Italia, e la gente de coscienzia; Cola, fra ccola e lu Priore. Che bella cosa sarria!

Ma lassammo fa a lu Cielo. Tutto sta a principiarese na cosa, e ogne pprincipio porta le conzequenzie soje appriesso a isso.

Preparammoce a la guerra, jate coraggiuse a la guerra, e' chello che bene appriesso lu ssape io.

MO PARE cA NcE SIMMO!

LU TROVATORE

Anno.—Nummaro 47. - Viernadi 4 Maggio 1866

A DICIOTT'ORE...

ATTUALITA’ PARPITANTE!

E non pozzo parla' ca mena viento,

Le parolelle meje passano nnante!

(ca'nzona popolare)

Da cca' a poch’autre ore e nuje sfrattammo; lu guaglione de lu campanarista sta' co lu battaglio mmano, e mbo' a dicioit’ore nce fa na sonata straordinaria e nce da' l’avviso de la partenza.

Ab, cruderta' che non s’e' ’ntesa la soccia, quanto dolore non nce cacce tu dinto a lu core nuosto! Cottine potra' succedere e nce n’avimmo da ji' accusai dinto a no bba'tteto d’uocchie, justo mo che nc’èramo tanto bello assuefatto a chisto pizzo, dinto a chisto bello quartiere addo' nce trova'varno de casa?..

Lu ssa la casa, chisto quartiere,

Sta fenestella, stu pizzo cca'.

Quanta eufecchio annascoste e ’mpalese

Avimmo trattato pe cchiù de no mese!

E niente, non nce stace remmedio, la patrone de casa e' stato inesorabbele, comme dirria n’alletterato, e co la bastoncella sotto a lu vraccio aspetta ll’ora. de lu sfratto pe se piglia' la conzegna.

E io che mme trovo co li capille da coppa a la coppola pe chesta circostanza, aggio da scrivere l’articolo mio de funnamiento, accussi' ’ncoppa a lu funno de lu cappiello pe mancanza de meglio; pecche' li bbeneditte vastase, che nce stanno assacchianno tutte, s’a'nno aizata la scrivania e tutte li tavoline de lu Trovatore, e m’ hanno restato a la prevetina.

Senza tene na tavola,

Na cascia, no sportone,

Vedile c'a' da scrivere

Stu povero guaglione!

Ma e' tutto inutele, mmiezo a tutta la baraònna de li guaje, lu giovane de la stamparia rame stace da nante, e bole pe fforza ll’arziculo, dic’isso.

E mettitece ca ’nvece de scrivere prosa tengo lu friccecamiento de scrivere vierze, e che bierze! vierze de li 4 de maggio.

Ch’aggio da fa? vesogna,

Mieje care amice tutte,

Fa gallia' li sprucete

E a tutte li frabutte.

Io volarria parlareve

De cose positive,

De ’mbruoglie, guerra, eccetera

E tanto lavative;

Ma no lo ppozzo cattera,

Mm’avite a perdona'!

Si ll’aria se fa tròvola

Vuje stesso lu bedite.

Si maje venesse a chiovere

Che no ve ne ’ntennite?

Scanzate quacche furia.

De st’acquarelle belle,

E pe no ve sta a ’nfonnere

Pigliateve li mbrielle:

Ll’acque, se sa, succedono,

Ma doppo schiararra'!

che ve ne pare ah?... aggio fatto na scarrecata de vierze, e mme so accujetato no poco.

Io 'ntratanto sto sfrattanno, e, a comme mme siscano le rrecchie, m’avraggio da ritira' no poco a la casa nova pe m'acconcia' la mobilia, e mettere ogne cosa a lu pizzo sujo. Moncevò, chille quatto stracciulille de panne, chelle ddoje pezzecaglie all'uso nuosto vanno astipate co lu cientomilia assignate, e buje lu ssapite buono. Mo pe nce fa no semprece gilecco lu cielo sape quanto nce vole! E denare non ce ne stanno, e se mette 'ntruocolo la carta munetata, pe nce fa scippa' da la capa st'autre quatto zirole che ttenimmo! Ma lassammo faa lu cielo; doppo li 4 de Maggio a da veni la fine de lu mese, e a la mesata parlammo!

Ma io mme la piglio a pazzia e cca dinto a lu palazzo mio stanno chiagnenno tutte quante. Vintiquatto figliole zetelle co li mantesenielle mmano se stanno annettanno le lacreme, pecche' se nn'esceno da la casa co dolore.....

Povera giuventù,

Piange? e che fu?

Tridece mamme, e non ssaccio quanta patre, pecche' no li bedo spisso, fanno pure lu stesso, e se veneno a licenzia co mmico. - Signure mieje stateve bene, ma lassateme no momento cujeto, io aggio da scrivere.

— Ah... signor Trovatore, che dolore! - E lu dicite a me? nne tengo uno da tre ghiuorne nfaccia a ll’uosso òErletto....

— Noi parliamo del dolore al cuore....

— Ah, io 'ntenneva tutt autro - cE ne andiamo, come vedete.

— Âuon viaggio, e niente ritorno.

— Noi passiamo oltre....

— E chesto lu sapeva da no piezzo, non nce vuleva la zingara pe l’annivina'. Qna'nno s’accostano lE 18 ore de li 4 de Maggio abbesogna sfratta.

Sfrattetur?

Sfrattetur? comme sfrattajeno l’antecessure vuoste. Non sempe se po sta de casa a no pizzo. Io pure mme ne vaco, comme vedite.

— E dove andrete col vostro grazioso giornale?

— Addo vole lu cielo.

Andro' raòingo E povero

Dove il destin mi porta,

Un pan chiedendo agl’uoòini,

Andro di porta in porto.

E nce aggio fatto lu callo, amice mieje: p’ave' troppo parlato chiaro a tutte chille ch’aggio canosciuto, ave ditto la verita', averete conzigliato ncoppa' a l’annore e a li finanzie: mm aggio trovato sempe a chesto; aggio avuto da vattere ritirata e alluntanarmene da paricchie. E chello ch’e' peggio ca li schifuse so state seguitate a tratta e a ghi nnante. Ma che me mporta?

Se feci il mio dovere,

E òi trattar così,

Provveda Iddio!

Addio, addonga, signure mieje, a revederece lu mmeglio che pozzo; che la casa nova ve sia leggiera. Arricordateve de Lu Trovatore quanno ve magnate chille tale vermicielle a la casa nova, e penzate quacche bota a isso. Chi sa… Va voluto sempe bene; e si non autro v’a mantenuto divertite lu mmeglio c'a' potuto.

ca de lu riesto non sempe se po fa chello case v0; ma chello che bonno ll'autre. Pa'cienzia.

Deserto in su la terra

col rio destino in guerra

E sola speòE un cor

Al-Trovator.

E lo core sujo site vuie, letture aggraziate, che co na santa pacienzia v’avite sceruppato st'articolo che, non sape ne de carne e ne de pesce.

Ma 'ntennimmoce a sisco!

LU TROVATORE

CHIACCHIARIATA DINT’A LO CAFE’ DE LL’ALLEGRIA

(Abbascio o Puorto)

Gnastello Aggio visto arresta na povera vecchia stammatina vicino a la cchiesia de lu Priatorio da no guardia municipale, e mm' ha fatto tanta compassione che non me ne pozzo scorda'. Poverella, non sapeva che Il’era soccieso! Tremmava tutta, chiagneva de fa spartere lo core.

Annarella. Povera disgrazziata... Ma ch’aveva fatto? Fuorze quacche fattucchiaria?

Gnaziello. Vuje che fattucchiaria! Fuje arrestata pecche' jeva cercanno la lemmosena.

Annarella. a' bu! E comme, lloro pure cercano la lemmosena pe lu Conzorzio Nazzionale, e che lemmosena! e po arrestano a na vecchia nfelice che cerca treccalle pe se ne accatta' pane!

Gnaziello. Si vediveve, sie Nnarè, che piata'! La poverella non se poteva movere pe la vecchiaja, era tutta cionca, tutta abboccata, pareva no rancetiello. Lo guardia municipale chiamma na carrozzella e ajutato da quacch'anema piatosa nce la schiaffa dinto e se la porta.

D. Criscenzo. Ma che vedete di male in tutto questo?

Gnaziello. Comme che nce veco de male? Ve pare niente lo vedè maletratta' na nfelice pe la semprece ragione che va cercanno la lemmosena pecche' non tene mezze pe campa'? Ve pare cosa buona lu vederla chiagnere, scrama' e vatterla si attocca?

D. Criscenzo. Scusate, i maltrattamenti non ci debbono essere, e se le autorita' ne vengono a conoscenza puniscono severamente gli agenti di polizia o del municipio che commettono tale abuso. In quanto poi all’arresto dei mendicanti e alla loro spedizione all’Ospizio dei poveri io trovo essere la cosa più regolare e filantropica di questo mondo.

Lu Trovatore. Nfrattanto li maltrettamente se fauno e se chiudono l'uocchie. Ma po, ammettimmo che non nce fossero, pecche' li poverielle se spaventano tanto d'essere portate a lo Serraglio?

D. Criscenzo. Perche' la vita dell'accattone piace loro più di quella dell’ospiziato.

Lu Trovatore. E ve pare che sia na bella vita chella de lo pezzente?

D. Criscenzo. No, certamente e pessima.

Lu Trovatore. Pe conseguenzia la vita de li pezziente dint’a lo serraglio ha da essere cchiù cattiva de chella mmiezo a la strate, si no li poverielle non aspettariano d’essere arrestato, ma nce jarriano co li piede lloro; e chille che nce se trovano non faciarriano de tutto pe se n’asci' n’autra vota.

Cafettiere. Vuje si sentite comme so trattate sti poverielle lla' dinto, e ccosa ca non se crede. Figurateve che pe la famma, pe II’ummedeta', pe la mancanza d’aria e pe lo magna' pessemo, cadono malate doppo poche juorne.

D. Criscenzo. sempre stanno meglio che fuori di la.

Cafettiere. E simmo sempe a la stessa cosa. Si starriano meglio non se mettarriano paura de nce jì.

Lu Trovatore. D.Criscè, sentite chello che ve dico io; tutte l’ospizie, li munte de Misericordia, chille de Piata' e tutto chello che se dice essere fatto a sollievo de li poverielle, non serve che ad arrecchi li signure e fa no poco de bene a li protette.

Cafettiere. Meno quacche rara eccezione.

D. Criscenzo. Non e' vero. Leggete le relazioni e i resoconti delle diverse amministrazioni.

Lu Trovatore. Gnernò, vuje avite da sentere a li stesse povere si volite appura la verita'. Ve sia d’esempio lo Spitale de Nincurabbele che qua'nno sape che quacche???zo naggio gruosso vo ji a visita lo stabilimento allora mette la biancaria pulita e li copertine nuove, e quanno no li malate so ll’urdemo penziero.

D. Criscenzo. Oh. oh !...

Lu Trovatore. Non facite oh oh, ca si toccammo sto tasto non la fenimmo pe mmo e sa quanta zelle se scommogliarriano...

Gnaziello. Si Tò, sarria buono che quacche sera parlassemo no poco de li pezziente, e non sulo de chille che cercano la carita', ma pure de chille che non hanno faccia de la cerca' e se morono de famma cchiu de l’autre.

Lu Trovatore. Va bene.? na cosa nteressante, e ne parlarrammo quando sarra' tiempo… Bonasera.

Gnaziello. Felicissema notte.


vai su


AUSTO

Anno I. - Nummaro 1. - Giovedi 9 Austo 1866

ATTO DE NASCETA CUORPO DE LA PROVINCIA DE NAPOLE

SEZIONE…

Estratto da li Registre de l’atte de nasceta 1866

Numm. d'ordine 39

Ll'anno mille ottociento sissantaseje lu juorno 8 Austo all'ore 7 a. m. Nnante de nuje Affiziale de lu Stato Cevile de lu Circondario...... comune de Napole, Provincia de Napole, e' comparzo Don Saverio d’anne 28, de professione giornalista ‘nquacchiacarte, lu quale nce ha presentato na piccerella de carta, siconnoche avimmo ocularmEnte ricanusciuto, e a' dichiarato che la stessa e' mala da isso e da Don Facelone, leggittemo gerente sujo, lu juorno sudditto, de lu mese corrente, anno che cammina, all’ore 7 a. m. all Ufficio che sta.......

Lu stesso nce a' purzi dichiarato de da a la medesema lu nomme de LENTERNELLA.

La presentazione e dichiarazione ncoppa scritto s’e fatta a la presenza de Pascale Tomas, Amministratore, D. Chiuppillo, Sfravecatutto, e autre, de professione pulliere, zzoe' gente de penna, domiciliate no poco primma' d’arriva' a la concordia V.

TEstemmonie ‘ntervenute a lu presente atto e da lu dichiarante prodotte.

Lu presente atto, che avimmo firmalo e contrafirmato, e stato ‘mpizzato dinto a li duje registre, letto a lu Dichiarante e a li Testimonie, e doppo dinto a lu juorno, mese. e anno, comme a ncoppa, da Nuje firmato, da lu dichiarante e testemmonie.

N. N. Affiziale comE sopra.

Don Saverio, Don Facelone, Tomas, Don Chiuppillo, Sfravecatutto, ec. ec. ec.

Deritto meza lira.

Rilasciato pe copia conforme

Don Saverio

MME PRESENTO

Saje ch’e' no fatto

ca de ponta, o de chiatto

Aggio a forza a trasì, pE no servizio

Necessario?

METASTASIO a' LU MERCATO. ATTO 2.°

E nnante che mm'accordassevo lu pErmesso, io me mpizzo, mme presento e chiacchiarejo.

Primmo de tutto vorrisseve sape chi so?

— So' La Lenternella.

— Achi so figlia, comme se chiamma patremo?— e che bonora site cecate, o non ancora v’hanno mparato a lejere? Jettate n’uocchio ‘nfaccia a ll’atto granne ch’a've fatto lu gnore, zzoe l’atto de nasceta, e saparrate ogne ccosa.

— Manco chesto va buono?... ched'e mettite ndubbio la paternita'? ve smacenate fuorze ca non e Don Saverio lu patre mio? Ah.... quanto site male penzante... E’ isso, ¸ isso; guardateme buono 'nfaccia e conchiudarrite che la lenterna e figlia de lu lampionaro! Nautro dubbio!

— Che se nn’era fatto a nzi' a mmo? E bi com me site seccante! Era juto fora pe n’affare de famiglia, addo se nzuraje, stette no buono piezzo e avette a me pe figlia. Nne vulite cchiù?

Arrivate che simmo a Napole mm ave presentata a lu Municipio, mm’ha dato duje francobulle pe mmarenna, no viglietto de banca pe quacc’autra occasione, e dannome no vaso ‘nfronte mm’a' ditto: va, va t’abbusche pane!

— E che magno, magno carte?

— Guernò, magnarraje pane e companateco, si tutto manca. Vattenne pe li quartiere mieje, presentate all’amice nuoste scurpurate, fatte a canodscErE, dille ca si figlia a patreto, e avarraie sempe bona accoglienza.

— Oje Ta'?....

— Che buò?

— Aggio a paura.....

— Pa'ura de che?

— ca vedennome accussi piccerella non mm'avesseno da fare mala faccia, e pigliare a bubbole le pparole meje.

— Gnernò, chille so bone gente, portarranno riguardo a lu cane pe lu patrone. Va a nnomme de lu cielo.

— Nnante che ve ne jate... comme mm'aggio da regola' si mme spiano quaccosa?

— co pprudenzia e moderazzione; dille chello ch’appure cuoncio cuoncio, contale quatto fattarielle a brodo ristretto pe li ffa' sbaria' la fantasia, dalle doje notizzie senza fauzita', e cerca sempe de devertirele.

— Senza mmaleparole?

— Gnernò, qua mmaleparole? le piccerelle non nne diceno; sino aje lu ffuoco mmocca'.

— E si maje nce ne volesseno?

— Farraje la volonta' de Ddio. Quanno te siente 'nterratata, ma'zzecate la lengua e non risponnere.

Va vattenne ch’e' ttardo; portate bona e fatte annore assaje.

— Farraggio lu mmeglio che ppozzo.

— Alzate lo moccaturo ncapo, vide ca torna a schizzechia', vattenne sotta sotta.... a' rrevederece.

— Stateve buono.

E doppo tenuto chisto discurzo mme so licenziata co patremo e so benuta a do vuje.

Mo sapite tutte li fatte mieje, e ve potrite contenta'. V’aggio da deverti, chisto e' l'obbreco mio, e vuje saparrate pure lu vuosto. Si io chiacchiarejo, e buie avite da penza' pe la sussistenzia mia: la lampa' senza ll'uoglio s'astuta e non fa luce, e la Lenternella e' sora conzuprina a la lampa. Vuje mme ntennite a ssisco.

Quanno sentarrate la voce de cierte guagliune che ghiarranno attuorno strillanno, e annommenarranno lu nomme mio, faciteve lesto a la fenesta: no sordo e passa cantanno. PE chillo cinco cienteseme bbene ditto che darrate a li funzionarie mieje passarrate devertuta na jornata.

Da che munno e' munno lu llejere e' stato sempe d’utele a la sucieta'. Ta'ta mia se legge lu tuppo sujo nzi' a 'ncoppa a lu si accorre, e guarda purzi la carta de lu ccaso. E buje avarrate a schifo de pigliareve la Lenternella?

cierte bote quanto manco ve credite ve potraggio essere de gruosso giuvamiento.

Ll’uommene e le femmene non se mmesurano a parme.

Lu feloseco non e' rappresentato da l'acchiale o da la capa scucciata.

Ll'abeto non ha fatto maje lu monaco.

La Lenternella, simbe de primma nasceta, po chiacchiariare meglio de no viecchio.

E li viecchie se l’accattarranno pe trova' no sollievo all’ore de la podacra.

Le becchie pese spassa lu suonno la sera e non accidere tanta pùlece nnante a lu pede de la cannela.

Le ffigliolee li figliule pese lejere lu rumanziello, le notizzie de la jornata, e le barzellette co lu ppEpE.

Li pedante e chille che campano de nnustria pe ssape' a che ora schiara juorno.

Ll’ommo serio pe se rinfrisca' la memoria co la storia, che non dice maje buscia. E accussi via via.

— Donca sarraje bona pe tutte?

— PE tutte: e si mme trovate nfallo non me pavate.

Nce vedimmo doppo dimane.

LA LENTERNELLA

Anno I. - Nummaro 2. —Sapato 11 Austo 1866

‘NCOPPA a' NA LUCANNA

Ognuno dorme comme a no scannato

Ne sstente autro canta', che Nnonziella.

CANZONE ANTICA (a li tiempe de FASANO)

Vi che guajo ch’aggio passato pe chella capo sciacqua de patremo, che mm' ha voluto mettere ‘ncanneliere piccerella piccerella, e non ha penzato a chello che mme potea succedere pe la via.

comme si mo fosse lo munno de na vota che le bardasce potesseno cammena' sole solelle, e lecco scienzie non ghiesseno co lu progresso e se fosseno allariate de na manera tutta nova. Mo nce stanno li fetiente che banno 'ncojetanno a la gente...... Uh! ch'aggio ditto!—Patremo non m’ave ra'ccoma'nnato autro: senza maleparole! Non 'mporta, ch’aggio da fa? mo mm’e' scappata, n’autra vota li chiammarraggio galantuommene.— Passammo nnante.

So capitata ’ncoppa a na locanna abbascio Puorto, una de le ttante che mmeretarriano d'essere sfravecate da mmocca a la porta, tanto che so ppulite. che aria netta se respira a chisto pizzo, addo se jura e sacramenta ca lu sole non nc’e' passato manco pe lo pentone da che è nnato. Che ttanfo mmicidiale de baccala' ssicco po manna' sta via, è ccosa 'ncredibbele. E pure se dice ca a Napole nce sta no Sinnaco co ttanto na capa, e na coda de conzigliere appriesso che non fernesce maje... Va trova che ddiavolo farranno da la matina a la sera ncoppa' a' lu Municipio; 'nvece de i' guardanno cierte bìe e cierte niozzie c’avriano da sta fora Napole! Avasta; mmo me nce trovo, e abbesogna acala' la capa.

cca' tutte quante dormono all’ora ch'arrivo io, e ssiente no rùnfene continovato che te pare na museca de cecate. Sulamente dinto a na cammera assettate nnante a no tavolino stanno quatto mieze mbriache, e se fanno no discurzo ntra de lloro.

Io me metto co lu sidece 'nterra a lu frisco, me smiccio la lucerna, addo se nc’era fatto no ggravone, e me metto ad ausolia'. Pe non perdere tiempo mme spuzzolejo no colurcio de pane ‘nfuso dinto a ll'uoglio.

Uno de chillo accommenza a conta tutte li guaje de la famiglia soja: ca tene cinco figlie, cinco chiuove bbeneditte, che stanno scavuze, e co le panzelle da fora; ca la mogliera e' prossema a figlia' e non se trova manco no moccaturiello; ca non tene nisciuno mpiego, pecche' doppo la disponibbelita' l’anno mannato mmiezo a la via doppo d’ave servuto co annore e stima pe 35 anne.… E ca la sera se nn’esce da la casa pe non bedè, e non senti. Nautro risponne.

— E’ niente, e niente... ancora. Io so restato sulo, sulo e unnece de punto e mme sto chiagnenno lu fisso mio. T’arricuorde a Giacomino e Carmeniello, chille duje gioie de figlie che ghievano no tresoro, e m'arrecchevano la casa co le fatiche lloro?....

— Seh?....

— So' mmuorte!.… So' mmuorte!

— Uh!!! e comme so mmuorte?

— So' mmuorte abbrusciate e 'nfuse 'ncoppa a lu Palestro. Pecche' avetteno a mmarcia' non avenno li mezze de le fa li cambie militare. Si sta sfragellata de miseria non nce avesse annurate, e io non me sarria trovato a li frutte, a chest’ora starriano ancora co lu patre loro; dinto a le bbraccia meje, a sopponta' la vicchiaja mia, pecche' io so fatto viecchio.… Te, guardeme sti pile, aggio fatto tutte li capille janche!

— Povero vavone!

Na voce — Viva la guerra, abbasso i Consorti, morte al Cantiniere.…

— Chi è?

— E’ chillo mbriaco puorco che chiacchiareja ‘nsuonno, e se retira sempe 'nquatto la sera.

— Mallarma soja a isso e chi nce lu carriaje da la parte nosta. Vi che paura mm'ha fatto mettere.

— Ma de la guerra, che ccancaro se ne dice, s'e' conchiuso o non s'e' conchiuso l’armestizzio?

— E chi cancaro, po appura' na verita'. Lo governo sta facenne no sacco de ciucciarie una ncoppa a l'autre. Ogge dice na cosa, dimane n’accocchia n’autra. La Gazetta Affiziale de Firenze portava tutto conchiuso l’armestizzio, po tutto ‘nziemo, ched'e' e falluto ogne ccosa.

— compa', vi che te dich’io stasera: nuje nce tornammo a battere.

— Nce vattessemo pure, e ssia priesto: io tengo li figlie mieje senza scarpe.

— E portele a la Ncoronata a de capo-de-Tetella.

— E non buo' sentere ca io stongo appiccecato co li cincocienteseme da paricchio tiempo.

— E dalle carte, manco carte t'abbusche?

— Mme nn’aggio abbuscata una stammatina da lu patrone de casa, c’avanza doje mesate e cchesta che ccorrE.

— Ma chisto e' n’affare serio cca non se trova a ffa niente cchiù a la lettera. È proprio na disgrazzia.

— a' preposeto de disgrazzia, avite saputo chella de l’Affondatore?

— Qua Affondatore?

— Chillo legno taliano tanto gruosso addo' se sarvaje PErzano a la battaglia de Lissa?

— No, non sapimmo niente.

— Se n’e' ghiuto pur'isso a funno a fa commertazzione co le ssarde. S’e' perduto dinto a lu puorto d’Ancona a ccausa de na burrasca.

— E ch’era fatto vuzzariello, no legno de chella manera'?

— che costava niente meno che 13 miliune!!...

Fratie' vuo' sape na cosa, io si fosse a lo governo la farria proprio benedicere a la squatra taliana.

— Seh da no monaco surdo!... E comme, vaje ancora co li preggiudizzie antiche? non te si diruzzato ancora?

— E che ssaccio, cca na disgrazzia non aspetta a n’autra, pare proprio ca lu diavolo nce avesse puosto la coda?

— Signure mieje, jatevenne ca io mm'aggio da corca', dimane aggio da ji' pe ttiempo a lu maciello.

— Ch’ora songo?

— Quatto manco no quarto, mo la relorgio de Puortosarvo.

— Ah e' ttardo.

— a' revederece.

A chisto punto io mm'aveva fenuto de spuzzulia' la ppane quanno trasette la locannera e trovannome a lu stesso pizzo mme dicette:

— PeccEre' non te vaje a corca' ch’e' notta?

— Mo mme ne vaco, aggio fatto no poco de cEna'.

— E ba, va t'arricetta, vide ca stanno durmenno tutte quante.

A chesta 'ntimazione mm'avette da sosere da terra', stutaje lu lucigno, e me jette a mena ‘ncoppa' a lu strappentino.

LA LENTERNELLA


vai su


Anno I. - Nummaro 3. —Martedi 14 Austo 1866

LETTERA POLITECA!

A na cierta Soja Accellenzia,

Ministro eccetera - addo' se trova

Ognuno strilla, e fa tale greclello,

che pare de senti, quanno se crasta,

Parlamòo co perduono, no porciello.

Omero - lib. IV.

Accellenzia,

Si jarrite a la posta trovarrite sta lettera. Accussi' scriveva PulEcenella quanno faceva le lettere a lu si Chiochiaro dinto a le cciento disgrazzie soie. Ma io mme contento d'arraccomannare la presente a li portalettere de chiste luoche, azzocche ve la facesseno capita' lesto lesto, e a la primma accasione. Io so la figlia de patremo, figliola aunesta che se face lu fatto sujo, e mme so puosto ‘ncammino da la ponta de juorno, non sulo pe abbuscareme na tuzzarella de pane, quanto pe mettere 'nchiaro le raggiune de li paisane mieje. Pe la tozzarella de pane e' cosa da non parlarene, pecche' mo da la tavola de lu juorno d’ogge non nce re stano manco le molliche, tanto de la famma scannalosa. Pe le raggiune po, appena appena nne potimmo conta doje, ma accussi sotta metafora; co no poco de marcangegno, e a meza voce, com me si concertassemo 'ntriato; e spisse vote quanno jammo p’arapri' lu connutto, zza', nce schiaffano tanto no taccariello mmocca e no tappo da dereto, e bonanotta a zi' Catarina, facimmo la predeca de li surdemute.

Signore mio, grann’ommo fuje chillo nudeco d’Esopo quanno scrivette la favola de lu lione che se ne jette a caccia:—chesta e' la parte mia pecche' so lu cchiù gruosso; chesta pure mme tocca comme a lu primmo 'ntra ll’animale, e..... guaje a chi se volesse piglia' la terza, ch’è pure de pertenenzia mia; mme lo schiaffo sotto e, nne farraggio na mesesca! E li povere cacciature animale, sempe animale, a comme dice la favola, se n'a'veneno da torna' arreto co le mmane vacante e la coda ntra le gamme!

Io non 'ntenno d’affennere a nisciuno, ma cierte bote li paravune cauzano, e cauzano cchiù de cazetta de seta.

Vuje sapite abbastantemente li guaje nuoste; le cchiaje, le scortecature, li vruognele nfronte ch’avimme avuto, che stammo avenno, e chi sa pe quant'autro tiempo avarrammo d'ave ancora; ma, provita vosta, pure avrissevo da capi no poco de vereta', zzoe ca nuje non avimmo cchiù comme tira nnanze, ca lu commercio de lu paese e' muorto, s’e' atterrato ed e' arredutto cennere; e sta cennera soja se n’e' pure juta, pecche' ogne ttanto vene no poco de ventariello da le pparte voste e se la porta cu isso.

chesta che schiuvazzione è? vuje che v’avite chiavato ncapo, nce vulite proprio arreducere a cerca la lemmosena, o credite ca cca facessemo monete fauze? no ve scrivo pe lo bene vuosto stesso, pe chillo de ll'amice, pe lu bene mio, onne arrepara no po co stu lavarone de malanne che nce stace agliuttenno a tutte quante; e nuje, vuje, o che saccio chi, simmo agliuttute e buono.

Ll’antenate nuoste nce contano ca a ttiempo arreto se so passate pure le mmorze amare, ca lu commercio purE Era' arruinato, ca le fatiche pu rE non nce stevano, ca la farina jeva a 6 ducate lu tummolo, e era no signore, veramente no si gnore, chillo tale che poteva porta 'mprocessione pe lu quartiere na scella de baccala' attaccata co lu jungo, tanto che ghieva caro. Ma, scusate signò, non mme chiammate seccante, tanno si nc’era tutto chesto era meno male, pecche' nce stevano li mezze; li dudece carrine òon avevamo avuto lu stra visto, se poteva spennere; e, o quatto, o seje se trovava e se pavava. Ma mo, mo; li paravune no ve li ffaccio, pecche' vuje site no scienziato e ca pite assaje. Mo, si non nc'e' tanta carestia, e la rrobba se vede, se vede si ma non se po tocca.

Mo nce manca lu mmeglio, nce vonno li mezze.

La nnustria se n’e' ghiuta, li capitale se ne so sciuliate, so restate sole le betrine dinto a li ppoteche, e ogne niozziante se la sta sciuscianno, comme se la sciusciava tanto tiempo fa l’Acc: V.— Prevedimmo li case, Acc: mia; quanno uno se sente no pisemo abbascio non se l’a' da guarda' e porta passianno; nce vo lu riparo, e buje ve l’avite da mettere, signore mio, nnante che lu mmale non pigliasse pede buono. Mettiteve lu riparo, sentite a la Lenternella, ca mme n’annummenarrate.

cca' ll'autro juorno correva voce ca volevano ‘nzerra' tutte quante, e bulevano fa festa pe mancanza d'accunte; e se dice ca gia' paricchie l’avesseno fatto. Ve pare, potimmo vede' stu scannalo? Non e' no scuorno pe no pa'ese tanto cevile e alluttrinato comme a lu nuosto? che diciarriano li frastiere passanno le bie noste?—Chiste pecche' a'nno nchiuso? chi le sarra' muorto?—E’ muorto lu commercio, risponnarriano li giuvene a spasso! Ed e' na bella cosa senti sta morta subitania, quanno lu commercio de stu paese era lu primmo, se po ddi, ca nce steva? cca' taliane de l’autre pparte, cca franzise, cca' angrise, muscuvite, americane de l’autro munno venevano a guardarece a bocca aperta, e se conzulavano, o crepavano ncuorpo, a bede' tanta folla che contrattava co nnuje; e nuje facevamo mmidia e cannavola a tutte! e mo pare ca nce avesse cantato la cevettola.

Mo li poverielle, ca songo assaje, pe non se fa acchiappa pe la via e ghi' a lu ffrisco vanno vennenno fiammifere, e araprono la mano sottaviento pe s’abbusca' quaccosa; e quanno vedeno na faccia equivoca che lle sta a le spalle li siente di: micciarielle e Parige signò, nce are corpa Parige; comme so belle, pigliano fuoco pure dinto all’acqua!

ccellè, ve lasso co li micciarielle, ma ve tornarraggio a suppreca'.

LA LENTERNELLA

Anno I. - Nummaro 4 - Giovedi 16 Austo 1866

LI SUONNE

Vienece suonno si nce vuo' venire,

Viene palluccia d’oro e dalle ‘n fronte.

LA MAMMA CH’ADDORME LU FIGLIO

— E vienece suonno viè.… accujetame sta criatura ca sta sera non nne vo' ncuorpo de piglia' suonno. Ah! e comme si nzista, non tiene suonno a uocchie piccere' sta serata?...

Accussi' mme diceva patremo quanno venette a lu munno, e sfastidiosa sfastidiosa non mme voleva addubbechiare cierte sserE.

Povero patre mio; quanto a've sofferto pe mme. Quanta cure, quanta spese; quanta malanne non ll’e' costata la nasceta mia! Pe fa che? pe fa na femmenella no priesso a ppoco simmela a tutte ll’autre, e attese le ccircostanzie de famiglia direme nfaccia, no juorno; va, va' t'abbusca' pane!

Mo capesco che bo dicere paternita', mo che so benuta a lu munno, e aggio canosciuto lu ccurto e lu lluongo.

Mo m’arricordo de le pprimme parole ch’anno 'ntiso ste rrecchie sia pe lu viaggio fatto, che pe li discurze che se so tenute ncoppa' a la locanna.

So' paricchie juorne ca non esco de casa e aggio appurato no sacco de cose: s’a' parlato de politeca, de governo, de religgione, de patria, d'armestizzio, e ba scorrenno.

S’e' ditto viva chisto, viva chillo, viato lu tale, jastemmato lu tal'autro e biceverza; chi s’alugiaje ajere s’e' mmaleditto oje, chi apprauduto no juorno, ogge s’e' connannato a lu disprezzo comune. Accussi' ba lo munno.

E ogne ccosa comme vace a feni' a la fine de li cunte? a' suonno. Se chiacciareja na jornata, nce mettimmo le cerevelle sotto e ncoppa pe spunta' na cosa, facimmo tutte l’arte possibele, tutte li sacrefizzie mmaggenabbele pe ccacciarene lu costrutto, e a la ritirata de li ccuvarelle che succede? fernesce la jornata 'nsanta pace, nce jammo a corca' e nce facimmo nu suonno.

Âeneditto Ddio! si non fosse pe chello ppoco de suonno la notte, a chest’ora nce sarriamo atterratte e buone.

Quale songo li vantagge de chille che dormono? So diverze a senzo mio.

S’arreposano tutte l’ossa che s’erano sbattute duranno lu juorno. Lu cuorpo ave lu ricietto su io, e l’uorghene passate a rrassegna da la digestione s’umiliano a la potente natura de la machena e pigliano lu soleto sistema. Le gamme se stenneno, le braccia se chiejano, le cerevelle camminano si ma camminano senza direzzione e non fanno fa male a nisciuno, anze anze si pigliano quacche buolo fantasteco e ghiesceno da lu semmenato a lu dimane s’acconciano e diceno co la riflessione: fuje nu suonno, E niente cchiù.

Lu core pure ave la parte soja, e no cchiù parpete, no cchiù pogneture, no cchiù crepaore, ma ttuppe ttuppe liggiere, senza violenza, cammino regolare, ordene equelibrato, sango senza nnacetirese.

Trasute a la notte dinto a lu dominio de lu suonno rEstammo co li penziere de la jornata nnante all’uocchie, e facimmo cannolicchie, e 'ngrannimmo le ccose, e passammo a revista l'azziune, e dicimmo «sempe dinto a lu suonno» potevamo fa chesto e no l’avimmo fatto, potevamo arrepara' de sta manera e non avimmo arreparato, avimmo troppo fidato. E ll'eco de li penziere co la voce soja lontana lontana risponnarra', dinto a lu suonno: e no l’avimmo fatto, non avimmo arrEparato, avimmo troppo fidato.

Accussi' succede a tutta la gente troppo de buon core che se lassa trasporta da l’apparenze, e fida troppo all’amice.

chi so l’amice tuoje a li juorne che corrono?

Li primme nnemmice de lu munno.

chi songo chille tale che promettono, mare e munte?

Li primme a tirarese arreto a tutte l’accasiune.

chi resta deluso e dispiaciuto sempe duranno la vita soja?

Sempe lu buono, e l’ommo de buon core.

E non nce volimmo arricorda' ca Âonafede morette; ca la superbia jette ncarrozza e se ritiraje a' ppede. ca' ll'ommo a' da esse buono buono,

Ma non tre bote buono.

Tutte sti discurzielle mme l’aggio ‘mparate cca ncoppa a la lucanna; quanno la gente se retira, e nnante de se ji' a corca' se conta a vicenna le raggiune soje.

E io mme ll'aggio nchioccate penne teni di scurzo co ll'amice, comme mme lassaie ditto patremo.

— Avimmo avuto assaje perdete, diceva ajersera no masto de poteca nfaccia a li compagne suoje.

Lu niozzio non e' ghiuto bnono, nce anno avuto corpa li male soggette, non nc’e' che fa; mance 'mpararrammo pe l'abbeni? E chi lu ssa.

Na vota, diceva purzi ajersera no solachianiello a spasso, na vota fratemo se nzuraje e se pigliaje na mogliera che a' l’apparenzia pareva valente assaje pe lu matremmonio e la guida ‘nfamiglia, e 'nsostanzia era na moscia ‘ngallata, na patana de femmena, na diro' e faro' che non sapeva ne ddi, ne ffare niente a munno sujo. che succedette? a' capo de lamiente e disperazzione da la parte de fratemo lu cielo se la chiammaje, E lu facette vidolo; e isso penzaje de se torna' a 'nzora'. Ma comme facette? jette scavanno tutte li quartiere, cammenaje notte e ghiuorno pe la trova' a modo sujo; e sta cammenanno ancora. Non nce nca'pparra' la siconna vota. - O buono accompagnato, so le pparole soje, o sulo, e unnece de punto; e sino' mme corco sulo e farraggio uno suonno.

Addormimmoce addonga, amice mieje, pecche' dice lo mutto ca chi dormE non pecca'.

LA LENTERNELLA

Anno I. - Nummaro 5 - Sapato 18 Austo 1866

LE TTASSE E LU PRIESTETO FORZUSO

Deh, Masto Giorgio mio dotto, e saputo,

che ttanta capo-tuoste haje addomate,

Se non te muove a dare quacch’ajuto,

Nuje simme tutte quante arruinate.

No vi ca lu judicio s’e perduto,

E tanta cellevrielle so' sbotate?

Auza ssa verga toja, muovela priesto,

E non fa che se perda st’autro riesto.

NAPOLE SCONTRAFFATTO de

Giammattista Valentino a lu 1669.

Io non ttengo cchiù rrecchie, non ttengo cchiù capa, aggio perza la quintassenzia de la pacienzia a sentere tanta sorte de lamiente da la matina a la sera 'ncoppa a sta locanna. ÂEne mio e che felicita' nnaspettata hanno arrialata a la gente sti signure d’aguanno! vi che ttenevano ncuorpo li ciefare! E cchiammavano approfittante all’autre?!

Si sapeva ca Napole steva cchiù arroinato de quanno steva malamente, mme sarria restato co patremo Saverio a pastena' rapuonzole a na parte de chesta.

Âene mio e a che hanno arredutto la povera gente; la spremmeno de chesta manera senza averene pe nniente considerazzione?.E non bonno avè manco pacienzia che la poverella 'mpecasse e 'mbrogliasse?

Ma che ddiavole v’avite chiavato 'ncapo, che manera de governa e' la vosta signure mieje? Dicitencello una vota pe ssempe, nce permettite si o no de campa quatt’autre juorne, a la bona de Ddio, o volite che frische frische, tiseche tiseche, nce ne jessemo co li piede nuoste ad atterrare a lu 35, e accussi fare fenire cchiù priesto la curiosa storia?

Assodato comm'e' ca a' da feni' na vota, e' meglio priesto ca tardo; accussi sparagnarrammo de spanteca' e nuje e buje; vuje co penza la notte pe lu juorno comme ‘ncasarece cchiù assaje lu cappiello dinto a le rrecchie, e nuje... nuje co vedere de nce lu sficca' da capo a la meglio, e cecareve tutte e qquatto l'uocchie.

La matina te scite, e, nnoòòinipatris e filio farraje li capille janche pe bede' comme aje da mettere mmocca'. Nce vo' lu magna', articolo princepale! nce vo lu pesone, articolo straprincepale!! nce vonno li denare, e pe lu magna', e pe lu pesone, articolo princepalissemo!!! Accommenzatote a gratta' ncapo comme fanno li zelluse, piglie no scoppettino e principie a leva' la polvere da coppa a li bancune «si si no niozziante qualunche» si po si no povero cosetore, o no lavoratore senza fatica accommienze a passia' dinto e ffora, e cirche de porta' ncarrozza la fantasia, e de smammoliarete a la meglio contro a tutta la caterbia de li guaje. Quanto tutto 'nziemo, a lu mmeglio che coffie te stesso, te se presenta no miezo pulizzastivale co na carta nnnlanO.

— che cos è?

— La Tassa.

— Qua tassa?

— La tassa ch'avite da pava' pe lo semestre che ccorrE.

— Ma io da poco la pavaje, non e' manco no mese, e mm avette da mpigna tutta la ramma co la vrasera de moglierema!

— E mo nn’avite da pava' n’autra ca s’e' ammaturata. Mo ve spettano 85 lire e 45 ciente seme. (A mmuodo d'esempio).

— No tierzo decchit?!!! Ma si urdimamente ne pavaje da 60 E rotte, e mo, ched'e, nce a'nno puoste pure la jonta? chesta che disperazzione è, ch’avissevo appurato quaccosa, o ca mettesse mo la funa a la notte?

— Ma vuje co chi l'avite? nuje simmo esecutore d'ordene. O venite a pava', o sinò…

— Sino che?

— Pa'varrate doje vote: la tassa e la murda.

E accussi s’hanno chiavato 'ncapo da no poco a sta parte. No poco ca te miette ‘ndimenticanza, o non potraje definitivamente «chello ch’è ccerto» ttacchete: usciere, venga-meco e esecuzione.

— che cos è?

— Sequestro!!!.

Spiammo no momento a sti signure colennisse me si nce sta no poco d’umaneta' a tutto chesto?

che umaneta', e' tiempo d’umaneta'?—La legge non ammette riguarde.

Ma, scusate, cca non se dice ca non ve se vo pava, ma ca non se po; capite? ca non se po. (Stampato, stampancello a carattere gruosso) NON SE PO'.

La legge....

Ma sopracapita la legge, e nisciuno nne dice male! ma volite o no conzidera' ca la legge non e' fatto boja ca t’ha da mettere lu chiappo nganna e t’a' da mpennere pe fforza? La legge ha da vede' apprimmo si no povero diavolo sta a la circostanzia de se spremmere lu gravugnolo: si tene primmo che magna, comme resta dinto a la casa pavanno lu pesone, e po adempi all'ordinanzie soje.

La legge, e sempe co licenza vosta! s’avria da 'ncarrica' si lu povero paziente, che s'e tassato de na barbara manera, tene ancora quacche chiuovo 'nfaccia a lu muro pe vennerlo o pe se lu mpigna, e po, co rrispetto de sta legge, romperse la noce de lu spercuosso e mettere co le spalle a lu muro a lu povero tassato.

che se vole tassa o sacrifica no signore de carrozza, no titolato, no nobbele qualunche lu quale, simbe e' ssempe doloruso, tene, viato a isso! tutte li mezze possibbele comme pava la legge e schiaffaresella dinto a la sacca; via via, nisciuno nce fa osservazione; pecche' cierte bote cierte tale e qquale signure che non hanno a che penza fanno veni cierte tale e qquale mbruoglie che portano sempe ste bonore de consequenzie... Ma tassare no straviso, no povero artisciano, no masto de poteca pa'ccariato, no fravecatore a spasso, no misero 'mpiecatuccio co 30 carrine a lu mese, no disperato vennetore de pezzettelle che non sape magna cucenato che ssapore tene da no buono piezzo… e avra' fatto gia' no sacrefizzio nfavore de la santissema patria a magna' asciutto, mentre non c’Era' nato; a bederese da no stato a n’autro, eccetera eccetera… chesto vo dicere ca la legge e' cecata, non bede li guaje de la povera gente, e' fatta a anganicola, ed e' no missario male appricato.

Scusate, signure de la legge, ma volimmo conzidera' no poco lu prossemo nuosto, e arricordarece chillo mutto antico quanto a lu chiuppo a Forcella, ca Chi troppo la tira, la spezza?

LA LENTERNELLA

(continova)


vai su


Anno I. - Nummaro 6 - Martedi 21 Austo 1866

CORRISPONNENZIA DE FAMIGLIA

Avimmo ’ncignato! Sapato avimmo

avuto Iu primmo sequestro a lo

nummaro 5 de lu giornale nuosto.

AVISO.

Lu segueto de l'artico lo Le Tasse e lu Priesteto Forzuso a n’autro nummaro.

CORRISPONNENZIA DE FAMIGLIA

A PATREMO SAVERIO

Sacciateme a ddi vuje: che betuperio

Sarra' pe nnuie, mente lu Munno e Munno!

Senti, che da cchiù anne sto mesterio

Doloruso cantammo, e ghiammo a funno!

che sia fatto de nuje no cemmeterio,

E si cchiù stammo, cchiù ghiammo a zefunno!

Ma chello che a le ccorna cchiù mme vatte

E ch'avimmo da fa co quatto gatte.

CAPASSI - LA Guerra de Troja

libro sicunno, pag. 177.

Tata mio, òo, Tata mio,

Jacolillo lu corriero mm'ha ditto tutto, conzignannome la lettera toja, e pe mmezzo sujo t’aggio mannato pure chesta risposta. Io sto passanno no sacco de luotene a sto paese tanto strommettiato, e tanto portato a li ciele. E chisto e' chillo pizzo addo' diciste ca li denare se trovavano a ccòfene, e la fatica te la conzignavano mmocca a la porta? Vattè, gnopa'; vide ca te sarraje 'ngannato, o t’avranno ditto na cosa pe n'autra.

cca' stanno tutte quante diune, e si magnano s'abbottano de pane e ppane pecche' non se fa niente.

Songo arrivata a na brutt’èbboca a bennere le cchiacchiare meje, justo quanno la povera gente lle passa autra 'nziria pe la capa.

Ogne ghiuorno non bide che facce arraggiate, non siente che ghiastemme e lamiente continovate, e ammusciamiento de sunarielle pe ttutto lu paese. Signorsi ca' pe non nce fa addona' de la miseria e de la schiovazzione nosta nce hanno jenchute li quartiere de lanterne maggeche e organette che sso na mmaraveglia, e che accommenzano a ssona' a ghiuorno e fernesceno a...... ghiuorno! conzidera che ppiacere! Tu starraje co li canchere tuoje, e ttacchete na sonata de la Sonna'mbula, comme si te volesseno di: spassateve co sta Sonna'mbula. Qua bota refrettarraje purzi' a chello che jere e chello che ssi, e l’organetto te sona la Traviata: - Addio del passato - ÂEi giorni ridenti! Po t'abboffano de Manina, de lu Matarazzo de stoppa, e ba scurrenno, e nce fanno conzidera' a la nullita' de le ccose, e ca tutte quante fenarrammo co darce la mano a dormi 'ncoppa a la stoppa, si non ghiarra' a succedere adderitto a sbreglie!

che contentezze, Tata mia, che contentezze! Veramente belle chille tale che mm annomenave tu; che professure che ssongo, sanno fa cierte barve e contrapile ca manco no varviero de professione nne sarria capace!

La buscia lloro ll'anno ammentata; non te 'nchiaccano na carta o te stampano no giuornale co la livrera e li bottune de la Signoria, che non te smammano no sacco d’affastellamiente, e sempe buscie so. Non arrivo a cape comme cierte nzertune se l'accattano, e se mmoccano cierte bongole proprio de pertose. Se pasceno de fummo li poverielle mente la varca va orza, e le bestialita' che se fanno li menano proprio a derrupo. E chi songo po, annevina gnopa'? Quatto gatte; che se so mese 'ncoppa a lu fuculare e avotano l’arrusto a mmuodo lloro, e se lu magnano sulo non restannone manco ll'ossa. Ma Ta, male e bene a fine vene; e mo vedimmo si sti sunature de chianefforte non ghiarranno co la granfa dinto a lu ffuoco.

Sere fa cca 'ncoppa, zzoe' ’ncoppa de sta locanna, venette no signore co ttanta na panza che mme pareva proprio lo Cavalier Tetillo (te l'allicuorde?) lu quale accommenzaje a leggere no giornale a cierte amice suoje, e tutto se sfastidiava e se spremmeva. Arrivato a no cierto punto s’avotaje e dicette: Avimmo avuto stu ppoco de mmerda nfaccia, signure mieje, e mmerda a ccòfene! Che ve ne pare?

(Gue Ta', scuse si te scrivo accussi spuorco, e' pe te di le pparole tale e qquale) - Pigliammo ce chesto pe mo e annettammoce lo musso.

— E doloruso, e doloruso, sango de no cecEniello «risponnette n'autro» nce trattano pro pria da all...., chelle che se venneno a' 12 a' ggrana. Ma si nce risolvimmo, si nce sagliarra' la fumêta a lu naso...

— Statte co le mmane, ca mo mme cecave n'uocchio co st’arteteca che ttiene. Venimmo a lu cconcreto, che nnotizie corrano, nce ne daje quaccheduna?

— E ca e' arrivato lu colera'.

— E chisto nce mancava, e po èramo tutte. Niente sa, non nce manca proprio niente. Miseria, carestia, guerra, peste, e..... che autro a' da veni' mo?

— Lu Camposanto - che ppozza jencherse co ll'ossa lloro.

Mo te dongo io cierte autre nnotizzie de… fummo.

A Milano non se sta niente cujeto, e la popolazione pare che minaccianno minaccianno volesse fa a dovero. Ntra de chesta nce fuje non pazzo de cognome Gambini lu quale pe na forte impressione fattele de le nutizzie de la jornata, corrette mmiezo a la chiazza de li MErcante a da de mano a la Guardia Nazzionale, dicenno mmaleparole contro a lu governo, e a lu RrE. Ma conosciutose pazzo fuje portato a ll'Ospizio. Accussi' la Provincia de Cuneo.

Se dice ca lu Papa mo che s’accosta lu tiempo de la convenzione de Settembre volesse conzigna' li stato suoje a Napolione 3.° dichiarannolo vicario temporale sujo, a qualita' de successore de carlo Magno!

Se dice ca li franzise doppo de li 15 lassarranno Roma, e se ritirarranno a..... civitavecchia!

Lu Prencepe Napolione, che me pare la sporta de lu tarallaro, è partuto pe la Sguizzera! No cartiello de lu Sinnaco dice ca lu Menisterio sta studianno onne arreducere la murda da pavarese pe le tasse a la decema parte. Vedite che sacrefiggio? e po se lamentano de li menistre.

Lu stesso Sinnaco ha projebbuto la venneta de la carne de piecoro, e lo vino nuovo, a causa de lu colera'. Mpero' se potarria pe la stessa raggione cammena' li quartiere e fa leva li deposete de baccala' fetente da sotto a le ccase de li galantuommene; fa pulizza' le binelle e le bie cchiù annascoste, fa mena' quanche botta d’acqua dinto a li curze de li marciappiede che fetano de cane muorte, Eccetera.

chesto e' tutto, Tata mia. Scusa la manera arronzata de comme t’aggio scritto, mantienete nzalute, e bide de te ne veni' a la parte de cca, pecche' te stanno aspettanno tutte quante co ll’ova 'mbraccia pe leggere lu giurnale tujo, ca a me non me credono.

Nce venarraje?

Figlieta

LA LENTERNELLA

D. S. Gne' Ta', ll'autriere me sequestrajeno, e t’assicuro ’ncoscienzia mia senza che l’avesse ditto nisciuna mmaleparola. Nne sapisse tu quaccosa de stu sequestro?

Anno I. - Nummaro 48 - Martedi' 28 Austo, 1866

A L’APPASSIUNATE MIEJE NAPOLITANE DE NAPOLE!

Doppo tre mise e 24 juorne de lontananza io retorno ncampo pe buje.

Da na mano la penna, da n’autra la lanterna, dinto a la sacca lu calamaro de cuorno, a disposizione de l’amice, io mme restituesco a lu pizzo addo' mme trovava, e repiglio le prubbecaziune meje.

— Allerta guardia.....

— Allerta sto!

— chi va la?...

— Amice.... Lu Trovatore....

— Pa'ssate.

Eio passo.

Sarete lo stesso, avrete i soliti sentimenti, parlerete nella medesima guisa?

— SEMPE CHILLO, senza ca m'accommenzate a parla trosco. Io non me cagnarraggio maje, manco si ve vedesse co no cuorno rutto, o co na pezza verde nfaccia all’uocchie pe fareme compassione.

Lasso all'autre la cura de jìresenne comm’a lu viento, ogge de terra, dimane de mare, doppo dimane cu lu scerocco, eccetera eccetera; chiste lloco pigliano no catarro a lu juorno, e banno sempe a feni malamente a la vicchiaja; pecche' co li ciammuorie addoppricate ncuollo non ponno fa a meno de sternuta' pe tutta la vita.

Io mm’arricordo sempe le mmasseme de chi mm’a' fatto; sento sempE li conziglie de chille tale co la capa janca, e non cagno maje lu ccuotto pe lo ccrudo, la vereta' pe la buscia, lu bene riale pe chillo apparente, la statua de la Fede mia pe chella de Mametto Ali..

Nce so state paricchie che, approfittatese de la lontananza mia, songo asciute 'ncampo a fa li belle 'nchiazza, e co fauze nomme, e co lu gerente mio antico, hanno 'mpapucchiato a li cchiù scieme, e se so annunziate pe lu Trovatore! Niente de tutto chesto signure mieje.

Io non so stato maje ne ÂEòEziano, ne Mosca, ne Paglietta, e ne chello ch’anno voluto lloro.

Una figlia aggio avuto e la dichiaro mia, a la presenzia de lu cielo e a chella de li compare tutte; la povera LENTERNELLA. PE essa io mme facette annunzia' dinto a poche nummare, e pe essa io so benuto nautra vota a revedereve. Povera figlia mia, carnale e pacienziosa!

No juorno era avventurato, quanno stampanno e chiacchiarianno ve trovava mieze alliere e pazziarielle; e la sbentura, sta potente figlia de lu malejuorne, non aveva tanto aggravata la posizzione vosta 'nfelice, Ma ogge che retorno da cape, che ssaccio, mme pare de vedereve co na paturnia cchiù forte de chella che teniveve. Ogge guardo ca le llacreme de no juorno non se songo pe nniente asciuttate, e seguetano ancora; e lo continuo chianto pare ca v’avesse arrialato li fresille attuorno all’uocchie! Ma coraggio amice mieje e letture stimabbelisseme, coraggio!

Avite perduta la fede, o la ragione non sta cchiù da la parte vosta? Ma che, credite ca pecche' avimmo avuto tanta birbante che nce hanno portato a precipizio, e tanta stupete che so state 'nfaccia a lu temmone, la varca jarra' veramente a orza, e farra' la fine de l'Affondatore?

Retornarra' a galla, non dubitate, e li cavallune che accompagnano sta tempesta se calmarranno, e nce farranno ji' a fare una sciampagnata a Posilleco.

Io ve profetizzaje la guerra duje mise primmo che l'autre la negavano. Ogge lloro ve parlano de la pace, e de na pace chiusa, conchiusa e combinata, e io mme nn’esco co ddoje parole, che 'nterpetra' chi vo:

«Schitto pe mme la pace sta a nummaro tot, strata Vicaria!

E passo nnante.

Non imitarraggio l’autre a parlareve de li guaje mieje, a contareve chiacchiare e a direve ca lontano da vuje aggio patuto pe tanto tiempo! Niente affatto signure mieje. Durante lo poco esilio mio io aggio magnato e vippeto co na disposizzione straordinaria, dormenno 14 orE a lu juorno, e trovanno ll'uneco conforto mio, mmiezo a tanta sbentura, ’nfaccia a na pippa de no tornese.

Rallegrateve perzo' amice care. Doppo pigliata ll'aria e fattome cchiù ciuotto de na vota, io pozzo meglio de primma ammulare li fierre, e dire 'nfaccia a quaccheduno: ah... grannissemo eccetera, a'pòsa' lu piecoro, co chello che bene appresso.

Le disposizziune meje, siconno lu ssoleto, le ssapite tutte quante, senza ca ve li 'nzegno.

Aggio chiammato a raccoveta tutte li dipendente mieje. (Leggite buono dipendenti, p’ammore de lu cielo!)

Aggio tenuto no luongo conziglio de Ministre a riguardo de li guaje nuoste, che e' durato tre nnotte e tre ghiuorne; e che e' fenuto quanno non faceva ne nnotte e ne ghiuorno.

Aggio accreditato pe mmezzo de cierte credenze dipromateche paricchie rappresentante nuoste a'ppriesso a le ccorte, e a le Llonghe «che so bone pe la menesta» onne assicurarece no lieto abbeni' si volarra' veni.

Aggio ordinato a D. Chiuppillo, unico e ssulo comme a Papa Duma's, de sfornareme na quanteta' de Decriete, onne metterce lu soleto sugillo de famiglia.

Essennose ritirata figliema La Lenternella da la reggenza de lu giornale, l’aggio 'nzerrata dinto a lle Ssore de la Carita', e aggio pigliato le rrEtene mmano mettennome a cascetta.

Napolitane de Napole!

Io non diro' E ne' farò, ma ve prommetto d'essere sempe lu viecchio Trovatore vuosto.

Le chiacchiere a lu viento, le ppromesse duce a li nnammuratielle, le spacconate a li pallune de viento, li diebbete a tutte quante, e la certezza de fa l’obbreco proprio, e direve sempe la verita', a LU TROVATORE.

Le cchiaje de lu paese mio mme stanno sempe da nante all’uocchie, e io parlarraggio de lloro nzi' a la conzumazione de li secole.

Amateme, accattateme, e leggiteme co conziderazzione. chi sa ca no juorno non avrite da di: Ah lu Trovatore nce a parlato sempE co coscienzia; e

A revederece.

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 49 —Giovedi 30 AUsto 1866

LA VIGILIA DE L’ABBENEMIENTE

DEcisivamente io so tornato a lluce a la vigilia de l'abbenemiente, justo quanno da na semmana a n’autra ponno succedere no sacco e miezo de novita'.

La vigilia, comme tutte quante sapimmo, e' la jornata che precede na festivita', no santo, no juorno solenne; na jornata che se passa pe ll’apparicchie, e spisse vote se guarda co lo diuno.

Quanno no povero diavolo non cammara na jornata, e la tavola soia è moscia chella matina, non lle siente di autro: aggio fatto la vigilia.

Vuje mo diciarrate ca io confonno la jucata, e mmesco la vigilia de l'abbEnemiente co chella de le ssolennita'; ma si m'accordate no poco de pacienzia e' pe direve ca nuje povere taliane e' paricchio tiempo che stammo facenno no sacchetiello de vigilie senza fine e senza cunto. De modo che si le riflessiune meje non banno ngannate ogge nuje pare ca nce accostassemo all’urdema de li vigilie.

Oh no poco de ventariello frisco p’allariare armeno na vela sola, e fare cammenare la varca de stu giornale!

che ssaccio, io, che non ssongo avvezzo a di buscie, ve vurria parla a lettere de marzapane, spalefecareve le ccose comme le beco e le ssento, commo veneno da l'auto, e comme le commanna Dio: ma....

Vorria dicerve: signure mieje stammo a la vigilia de grosse novita, ma grosse assaje, tanto ca farranno resta lu munno, da no polo a n’autro, co la vocca aperta; ma.....

Quanto so brutte li ma, mmiezo a li trascurze. TE rompono ll’ova mmano e te fanno fare na bruttissima fiura.

Quanto pavarria 'nchisto momento pe essere no poco Barbanera 'nvece de l’afflitto Trovatore; mme nn’esciarria proprio pe la maglia de miezo, e non ne passarria proprio niente.

Âarbanera ave voglia de di verita' e buscie, ca non tene lu Fisco ca ne po fa na' fiscata 'ncoppa a la noce de lu cuollo.

Âarbanera si sape na cosa se nn’esce co ddoje parole: preparateve ca nce simmo…., po cchiù a'ppriesso agghiogne: a la raccoveta de ll'uva'!

La revisione de la stampa se credarra' ca chillo nce simmo e' na parola de cospirazione, e ttacchete Barbanera, che e' no grann’ommo le ‘nzerza la vocca, e dice cchiù nnante: io pazzeo co li carrise, e li òa'ntengo de buon’a'nemo. Va piglia e de chesta manera sequestrancillo, e arrestate lu gerente, si lu tene! ch’aje d'arresta' ste brache salate?

A lu ccontrario li povere giornale so mate co la saraca dinto a la sacca, e specialmente ogge che stammo a la vigilia de l'abbenemiente.

Li Menistre che, viato a lloro! s’a'nno jencuta la merce, e quacche panarella de rrobba purzi, nce arraccomannano la moderazione, e non se mettono appaura d'autre ca de li povere inquacchiacarte. TEnono li poverielle ca non lese scommoglieno le zzelle e l’avesse d'ascire lo luceluce da fora.

Ogne ghiornata che passa se guardano nfaccia I une co ll'autre, e se stregnono lu portafuoglio; n’autra porzione de loro, vedenno mal'aria a Baja, trovano na scusa e se dimettono.

Parle co uno, e lle spie: s’e' conchiusa la pa'cE?

Risposta - Stammo a la vigilia.

Addimmanne a n’autro: E la conzegna de la Venezia?

— Simmo quase a la vigilia.

— E lu riesto de lu Veneto?

— Nce lu darra' a la vigilia.

— E quanno se ne jarranno li franzise da Roma?

— Iusto a la vigilia.

'Nzomma comme ve votate e ve girate v’avite d’agliottere no sacchetiello de vigilie. E Pulicenella se nne voleva i da lu patrone sujo, pecche' n’aveva combinato no calannario nuovo tutto chi no de vigilie, e diceva sempe: Oje e' biìlia e non se magna carne!

E nuje nce simmo assuefatte co ste vigilie, e non sapimmo quanno bonora fenarranno.

Ll’amice ca te frusciano, li vicine ca te spia no, li patute ca t’apprettano, li curiuse che te zucano; e' proprio na vera mortificazzione pe no povero giornalista.

Eppure, vedite lu fatto, io tengo tanta e tanta bona volonta' ca li borria fa a tutte quante contente, anze contente e tuculiate; ma.... Arricordateve de chillo ma'.

No poco de pacienzia letture aggraziate; non nce pascimmo de chiacchiere, e aspettammo l’abbenemiente, che sarranno pesante assaje.

considerate ca stammo a la vigilia.

Quanno meno nce penzammo la pace sarra' combinata, e ogne ccosa s'agghiustarra'.

Li franzise stanno acconcianno li bavaglie 'ncoppa' a le ccarrettelle, e se nn’esciarranno da la sanza cita' — Stammo a la vigilia.

— Li taliane hanno restituito tutto lu cconquistato a li tudisce, e se so ritirate a li poste lloro - Stammo a la vigilia..

Li volontarie avarranno 14 milia cappuotte nuove, 30 milia carrobbine angrese, co Zi Peppe a la testa - Stammo a la vigilia.

Lo governo Taliano ha ordinato 50 milia fucile ad ago a Liegi, pe la truppa regolare. Stammo a la vigilia.

LI’Austria riordena la squatra soja dinto Pola, E l’a'ccresce de corazzate nove. Stammo a la vigilia.

Napolione sta pe qquanto va'

E bo vedere de s’arricetta;

Lu cancaro che tiene e fforte assaje

E passarra' lu guaje.

Si chesto abbenarra' che mirabilia…

E stammo a la vigilia!

'Nconclusione na cosa de buono nn'a've d'asci, E lu governo sta facenno de tutto p’assoda' li questiune e asciresenne, comme a lu ssoleto, co l’annore sujo! Vedarrammo.

LU TROVATORE


SETTEMBRE

Anno I. - Nummaro 50 - sapato 1 Settembre 1866

LE MMALATIE DE LU ‘MPERATORE

Stammo non ssaccio addò, ma a quanto mme pozzo arricorda' e no pizzo poco lontano da la Franza addo' se piglia ll’aria.

Diverze vitarane stanno mmocca a no palazzo vestute da sordate franzise, cotanto no piecoro ‘nca'po pe cappiello, e li cazune da dinto a li cauzarielle. ‘Ncoppa a lo cornicione de stu palazzo nce sta la jastemma de famiglia: no capone co lu cuollo acalato.

Sotto a lu cortiglio passejano diverze animale casarinole che se vanno spuzzulianno cierto ggra'no de lu paese, ma mentre vanno pe se lu mmocca' zompa' ncuollo de lloro tanto no gallo e se magna ogne cosa isso. So le galline de lu guardaporta che pazzeano a scarrecavarrile.

Mmiezo a le ggrade se scontrano chiacchiarone co ttanta na panza, che saglie co no dottore pe ssotto a lu vraccio. Appriesso de chisto vanno cierte signure vestute nire, che mme pareno li fratielle de la congrazzione de S. Marta quanno songo de funziune. cchiù appriesso vene no giovene de perucchiere tutto chino de cerotto e mantechiglia, co no paro de mustaccie appuntate, no a lu vraccio, lu conforta e dice penniello 'nponta a la varva pe mosca, e na sciassetella zucata zucata a llengua de passero, chiammato D. costantino.

Lu signore panzuto ogne grado che saglie jetta no sospiro, e dice: povero cugino.

Lu miedeco, che tal'e chillo che lle va' pe ssotto: sarra' cosa de niente; confortateve.

— che nniente e niente, ogge pare che Ile sarra' venuto addavero lu mmale. E quistione de cancaro!

— Gnernò, lu mmale che io smaceno e' male de luna.

— Qua luna e luna, fratemo non nn’ha patuto maje; ve ripeto ca stavota s e rebellata la spina, e quanno se rebella la spina fenesce malamente.

Deus exaudiet, 'mbrusunèa no cercante franciscano che e' ghiuto pe la questua dinto a lu palazzo.

Arrivano ‘ncoppa'.

Tutta sta gente trase dinto a lu nobbele appartamento co la ponta de li piede.

— comme sta?

— Sta male.

— Ía' fatto?

— Tre bote.

— Ciuccione, voglio di, ha fatto nisciuna autra vommecata da che mme ne so ghiuto stammatina?

— Poche sbavaturelle, ma nisciuno spurgo positivo.

— Povero frate.....ih....ih....ih....ih....

— Non chiagnite, signò, mo mme facite chiagnere pure a me.

— Io si campa isso avraggio certamente no regno, e si se ne more, bene mio, comme faccio?...

— Avarrate no rignone; signore mio non dubitate lassammo fa a chi a' da fa.

— Ll avite dato la ranciata?

— Ogne ccosa; anze purzi tre felle de pane cuotto pe lu rinforza.

— Nce avite puosto lu llauro?

— Lauro e aglietiello, lassateve servi. Lu dottore nce lassaje la ricetta.

A chisto punto se sente sternuta' da dinto a le cammera de lu malato.

— Âonora ha sternutato? ajere no lo faceva; sarra' buono segno. Dotto' che ve ne pare, e' buono?

Optime. Si quis vel qui quae quod...

(Io non ssaccio sto bonore de malato che ccancaro se sente; pare che vulesse scapizza' tridece mise ll anno!)

Se 'mpizzano cchiù ddinto, e se trovano de faccia a lu lietto 'mperiale, addo' stace abbannunato lo paziente, co ttanto no barettino ncapo che lu commoglia nzi' a ll’uocchie, e na zoccola de mostaccio tutto ngrifato sotto a lu naso.

Lu signore panzuto accommenza pe lu primmo.

— Dotto' comme ve pare, la faccia dice quaccosa?

— Dice molto, e na faccia de 25 anne....pare no giuveniello, pecche s’e' assuttigliato; ma pe qquanto la pozzo studia' e' tiempo perduto: cheste 'mpigne so fatte a prova de trasformazzione a bista.

— Impossibbele addonga?

— Impossibbelissemo.

— chello che pensava io. Lle so frate cucino da cuorpo a mammema, e non aggio potuto an cora appura che cancaro le passa pe la capa. — Fratiè?

— chi è?

— comme te siente?...

— Male, tengo lu cancaro...

— E addo te lu siente?

— Justo mmiezo, dinto a la fornacella de lu pietto.

Lu Dottore - Ma scusate, Maista', vuje, dicevano, ca accusaveve lu dolore pure a li quarte de dereto, a la spina dursale?

— E pure lla' sto mmalato.

— E chello che 'mbrusuniaje lu collega F, ca avivevo ll’Ematuria, zzoe' malatia abbascio?...

— E pure abbascio mme lu ssento!

— Povero fratiello! povero fratiello!

— Stateve zitto, no l’affriggite. Jammoncenne a la cammera de fora e tenimmo no conzurdo. cca' la cosa non mme piace: la malatia ¸ grave.

Se nn’esceno tutte quante, e resta sulo lu ma lato e lu panzuto.

Lu malato chiano chiano non mmanco vede asci a chille quatto moscammocca s'aiza cuoncio cuoncio, e s'assetta mmiezo a lu lietto.

— Ah... ah... ah... ah...

— che rrobb’è?

— Mme sento cchiù mmeglio - Di a lu cuoco ca annascuso de chille ciuccie mme mettesse a co cere no pare de galline bone.

— E Iu cancaro che ttiene 'mpietto?

— E sciso cchiù abbascio, e mme lu sento 'ncuorpo.

— E la spina che s’era ribellata?

— Mme la farraggio veni dinto a lu pede a la primma accasione.

— E la preta che te 'mpedesce de...

— Lle scennarra' quanno primmo a chi dich’io.

— Povero frate mio; mo sarra asciuto pazzo, e si no lu perdo de na manera lu pErdarraggio de n'autra.

— Girò...

— che buò? t'accorre niente?

— Ritirate no pocorillo, pettramente io mme faccio no scampolillo, e 'nchisto frattiempo cerca de studia quacch'autra malatia bona che mme potesse fa veni quanto primmo.

— Uh... vuo cade malato cchiù peggio?

— Se nce 'ntenne. Nnante che non se fenesce d’ammatura' cchiù assaje lu piro, io aggio proprio da tuzzolia' le pporte.

Trasene tutte quante.

Lu Dottore - Aggio 'ntiso tuzzolia' le pporte? che cosa a' ditto lu malato?

— Ía' ditto ca se sente tanto male ca sta pe tuzzulia' le pporte.

— chello ch’aggio ditto io a li colleghe mieje Ila ffora! Eh... la scienza non sbaglia. Dateve coraggio, signor princepe panzuto, e facitele dare subbeto subbeto chello che ddiceno ste ricette, pecche' lu magnanemo malato tene tre ccose complicate: cancaro, spina, e preta a la vessica. — Quod sufficit!

Lu Panzuto vede Iu ccontrario, io credo ca frateme stesse meglio qe tutte quante, e che fosse nato apposta pe scorpazzione de li peccate mieje, e de tutto lu prossemo cristiano!

LU TROVATORE


vai su


Anno 1. - Nummaro 51 - Martedi' 4 Settembre 1866

LA CUSTIONE DE LA VENEZIA

Trasimmo no poco dinto a le custiune de l’autre pecchè, 'nforza de non ssaccio che, songo pure custiune noste.

La Custione de la Venezia.

ÂElla Venezia, subrime Venezia, sciasciona Venezia, patriarcale Venezia; tu che pe ttante e tant’anne si stata lu sospiro de tanta povere affritte, che te nce haje fatto sonnare la notte, desederare lu juorno, allebbrecare ogne ttantillo; lassa, e permiettelo una vota pe ssempe, ca mo che stammo a la vigilia de te sposa' te potessemo annommena' n’autra vota co ppassione, comme fanno li povere ‘ncappate 'nnante de sagli le ggrade; e direte doje parole duce dinto a la recchia, nnante che li birbante de li compare non t avessero da fa cagna' penziero, onne fare jre a monte chisto marcantonio.

Venezia mia! - E’ corza na voce, na chiacchiera fuorze, no pallone cchiù gruosso de tutte chille che se songo smammate a nzi' a mo, che te mette a discredeto, e te face fare na brutta fiùra ‘nsuciata', justo a lo momento che manca la perzona toja p'abballa' no bello minuetto dinto a la gallaria.

La voce e chesta.

Diceno che haje mannato na deputazione de non ssaccio quanta centenare de perzune a Parige, ad addenucchiarese nnante a Don Vintefranche 3.° pe ffa' si che accogliesse le ssuppreche toje, e te facesse resta' sola, mo che l’Austriaco t’ave dato mmano ad isso. che tu vuoje asciretenne da la famiglia de li magnasive, ma ca ca non buo' trasire dinto a chella de li magnapolenta; ca ll’Italia e' bella aunita, e' bona accompagnata, e cara de chesta manera compinata, ma che tu «vide crapiccio!» vuo' gode sola solella, lontana da li fracasse, e che te vuò sceglierE, te vuo' scegliere... li pulece cole mmane proprie dinto a la cammisa toja!

Venè, chesto non sta bene; Vene chesta e n'azzione de crapettare, e, scusame si mm'avanzo a ttanto, nuje nce aspettavemo tutt’autro da l’annore tujo.

Avimmo faticato tant’anne pe bede sponta stu juorno, e mo, che d'e, nce faje la zita cuntignosa?

Le ppovere figliole de tutte li paise annesse e connesse so ghiute carreche de palle nere appese nganna, chiammate le llacreme toje, le llacreme de Venezia, e pecche' ll’anno fatto le ppoverelle?

E ll’affritte figliule, co ttanta na fella de ttaffetta' arra'vugliata attuorno a li cappielle, hanno portato lo llutto pe tte, che non l’avranno fatto maje pe nisciuno parente nvita lloro, e ‘ntramente, e ‘ntramente, nce lu rrienne a la coscia de sta sorta de manera?

Vatte' Venè! comme si proprio Venezia!.

Pareva na diciaria sta bricconata toja, nce credevamo tutte quante ca era na speratosa ‘nvenzione… ma ajere, se po ddi, lu tralefreco nce a dissingannate.

Quanto e' brutto lu tralefreco; porta pure le mmale nutizzie!

Era tanto l’ammore nuosto pe tte, regina de lo mare, ca nc’eramo contentate d’averete accussi a titolo de comprimiento, senza spara' manco no tricchitracco mmocca a la porta toja; e t’aspettavamo.

Nce se diceva: l’avarrate pe le mmane de la Franza, la quale ve la conzignarra' lizeta e sprizeta, senza manco no millerazie.

Senza manco no millerazie!

Ll'avarrate gratis et amore pe mmezzo de lu mezzano franzese, lu quale, pe non fa mettere scuorne a li contraente, ve pigliarra' mano e mano, e ve farra' spusa' nnante a l’uocchie suoje!

ca'pisce? no matremmonio co lu mezzano pe mmiezo! e' quacche cosa de dispiacevole, pecche' se potra' sempe di ca la figliola e' benuta pe mmano de lu sanzaro, ca era difficultusella, eccetera eccetera.…

Eppure de chesto nc’eramo contentate! Vide che te fa la forza de la passione!

Mo gnernò— Quantum mutarus ab illo, diceva no juorno lo masto mio de grammateca. Mo a'ppura' E 'ntienne so fenute ste speranze, e s’è manefestato n’autro piezzo de concertato.

«Venezia sarra' conzignata a no commissario franzese, e chelle pupolaziune sarranno chiamma te a da la voto lloro, pe mmezzo de no plebiscito, onne assicurarese la sorta' lloro.»

La ntienne Ven¸? t’aje da decidere da tesso la, comme si fusse na figliola che e' asciuta de tutela, e fa chello che bolle essa, a crapiccio sujo, Nce faje l'Atto rispettuso de chesta manera!

Ed a òòE nnante a le' jodece

Fice ll’atto rispettuso

diceva la Sie Stella dinto a la storia de la vita soja.

Ma pecche' tutte sti supirchiarie, pecche' tutte ste nnovita', justo a lu momento che s’erano acchianate tutte le difficorda'?

TE mettarraje fuorze appaura de la Conzortaria che nce governa? ma sta Conzortaria non e' ttanto ncorriggibbele comme t’anno fatto credere; e' no poco presuntusella, facciatosta, scruccuncella, agguantatutto, cicero pro domo mEa', ma de lu riesto e' la scumma de li conzortarie!…

Non manco mettarra' pede mmocca a la casa toja farra' veni a chiovere, pecche' porta sempe ll’a'cqua appriesso a essa comme a li zampugnare; ma de lu riesto, guè....nibert, e proprio essa, femmena aunesta, e mamma affezzionata....

TE spaventano le Ttasse? E che ssongo ste ttasse; tu mo che t’avisse da credere, a che s’arreduceno ste ttasse? a niente, proprio niente, na bavattella! Abbesogna farece no poco de callo comme nce l’avimmo fatto nuie, e bonanotta. E’ lu stesso de na purga, te pulezzano le ssacche e le tteratore, e po: Deo gratias. Tutto sta a fa la scheda, po vene l'esattore te conzegna lu viglietto, tu lu vaje a ppava', te piglie lu ricivo, e fenesce ogne ccosa.

Se ponno chiamma' pesante sti servizzijelle? T’avranno puosto 'ndubbio la liberta' de stampa? Non signora sora mia, nce sta, la tenimmo, e tenimmo pure lu Fisco pe la fa cammena' 'ntutta regola; capisce? Lu Fisco sta a cascietta e porte le rretene, e nuje, che scrivimmo, simmo comme a li guagliune che se mettono ’mmiezo a le rrote, addereto a la carrozza; ogne tanto avimmo na scurriatata ncoppa a n’uocchio, e scennimmo da dereto. Ma pecche' nce se fa tutto cheste? pe non nce fa fare quacche male positivo!...

Venè, fance sta carita', manne a monte li pregiudizzie, auniscete co nnuje ca te ne trovarraje contenta! O meglio, o pevo dinto, a le ccase vecchie. Quanno simmo cchiù assaje meglio e, schiattarranno li briccune.

Aver coòpagni al duol sceòa la pena!

Preparate pe li lume, e apparecchia uoglio assaje, pecche' nuje simmo ausate a struderne paricchio quanne facimmo l’alluminaziune.

Si te mancano le llucerne non te scoraggia. TE ne vedarraje assumma' cchiù de no paranziello, e te li portarranno tutte li prievete sprevetate de D. carluccio Passaglia che nne songo paricchie.

Mo vedimmo che t’esciarra' da ste mmane!

LU TROVATORE

Anno 1. - Nummaro 52 —Giovedi 6 Settembre 1866

‘NNERIZZO A LU SINNACO DE NAPOLEi A PPREPOSETO DE LO COLERA

Sinnaco bello. - Li momiente so preziuse, e li ntinne de la morte se fanno a ssentere no poco co lu ppEpE. Nuje tenimmo lu Colera a Napole, che, non ssaccio pe ccorpa de chi, sta piglianno serie proporziuâE, e, trasuto de ponta, s’e' assettato de chiatto.

Lassenno le pazzie a lu pizzo lloro, io comme a Trovatore e buje comme a capo de lu Municipio avimmo necessita' de nce tene' no discurziello efficace, e tenimmoncillo provita vosta, pecche' se tratta de cuorio.

Io de tanto ‘ntanto non aggio trascurato de mena quacche bottarella a li Vicesinnache tutte, pe lo quartiere B, la quartiere c, eccetera, onne s’avesseno muoppeto no tantillo e arreparato lu mmale; ma, che ssaccio chi bonoro a fatto a cierte Vicesinnache! pare che avesse parlato adderettura a la Lanterna de lu Muolo; le ccose so restate tale e cquale, e loro hanno dormuto.

Nuje tenimmo lu Colera, che se nce sta aggradecanno ‘ncuollo, e sapite pecche? Pecche' accommenzanno da vuje, E fenenno all’urdemo prubbechella municipale lo guardammo e lo lassammo correre.

Ne ve pigliate collera si ve parlo comme mme la sento; nce va la salute mia, la vosta e chella de li paisane mieie pe mmiezo.

cca' non se sta facenno niente a la lettera. cca' le chiaveche stanno a l’esposizzione univerzale e nisciuno nce penza.

cca' li baccalajuole accidono la gente, vennenno stocco, baccala', e tenenno li deposeto, sotto a le mmeglio case, e nisciuno se 'ncarrica de li fa sfratta. Se potria dicere ca la Municipio nuosto fosse composto de baccalajuole che cercano de proteggere stu mestiere.

co sti sorte de scerocche che menano, e la malatia che corre, ave' na tina fetente ogne tantillo sotto a la naso non saccio si e' cosa tanto piacevole.

Li fruttajuole venneno li frutte fracete, e arrobbano ncoppa' a chille che so de mereto. No ruotolo de pera spatune s'e' arrivato a pava' nfi' a quinnece solde, cosa de 6 rana na vota; e li frutte scorrutte li barattano annascuso! Dico io quanno non se da n’esempio, e se mette dinto a uno de chiste, o lle se fa pava' na murda, chi volite ca s'emendasse?

Da paricchie panettiere se trova lo ppane che ffete, e fete buono. Nc’e' stata nisciuna rettifeca da chiste loco, o ve s'e mannata quacche palata de pane suggellata ncoppa' a d'Ussignoria?

Gnernò. Lu sciore che se mpasta po esse 'nfucato comme vo ca nisciuno nce vede! - Salute prubbeca'!

Li canteniere venneno veleno, mistura pe le scarpe pe bino, acqua tenta 'mbrogliata co ffeccia nova e becchia; mme sapissevo a di che s’+ fatta pe lloro? Gnorsi, avite cacciata n’ordinanza che projebesce lu vino nuovo, ma primmo de chesta lu vino nuovo era trasuto, e s’era acalato abbascio, ma ogge la revista pe le ccantine e' de primma necessita, s’a' da fa ogne ghiuorno, a nzi' che bo Ddio, sino non se ne caccia niente.

che po essere chella bbobba che se venne a 2 solde e 3 solde lu litro? - Salute prubbeca'!

Li chianchiere purzi ajutano la varca, e spogliano a li sante pe no ruotolo de costate o de feletto. Pecche non se mette n’assisa, ncoppa a la carna, o na tariffa armeno ncoppa a l'arrusto? E presumibbele che li chianchiere s’a'nno da mettere le carrozzelle ncoppa a lu mmale de l'autre, e nce anno da smognere de chesta manera? comme s’a' da fa? comme volite ca lu popolo vascio e chillo de miezo non ghiesse a canale magnanno carna de piecoro, che ssempE ha fatto male de chiste tiempe, quanno li chianchiere de carne de vacca e annecchia tagliano e fellano a mmuodo lloro?

No chilo d'arrusto 3 franche, e fuorze cchiù? co sta miseria sfragellata, e lu colera a secutame chisto? - Salute prubÁeca', e salute prubbeca!! E buie ve n'ascite co ll’ordinanza 'ncoppa a ll’annete e a le chiancarelle.... Âarò, comme simmo proprio chiancarelle! penzammo a l'assenziale. a' li cane dicEnno, si moreno uno e duje fravecature, disgraziatamente, e' sempe meno male, ca vede muri' spilanno spilanuo 40, 50, E 60 perzune a lu juorno co la malatia de lu Colera! Vedimmo che avimmo da fa; energia Barone mio, vuje site no si gnore che capesce, e v’avite da movere, comme ve site muoppeto a ghire, a la Torre a le 2 doppo meza-notte «cosa che v’a' fatto assaje annore». Moviteve pure pe Napole.

Guardammo no poco da vicino sta chiaja de lu paese, e addefriscammola.

Ddio manna le mortificazziune pe li scenufleggie de la gente, ma li gruosse ll’anno d’arrepara'. chi e a capo de la cosa prubbeca ave tutta la responzabbilita' ‘nfaccia a Ddio e a lu munno, si e friddo a lu dovere sujo.

Aggio accommenzato a suppreca a buje, Sinnaco de Napole, ma no v’aggio priato niente ancora a dovere; aggio sulamente abbozzata la suppreca. a' lu nummaro che bene ve dir raggio la riesto.

LU TROVATORE


vai su


Anno 1. - Nummaro 53 - Sapato 8 Settembre 1866

SICUNNO ‘NNERIZZO A LU SINNACO DE NAPOLEi

A PPREPOSETO DE LCOOLERA

Rispettabbele signore, - Essenno cchiù che certo che sta bbenedetta malatia che corre e' amante de la sporchizzia, de le ttanfe, de l’acqua morta, de le cchiaveche maeste, e perzo che io, pe lu bbene prubbeco e p’addifrisca' la memoria vosta, ve parlo de la sporchizzia, de le ttanfe, de l’acqua morta, e de le chiaveche maeste.

Na vota li forastiere venenno a Napole scrivevano 'nfaccia a' le mmura noste «comme se scrive ogge a Pompeje e autre pparte» e lassavano ditto: E’ no Paraviso abitato da li diavole. Vorria sape, e nce agguanciarria quacche cosa de buono, si venenno ogge e avenno da scriverce non dicesseno: E’ na chiaveca abitata da li fetiente; e' no pa'ese sgarrupato abitato da li zampugnare! — Ma tu dice na menzogna, risponnarrate vuje, to te 'nganne ll’anema; non bide Tuleto che rammaglietto de rose e addeventato? non guarde tutte li palazze comme se a'nno fatto lava' la faccia e so arredutte pulite?... Eh, Âarone, Barone, e colennissimo signor Barone: lu paese de Napole non consiste solamente a Toleto e a poche palazze pittate a colore de pazze, ma tene cientomilia e cchiù viche e vicarielle ca te fanno mettere lu friddo e la freva si solamente nce passe na vota sola. Vuje autre signure titolate non sapite de lo pavero Napole che sulo la via princepale, Toleto; no poco de la Riviera, Posilleco, la passiata a' Puortece, e le massarie fore paese che v’anno lassate l'antenate vuoste. Ma chi vo discutere ’ncoppa a le fetenziarie de st’ex-cita', parla de l’igiene prubbeca, e de tutte li malanne nuoste ave da cammina' cchiù de na settimana pe li quartiere de vascio, pe chelle bie che t'accopano ll’anema, pecche' senza luce, senza aria, senza rispiro, e fetente quanto basta a credere. Scennite, scennite pe no poco abbascio a chelle chiaveche de lu Pennino, a chille funneche de li ca'udarare, a' chille viche che attraverzano lu MErcato. Pa'ssate, e facitelo pe ll’anema de chi avite mparaviso, passate quacche ghiuorno a spezziona' chille vicarielle de vascio a ll’Arifece: vedite che orrore! - Miseria e chiaveca, oscurita' e strettezza, spicule de mure e binelle permanente, tane pe le zzoccole e abitazione de li cristiane. Non luce, non aria, non sole, non acqua, non refrigerio qualunque capace a farce campa', ma eterna notte, pesantezza perenne, tombe de li vive pe li quale lu cielo apparesce tanto piccerillo pe l'aria de farse apparaguna' a no copierchio de cafettera - Ed e cca che Ddio destinaje che avesse abitata ll'Umanita', a mori de peste e d’appelamiento d’anemo? No! cientomilia vote No. Ddio quanno criaje a l’ommo la facette pe lu Paraviso Terrestre, e non pe sti chiaveche de li quartiere de vascio.

che ccosa s'e fatta pe migliora' le condizzione de chille povere ‘nfelice? - Niente, non s’e' fatto niente, ne se farra' niente, doppo che ve sarrate dimesse vuje, venarranno cinquanta autre sinnece a stu paese, e stu paese restarra' sempe fetente, E cchiù fetente de chello ch’era primmo. Mare a la poveriello si non avesse a Ddio che lu governa e ne mantene ll'esistenza. Li Municipie de le cita' da quanto tiempo avarriano fatto atterra' tutto la genere umano pe la troppo sulerzia lloro!...

Vene no flagello da lu Cielo, s’appresenta lu Colera a felicita' li povere cristiane? che cosa fa? guardatelo. La primma visita e' pe li quartiere spuorche. Lla' trova addo' se 'ngrassa lu signor Colèra, trova aria pesante, abitazziune infette sole che stace a la Concordia e non se face abbede, e isso se 'nzinua, se nce schiaffa, e accide la gente. E se more signor Sinnaco de Napole, se chiava de faccia ‘nterra, comme nce avite da chiava' voje e l’autre Sinnece, lu Rre de Prussia, e lu de li Franzise, e tutto lu genere umano a ttiempo e lluoco.

Abbascio a lu MEòca'to che sta vota avimmo avuto ca ll’attaccate so cchiù assaje; pecche? pe le raggiune che v’aggio esposte nfi' a mo. Dinto a cierte viche «e nn’avimmo fatto cchiù de no ricurzo» nce fanno resta' li conciature de pelle dinto a cierte portelle; e sotto a lu sciato de la gente, co acqua morta che fete de sepoltura, co chella concia mmecidiale che ve leva l’anema, e che ve fa veni li campiseme de la morte. Nce abbitarrissevo vuje Sinnaco de Napole dinto a una de chelle chiaveche maeste, pe piglia' no malario a lu juorno, e teni' ogne quarto d’ora lu Colera nnante a ll’uocchie proprie?.... Eppure chille cristiane che pe necessita' e virtù fanno chesta sorta de volonta' de Ddio so nnate a la stessa manera de comme site nato vuje Sinnaco e Barone.

Chella gente ha ricurzo, chella gente a fatto istanze, s’e' posta a strilla', a scritto cchiù de no memmuriale, øa' che nn'ave cacciato? chello che se ne caccia sempe da no piezzo a sta parte, niente. Lu Vice-Sinnaco de lu MErcato non se n’e ncarricato, ne se n’incarrica; e ll’autro juorno no Compilatore de LU TROVATORE, che abita al vico MErcato n. 4 se n'avette d'asci a' le 5 da la casa pecche' non se poteva resistere pe la puzza!.Se more co lu Colera? ma sa da mori pe forza signore mio, quanno tenimmo no Sinnaco comme a buje, e na nfilacciata de Vicesinnece che dormono da la matina a la sera!

So' 30 anne che a ll’Arenaccia a lu Serraglio nce se trovano cierte a'lvie sgarropate, addo' se nce precipita la lava quanno e' lu vierno, e addo' non s’e' cercato maje de ncanalarce l’acqua a mmuodo conveniente.

Iate no poco a bedere che cosa songo st'alvie Sinnaco collennissemo. So lo retrè permanente de tutte li figlie de lu popolo; so na fossa colèreca addo se nce 'ntana tutto lu sterco de lo munno, e li basciajole nce vanno a devaca' li Don Peppe la sera. So lu ricettacolo de tutte l’acque de le ccolate de chelle lavannare; de lu grasso voluto che se ricava da ll'osse de non ssaccio qua speculazione de bottune; de l’acqua fetente de chille che de nascuosto o ‘mpalese la vanno a mena lla dinto.

Li carrettiere che corrono a piglia ll arena dinto a lu |lietto de st’alvie nce restano li fuosse, e l’acqua fraceta ve se nce appantana, e lu sterco nce resta a galla, e li profume de tutto no Paraviso saglieno dinta a chelle case circonvicine.

che bell'aria non se respira a chille punte, Sinnaco de Napole, che bell'aria? E io stesso, io povero Trovatore paccariato aggio avuto la costanza de scrivere pe lu ppassato cchiù de no rapporto a chist’oggetto, e diverze articule ‘ncoppa a giurnale serie; ma che?....

Âarone Nolli, datece ricapito ogge si non l'avite fatto ajeòE. PEnzate ca tenimmo lu Colera e la povera gente non ‘ntenne de mori de chesta sorte de morte. E’ no peccato, e' no barbarisemo, e' no scenufleggio. Restate, restateve pure a lu posto vuosto, facite lu Sinnaco, ma arreparate. Pecche non ss'avra' da dicere pe buje: Lu Âarone D. Rodrigo Noli a' ben meritato da la Patria?

E tornarraggio a suppreca, si mme riesce. Nce resta cchiù òrobba!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 54 —Martedi 11 Settembre 1866

LI MISTERE

La parola Mistero fuje ammentata lu juorno non ssaccio quanno, a ccausa de non ssaccio che, e da lu signore non ssaccio chi! La parola Mistero va sempe arravogliata dinto a lu calannario de li rrivoluziune, e non nce po esse nisciuna rivoluzione senza che non fosse accompagnata da no Mistero qualunque.

Trovateme de fatto na rivolta che non se face co tutte li Mistere de lo munno, e boglio perdere ll’uocchio deritto..... de lu patrone de la casa mia.

Addovunche t’avuote e te gire, sempe Mistere E misteriuse remire.

E lu bello qual è, ca e' tanto lo fanatisemo e lu 'nteresse pe sta parola Mistero, che tutte le ccause, sieno pure le cchiù sceme de lo munno, hanno la necessita' d’appari misteriose.

Oh la gran potenza de li Mistere de lo munno. Oh la gran bonta' de li cavaliere antiche che nce a'nno lassato l’eredita' de sti beneditte Mistere.

Analizzammole no pocorillo, vedimmo de che specie songo, e a quanta pregiudizzie ponno da luoco quanno se nce vo da credeto.

Saglie no Menistro noviello a lu Menistero; no Menistro che sarra' cchiù ciuccio de la bonanema d’Ingarriga, ma ntratanto l’avra'nno a'izato Menistro. che fa? Ía' da fa na cosa, a da fa abbede quacche novita' da sta sagliuta soja, a da fa almeno la scopa nova, comme se sole di. E teccote ca te caccia n’ordinanza co la quale dichiararra' ll’insufficienzia soja, e farra' a bede quatto e quatto fann'otto quanto e' bestia isso e lu masto de scola sujo.

credite vuje mo ca sarra' pigliata accossi la cosa? nient’affatto. La maggior parte de chi liggiarra' chillo scritto dichiararra' cu lu Menistro l’a' emanato misteriusamente, e ca isso e' l'ommo de lu Mistero. Pare na buffonata, n'inconcludenza chesta mia, eppure nne tengo n’esempio. Aggio canosciuto no Menistro e na cierta gente ch’a'nno fatto e ditto pevo de chesto. E no lu ppozzo di.

'Ntiempo de le mmutazziune de li governe la parola Mistero e' chella che sta mmocca de tutte.

Na novita', no decreto, na riforma de statuto, na carta volante qualunque, tutto e' misteriuso pe lu popolo che aspetta.

— S’e' fatto chesto, s’e' ditto chesto, hanno assicurato chest'autro, eh...l’affare non e' leggittemo, l’amico sta a' ma'l’acque, e' ricorzo a chiste mezze, bobba nc’e' sotto, e' no Mistero, nce so Mistere!

E chella sarra' na cosa de niente, na semplece modificazzione volontaria.

Se vo male a uno? Se cerca sempe de discreditarlo, de menarelo dinto a la monnezza, e affibbiarete ‘ncuollo la parola Mistero.

Lo signore Tale volarra' fa n'abbellimento a la casa, o pure la volarra' cagna' pecche' avra' trovato meglio. PE fa tutto chesto mannarra' a chiamma' n’artista pe se fa pulizza' li mobbele, comme s'ausa sempe, e ‘ntratanto se vedarra' scennere no comò, arresedia' n’armadio, acconcia no cascione pe lu lietto. E tteccote lu pprubbeco: - Ah.… aje visto, sta sfrattanno, se nne va fora, non potarra' pava' la mesata, mo lo straregueno pe li diebbete, eccetera eccetera.

E lu don Tale a li quatto de Maggio restarra' addo' se trova, o passarra' dinto a lu stesso quartiere a n'abbitazzione meglio de primmo.

Volite farve na risata ncuollo a la gente smocca'? figniteve misteriuse.

Volite ca la gente credesse a na cosa de niente, e se la mmoccasse comme a no pinolo? faci tene no mistero.

Tutte le ccose de lo munno o pe rriffo o pe rraffo teneno na simpatia pe li Mistere.

Li Govierne fanno li misteriuse.

Li Menistre so addeventate misteriuse.

Li Deputate vonno fa a bede' li misteriuse.

E li popole e li nnaziune se trovano mmiezo a li Mistere, e non ssanno a che diavolo penza'.

E mo che stammo a la stretta de li sacche, pecche' a la vigilia de la pace, ogne cagnamiento d'aria nce pare no mistero.

Li Ministre se dimettono? No Sinnaco se ne scenne? No Questore se ritira? E no Mistero!.

Se parla de scioglimento de la Cammara? - Mistere.

Li Venete farranno lu plebiscita da pe loro, nc’e' ghiuto Leboeuf, ll’ommo misteriuso? Nc’e' papocchiella sotto, so Mistere belle e buone.

Li Palermitane non se vonno sta cujete, ncE a've avuto da correre la forza?

Pio Nono ha coniate 20 miliune de moneta nova decimale, co la capa soja arreto, e sicunno lu sistema taliano. Pecche ll’a' fatto, ch’a' ’ntennuto de fa?... Mistere.

S’accosta lu quinnece Settembre?... Mistere, e che Mistere, MISTERIUNE!

E ghiateve a fa frijere costi canchere de Mistere. Mme pareno mill’anne ca lu munno a've n'assiesto generale, pecche' non mme fido pe de vedere ne de sentere cchiù.

Vuje nce credite a li Mistere? E io non nce credo affatto..

Vuje ve mmaggenate ca li mistere esistono? E io ve dico ca so tanta qui pro qèo.

E che v’avisseve da credere ca lu Fisco piglianno no rancefellone non avesse da credere chist’articolo misteriuso? Niente de cchiù facile! Eppure io l’aggio scritto stanno poco buono, e non avenno niente che scrivere.

La pigliasseno comme vonno.

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 55 - Giovedi 13 Settembre 1866

NCE VEDIMMO a' LI QUINNECE!

Quanno n'amico se licenzia co n'autro, o no figliulo vo repassa' a na figliola pe ffarele dispietto, o no 'nquilino vo porta ncarrozza a no proprietario, o 'nfine de li cunte na perzona qualunche vo fa na coffiatura a quacche babbeo, la parola d’ordene co la quale nce licenzia, e no: Nce vedimmo a li quinnece!

Napolione terzo, co chella capo d’annecchia cchiù grossa de la cupola de S. Pietro a Roma, vedenno ca le ppretenziune noste passavano ll'aspettativa soja, e ca l'italiane non erano popole da pigliarse a gabbo, facette una de le ssólete penzatelle soje, e mettette 'ncampo la Convenzione de SettembrE.

‘Mperò, siccome a ogne trattato, ogne stipula de contratto, a ogne affitto de casa nuovo, a ogne capitolo matremmoniale che ssia nc’e nicessaria la data de la jornata, accussi lu bbeneditto pozz'esse de lu Magnanemo Don Mbrogliatutte cercaje sta data a la mmitta' de lu mese, e se n'ascette co no: Nce vedimmo a li quinnece.

Dinto a 2 anne de tiempo, avette da dicere lu vorpone, le ccose potarranno piglia' chella via che bonno, e io mme ne trovarraggio asciuto pe la maglia de miezo.

Li clericale ‘nchisto frattiempo se restarranno cujete e non mme romparranno la devozzione.

Li rivoluzzionarie, si tenarranno judiggio, se mettarranno paglia sotto, e farranno chello che credarranno pe se piglia' Roma, no che mme trovo mmiezo tra la crapa e li cavule seguetarraggio a mantene li franzise addo' se trovano, e quanno sarra' lo momento decisivo diciarraggio: Signure mieje, chi a' avuto a' avuto, io aggio fatto quant’aggio potuto.

PEro' lu fatto non e' chisto, ma e' cchiù mbrogliato de chello che manco nce penzavamo.

co lu 15 Settembre, che sarria doppo dimane, la truppa 'mperiale a' da fa in avant e march, e s’a' da ritira', o vo, o non bò. Sia a Civitavecchia che a Marziglia ca a Livuorno, sia a Livuorno ca ‘nFranza, jarra' addo' vo essa, ma chello ch’e' certo, si vulimmo sta a lu trattato de lu 15, si e' ca s’a' da retira'.

Retiratase essa, approdarra' la legione d'Antibo, fatta espressamente coli volontarie franzise de tutela' ll’ordene interno de Roma, La quale legione, sia ditto a gloria soja, non e' forte d’autro ca de mille e cincociento, mille e ottociento perzune. E sta pochissema forza sarra' obbrecata pe tutela ll’ordene prubbeco!

E ntratanto comme s’avota e comme se gira nisciuno principio se vede de sta sollennissema funzione.

Tutte li giornale estere nzi' a ll'autro juorno mettevano no poco 'ndubbio lu retiro de ste truppe franzese da Roma, e dicevano ca atteso le mmanifestatese circostanzie stu ricchiamma' le truppe era de poca prudenzia, e ca lu magnanemo signore, fuorze, avria ‘ntennuto de li ffa resta' nzi' a Novembre prossemo.

Stettemo n'autro poco e se ne venette n'autro, che nce assicuraje ca non avessemo penzato cchiù a Roma, armeno pe mo, pecche' de Roma li destine potevano essere tutt’autre, e ca lu sapientissemo D. Proclamò penzava isso a tutto.

Vota, gira e martella e se so ditte no sacco de chiacchiare ncoppa a sta convenzione de li 15.

Ogge s’e parlato d'accordo, dimane se so trovate li caville, e se so spezzate le ccordE.

AjErE Pio Nono diceva e sosteneva co l’eterno non possuòès, ogge, sempe pe bocca de l’autre giornale, ss’e' fatto a capi ca stu non possumus ’ncocciuso se sarria ammanzuto, e sarria addeventato no possumus bello e conciliabbele. Ma tutto 'nziemo, dinto a lu mmeglio de li discurze, lo munno e restato sempe lo stesso, Pio Nono non s'e' muoppeto da lu pizzo sujo, li taliane hanno seguitato ad aspetta' e a fa diebbete e zzelle; D. Nicchinonno 3.°s’a' fatto veni no sturzillo a lu juorno E è ghiuto piglianno aria tuorno tuorno; E D. PEtrosino d’ogne menesta, lu serenissemo Plon-Plon panza de vierno, e' ghiuto viaggianno tutta ll'Europa portanno la valicia sotto co le lettere, e la raccomannazione dinto a la sacca de quacche regniciello a spasso! Ogge quanno stammo justo all’urdemo, e lu chiereco de la sacrestia se trova co lu stuta-cannela mmano pe stuta' li mezzune, e capora' fasulo che funziona da sargente va co le chiave mmano tozzoliannole e dicenno a li devote che se ritirassero pecche' so fenute le funziune e s’a' da ‘nzerra'; se nn’esce lu scrittore de lu Siècle, signore Jourdan, e nce dice ca nce simmo, e ca doppo dimane la vorpa nummaro treje starra' esattamente a lu stabbeluto de lu 15, e le truppe farranno felone, e li sordatielle tornarranno dinto a le betrine de lu Guidotte de la Franza, e ca lo governo ponteficio potra' esse sicuro co li quatt’uommene e no caporale d’Antibo, pecche' so bone gente, e non cercano pa'ne la notte! ca li romane se decidarranno a modo lloro e nisciuno nce pigliarra' parte, pecche' e' fenuto lu tiempo de lu non potimmo, e che facilmente s’avra' da di potimmo «coll’ajuto de Ddio, franzese mio!» E ca' simmo arrevato all’epoca ca non s'a' da credere cchiù all’Antecristo, pecche' l'Antecristo e' passato de moda e s’a' da confina' dinto a no museo; e tant'autre chiacchiarelle simmele, che non tengo cchiù a mmente.

Siente a me, monzù comme te chiamme tu: Da lu ditto a lu fatto nce corre no gran tratto, 'nchioccate ste pparole de lu Trovatore, si t’arrivano. a' bello vede' nc’e' poco. Doppo dimane so li 15, E ncE vedimmo a li quinnece, comme dice ussignoria. E a riguardo de l'Antecristo io so cotte ca non se nce a' da penza cchiù pecche' e' fatto viecchio, e s’a' da mettere dinto a lu museo!

Ma vuo' sape mo st’Antecristo tujo addo' se dice ca s'avesse aperta poteca e stesse de casa? Lu buo' sapè?

— Sta ‘nFranza!

E nce vedimmo a li quinnece!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 56 —Sapato 15 Settembre 1866

L’ABOLIZIONE DE LE PPENZIUNE

So poche juorne che no giornale de Torino «Ll'Unita' Cattolica» nce deva la conzolante notizzia, dinto all’urdeme notizzie soie, de lu penziere che teneno li governante nuoste de vole da ll’urdema botta a lu spariatorio, e aboli' le ppenziune de la povera gente; pecche, avenno refrettuto, penzato, escorgetato e crevellato, o sia passato pe ssetaccio, s'e bisto ca de chesta manera lo stato se ne scenne a la jornata, denare non nce ne stanno, e de fare economia s'a' da il trovanno!

ca le ppenziune de sta rignone d’Italia so grosse «maje quanto a la famma vosta signure mieje» e, specialmente chelle che se pavano dinto a ll’ex regno de Napole, so pesante assaje, e appassano la cifra de 9 miliune!

Misericordia! Nove Miliune? Vuje nce pazziate co Nove Miliune? Seh... avite ditto niente! E sapi te quanto fanno Nove Miliune?.

Fanno nientemeno che NOVE MILIUNE!!!

Ma che pretennarrisseve ca i povere conzorte nuose, che ghiettano ll’acito da la matina a la sera pe s'abbusca' no rano, jesseno proprio de chiatto ‘nfaccia a l'abbesuogno, e s’arreducesseno a cerca' la lemmosena?

Abbesogna fa restrizziune, economie, astregnere le spese inutele, diminui' le ppave superchie, fare 'nzomma ‘ntutte li mode ca lu Stato non scomparesse de nisciuna manera; pecche' ngrazzia de lu Cielo e de Santo Chiuppillo bbeneditto non e' scomparzo ancora dinto a sti 6 anne de vita!

Ve pare mo case ponno pava menzilmente tanta magnafranche che non bonno fatica', mentre li poverE superiure, che lu cielo a' da guarda' sempE co ll’uocchio particolare! se stanno facenno asci le ccervella da fora, pe bede' comme s’ave d'arrepara' lu deficit generale?

E l’avite pigliato pe niente?

Vuje volite sapè, accussi sommariamente, che pinolo teneno ’ncoppa a la coscienzia li conzorte d'Italia?

Vulite vede' li poverielle—eh... ca si non sarranno premiate cca, ll’a'nno da essere a forza lla'a, a li prefunne de... la biatetudene!... Vulite vede' li poverielle, ve steva dicenno, comme stanno ascenno pazze pe bede' tanta bonofeche de denare, raccuovete e introitate, che ddiavolo se nne so fatte?

cheste so ccose de botte de... sango, so tocche a'puplèteche, so fave maligne che li povere disgrazziate teneno ’ncoppa a la noce de lo cuollo. E sanno d’arrepara', s’a' da fa economia, s'hanno da abuli' le ppEnziune!

Sentite no pocorillo, e astipateve sta notarella.

»Dinto a 6 anne li menistre nuoste hanno avuto lo talento de spennere DUJE MILIARDE E SETTEcIENTEMILIUNE, all’infuore de l’entrate de lu regno, ecc. ecc. - E non so parole meje cheste, pecche' lu Trovatore non se 'ncarreca de la coscienzia de l’autre; ma so vereta' scritte e stampate da la Gazzetta de lu Popolo, giornale de Firenze, de paricchie mise fa.

co la legge de ll’11 Ottombre 1859, se facette no priestete de 100 miliune; e...?

co no decreto de li 22 Jennaro 1860 ll’Emilia pavaje lu priesteto de 7 miliune 987, 356, e 67; E....??

Lu priesteto de la Toscana, decreto 22 Jennaro 1860, pure portaje dinto a le ccasce 26 miliune 114, 002, e 72; e...???

La legge de li 12 Luglio 1860 facette introita' lu priesteto de ciento quarantaseje miliune 687, 218, 75.

P’alienazzione de renneta a lu Gran Libro de Napole, a ll’anno 1860, 1861—Lire 123, 213, 292, 15.

Lu stesso a chillo de la Sicilia—Lire 36, 430, 297, 47.

Priesteto nazionale ‘nSicilia (decreto de la dittatura, de lu 27 Austo 60.) Lire 8, 179, 697, 77.

cchiù—No priesteto de 500 miliune. (Legge 17 Luglio 1861.)

No priesteto de 700 autre miliune. (Legge de li 11 Marzo 1863).

Alienazione de renneta e lu 5 pe 0/0 de 5 miliune. (Legge 24 Novembre 1864.)

No priesteto de 425 miliune. (Legge de li 11 Maggio 1865.) De lu quale non se ne sapette lu ppuro niente!

cca' mmiezo veneno appriesso autre alienaziune de rEnneta pe le strate ferrate genovese!

cchiù: anticipazione da na societa' anonima ncoppa' a la vènneta de li bene demaniale, de Lire 150, 199, 764, 29— (Legge de li 24 Novembre 1864).

Prezzo de vènneta de le Strate Ferrate de lu Stato, Lire 200, 000,000. (Legge 14 Maggio 1865).

E non se parla de lu priesteto forzato de’400 miliune, sotto a lu titolo de priesteto nazionale, pecche' non se ne sape lu prodotto!

E.... de tutto chesto???.....

E co tutte sti mezze???.....

E nuje stammo sempe da capo???...

E se 'ntennono ABOLI’ LE PPENZIUNE???...

E sti povere figlie de nosto signore colonnello addo' jarranno a piglia' pede???...

E chille povere diavole che hanno data tutta la vita lloro nservizzio de lu paese, e mo se trovano inabbele a tutto, e ciuncate, fuorze, ncoppa a na seggia, non potranno ave' cchiù chella alleccatura de lemmosena?

E tutte chille figlie, chill’orfene poverielle, chelle vedove disgrazziate, che Ddio sape quanta piccole assignamiente avranno fatte da anne e anne ’ncoppa a chille tornese de mesata; mo che se n'avranno da fa, si sta chiacchiera che ccorre pe ll’Italia addeventa no fatto, e restarranno a la prevetina?

Ma, viva sempe Dommenaddio, cca jarriano miezo a la via lu cielo sape quanta migliara de famiglie.

cca' se vedarria la miseria correre pe sta povera cita' pevo che non corrE pe Foria la lava de li Virgene ‘ntiempo de vierno.

cca' se chiavarria de faccia ‘nterra a ogne quarto d'ora, a ogne minuto, a vedere lu lutto de tanta povere figlie de mamma.

Lu governo sarria discreditato, la legge sarria morta; non se faciarria cchiù assignamiento ne 'ncoppa a la legge ne ’ncoppa a lu governo.

Ma fosse chesta na tirata de memoria de quacche moderno rigenaratore, pe ffa' aumenta' lu furto e la prostituzione dinto a sti paise disgrazziate?...

Ddio, no lu permettere.

Ma se so biste tanta cose!!!...

(Continova)

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 57 —martedi' 18 Settembre 1866

L’ABOLIZIONE DE LE PPENZIUNE (2)

(Continuazione e fine )

La miseria, chesta chiaja sociale, che affligge ll'umaneta' cchiù assaje de lu colera e de la guerra, pecche' de stabbela durata, arreduciarria le ppovere famiglie cchiù sbenturate de chello che non stanno.

Ah vuje signure governante de lu regno d’Italia non sapite pe nniente che ccosa signifeca miseria dinto a lu bello paese nuosto.

chisto paese che addovunche te vuote te sorride co n'uocchio aggraziato, co no cielo che te 'ncanta, co na prospettiva ca te nnammora.

chisto paese che e' stato fatto espressamente da Dommenaddio pe la gente de bonafede, che e' ricco de buone turrene, e' florido de belle prudotte, e' ccaro pe la docezza de lu clima.

che nce appresenta tutto lu bene de Ddio che pote venia lluce 'ncoppa a la terra; chisto paese, ripeto, non se pote guarda da no povero sbenturato, da no misero disgrazziato senza sentirse spartere lu core, e sagli tutto lu sango a la cimma de li capille.

A li paise settentrionale, signurE Menistre de lu regno d’Italia, la rrobba se vede dinto a le betrine; e cca se vede ammontunata mmiezo a le cchiazzE. Ma lla' se vede elegantamente e s'accatta, pecche' se po pava'; ma cca s'a' da guarda' cierte bbote, se nn’a' da da gloria a lu Signore, pecche' e' tutt’opera soja, e' tutta beneficenzia de la mano soja santissema; ma non se po acquista' pecche' fa acqua' a la pippa'!

che bello cielo stellato, diceva na sera Lutero 'nfaccia a Calvino, mentre passiavano nziemo.

Si, risponneva lu compagno, e' bello assaje, ma non e' pe nnuje!

Non sono per noi questi dolci bocconi, ha da dicere lu poveriello quanno se trova co la sacca' vacanta, nnante a n’esposizzione de bona rrobba cannaruta.

E chille povere penzioniste, che non hanno autra cannela che lle fa luce, che la semplece penzioncella menzile, credite vuje ca songo ricche, e se trovano commete co chella miseria che le passa lu governo? Niente signure mieje. La penzione pe lu miserabbele che ll'aspetta è comme a na nuvola ‘ncielo, che se ne sfuma a na piccola tirata de viento.

E comm'a na goccia d’acqua dinto a na vrasera allummata, che non stuta pe nniente la sciamma! E no defrisco si, ma momentaneo, pecchè non abbasta ca a pochissime abbesuogne de chella famiglia, e che spisse vote, quanno trica ad asci, porta lu lutto e la desolazzione pe ogne ghiuorno che se trascura.

Pe ogne ghiornata che passa se mordipricano li parpete de la povera gente che l’aspetta.

Nchella matina de la scadenza tutta la famiglia pare ch’avesse d'avè na grazia. La vedova se sose cchiù sollevata; le figliole se mmostrano cchiù allere de lo ssòleto, li peccerille se ne vanno sbattenno le mmane.

Si vuje ve facite ad addimmanna pecche' tanta gioja nchella povera famiglia sbenturata, ve sentarrate risponnere:—Eh… s'abbicina la penzione, sta jornata, a lo cchiù dimane, avarrammo chella mesatella de la bonanema de papa» e cca n’annettata de lagreme, che farria chiagnere pure a buie signurE conzorte d’Italia, si avissevo core mpietto!

Ncoppa a chella mesatella se fissano li povere figlie, pe magna' poche jornate quacche muorzo cucinato, no pezzullo de carne de poco prezzo, quacche piattiello straordinario contro a lu ssoleto.

Lu riesto se ll’assorbesceno li carnefece de la societa': l’ausurare, che ll'avranno mprestato no carrino, a li solete momente critece, e se ne pigliano diece; e li patrune de case «tale e cquale parlanno» che quanto cchiù bedono disperata la povera gente, tanto cchiù te ll’arreduceno a la lemmosena, e te l’abbiano a lu camposanto.

Levate le ppenziune a la gente, che nn’a've de ritto, e vuje m'avarrate distrutte meze ccita', paise quase sane, intere famiglie appetetose.

La morte de no patre, de na mamma de famiglia, che facette resta chella penzioncella a li figlie, se rennarra' cchiù assaje disgraziata e pe sante pe chella povera gente. Li superstete, chille ch’avanzano da chillo casato, mmalediranno li geneture lloro muorte e buone, pecchè, nvece de s’apprica' quann’erano invitati a no mestiere libbEro e lucruso, se detteno a sservire a lo governo, jettanno no butto de sango ‘nfaccia a no tavolino, o arresecanno la vita loro mmiezo a li campe de battaglia. E Iu governo, che s’avra' ricevute tutte li sudure de nommo 'nservizio sujo, de no patre de famiglia che nn'avra' fatto jetta' lacreme a li figlie, quanno se sarra' trovato fora paese, e ffuorze a ppericolo de la vita; lu governo nne tredesce la fiducia, nne rinnega la fedelta', se nce dichiara ingrato, scanoscente, e mmena mmiezo a la via tutte chille povere orfane, che potevano essere quacche cosa, e non songo restate niente.

Si e overa la notizia de: ll’abbolizziune de le ppenziune «che nuje non arrivammo a credere, tanto ca nce pare barbara»: ne prevedimmo no sfacelo universale.

Ma chesto non abbenarra'. E stata na minaccia e niente cchiù. Lu governo farra' sinno, non sentarra' a li nnemmice de l’umanita' e de Ddio. Lu governo nce penzarra' doje vote, nnante d'accetta' na proposta accossi scannalosa; e s’arricordarra' ca bontiempo e maletiEmpo, non dura tutto tiempo, e ca li popole vonn'essere accarezzate!

LU TROVAATORE.

Anno 1. - Nummaro 58 - Gioved 20 settembre 1866

CHE NOVITA’ NCE STANNO NA PREDECA DE LU TRVATORE

Nisciuna novita', tutte cose bone: afrizziune quante nne volimmo, guaje e peccate che non fenesceno maie, e novita' zero, Nove deceme de lu popolo fratiello de chesta bella parte d’Italia, addo' lu sole e accussi bello sciasciariello, stanno co na continova pavura ‘ncuorpo, e lu naso appezzato pell'aria ’ncerca de notizzie.

Ogge le ppovere cerevella vanno a 'npazzia tuorno tuorno e conzurdano la panza pe chi sa quacche pizzeco de ventre non l’avesse d’annura' ipso-facto, e ognuno stace sempe co lu cuorio a pesone, a causa de la malatia che ccorre.

Ma niente pavura, sciampagnune mieje, nisciuna pavura. La malatia tra breve nce levarra' l'incommodo, e lu Signore se compiacciarra' de farece la grazia. Non nce perdimmo de fede.

Ogne ttanto na tozzoliata de porta e necessaria pe lu paese nuosto. Ogne ttanto nce vo na scetatella da parte de Chillo de Coppa, lu quale da no tiempo a chesta parte pare ca nce l’avessemo scordato, o ca pE ccierte tale e cquale soggette, avesse perdutola dignita' e lu prestiggio sujo.

Ma chillo e' sempe Chillo.

Dommeneddio cierte bote nce pare ca dorme, ma oh, quanto stace scetato!

Dommeneddio non e' mercante che ppava a lu Sapato, ma pe lu juorno appriesso se trova d'ave' a' tutte soddisfatto.

Quanta vote non nce succede «e specialmente a li tiempe che ccorrono» de senti da la vocca de quacche abrejo modierno, ca lu Signore non e' cchiù chillo de na vota, ca s'e' cagnato, e ca ogge regna… regna la Rivoluzione?

E a quacche femmenuccia purzi, quacche patre de famiglia ancora, quacch'autro diavolo a'ffritto, che perdutose de fede pe li scenufleggie che se vedono, non le ssiente di autro ca: Eh, s’a've appilate le rrecchie, sta a la villaggiatura!—Parole degne proprie de schiaffune a bota-vraccio. comme si ll’Autore de lu Ttutto avesse da da cunto all’urdemo vermezzullo de la terra de tutte ll’operazziune soje!

Chi simmo nuie, ca volimmo trasi' dinto a lu cappiello de Dommenaddio?

chi songo sti fetiente d’aguanno, che non contente d'ave' assacchiata la cchiesia cattolica nne vonno discredita' e abbattere in principio?

chi e' stato, chi e' chella mappina de giornalista che ghiuorne fa, a preposeto de na progessione fatta da li Torrise, avette sfacciataggene de stampa' chelle parole areteche, e ddì: Seh… hanno cacciato la Madonna e che perzo' lu colèra e' fenuto?

Schifuso, carogna, ateo, nnemmico de Ddio. che bella bella guapparia de scritto, che spirito, che dignita' de scrittore, che pprincipio de lieto avveni' co la gente de chesta fatta!

E a ddi ca volimmo civilizza' li popole?

ca li bolimmo 'mpara a cammena' co lu progresso?

Lu progresso de chesta manera?

A distorglierle da lu cattolicisemo?

a' ddirle, pe mmezzo de la pera stampa schifosa, non credite cchiù a Ddio e a li Sante suoje?

che se voglia projebbi' lu chiasso, ve la boglio concedere; pecchè, seconno e' mmoda ogge, nce sarria sempe la mano de li borbonece pe mmiezo onne fa veni nu revuoto! e songo sempe sti pretise borbonece che ffanno tu mmale!

Ma dinto a na sbentura prubbeca, a na comune calamita', e quanno lu Rre de li Rri non nne potenno cchiù, manna na mortificazzione a na cita', non sapiamo pe li peccate de chi, si pe li vuoste o, de chille de lu Trovatore, dire 'nfaccia a na gente afflitta, abbeluta, chiagnente: Gue' stu santo, ch’adure tu non e' buono a nniente, e' no santo ca non fa miracole, chesto vo di ca simmo arrivate a le ccolonne d’Ercole de la sfacciataggene; e' no 'nzurda' la sbentura!

Ma pecche' non se piglia na statova de Maumetto, se mette mmiezo a na chiazza, e cacciannose no banno non nce se dice a chiare note: chisto è lo nume ca volimmo s'adorasse da vuje?

—Sarria cchiu ben fatto, cchiù preciso lu discurzo, cchiù logeco pe ddi accussi.

A che servono le finziune? - Levammoce la mascara, oramaje nce conoscimmo da no piezzo e non nc’e' abbesuogno cchiù de mieze-termene.

N¸ credite ca co chesta palinodia io ‘ntennesse de pigliarmela co lu governo; nient’affatto. Lu governo tene tanta canchere de li suoie pe la capa, da non pote' penzare a ste mminuzie. Lu governo a' da penzare a la pace co ll’Austria, a li diebbete de lu stato, a' la conquista de la Venezia...

Soli birbante particolare chille che nce carfettano juorne juorne, e farriano pErdere la pacienzia purzi a na cèrcola.

Si non nce volite credere, signure belle collennisseme, nisciuno ve lu ppreja.

La religgione cattolica de lu Trovatore, e de tutte li buone cristiane, s’appoja 'ncoppa a la fede; e' religgione de fede, nce s’abbesogna credere; e nuje nce credimmo pecche' nn'avimmo le pprove e li fatte —Non nce volite credere vuje? nce credarrate appriesso. Che ssite fatte viecchie?

Ncierte momente che s’ave cchiù abbesogno de Ddio, abbesogna adurarene li santissime mistere.

Ogge avimmo la sventura d'ave no flagello? Ma, e dimane, non potimmo ave' la grazia de vederelo allontanato?

La prijera de la povera gente credite vuje ca e resta a mez’aria, e non saglie a li piede de chi a' da sagli?

Ma coraggio, fratielle mieje, coraggio; non nce mettimmo appaura': passarra' pure «e quanto primmo pe la misericordia de Ddio» sta burrasca, ca ace affligge.

Guaje a li birbante che non hanno la fede nnante all’uocchie.

Guaje a chille ca non prejano pecche' non nce credeno.

Guaje a li cattive ca rinnegato a lu prossemo rinnegano a Cristo. Venerra' purzi na vota lo turno lloro, non dubitate.

Dinto a na batteta d’occhio, e quanno meno se nce penza, se sentarra' lo remmore de na scoppola ca li farra' ghi' co la musso 'nterra. Sarra' na mano che se sarra' mòppeta.

chella de LA JUSTIZZIA DE DDIO!

Lo TRUVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 59 - Sapato 22 Settembre 1866

CORRISPONNENZIA NOSTA PARTICOLARE

Palermo 19 settembre 1866

Trovatore aggarbato,

Affido sta lettera a n’amico de lu mio che bene lloco de furacchio, e non ssaccio quanno te potra' arriva. a' ogne mmodo accettane la bbona volonta', e crideme ca tutto chello ca te scrivo e la pura vereta', non nce levo e non nce agghiogno.

Gia' songo perzuaso ca de quanto cca te scrivo tu nn'avraje da levare cchiù de na mmita', avenno riguardo a la liberta' de la stampa che tienite, ma io pure mm’arregolo a modo tujo, e te dico le ccose coppa coppa, lassannote libbero de mmaggenarete lu riesto.

Fuorze ve sarrate maravigliate a sentire 'nzicco nzacco comme li palermitane se fosseno muoppete una botta, fosseno addeventate malvivente e malandrine, comme li chiammano li giurnale de la Conzortaria? Niente de cchiù facile: chille che a lu pprincipio de lu 60 se facettono taccariarE pe nce cacciare a li tiranne, e accogliere a li conzortiste, mo hanno............

Quanno lu lupo esce da la tana e signo ca tene appetito e non pote resistere. cca' lu male governo Era' arrivato a le ccolonne d'Ercole, e li reclame de li paisanuzze non se sentevano affatto, e nce voleva la mano de la Bedda Mamma' p’appresentarene quaccuno.

Ajutaci da lui famoso o saggio

ch’egli ci fa tremar le vene e i polsi,

dicea l'autro juorno no miedeco dint’a no tabbacaro.

Non a'nno voluto sti cancare de Conzorte tenerE nnante all’uocchie tutte li sacrifizzie de li povere Siciliane.

Nuje non pavavamo tasse, non pavavamo dazzie, non ccarta bollata, ne carte da juoco: li sicarre e lu tabbacco tutto se jettava pe miezzo a le bie, lu ssale piezzo e pevo, ne l'arrialavemo a cufaniedde Non mannavamo li figghie nostri a marciare, pecche' non avevamo leva..... e, sango de no babbalusce! Pecche' facettemo tutto chesto? Pecche' nce accullajene tutte li pise, li dazzie, le ttasse, la leva, li priestete e i diebbete? Pe nn’essere de una famigghia, pe nn’avire li vantagge de la liberta', pe nn'ascire da sotto a li granfe de ll'oppressure, e cadire….

Tu t’arricuordarraje li fatte de Petralia Soprana, ab? Le ssivizie de lu surdu-muto Cappelli? e tant’autre fattariedde che nni ficino proprio apprezzare l’ammore de patria e lu beddu core de chille che nce venetteno a sarvari! Oh lu massacro de Petralia, e le ssivizie de cappelli, sognu duje ccose che non ponno ascire da lu cereviello de li palermitane.

Ogge comm’e' ghiuto e venuto s'e' accommenzato lu sciarriamiento. Le bbanne, comme diceno llocu, songo scese dinto a lu paese e a'nno fatto taglia ch’e' rrusso. So venuto a le mmane co la truppa, la quale, abbesogna di, face l’ufficio sujo.

Lu signore Bentivegna e lu capo che porta nnante la primma banna de li rivolduse; dicese, pecche' io no lu saccio, che sia frate de chillo ÂEntivegno fucelato da lo governo de li Âorbune, quanno azzardajese de caccia' la bannera taliana dinto a la revoluzzione de lu 60.

E muorto dinto a n’attacco lu maggiore de li Carrubbeniere Salzano. Li rivolduse attaccajeno lu palazzo de la cita', che se ne jette 'nfummo. L’appiccEco forte fuje nnante a le priggiune, addo la gente volea fare ascire li carcerate. Ma la truppa mostraje resistenza, ajutata da lu ligno lu Tancredi, che sparava da mare; e nce fujeno ott’ore de fuoco, e fuorze cchiù, senza pero' che le ccarcere fosseno moppete. E chesto succedette pe no frisco rinforzo arrivato de Napole.

'Nchisto parapiglia lu Sinnaco e li Conzigliere de lu Municipio se nne so fujute non saccio comme, e se so sarvate non se sape pe quale via.

E’ arrivata la squatra da Taranto composta de 8 legne.

TEnimmo purzi la squatra Angrese che guarda e capozzèa; ma chello che nce fa maraveglia si e' comme sta vota e' benuta sola. a' ogne movimento de li Siciliane l'angrise songo state sempe accompagnate da li franzise. E sta vota? Íum!.... gattu ci cova!

Non e' lu vero ca lu Questore de cca sia stato massacrat0.

Nce hanno fatto ridere le rrelaziune de cierte giornale vuoste, che hanno ditto ca le banne erano composte de 40 parzune, 'nzi' a che no ll'anno fatte saglire a paricchie migliare!

comme pure la vongola ch’a'nno ditto de essere 2 milia e cchiù renitente de leva, che 'ngrossano le fila. Embì, comme songo renitente, si vuje a 'nzi' all’autro juorno nne dicisteve ca la leva ‘nSicilia s’è fatta sempe alleramente e a ssuono de museca? - Âusciarde tanno, o busciarde mo?

Don Save' dincello tu ca li ttiene vicine ca sognu na maniata de...

Spero de poterte scrivere quacc’autra vota, ma chi lu ssape si le communicazziune sognu aperte?

Ma io spero, e spero assaie de te pote' dare nove meje, e de tutte sti picceridde. Mia mogghie te saluta. Manneme lu giurnale ca nce deverte la sera. Sperammo a lu cielo case voglia feni priesto stu parapiglia.

Scusame si te scrivo tutto stravesato, da napolitano mme so miezo mbastarduto siciliano. Sognu li tiempe, che ncE a'vimmo a ffare?

T’abbraccio e te vaso

Tutto tujo

PASCARIEDDU

Anno I. - Nummaro 60 —Martedi' 25 Settembre 1866

LI FATTE DE SICILIA E LU GIORNALE LU PUNGOLO

E la Patria e' ssarva.

E lu deritto de le nazziune e ricanusciuto… co lu spazzamento de lu Tancredi.

E ll'urdeme dispacce diceno ca Palermo s’e' accujetato, le banne hanno capitolato, e le ttruppe se songo accquarterate.

Deo gratias.

Le comunicaziune se songo aperte, e le ffichedinnie ponno ave' libero trafeco.

ca lu gennerale calderini, lu Prefetto e lu Questore de Palermo erano dispuoste a partire pe Livuorno.

ca' tutto e' ghiuto a siconna, a siconna de non saccio che; e ca lu fatto e' stato accossi:

E’ la Gazzetta Afficiale che parla—Napole 23— Firenze 22: — Ajere sbarcajeno 20 mila uommene vicino Palermo. Ll’operaziune militare attuorno a lu palazzo riale riuscetteno felicemente. Nce fujeno cierte muorte e ferite. Mo ll'autorita' civile e militare che stevano dinto palazzo riale so libbere.

Le comunicaziune co lu mare songo aperte.

E tutto e' fenuto.

Arricordatevello buono, pare ca po quanno ve passarranno li scherebizze ppe la capo non mme dicite ca lu Trovatore ll'aveva prognustecato.

Io dico appresso a buie e a l'autre ca tutto e' ffenuto, e accussi sperammo.

Voglio credere ca non mme romparrate la devozzione pe ssape' che nne penzo e che nne dico.

Ll’oracolo de lo governo ha parlato, e quanno ha parlato isso tutte hanno rispuosto: AmEn.

Li Giornaliste siconnarie, e de tutte l'autre categorie, sapite comme so ‘nfaccia a la gran machena de lu gruosso giornale de lu governo? so comme a la cola appriesso a lu patrone, comme a lu papavallo che se 'mpara ll’istruzzione co la femmena de servizzio mmocca a la sala; o pe dirla cchiù chiara, comme a lu servente de la messa de li griece: a'mminne, amminne, amminne; e passammo lu messale da ll'autra parte.

‘Nzi' a cca lu sserio, venimmo a lu ridicolo.

Vuje moca ve site accujetate pe li parpete de la Sicilia, volarrate appura' de che specie songo, o sia songo state. Erano parpete de core, ne cchiù e ne meno.

E sapite a chi appartenevano sti parpete de core, da quale perzone erano mise mmoto?

Eh.... ca sta lu busillis, o sia cca sta posilleco.

Li giurnale de tutte le specie, e de tutte li colure hanno ditto la lloro. Sentitele e tiratene la conseguenzia; ve ne cito quaccheduna.

Lu Deritto, giornale de Firenze, dice ca non so cchiù li borbonece, non so li granduche ch’anno fatto chesto, ma ll’errure nuoste, li fauze nume (ch’a'nno adurate li conzorte?) le busciarde apparenze de forza, d’onesta', e de ‘ntelligenzia (E pe buscie ‘ntanto ve dongo sempe lu primato) eccetera eccetera.

E Roma se ne vene appriesso coddicenno «Una cosa soltanto sapimmo, E de essa se trovano tutte eguale le buce che corrono, che, ciovè, stu movimento sia autonomista, sia reprubbecano, sia malandrino che se voglia non e' affatto MOVIMENTo BORBONICO.

ca la bannera rossa, le ccoppole rosse, le fficodinnie rosse, so chelle che se so biste correre pe Palermo, ‘nchesta accasione.

ca lu strillo e' stato, e lu ssape la Lecca e la Mecca, VIVA LA REPÂUÂÂEcA. a' ghiuorno chiaro, a' a'sciuta de sole, pe mmiezo a le cchiazze prubbeche, e sotto a lo musso de l'autoreta'.

S’e' strillato viva la reprubbeca co no Prefetto, no Questore, e na forza abbastante dinto all’Isola.

Se so fatte le barricate, che non nce vo tanto poco pe s’arma', e nisciuno nn'a' visto niente, e tutte hanno dormuto, e sola la quaglia de chillo signor Prefetto ha jettato l’allarmo quanno ll’a' visto fatte, co lu soleto cquacquara', cquacquara'!

ca dinto a ll'ammuino a cierte punte de la cita' se so menate, da coppa a le ffeneste, caudare d'acqua E uoglio vollente.

ca li ma'lvivente, li rivolduse, hanno dato a fuoco miezo paese, e hanno avuto l’abilita' de fa sta lu mare de Palermo co li dolure de viscere pe diverze juorne, tanto ca n’a' potuto sbarca' nisciuno!

Sti fatte succiesse, no priesso a ppoco li ssaparrate quase tutte, ma chello che non ssapite si e' chi songo sti ribelle, sti facinoruse, sti birbante.

E teccove lu Pungolo, lu serenimmo signor D. Pungolo, lu sempe buono ‘nformato giornale de lu Pungolo che nce ne da la spiecazione, e dice (ve prejo de spilareve le rrecchie co no spruccolillo) dice.… uhm... uhm... (tossate no pocorillo), dice co na lettera politeca soja venuta da Firenze «e scritta a Napole» cheste testuale parole: Il principale motivo del disordine e' il partito clericale, alleato al borbonico, per far l' ultimo tentativo.

Vedite comme sta bello 'nformato lu Pungolo, sul’isso e' capace de da cheste nnotizzie sincere e esatte.

Arricordateve de lo supplemento sujo doppo la battaglia de Lissa, che facette ridere pure a li muorte, quanno smenteva lu dispaccio de lu governo, e diceva ‘no sacco de fauzita' ammentate de pianta.

Arricordateve ca lu Pungolo tene na passione pe li prievete e li muonece, da non se pote dicere co la vocca, e bedarrate quanto e' bero chello che dice!

So sej’anne ca stu degnissemo giornale vede la lucE a' Napole, e se ll’a' pigliata 7 anne co li prievete, li muonece, e li borbonece.

Io credo ca la notte, lu juorno, la matina, la sera, e sotto avummaria, lu Pungolo non bedarra' autro nnante all’uocchie suoje ca prievete, muonece, e borbonece.

Succede n’appicceco, corrono mazzate, se tozzano doje carrozze? — Opera dei clericali, se nn’esce lu Pungolo co la croneca soja la sera.

Se secutano duje guagliune, sciulia na vacca, figlia na crapa mmiezo a la via?.. Eh... in questo fatto ci sta la mamo de borbonici per fare un chiasso. ci vegli l’autorita'!

E de chesta manera, pe stu spauracchio de clericalismo, pe stu timor panico de li borbonece, lu Pungolo tene sempe meza materia fatta pe lu giurnale de la sera.

A lu Pungolo hanno fatto male li campanielle nnante a lu Viateco, e se levajeno.

A lu Pungolo toccavono li nierve le processiune e fujeno abolite.

Lu Pungolo vedeva malamente li sante nfaccia a lu muro; e scassajeno li sante.

A lu Pungolo ogge fa nna brutta ‘mpressione li cante de li muonece che portano li muorte a lu camposanto,... E sti cante pure sarranno levate.

E tutto sarra' fatto a annore e gloria de lo Pungolo. che nce volite fa? - Che bolivevo sapè? chi so state li rivolduse de la Sicilia? LI CLERICALE.

…. E accussi' s’aveva da dicere da lu Pungolo, e pe non fa a capi a la gente ca lu cattivo governo de la Sicilia ha fatto rebella' purzi a chille de lu bettone.

E doppo st’osservazione meje? Teccove lu giudizio de lu Pungolo: E’ un giornalaccio clericale quel Trovatore, ne più E ne mEno.

E accussi se nn’esce sempe... quann’ave tuorto, e quanno vede ca nce li cantano.

PovEro Pungolo!

LU TROVATORE


vai su


Anno I. - Nummaro 61 - Giovedi' 27 Settembre 1866

NU RECLAME ASSAJE JUSTO!

E pare ca da no tiempo a chesta parte li reclame chiovessero, e se venessero tutte quante a posa dinto a la sporta de lu Trovatore.

Ma sta vota siccomme lu reclamo che tenimmo pe le mmane e no poco pesantiello, accussi abbesogna darele lu posto distinto, e appresentarvelo comm articolo de funno.

Non nc’e che fa! accussi a voluto la stella de lu paese nuosto, e accussi' sia, associate mieje belle e puntuvale!

Si tutto manca nce banno mparato a reclama', ch'e' quanto dicere.

E nuje reclamarrammo, nzi' a che non nne vedimmo la fine.

Venimmoncenne a chiunzo.

'Nfi da qua'nno la maggior parte de li paisane nuoste se vedetteno co le ssacche moscie, le mmesate perdute, le nnustrie fallute, e la panza a lu sole, facette no ricurzo analogo a la Commissione de Sinnacato 'ncoppa a la ricchezza mobbele, elle dicette accussi: - Signo' - Si nuje no juorno avimmo fatto la scheda co la quale dicevamo d'ave' tanto de renneta, sia pe mpieco, nnustria, o autro, ogge atteso li carizze de lu culera e autre guaje, simmo restate nuje e la mazza, e non potimmo pava' sta tassa; perzo' penzatece vuje, e bedite de da luoco a sta dimmanna, pecche' nuje non potimmo.

E la Commissione de Sinnacato, bbenedetta pozz'esse, le se nce a' da di, trovanno justo ll'espuosto lle facette justizzia, e a li 28 Austo urdemo cacciaje n'aviso che diceva accussi:

I contribuenti i quali hanno reclamato la inesigibilita' di tassa relativa a redditi cessati nel 1865, sono pregati di recarsi presso la commissione revidente nel locale di S. Giacomo 3° piano, per ritirare i reclami con le rispettive decisioni, e presentarli al Direttore delle tasse, conformemente al prescritto con l'articolo 7 del R. Decreto 25 Agosto 1865, cosi concepito:

La commissione riconosce il fatto, ed emette la sua decisione, la quale a cura del contribuente sara' presentata al Direttore delle tasse.

Non passaje che poco autro tiempo, e a li 7 settembre corrEnte nce vedettemo assumma' no sicunno aviso de chesta manera:

In continuazione dell'arviso del 28 p. p. agosto, ed a discarico di ogni risponsabilita' della commissione, si ricorda a contribuenti, i quali hanno reclamato la inesigibilita' della Tassa sui redditi cessati nel 1865, il seguente capoverso del I articolo 7 del Real Decreto 25 agosto detto anno.

«Quando il Direttore delle Tasse ammette la decisione della commissione, ordina con suo decreto la REMISSIONE della imposta; e quando non lo ammEtta', il contribuente potra' ricorrere al termine di OTTo GIORNI alla commissione provinciale di appello, il cui giudizio sara' definitivo.

Avite caputo?

Io penzo che la povera Commissione, avenno a credere mio no dito de coscienzia, facette quanto potette nzi' a cca pe lu bene de li fedele, ma loco te voglio zuoppo a sta sugliuta!

Le leggi son, ma' chi pon mano ad esse?

St’avise fujeno fatte, s’azzeccajeno pE ttutte li pentune, la gente nce corrette 'nfolla pe le lejere, se perzuadette ca ntra' tanta crape zoppe de mpiegate governative nce truove sempe quacche signorE titolato che ttene Ddio nnante all’uocchie.... E facette li reclame, l'appresentaje, ricorrette pe la justizzia, e aspettaje lu tiempo.

Ma sapite ch'e' succiesso?

E succiesso chello che se sta vedenno da 6 anno a chesta parte, ca ll'ordine songo de na manera' e l’esecuziune de n'autra. Lu disposto de la legge t'accorda na cosa, e la mmidia e la noncuranzia de cierte mpiegate te la leva.

L'esatture de le ttasse non se so ncarricate de niente, e seguetano a manna usciere e preventive!

Ll’impiegate, a li quale jarrate pe spia che se nne so ffatte le ccarte noste, non te risponnono autro ca le stesse hanno da fa no giro luongo, luongo, luongo, e po sarranno judecate!

E ’ntramente lu miedeco studia lu malato se ne more.

Fuorze e senza fuorze si ste ccarte fosseno jute a' Pietroburgo, a chest’ora pure sarriano state de rEtuorno, e avriano avuto lu sfoco lloro. Ma cheste so chiacchiere a lu viento; nuje simmo puoste co le spalle a lo muro, e, piantune ncoppaa piantune nnante a le ccase noste, il esatture vonno essere pavate.

Ora' mo, nforza de lu primmo aviso de la Com missione, la parola INESIGIBILITA’ vo di ca non se po esiggere, e non avimmo da pava, non potento, justo ll'articolo tot de lu decreto riale che autorizza stu deritto nuosto.

‘Nforza de lu sicunno avviso la parola REMISSIONE vo di ca nce se rimette sta tassa, nce s’aiza la mano, pe chella tale renneta che non tenimmo cchiù.

E ‘ntratanto chiste fanno tutto a lu ccontrario, e nce sbirrejano co li carrabbeniere de na manera tutta nova.

Fuorze chiste la legge la ‘ntennarranno tutta a lu contrario; ma lu codice non dice accussi. Le legge penale diceno che la parola remissione vo 'ntennere assoluzzione ‘ntutto e pe ttutto, e non gia' fa comme a chillo, che primmo te mannassero a mpennere, e doppo te facessero azzecca' la capa nautra vota da lu boja.

Non bo' di primma mannarete ngalera, e doppo d’averte strutte li piede co li fierre, cacciretenne E pErdonarete la pena.

Signure mieje, non facimmo ridere a la gente: cheste so redicolaggene che toccano lu stommaco. E comme! Nne facessemo una bona, una pe dderitto, una justa?... Niente.

Nuje, parlannoce no poco seriamente, appresentammo stu reclamo nuosto a lu Ministerio, e lu prianno de vole piglia' ‘nconziderazzione l'esposto e agevola' li poverielle.

PEnzasseno ca lu paese sta paccariato, ca la gente non tene che magna', ca li guaje de le famiglie so gruosse, e ca ste bbenedette tasse, male appricate, hanno portato ll'arruina a miezo genere umano!

LU TROVATORE

Anno I. - Nummaro 62 —Sapato 29 Settembre 1866

LU RELORGIO DE S. GIACOMO E LU MUNICIPIO DE NAPOLE

Nuje avriamo da parla' de fatte positive, discutere no poco, accussi a quatt’uocchie, ncoppa a la tristissema posizione de li popole male governate, malissemamente rispettate, pessimamente spazzate contro ogne legge e ogne ghiustizia; avriamo da di chello che nce sta de vero all'autre pparte de lo munno, chello che se nce vo annasconnere, la vereta' che se vo commiglia', la buscia che se nce vo mpa'na', Ii, buffonate continovate che nce vo fa agliottere chillo buono cristiano de lu Pungolo, lu quale segueta a ddicere ca li muonece e li prievete banno fatta la rivoluzzione de Sicilia!

Avriamo da mettere ncoppa a lu tappeto tanta bonofeche de cose, ma chi volite ca' a li tiempe che corrono, sufresse la veretò? La vereta' e na merce asciuta de moda a lu momento che scrivo.

La vereta' e' morta, ll'ha'nno voluta fa mori, ll’a'nno accisa, nce hanno tirato no lenzulo nfaccia, e, requiescat in pace, l’a'nno strascenata a lu ca'mposanto colèreco.

Votammola a tarantella addonga, diciamo le ccose comme vonno ca le ddicessemo, e pigliammoncella co li signure de lu Municipio.

contentammoce accussi amice mieje, e meglio poco ca niente, e meglio contarece quacche fattariello ca non dirincenne nisciuno. Penzammo a tira nnante nautro ppoco accussi, e pe, co l’ajuto de Ddio, cantarrammo lu Te Deum, e ringrazziarranmo a Dio, pe la cessazione de lu colera!....

Signorsi lu colera se nne sta jenno felicissima, mente, nce levarra' ll'incommodo, e appriesso a isso succedarra' ll’urdemo sciuglimento municipale, e se ne jarranno li conzigliere e lu Sinnaco de Napole.

Preparammoce a lu Te Deum!

Quanno no male se nne va, e se ne porta a'ppriesso cient’autre co isso, abbesogna ringrazziarene lu Cielo.

Lu Sinnaco nce aveva prommiso de starse nzi' a la fine de la malatia, e mo che chesta e' quase fenuta, lu degnissemo signore se fa la mappatella e se ne scenne da coppa S. Giacomo. Ma no momento signor Sinnaco e compagnia bella, no momento. Nnante che ve ne sciuliate da chiste soffece pizze, addo' avite discusso tanto belle la sfravecazione de lu paese; nnante che pe ll’urdema vota ve spuzzuliarrate chillo soleto taralluccio, co li passe che ve saglieva lu tarallaro de le ffinanze; nnante de ve piglia' ’ncompagnia accussi' affezzionata ll'urdema presa de liccese peno v’addormi' dinto a lu conziglio; n'urdema parola onorevoli padri coscritti, n’urdema suppreca de lu Trovatore.

Date na guardata a lu relorgio de S. Giacomo!

Erano secule ca stu relorgio faceva l’afficio sujo, contentanno l'accunte de chille contuorne, e mmano a buie ave avuto le ghiorde.

Avite avuto l’abilita' de fa guasta' purzi stu relorgio, e farlo muri ciesso nnante de li juorne suoje.

So' tre settimane ca lu poveriello ave avuto na goccia «'nzalute nosta» e tirannese li nierve non sona cchiù li 'ntinne, e se so fermate le sfere.

comme a le fraveche accommenzate da vuje, e restate lettera morta a paricchie pizze, lu relorgio de lu cortiglio de la gran vorza de Napole s'e' fermato, e non bo' i' cchiù nnante.

Na vota, o sonava o non sonava, o jeva o non ghieva, non nce 'mportava niente; pecche' mmano a li tiranne, a chille mariuole passate cchiù d'uno de nuje se trovava no miezo scarfalietto, o na tiella antica dinto a la sacca.....

Ma ogge tutto e' conzumato: lu popolo fratiello ha portato ogne ccosa all’Acciòmo, zzoe a metterE sotto la protezzione de li banche la rrobba soja.

La maggior parte, e a fatto meglio, se ll'a' vennuto pe lu dderitto. Li Don Micache modierne portano na fettuccella pe ccatena, e dinto a la sacca la portano appuntata co la spingola, si non nce teneno no furticillo.

E fenuta ll'epoca de li rilorgie e de leccatene.

Lu lusso e' muorto, la rrobba se n’e' ghiuta, li diebbete sulamente nce so restate, e non nce re stavano autre speranze pe li vicine paccariate de S. Giacomo ca lu relorgio prubbeco de chillo cortiglio!...

Facitelo acconcia', nnante che ve ne jate facite che nce sonasse bona ll'urdema ora vosta: e sia priesto...

PEïzate ca nce stanno ancora malate attuorno a chillo pizzo, e s’hanno da arregula' co ll'orE pe piglia' le mmedicine.

Facite ammanca' li defrische ca ve se fanno dinto a lu cortiglio de la vorza. Acconciate lu relorgio e facitelo cammena'.

Potessemo vede' quanto primmo ll'urdem’ora de lu Municipio de Napole, de li Conzorte d' Italia, de la schiovazzione de li popole, de lu spazzamEnto de la Sicilia, e de la guerra e sconcordia tra li prencepe cristiane?...

Coll'ore de no rilorgio simmo nate tutte quante co n'autra ora morarramma.

Oh s'abbicenasse priesto chella de li nnemmice de la vera felicita' de li popole!



























vai su









Ai sensi della legge n.62 del 7 marzo 2001 il presente sito non costituisce testata giornalistica.
Eleaml viene aggiornato secondo la disponibilita' del materiale e del Webm@ster.